giovedì 22 settembre 2016

VI SPIEGO I SEGRETI DELLE OLIMPIADI DEL 2024 CHE SONO COSTATI LA POLTRONA A MARINO (che non era andato alla votazione) E GLI ATTACCHI ALLA RAGGI (CHE AVEVA ALLORA VOTATO NO ALLE OLIMPIADI). Esclusivo di Remo Pulcini

Roma si candida alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi del 2024:

Questa iniziativa Lobbystica e' stta programmata già nel lontano 2014 ed e' costata la poltrona a Marino e i feroci attacchi alla Raggi.

I motivi sono tanti cosi' pure gli interessi personali e che nel caso di Roma assumono il valore di Mafia Capitale.

Questo evento fa parte di quella trance di Grandi Eventi previsti da Berlusconi come grande fonte di foraggio per scopi pochi chiari e che sfuggono spesso all'anticorruzione.

Le tensioni tra l'allora Sindaco Marino e Malago' sono stati uno dei motivi anche delle dimissioni di Marino

Sostanzialmente per chi ha memoria corta avviene questo che ha Marino viene imposto da Renzi e dall'alto del PD l'adesione di Roma alla richiesta delle Olimpiadi del 2014.

Dopo numerosi contrasti con l'Organizzazione Marino cede alle pressioni esterne anche se di fatto i luoghi e la gestione dell'Olimpiadi a Roma salta il Campidosglio.

Ricordo ancora che Marino non si presento' alla votazione al Campidoglio cosi' come la Raggi.

Voglio ricordare che in quei giorni di grande contrasto sulle Olimpiadi di Roma Ignazio Marino, riceve delle  minacce pervenute in Campidoglio sotto forma di proiettile in busta.

 La delibera viene approvata praticamente all’unanimità: 39 favorevoli 6 contrari, nessun astenuto.

Ricordo che fra i contrari alle Olimpiadi vi era la Raggi all'opposizone che evidentemente e' rimasta coerente con la sua posizione votata dagli Italiani Romani, Malago' semplice funzionario se ne faccia una ragione che la Democrazia supera le Lobby.

Se insiste su questa strada usciremo molto altro e saranno cazzi suoi.

Con l’approvazione della delibera la palla passa al Coni, che darà il via alla procedura olimpica il 2 luglio.. 

Contrari alla corsa olimpica, prevedibilmente, gli esponenti del Movimento Cinque Stelle: “Le sfide olimpiche di questa città, in questo momento, sono altre: l’efficientamento della macchina amministrativa, il completamento delle opere pubbliche. 

In quei giorni concitati i discorsi erano questi:

Vorrei far presente in quest’aula che la metro C, che doveva essere pronta per il Giubileo del 2000, non sarà pronta per le olimpiadi del 2024: è matematicamente impossibile”.

 Di fatto alla firma il Campidoglio, Roma ed i Romani erano stati ignorati e non coinvolti dai Lobbysti con in testa Renzi.

L’aria s’era capita fin dall’annuncio della candidatura firmata dal premier Matteo Renzi e dal capo del Coni, Giovanni Malagò. Marino era seduto in platea, non venne nominato.

In questi giorni i contatti tra Marino e Malagò si sono intensificati: dopo la cena (con signore) a casa del sindaco, martedì Malagò ha fatto visita a Marino in Campidoglio e mercoledì 13 maggio i due si sono visti in piazza di Siena. 

Sia chiaro: Marino e Malagò, alle agenzie, raccontavano che «va tutto bene, c’è grande sintonia». E però i rapporti tra loroerano sempre sul filo, specialmente da quando sono uscite le indiscrezioni sull’ipotetico futuro da candidato sindaco proprio di Giovanni Malagò

Infatti i grandi avevano gia' deciso cosa fare dove fare e con chi una sorta di mangiatoia programmata che come scrisse il Fatto quotidiano in quei giorni era combaciente con le attivita' di Mafia Capitale.

"E  qualcuno  sta già decidendo il futuro della città,  gli  investimenti,   le grandi opere, senza nessun dialogo con la città. Non è stato chiesto ai cittadini  se erano d’accordo con la candidatura (in altri luoghi sono stati fatti referendum ), nè  sono stati coinvolti  in nessun dibattito sulle trasformazioni urbane che i giochi olimpici comporteranno (quali, dove). E nemmeno hanno potuto accedere alle informazioni  più elementari .  A

Le Location  non sono quelle a cui stava lavorando il Comune, ma quelle, fortemente sponsorizzate dal Comitato stesso,  guidato da Cordero di Montezemolo/Malagò , perchè renderebbero più probabile  l’accoglimento della candidatura.

 Il che dimostrerebbe quello che  noi da tempo sosteniamo, cioè che non sono le Olimpiadi   al servizio dello sviluppo della  città, ma che al contrario sono le trasformazioni  urbane  ad essere al servizio delle Olimpiadi. 

 E tra le opere previste  spunta   il completamento delle Vele di Calatrava e la costruzione del villaggio olimpico a Tor Vergata…Noi ci auguriamo che le scelte non siano ancora definitive. E mandiamo un appello al Sindaco  perchè difenda il diritto dei cittadini a partecipare alle trasformazioni della città."

Olimpiadi Roma 2024, fra Ignazio Marino e Giovanni Malagò è ormai guerra sotterranea, battaglia di sgambetti, frasi sibilate e favori negati.

Ricordo che  Montezemolo di Italia ’90 al Malagò che da presidente del Circolo Aniene organizzò insieme alla cricca BertolasoAnemone e Balducci i disastrosi Mondiali di nuoto di Roma 2009, fu indagato e poi prosciolto da ogni accusa, e quindi promosso a capo dello sport italiano.

E vediamoli questi luoghi scelti dal comitato di amici di Renzi e Berlusconi.

Detto che alla mappa potrebbero aggiungersi il nuovo stadio della Roma per la finale del calcio, o in alternativa se non fosse pronto San Siro a Milano, e che il centro stampa sarà a Saxa Rubra, vediamo gli altri luoghi.

A cominciare proprio dal bacino per canoa e canottaggio a Settebagni. I luoghi sono quelli del Salaria Sport Village, di proprietà di Diego Anemone e del figlio di Angelo Balducci, il posto dove l’allora capo della Protezione Civile Guido Bertolaso si faceva massaggiare tra un festino e un altro.

Un centro sportivo cui furono posti i sigilli una prima volta dopo i Mondiali di nuoto perché mancavano i permessi, poi riaperto con l’assoluzione di tutti gli imputati, e poi sequestrato nuovamente nel 2014 insieme alle nove diverse società che se ne erano accollate la gestione.

Ma non è finita qui. Il vero interesse di quei luoghi sono dei terreni agricoli poco più in basso, acquistati da Anemone, su cui non si poteva costruire e che le chiuse del Tevere allagano quando il fiume è in piena.

Una bonifica “olimpica” di quel territorio, magari con l’ausilio di una dislocazione di parte del centro media di Saxa Rubra, farebbe schizzare alle stelle il valore dei terreni.
Da Settebagni all’ex Velodromo dell’Eur, inaugurato per le Olimpiadi di Roma 1960 e poi subito chiuso perché la costruzione non rispettava parametri geofisici e di sicurezza.

Dopo essere rimasto inutilizzato per quasi mezzo secolo, nel 2008 passa in gestione a Eur Spa che lo demolisce, liberando pericolosissime polveri sottili di amianto nell’aria, e delega la costruzione di un nuovo centro sportivo polifunzionale a Aquadrome Srl. Sia Eur Spa sia Aquadrome Srl, dalla prima controllata, erano cose di Riccardo Mancini, il neofascista amico di Massimo Carminati e fedelissimo dell’ex sindaco Alemanno indagato in tutte le ultime inchieste che hanno terremotato Roma.

 Da Finmeccanica a Mafia Capitale, fino appunto ad Aquadrome, ennesima società che ha succhiato soldi pubblici senza fare nulla a furia di compravendite con un’altra società: Condotte (Società Italiana per Condotte Acqua Spa), quella che da soli 15 anni nello stesso quartiere sta cercando di finire la Nuvola di Fuksas.
Per finire, da Fuksas a Calatrava. il terzo luogo magnificato dalla coppia Malagò – Montezemolo come simbolo di un nuovo rinascimento italiano attraverso l’organizzazione dei grandi eventi sportivi è la Città dello Sport di Tor Vergata immaginata dall’architetto spagnolo.

Nascosti dietro l’ennesimo grande nome dell’architettura si comincia a costruirla nel 2005, per ospitare i famigerati Mondiali di nuoto del 2009. Il progetto inziale di spesa 60 milioni in pochi anni porta a una spesa di 130 milioni in cui si tuffano Balducci e Caltagirone.

Ma per il 2009 l’opera non è finita, e le gare del nuoto si disputano al Foro Italico. Oggi i costi per la (non) gestione di questo orripilante cantiere sono già lievitati a 240 milioni, e per renderla funzionale ne servirebbero altri 400 portando il costo finale a oltre 600 milioni: dieci volte tanto il preventivo iniziale.

Fonte : IL FATTO QUOTIDIANO

Aggiungo io la Magistratura e l'Anac di Cantone indaghi se il Comitato Promotore non ha sperperato soldi in questi anni, altro che danno erariale alla Raggi.

I Servizi Segreti Italiani mandano un Team di esperti in Libia alla ricerca dei due Italiani rapiti. Nuova esclusiva di Remo Pulcini


Il Team di esperti e' arrivato in Libia Giovedì nel numero di 5 esperti anche di lingue in uso nella zona del rapimento.

L'Aereo anonimo e privato e' atterrato nel Sud della Libia in segreto ma era già stato notato come invasori dalle tribu' locali.

Questi lavoreranno assieme ai servizi di sicurezza Libica e sono subito entrati in contatto con
Qomani Mohammed Saleh un funzionario anziano esperto della zona.

Il funzionario ha anche comunicato che presso il suo comune e' stato istituita la sala operativa dei servizi segreti Libici ed Italiani che collaborano con loro in amicizia.

Come da me confermato (con orgoglio due giorni prima di tutti i giornali Italiani) nel precedente articolo il Colonello Libico Ahmed ha confermato che la tipologia del sequestro cioe' il modus operandi e tipico del gruppo terroristico al-Qaeda nel Maghreb islamico anche se non si escludono altre ipotesi.

Il possibile capo dei sequestratori potrebbe essere il leader del gruppo che si chiama:
Mokhtar Ben Mokhtar, la prima organizzazione separatista.

Una considerazione personale sulla vicenda la voglio comunicare e' noto che  le autorita' consigliano di muoversi in Libia specie nel Sud del Paese dove sono stati rapiti i due Italiani sotto scorta, non si capisce perche' la societa' non abbia comunicato alla Farnesina e al Ministero dell'Interno tale presenza di Italiani lavoratori e non li abbia mandati in giro con la scorta.

mercoledì 21 settembre 2016

Vi spiego la questione dei Prigionieri del Sinai, uomini "fantasma" non esistono e quindi si possono uccidere, torturare e vendere gli organi.

Una giornalista amica mi ha parlato della questione: Prigionieri del Sinai.

Pur non essendo di mio interesse geopolitico ho voluto vedere per dimostrare che l'informazione se raccolta e catalogato in meno di 1 ora consente di farsi un quadro abbastanza attendibile in questo caso dei dimenticati degli uomini che non sono mai esistiti.

Iniziamo a spiegare chi sono i Prigionieri del Sinai:

Nei campi di prigionia del Sinai vengono tenuti prigionieri circa 2000 profughi eritrei, tra cui donne incinte e bambini, sono in catene da mesi, in attesa che i parenti paghino i predoni beduini per la liberazione.

Sono sottoposti a torture indicibili, con poco cibo e poca acqua e la minaccia di espianto degli organi per chi non paga.

Da quello che si ricava allo stato attuale subito dopo il colpo di stato del 2011 di Al Sisi che ha dichiarato illegale la Fratellanza Mussulmana parte di questi islamici si sono dispersi in gruppi islamici terroristi.

Di fatto il territorio Egiziano in una parte estrema del confine e' fuori dal controllo Governativo ed in particolare il Sinai che vede la presenza di numerosi gruppi Islamici appunto di tipo terrorista.

Accanto alla presenza dei gruppi organizzati ci sono poi una serie di bande e predoni beduini che fanno milioni di dollari vendendo organi, e schiavi.
La Tratta e' Eritrea, Somali ed Eitopia, i Boss sono Sudanesi e la promessa e' quella di arrivare in Israele o Libia ma di fatto vengono ceduti a queste bande per farci quello che vogliono oltre alla richiesta di riscatto che molti non possono pagare.
La zona dove si trovano questi campi dovrebbe essere nel Nord del Sinai presso  La città è situata sulla costa mediterranea della penisola del Sinai, El Gorah, El Arish a Rafah anche se da mie informazioni ricavate sempre online la continua erosione di territorio ad opera dell'esercito regolare ha spostato questi campi verso il Sud del Sinai.

Tuttavia l'Esercito regolare sta cercando di prendere il controllo del Nord Sinai anche a prezzo di attacchi ma per la parte meridionale il discorso si fa molto complicato, li esistono zone del territorio dove non c'e' il controllo Governativo che rimane in mani islamiche.

Le forze di sicurezza hanno lanciato una campagna di sicurezza a sud di North Sinai che recentemente ha portato alla morte di  Sheikh Zuweid , l'uccisione di un membro di spicco del gruppo militante del Sinai a base di Ansar al-Bayt Maqdis che è stato descritto da fonti militari come uno dei "più takfiri pericoloso".

Di fatto molti prigionieri del Sinai sono in mano a questo gruppo pericolosissimo, tanto per intenderci e' lo stesso che opera in Nigeria sotto Boko Haram.

Questo ci fa capire come in questi campi questi "Fantasmi", vengono venduti, uccisi, torturati e stuprati se donne e bambini tanto non esistono per nessuno e neppure per la comunita' internazionale quindi o vivi o morti non sono mai esistiti.

Molto attivo anche come gruppo terroristico anche sotto forma di numerosi attacchi e quello del gruppo terroristico Ansar al-Bayt Maqdis.

Poi ci sono i Boss semplici Banditi che fanno affari con tanti troppi complici Ufficiali di nazioni confinanti.

Alcuni nomi che girano sono:

In un bunker sono torturati con elettroshock, mentre le donne sono violentate dal capo banda Abu Musa e da otto complici.

Vediamo chi e' il gruppo al-Takfir wa l-Hijra  è un movimento terroristico 'ispirazione islamica formatosi in Egitto negli anni settanta, fuoriuscito dalla Fratellanza Musulmana.

Da alcuni anni al-Takfir wa l-Hijra ha ormai membri o sostenitori in numerosi altri Paesi, alleata di fatto con al-Qāʿidaper il fatto di proporsi i medesimi obiettivi strategici del gruppo creato da Osama bin Laden

Il gruppo agisce con il sistema mordi e fuggi al-Takfir wa l-Hijra è connesso con gli attacchi "mordi-e-fuggi" perpetrati in Algeria ed attenzione potrebbe essere legato al gruppo che ha sequestrato in Libia i due Italiani.

Questi stanno continuando ad armare a finanziare ed a supportare i miliziani takfiri e wahabiti. 

Di fatto questo mostro takfiro wahabita viene alimentato alla grande, specialmente perché dall' Arabia Saudita.
Inoltre sembra che Israele e Egitto non siano molto preoccupati di chi non esiste di fatto.




Exclusive NOT IN THE HANDS OF BANDS IN COMMON, new news on the two kidnapped Italian seems to be a terrorist group close to al-Qaeda. Remo

Exclusive NOT IN THE HANDS OF BANDS IN COMMON, new news on the two kidnapped Italian seems to be a terrorist group close to al-Qaeda. Remo 
 
So my careful analysis of non Political Marketing but the web has led me to quickly identify the precise area (see previous article on the blog) of the kidnapping.
Now and exclusivity 'I can tell you that according to a Libyan Colonel the two kidnapped Italian and Canadian looks like it's not the work of gangs of misfits for ransom but hunting for al-Qaida.
Information held by the Colonel and 'the modus operandi of the terrorist group in the region similar to al-Qaeda.
In addition, the border area with Algeria makes it difficult for our operar Services in context.

The official spokesman of the Armed Forces, Colonel Ahmed said the terrorist group kidnapped the Italian workers and other Canadians on Sunday are located north of the city Thala area Languages ​​Italian company.
The military intelligence to pursue this matter, in order to prove their release, indicating that the operation bore the hallmarks of al-Qaeda.

 They were kidnapped by unidentified assailants on the road linking Tahala Ghat and early morning hours.

While Italy is preparing to send 200 soldiers along with 100 medical support teams and military hospital with planes and warships in Libya to be stationed in the city of Misurata, Libya commemorates the 84th anniversary of the national resistance hero's death Omar Mukhtar.

They are positioning themselves right in fornt of the Işil troops and not to the oil protection'm talking about Italy.

Esclusiva NON SONO IN MANO A BANDE COMUNI, nuove notizie sui due rapiti Italiani sembra che sia un gruppo terroristico vicino ad al-Qaeda. di Remo Pulcini

Dunque una mia accurata analisi di Marketing non Politico ma del web mi ha portato ad individuare subito la precisa area (vedi precedente articolo sul Blog) del rapimento.

Adesso e per esclusivita' posso dirvi che secondo un Colonello Libico i due rapito Italiani ed il Canadese sembra che sia non opera di bande di sbandati a caccia di riscatto ma di al-Qaeda.

Le informazioni in possesso da tale Colonello e' il modus operandi nella zona del gruppo terroristico simile ad  al-Qaeda.

Inoltre la zona di confine con l'Algeria rende difficile per i nostri Servizi operar nel contesto. 


Il portavoce ufficiale delle Forze Armate, il colonnello Ahmed ha detto che il gruppo terroristico ha rapito i lavoratori italiani e  altri canadesi domenica scorsa hanno sede a nord di area Thala Lingue città dell'azienda italiana.

L'intelligence militare di perseguire questa materia, al fine di provare la loro liberazione, che indica che l'operazione portava i segni distintivi di al-Qaeda.

martedì 20 settembre 2016

LA VERGOGNA ITALIANA : ECCO LE PROVE UFFICIALI CHE GLI USA HANNO APPOGGIATO I FRANCESI CONTRO I NOSTRI INTERSSI IL LIBIA E ADESSO CI CHIEDONO IL SOSTEGNO, LA CLINTON E' ASSOLUTAMENTE INADEGUATA

UNCLASSIFIED Stati Uniti Dipartimento di Stato Caso No. F-2.014-20.439 Doc No. C05778474 Data: 2016/01/07
in mare aperto, Greenstream di ENT è un bene difficile vicino a Tripoli e accessibile alle truppe di Gheddafi. petrolio principale di ENT la produzione di campo, il 110.000 bpd campo Elefante nel sud-ovest è più vicino a Tripoli di ribelli orientale Libia. Eni produce più del doppio della quantità di olio di qualsiasi altra entità estera in Libia. Maggior parte importante, circa il 15 per cento della produzione totale mondiale di ENT viene dai giacimenti libici. Pertanto, Roma è riluttante a chiedere l'intervento militare, una mossa che danneggerebbe le sue relazioni, con il Gheddafi regime. Detto questo, Berlusconi ei suoi consiglieri sono mantenere canali di comunicazione sia con l'Tripoligoverno ei ribelli, per proteggere le risorse energetiche occidentali e orientali di ORL.
FRANCIAIl 10 marzo, il governo francese ha formalmente riconosciuto il CNT come legittimo rappresentante del popolo libico, una mossa che ha causato un notevole costernazione in tutto il resto d'Europa. comunque, il tentativo francese di guidare l'Europa ha finora fallito. L'azione di Parigi di riconoscere unilateralmente l'anti-Gheddafi ribelli è stata categoricamente respinta da tutta l'Unione europea e anche il Regno Unito. Nel frattempo, la nuovo ministro degli esteri francese, .Alain Rippe, appreso del riconoscimento francese dei ribelli libici solo durante la sua 10 marzo conferenza stampa con il ministro degli Esteri della Germania. Ciò illustra la misura che Sarkozy sta andando avanti in modo indipendente, without.coordination con la sua. Ministro degli Esteri. In definitiva. France può operare indipendentemente e aggressivo per due motivi. In primo luogo, i suoi interessi energetici in Libia non sono così vasto o fisicamente minacciato dalle forze di Gheddafi, come quelli di ENI. importante compagnia petrolifera francese Total SA .., prodotto circa 60.000 barili al giorno (bpd) di olio in Libia nel 2009, non una figura insignificante, ma la sua principale zona di produzione è in mare aperto. In secondo luogo, nessuno sta per chiamare Parigi per mettere le sue parole in azione dal momento che è ampiamente noto che la Francia non può imporre una no-fly zone per conto suo. Pertanto, Sarkozy può richiedere azione su Libia e poi la colpa la latitanza sulla mancanza di unità dai suoi colleghi europei.
GK.Il governo del Regno .United è stato il primo paese UE a chiedere una no-fly zone in Libia. Pur nonriconoscere i ribelli, le chiamate di Londra per un intervento internazionale hanno continuato, con Parigi e Londra pronto a presentare una risoluzione del Consiglio di Sicurezza U.N. (UNSC) chiede una no-fly zone. Ci sono due ragioni che il Regno Unito può essere aggressivo in Libia. In primo luogo, a differenza di Italia, interessi energetici britannici in Libia non sono ampia. Infatti, una variazione del regime potrebbe beneficiare Parigi e Londra se fossero visto avere ha contribuito alla caduta di Gheddafi. Questo sarebbe a scapito di Italia, la cui esitazione diventerà responsabilità se Gheddafi è sconfitto dai ribelli. In secondo luogo, nessuno si aspetta che il Regno Unito per essere in grado di imporre una no-fly zone per conto suo. Pertanto, chiedendo uno mentre gli altri stati europei assumono un atteggiamento più cauto dimostra l'attivismo e la preoccupazione per il cambiamento democratico in Medio Oriente, senza i costi associati
dover prendere in realtà l'iniziativa di intervenire.

 GERMANIAIl ministro degli Esteri tedesco Guido Westerwelle ha detto 10 marzo che la posizione francese "non è il tedesco posizione ", e un anonimo funzionario del governo tedesco ha detto che la decisione francese è stata" alcuna rilevanza in termini  del diritto internazionale ". Con sei elezioni statali si avvicina, e gli interessi energetici minimi in Libia, Cancelliere Democristiano Union (CDU) del governo di Angela Merkel non ha alcun impulso interno per l'azione. Il popolazione è già guerra stanco per il loro coinvolgimento in Afghanistan, e. il pensiero di un altro conflitto in il mondo musulmano non è attraente per il popolo tedesco. C'è una frattura emergente tra Berlino e Parigisu come trattare con la Libia. Tuttavia, perché è il risultato di impulsività di Sarkozy, i politici tedeschi non sono troppo sorpreso o interesse.

La vergogna DEI NOSTRI STATISTI ITALIANI SUCCUBI DEGLI INTERESSI USA CHE CI TRATTANO DA COLONIA E NON DA ALLEATI.

Berlusconi ricordo ancora che diede le basi di Sigonella e Trapani Birgi ai Francesi su pressione Usa ed oggi il PD e Renzi su imposizione Usa intervengono in Libia impatanandosi in un lungo conflitto.

Vergognatevi dilettanti

Ghat e' la zona dove sono stati sequestrati i due Italiani in Libia


Sono stati rapiti da aggressori non identificati sulla strada che collega Tahala e Ghat prime ore del mattino.

Mentre l'Italia si prepara a inviare 200 soldati lungo con 100 team di supporto medico e ospedale militare con aerei e navi da guerra in Libia a stazionare nella città di Misurata, in Libia commemora l'anniversario 84 ° della morte dell'eroe resistenza nazionale Omar Al Mukhtar.

Si stanno posizionando proprio di fornte alle truppe dell'Isil e non a protezione del petrolio parlo dell'Italia.

Misurata

LA NORMATIVA ANTICORRUZIONE E L'ANAC NON FUNZIONANO


lunedì 19 settembre 2016

La normativa Anticorruzione e l'Anac rappresentano un fallimento totale alla lotta alla corruzione, vediamo perchè ?

Da esperto del settore devo riconoscere che a distanza di qualche anno la normativa Anticorruzione e della Trasparenza nonche' la Agenzia dell'Anticorruzione rappresentano un fallimento totale della lotta alla corruzione e al malaffare.

Alcune significative ed esperte critiche erano pervnute da piu' fronti primo fra tutti dall'attuale Presidente dell'Associazione Magistrati Piercamillo D'avigo.

L'Anac e la relativa normativa non e' altro che lo specchietto per le allodole non tanto a livello nazionale ma a livello internazionale, anche perche' bisognava uniformarsi alle indicazioni internazionali ed europee, come le direttive di Merida.

In realtà la corruzione non si combatte con una Agenzia priva di strumenti effettivi e di risorse anche con la buona volontà di Cantone.

Ed e' stato inutile dare una normativa che aumenta di molto le pene del Codice Penale relative alla Concussione e Peculato se poi di fatto nessuno viene condannato.

Come dice Davigo aumentare le pene anche in modo sostanzioso non ha nessun valore se queste non vengono quasi mai eseguite quando si arriva all'ultimo grado di giudizio.

"La nuova normativa sulle gare pubbliche, sostiene il presidente Anm, “è tutta roba che non serve a niente” e la corruzione “non si combatte con l’Autorità nazionale anticorruzione”, che non ha poteri di repressione". Davigo

Il sistema dei Piani Triennali Anticorruttivi che si basano sulle indicazioni del Piano Nazionale Anticorruzione di fatto e' solo un modo per avere le carte in regola.

Parliamoci chiaro e come le norme Iso e le procedure che si applicano all'interno di una azienda che di fatto consentono all'amministrazione pubblica di essere in regola sulla carta, ma poi se si va a fare un audit spesso ci si accorge che queste non sono quasi mai applicate.

Inoltre far scrivere i Piani ai Responsabili Aziendali dell'Anticorruzione nominati dai direttori generali RPC e' un clamoroso autogol, per il semplice motivo che tali piani sulla carta sono ben fatti perche' spesso sono scopiazzati da un amministrazione all'altra ma di fatto risultano di difficile applicazione quando si toccano livelli dirigenziali che spesso sono contigui.

Per non parlare della figura del whistleblowing cioe' il lavoratore che denuncia e che deve essere coperto dall'anonimato, i risultati sono deludenti.

Bisognava assegnare la realizzazione dei Piani Triennali dell'Anticorruzione a strutture esterne rispondenti all'Anac ed a spese delle amministrazioni che devono adottare tali piani al fine di evitare troppo servilismo.

Bisognava adottare a strutture Anac verifiche Audit di tali piani anche a campione ed invece ci si e' limitati a fare come gli alunni la paginetta di compito pulita e perfetta ma di fatto mai applicata ancor piu' che a distanza di qualche anno ancora solo il 37% delle Amministrazione ha tutto in regola.

Per non parlare del peso specifico di Cantone e dell'Anac che ogni tanto segnala alla politica opportunità di modificare gli scenari e non accade nulla.

Vedi il caso Rai che appare un palese Golpe Renziano e che dopo la segnalazione d'incompatibilita' per ben 13 dirigenti, gli stessi se ne sono "fottuti".
Purtroppo per loro, però, la deliberazione dell’Anac non ha valore vincolante, ma rappresenta solo un parere. Logico, dunque, aspettarsi che CDO farà orecchie da mercante

L’Italia e l’Europa nella classifica dei 177 paesi, l’Italia è al sessantanovesimo posto, con un punteggio di 43 punti, uno in meno (dunque «meglio») rispetto all’anno scorso. Il grado di corruzione in Italia è più alto che in molti altri paesi d’Europa, fanno «peggio» di noi soltanto: Romania, Bulgaria e Grecia.
Nel Cpi 2015, la 22esima edizione del rapporto pubblicata oggi, l’Italia si classifica al 61esimo posto nel mondo, con un voto di 44 su 100.

In pratica la situazione rimane grave e complicata e tutta questa impalcatura giuridica creata per avere un miglioramento nella lotta alla corruzione rimane soltanto uno specchio per le allodole.

A due anni dall’adozione della Legge Severino (Legge n. 190/2012) e del c.d. Decreto Trasparenza (D. Lgs. n. 33/2013), infatti, non si registrano sensibili miglioramenti né con riferimento alla corruzione percepita né in relazione alla diminuzione di vicende di tipo corruttivo.

Ritengo che tutto deve essere rivisto in un altra ottica specie se si vuole lasciare in piedi l'impalcatura tipica dell'Italia che quando deve risolvere problemi crea commissioni e nuove figure dirigenziali che vanno pagate come RCP.

La normativa va attuata in modo diverso altrimenti ripeto diventa come la normativa Tecnica dell'Iso ben applicata sulla carta ma disapplicata sul campo.

WHY 'THE US AND INTO A LEG TESA IN SYRIA? SIMPLE

L 'alliance between Russia, Assad's Syria, Turkey and Iran have effectively ousted dall'EuroAsia the US.

Obama after numerous mistakes made with the Clinton now also in danger of being kicked out of ally traitor who abandoned the anti-Assad resistance.

The only way that the US and know that this administration has to remedy the errors and horrors committed 'to use weapons, military intervention where they still have a supremacy over all.

Here then the descent and the guilty will 'interfere and aim the regular government of Syria deliberately killing 60 military Assad.

This will involve 'a high risk of confrontation between Russia and the USA, and that' a charge that the current warmongering government of Obama and 'ready to support.

To divert attention from the crime committed, here punctually a few bombs on US territory.

Of course this will involve 'a countermeasure by Putin and Russia, which will aim at an operation directed in support of the Libyan rebels backed by Egypt.

Libya where our military will defend against higher geopolitical interests.

So before you give way to Trump this obscene mandate Obama works on a war against Germany, Russia and China.

Perche' gli Usa entrano a gamba tesa in Siria? semplice

L' alleanza tra Russia, Siria di Assad, Turchia e Iran hanno di fatto spodestato dall'EuroAsia gli Usa.

Obama dopo i numerosi errori fatti con la Clinton adesso rischia anche di essere cacciato di alleato traditore che abbandonato la resistenza anti Assad.

L'unico modo che gli Usa conoscono e che questa amministrazione ha per porre rimedio agli errori ed orrori commessi  e' quello di usare le armi, l'intervento militare dove ancora hanno un supremazia su tutti.

Ecco allora la discesa e la colpevole volonta' d'interferire e mirare il governo regolare della Siria uccidendo volontariamente 60 militari di Assad.

Questo comportera' un rischio di alto di scontro tra Russia e Usa, che e' un costo che l'attuale governo guerrafondaio di Obama e' pronto a sostenere.

Per distogliere l'attenzione dal crimine commesso, ecco puntualmente qualche bomba sul territorio Usa.

Naturalmente questo comportera' una contromisura da parte di Putin e della Russia, che mirerà ad un intervento non diretto a sostegno dei ribelli Libici sostenuti dall'Egitto.

Libia dove i nostri militari si troveranno a difendersi da interessi geopolitici superiori.

Insomma prima di lasciare il passo a Trump questo osceno mandato di Obama lavora ad una guerra contro Germania, Russia e Cina.

sabato 17 settembre 2016

venerdì 16 settembre 2016

L'Ultima mossa di Renzi per tentare di vincere il Referendum Costituzionale ormai perso, il rinnovo dei contratti degli Statali a Novembre poco prima del Referendum.

Appare chiaro che Renzi ha "PAURA" allo stato puro di perdere il Referendum Costituzionale fallendo anche lui dopo Berlusconi e dopo aver dato garanzie a Lobby e Usa della sua riuscita.

Le statistiche parlano chiaro e lo danno sconfitto in modo netto, non basta l'aiuto e l'appoggio di Paesi stranieri come Usa e Germania.

L'Ultima carta da giocare nella disperazione e' sulla falsa riga del Bonus di 80 euro dati agli Italiani con reddito basso e poi ripresi e' il rinnovo dei contratti degli Statali.

In pratica il Referendum si fara' a Novembre anche a dispetto di eventuali indicazioni della Corte Costituzionale, per il semplice motivo che proprio adesso si sta mettendo mano dopo circa 10 anni al rinnovo dei contratti degli statali.

I sindacati chiedono circa 7 miliardi di euro mentre di fatto Renzi ed il PD nella nuova legge di stabilità ne darà necessariamente la metà.

La richiesta di avere 180 euro circa di media in piu' negli stipendi verra' ridotta a circa 80 euro mensili lordi, come i famosi 80 euro precedenti con cui prese in giro gli Italiani.

Vi anticipo che la mossa disperata di Renzi e del PD, sara' il rinnovo dei contratti degli Statali a Novembre poco prima del Referendum Costituzionale cecando di farlo passare come una regalia di circa 80 euro mensili, quando invece agli statali sulla base del mancato rinnovo spetterebbero circa 180 euro e circa 50 per ogni mese di vacanza contrattuale.

Occhio Italiani e Statali che Renzi vi regala meno di quando spetterebbe per diritto ma in cambio vorrà il futuro vostro e dei vostri figli e come arma utilizzera' i traditori dei lavoratori degli ultimi anni i Sindacati.

Non fatevi ingannare

Ultima Ora