mercoledì 1 aprile 2015

EXPO A DEAL FOR CORRUPTION, A WINDOW FOR THIS ITALIAN AND INCAPABLE disarray, DO NOT GO.

On May will open in Milan Expo 2015.
Probably with the Italian Pavilion incomplete, since the same engineers who are working on its construction have admitted that the building is unlikely to be completed by that date
If we take into account official sources such as the Oti Northwest Report, edited by associations Assolombarda, Confindustria Genova and Industrial Union of Turin already in early 2013 described a worrying situation regarding the progress of the work necessary to complete the works designed in the context of the Expo : between construction sites in Lombardy, only the rail Saronno Seregno is finished, 11 works have registered advances while other eight remained completely still.
He is described as alarming the case of the regional highway system in 2001 Lombardy had a motorway availability equal to 65 km per million population, after 12 years, and despite the 300 kilometers of new highways planned for 2015, the situation has remained the same .
So, beyond May 31, 2015, appear still six works to complete. Beyond the Via D'Acqua South, even the Central Command and Control Via Drago.
This inability ', worst example for Italy in the world will be covered with some actions ridiculous and expensive.

Friday, March 13 was opened the tender for the operation defined in "camouflage" aimed at restoring the areas that remain unfinished. This is the last call organized by Expo spa, for "papering" areas not finished on time. The estimated cost of the pieces ("productions of scenes of camouflage") that will cover the unfinished areas is 100 euro per square meter and the total cost, and 1 million 154 thousand euro.
Conclusion been serene to use a phrase from another statesman: Renzi.
The real progress there and, teased apart, Italy will come at the date of the opening of the World Fair with more than half of unfinished construction site.
At issue there is also the prank in style all Italian.
The last month before the opening had to be devoted to checks on structures. But the site is still a construction site, and indeed it is a race against time to finish the works before May Day. Susanna Cantoni, Director of Prevention ASL Milan, explains: "Certification of those who designed, then spot-checks".
But jump testing. Serve to certify the suitability of the facilities and their correspondence to the project.
Considering the extraordinary delay in work began, however, has necessitated many changes in the race does not rest easy no.
In all this media circus fit the true motives of an Expo: "Corruption".
Expo a wrong done because 'the Italian historical moment does not allow to make beautiful figures species with this class and Policy Manager.
"I believe that to deny that there have been instances of corruption as part of the Expo is to deny the existence of the obvious. There have already been convictions". He said the head of the anti-corruption, Raffaele Cantone
Want the journalistic investigations, either arrests and scandals among the entrepreneurial class, political and criminal Lombard.
The last March 20: handcuffs for taking Antonio Giulio Rognoni, former head of Infrastructure Lombard.
Eight measures, thirty suspects. From eavesdropping emerge assignments future competitive procurement to the legal limit.
And yet the Judiciary must give its further contribution.
Besides corruption we then real estate speculation and the big mess-ups by friends of the garden, as a large urban attempt characterized by the influence political-technical and cultural of Communion and Liberation: City Life. The sketch of the project dates back to the mid-80s, and involves the construction of two large residential complexes of thirteen floors by sects and each eight buildings whose cost ranges from 7 to 12 thousand euro per square meter. The giant City Life Milan has also thought of three great skyscrapers, entrusting the project to superstars of international fame: the Japanese architect Arata Isozaki, the mittleuropeo of Jewish origin and training American Daniel Libeskind and Zaha Hadid. Everything had to be ready by 2014, today the closure of the session is postponed to 2023.
But the miracle has managed the Expo in Milan where they concentrate all the ills and vices of the country, corruption, such as the lack of vision of a ruling class, now beached on his own nullity.
The fact that the event is incomplete, mutilated, crowded with camouflage, as a kind of dreary suburbs under construction, that after the discovery of corruption in the carpet which has been stifled, it is even forced to give up any control and trust application forms for jobs and patches, is not an accident, but only the obvious conclusion of the true logic in which it was born: to create an opportunity for speculation and bribes milieu business - political dependent great works and major events such as by a drug.
The real goal was not the nutrition of the planet and certainly not the creation of a business card for Italy better, but only a new breath of stale air to power a system came into apnea for the crisis.
In all this we add the real goal of the Job Act of Renzi make all slaves doing work for free our children while they inciuciano.
Humiliation of working with ten thousand "volunteers" paid zero or interns paid with food stamps,
Conclusion Italy has lost Giai showing the true face through the facts and not the slogans of Renzi and his left democrastianizzata.
The works are completed only 18 percent. The 8 percent of the work is stopped, suspended or still under administrative check. The work in progress is 74 percent, almost three quarters of the total planned.

 
The cost of this failure and 'that they can do a lot of future financial and but no!
The sum total of the work (divided to 24 areas divided into 35 lots of work) has been awarded downward instead € 673,684,510.28 million euro sum including transaction costs of security, not provided for in the tender procedure, and design.
It is a savings apparent, as with the variants and the multiplication of the work in each areas in different lots, led the sum of the variations in € 34,986,612. At the end of the sums awarded, overall, you should spend more in about 100 million Euros (€ 98,963,566.52 to be exact).
The Universal Exhibition (total cost 1.3 billion)



martedì 31 marzo 2015

La politica fatta attraverso l'Antimafia uno strumento in mano a chi di fatto non ha mai speso nulla per la lotta alle Mafie

L'articolo era intitolato "I professionisti dell'antimafia" e questa era la sua tesi di fondo: in Sicilia il modo migliore per fare carriera in politica e in magistratura è dichiararsi antimafioso, usare l'"antimafia come strumento di potere", come mezzo per diventare potenti ed intoccabili. Era firmato da Leonardo Sciascia

L’antimafia è una cosa molto seria, brandirla come una clava contro gli avversari politici è indegno, un pericolo per la democrazia stessa, specialmente quando si vogliono celare le travi che albergano nei propri occhi, e che alla fine rendono ciechi.

Le associazioni che si presentano come paladine della legalità sono centinaia ma non tutte sono affidabili. Anzi. La loro presenza e la loro attività rischiano di svilire il lavoro eccezionale di gruppi storici diventati paladini della lotta ai clan. Rapporti della polizia giudiziaria, racconti dei pentiti, inchieste dei magistrati, svelano che spesso dietro una pretesa onestà si nascondono interessi personali e, in alcuni casi, contigui con la stessa criminalità organizzata. Il tutto all'ombra di fondi pubblici, raccolte di beneficenza e, persino, utilizzo di beni sequestrati alle cosche. Una realtà allarmante su un tema delicatissimo.

Il vessillo dell'antimafia viene dunque sfruttato oggi come una sorta di trampolino di lancio per avere una credibilità.

Ci sono associazioni antimafia come la capofila Libera, daSud, il movimento Agende Rosse, Caponnetto, Addiopizzo di Palermo che giorno dopo giorno si muovono con strumenti efficaci e danno concretezza alla loro lotta.

Crocetta e' un esempio tipico quando e' sotto pressione il Presidente alza il vessillo dell'Antimafia.


LANDINI CON SALVINI PER SALVARE ITALIA DA BERLUSCONI E RENZI, TSIPRAS ED ESTREMA DESTRA


Renzi non eletto dal popolo si permette di definire Landini e Salvini come fenomeni Tv non risparmiando insulti a Grillo.

Noi tutti sappiamo che Renzi dopo le cazzate immani fatte dal mediocre Berlusconi e' stato scelto dagli Usa salendo al comando dopo i dossier che hanno inculato tutta la sinistra dei vari D'alema.

Le fantozziane Primarie del Pd che nulla hanno a vedere con quelle Usa, di fatto hanno stornato il pallino da Berlusconi a Renzi al solo scopo di fare gli interessi Usae e Germania.

Quindi non saranno certo le parole di questo ennesimo statista a farci cambiare idea su Landini e Salvini.

Il Pd ormai come forza di Sinistr5a non esiste piu' e' diventato un partito democristiano fatto di correnti che a denti stretti e sotto dossieraggio rispondono a Renzi.

Quello che non ha fatto Berlusconi perche' di destra lo ha fatto il PD distruggendo anni di lotta operaia e di storia di sinistra.

Hanno distrutto il lavoro ed i lavoratori, tutti compresi i nostri figli che magari ancora non si affacciano nel mondo del lavoro.

L'idea di fare due partiti che possano collaborare in veste anti Europea e guardando gli interessi del popolo si puo' fare sull'esempio collaborativo tra Tsipras e l'estrema destra che pur essendo agli antipodi ideologici hanno battaglie di sostanza comuni.

Landini con Salvini posso essere una valida possibilita' di salvezza per Italia dopo che Grillo ha ridimensionato le sue pretese su ordini ben precisi.

Landini e Slavini parlano con la stessa lingua:


 "Se vuoi risolvere i problemi, devi fare milioni di assunzioni. Il problema non sono quelle di gennaio e febbraio". Sono state queste le prime parole di Maurizio Landini, arrivando a piazza della Repubblica di Roma per la manifestazione della Fiom. 

E su Renzi, è tranchant: "Deve mettersi tranquillo, non siamo qui contro di lui. Noi vogliamo fare delle proposte per il futuro dell'Italia e siamo pronti a batterci sapendo di avere più consenso di quanto abbia il governo". E poi: "Lo vedo sempre molto attento a rispondere a qualsiasi cosa noi facciamo o diciamo, si vede che qualche preoccupazione il ragazzo ce l'ha".

Però, continua: "Oggi inizia una nuova primavera per il Paese". Poi, dal palco, le parole più dure: "Ci siamo stancati di spot elettorali, slide e balle racconate. Questo governo ha scelto di rifiutare il confronto. C'e' addirittura un peggioramento rispetto al governo Berlusconi. Siamo dentro un processo di regressione del Paese". 


«Non è una festa di nostalgia per il passato - ha spiegato Salvini - ma è una festa per il futuro. Abbiamo tenuto duro nei momenti difficili - ha proseguito - ora siamo ai massimi storici e l’obiettivo è andare al governo per cambiare questo Paese».

Anche Salvini va dicendo le stesse cose ed allora perche' non parlare con Landini piuttosto che con Berlusconi o Renzi ?



EXPO UN AFFARE PER LA CORRUZIONE, UNA FINESTRA PER QUESTA ITALIA ALLO SBANDO ED INCAPACE, NON ANDATECI.

Il primo maggio si inaugurerà a Milano l’Expo 2015. 

Probabilmente con il Padiglione Italia incompleto, visto che gli stessi tecnici che stanno lavorando alla sua costruzione hanno ammesso che l’edificio difficilmente sarà terminato entro quella data

Se prendiamo in considerazione fonti ufficiali come il Rapporto Oti Nordovest, curato dalle associazioni Assolombarda, Confindustria Genova e Unione degli Industriali di Torino già a inizio 2013 descriveva una situazione preoccupante riguardo l'avanzamento dei lavori necessari per terminare le opere progettate nel contesto dell'Expo: tra i cantieri aperti in Lombardia, soltanto la tratta ferroviaria Saronno Seregno risulta terminata , 11 opere hanno registrato avanzamenti mentre altre 8 sono rimaste completamente ferme.

Viene descritto come allarmante il caso del sistema autostradale regionale: nel 2001 la Lombardia aveva una disponibilità autostradale pari a 65 chilometri ogni milione di abitanti, dopo 12 anni e nonostante i 300 chilometri di nuove autostrade previste per il 2015, la situazione è rimasta la stessa.

Così, oltre 31 maggio 2015, appaiono ancora sei opere da completare. Oltre la Via D’Acqua Sud, anche la Centrale di Comando e Controllo di via Drago.

Questa incapacita', esempio peggiore per Italia nel mondo verrà coperta con alcune azioni ridicole e costose.


Venerdì 13 marzo è stata aperta la gara d’appalto per l'operazione definita di “camouflage” finalizzata a ripristinare le aree che rimarranno incompiute. Si tratta dell’ultimo bando indetto da Expo spa, per "tappezzare" le zone non finite entro i tempi previsti. Il costo stimato delle pezze ("allestimenti di quinte di camouflage") che serviranno a coprire le aree incompiute è di 100 euro al metro quadro e il costo complessivo, 1 milione e 154 mila euro.

Conclusione state sereni per usare una frase di un altro statista: Renzi.

Il reale avanzamento dei lavori non c'è e, prese in giro a parte, l'Italia arriverà alla data dell'apertura dell'esposizione universale con più di metà cantiere incompiuto.

Alla questione si aggiunge pure la beffa in stile tutto Italiano.

L'ultimo mese prima dell'apertura doveva essere dedicato alle verifiche sulle strutture. Ma il sito è ancora un cantiere e anzi è una lotta contro il tempo per concludere le opere entro il Primo maggio. Susanna Cantoni, direttore del dipartimento prevenzione dell’Asl di Milano, spiega: "Certificazioni di chi ha progettato, poi verifiche a campione".

Salteranno però i collaudi. Servono a certificare l’idoneità delle strutture e la loro corrispondenza al progetto.

Considerando lo straordinario ritardo con cui sono partiti i lavori ha però reso necessarie molte modifiche in corsa non fa stare tranquilli nessuno.

In tutto questo circo mediatico si inseriscono i veri motivi di un Expo: "La Corruzione".

Un Expo che non andava fatto perche' il momento storico Italiano non consente di fare belle figure specie con questa classe Politica e Dirigente.

"Credo che negare che ci siano stati fatti di corruzione nell'ambito dell'Expo sia negare l'esistenza dell'ovvio. Ci sono già state delle condanne". Lo ha dichiarato il capo dell'Autorità anticorruzione, Raffaele Cantone

Vuoi le inchieste giornalistiche, vuoi gli arresti e i continui scandali fra classe imprenditoriale, politica e criminale lombarda.

L'ultimo il 20 marzo: le manette scattano per Antonio Giulio Rognoni, ex dirigente di Infrastrutture Lombarde.

Otto misure cautelari, una trentina gli indagati. Dalle intercettazioni emergono assegnazioni di future gare d'appalti al limite del legale.

Ed ancora la Magistratura deve dare il suo ulteriore contributo.

Oltre la corruzione abbiamo poi le speculazioni edilizie e i grandi inciuci da amici del giardinetto, come grande tentativo urbanistico caratterizzato dall'influenza politico-tecnico-culturale di Comunione e Liberazione: City Life. L'abbozzo del progetto risale a metà anni '80 e prevede la realizzazione di due ampi complessi residenziali di tredici piani da sette e otto edifici ciascuno il cui costo varia dai 7 ai 12mila euro al metro quadro. Il colosso City Life per Milano ha pensato anche a tre grandi grattacieli, affidando il progetto ad archistar di fama internazionale: il giapponese Arata Isozaki, il mittleuropeo di origine ebraiche e formazione americana Daniel Libeskind e l'irachena Zaha Hadid. Tutto doveva essere pronto entro il 2014, oggi la chiusura dei lavori è posticipata al 2023.

Ma il miracolo è riuscito all’Expò di Milano dove si concentrano tutti i mali e i vizi del Paese, la corruzione, come la mancanza di visione di una classe dirigente, spiaggiata ormai sulla sua stessa nullità. 

Il fatto che la manifestazione si presenti incompleta, monca, affollata da camouflage, come una sorta di squallida periferia in costruzione, che dopo la scoperta della corruzione a tappeto dalla quale è stata soffocata, si sia persino costretti a rinunciare a qualunque controllo e a fidarsi delle autocertificazioni per i lavori e i rattoppi, non è un incidente, ma soltanto l’ovvia conclusione della logica vera in cui è nata: creare un’occasione di speculazione e di tangenti per un milieu affaristico – politico dipendente dalle grandi opere e dai grandi eventi come da una droga.

Il vero obiettivo era quello, non la nutrizione del pianeta e non certo la creazione di un biglietto da visita per l’Italia migliore, ma solo una nuova boccata di aria viziata per alimentare un sistema entrato in apnea per la crisi.

In tutto questo si aggiunge il vero obiettivo del Job Act di Renzi rendere tutti schiavi facendo lavorare gratis  i nostri figli mentre loro inciuciano.

Dell’umiliazione del lavoro con i diecimila “volontari” pagati zero o stagisti retribuiti con buoni pasto,

Conclusione Italia ha giaì perso mostrando il vero volto attraverso i fatti e non gli slogan di Renzi e della sua sinistra democrastianizzata.

Le opere completate sono solo il 18 per cento. L’8 per cento dei lavori è fermo, sospeso o ancora in fase di verifica amministrativa. I lavori in corso sono il 74 per cento, quasi i tre quarti del totale previsto.

 Il costo di tutto questo fallimento e' tale da poter fare parecchie finanziarie future ed invece no !

La somma complessiva dei lavori (suddivisa per 24 aree suddivise in 35 lotti di lavori) aggiudicata al ribasso è stata invece € 673.684.510,28 milioni di euro, somma comprensiva degli oneri di sicurezza, non previsti all’interno della procedura di bando, e della progettazione.

Si tratta di un risparmio apparente, in quanto con le varianti e la moltiplicazione dei lavori in ciascuna aree in diversi lotti, ha portato la somma delle varianti a € 34.986.612. Alla fine dalle somme aggiudicate, complessivamente, si dovrebbero spendere in più circa 100 milioni di euro (€ 98.963.566,52 per l’esattezza).

L'esposizione universale (costo totale 1,3 miliardi) 


martedì 24 marzo 2015

Se esistono Politici di Sinistra Corrotti al Governo questo e' illeggittimo. La Magistratura faccia parlare Matacena in cambio di sconti di pena. D'alema bombardo la partecipazione azionaria italiana

"Se dovesse succedere qualcosa a me o ai miei familiari, verrebbero consegnati e pubblicati in Italia i numeri dei conti correnti svizzeri sui quali sono state depositate le somme delle tangenti dell'affare Telekom Serbia".

Matacena in pericolo per la sua incolumita' fisica dice di sapere i nomi e di avere le prove di Politici di Sinistra che adesso stanno al Governo.

Quindi questo Governo e' illeggittimo e se Matacena ha i dossier e' necessario che in uno Stato di Diritto la Magistratura mandi un magistrato a Dubai offrendo a Matacena sconti di pena per avere in cambio questi nomi e dossier.

Italia ormai e' uno Stato di Corruzzione e non uno Stato di Diritto ma questa bomba mediatica deve essere fatta scoppiare per il bene di uno Stato Democratico.

E' inpensabile di avere credibilita' e di Governare quando esistono Politici corrotti che stanno Governando, lo Stato deve fare di tutto per scoperchiare tale verminaio.

Un broker che conosco mise i soldi su tre conti correnti di tre importanti esponenti della sinistra italiana e mi consegnò quei numeri, che non sono l'unico a sapere.

Somme che, stando alle dichiarazioni di Matacena «furono portate con un aereo privato dalla Serbia in Svizzera». Il processo per l'affaire Telekom Serbia si è definitivamente chiuso nel gennaio 2015 quando la Cassazione ha confermato la condanna a 7 anni e mezzo nei confronti di Igor Marini, il consulente finanziario che nel 2003, accusò decine di persone tra le quali diverse del centrosinistra di aver preso tangenti.


A chi sta parlando Matacena? Matacena da Dubai minaccia bipartisan la politica trema

In che cosa consiste lo "Scandalo di Telekom Serbia"?

Con il nome giornalistico di Affare Telekom Serbia si intende la vicenda giudiziaria che riguarda l'acquisto di azioni dell'azienda telefonica Telekom Serbia da parte di Telecom Italia. Secondo la ricostruzione basata sulle dichiarazioni del faccendiere svizzero Igor Marini, nel corso di tale compravendita sarebbero state pagate delle tangenti ad esponenti del centrosinistra, tra le quali una supposta tangente di 125 000 dollari versata a Romano Prodi e Lamberto Dini. Tali accuse si rivelarono totalmente infondate e le prove chiave prodotte a loro supporto si rivelarono dei falsi.

Lo "scandalo Telekom Serbia" riguarda uno dei tanti episodi di corruzione italiana? Oppure si ritiene che tangenti in lire italiane siano state incassate dall'entourage di Milosevic? Forse si contesta il fallimento di quella operazione, dal punto di vista economico? O fa scandalo piuttosto il fatto, in se e per se, che si sia voluta realizzare una operazione finanziaria con la Jugoslavia di Milosevic (ritenuto un dittatore sanguinario, vedi una recentissima copertina di "Panorama")?

A tutt'oggi, la magistratura non ha accertato che siano state pagate tangenti di alcun tipo ad alcuno dei protagonisti italiani, politico o manager o mediatore che fosse. Viceversa, sono fioccate a raffica denunce per calunnia e diffamazione contro i cosiddetti "supertestimoni".

Prosegue Russo Spena: "Successivamente, dopo due anni (...) si realizzo' il tragico paradosso del governo D'Alema che bombardo', a Belgrado, manufatti e strutture di telecomunicazioni a partecipazione azionaria italiana."

Di certo e' presumibile che molti dossier furono falsi e creati dalla CIA, e forse molti di tali dossier hanno consentito di portare Renzi amico di Berlusconi al Governo della sinistra tanto che d'Alema ed altri fecero bel viso a cattivo gioco. 

sabato 21 marzo 2015

Obama and the Democratic disaster of US foreign policy, we need a change Republican Marco Rubio is the President right.

US foreign policy after advent of Obama and the Democrats ended up being a total failure that threatens Europe and the West is all the same species in the field supremacy Use Statement.

The only Obama's success was the capture and killing of Osama Bin Laden, after which a downward spiral of errors and horrors he cracked all the relationships in the world with serious damage to the US itself.

Campaigns or revolutions in the Middle East have detected a failure, the false revolutions of the Arab spring have not only been a general failure but have destabilized the whole area threatening the West who now believes in less trusting relationship with the US.

The lack of evidence for weapons of mass destruction in Iraq and Libya have so puerile exposed the US to criticism from even the strongest countries succubi from the Influence Use.

The project waved to overthrow the Assad regime in Syria, only to turn his back to the rebels by saving your ass has demonstrated the inadequacy of US geopolitics.

The project of a large Middle East region including Iraq and Syria paved the way to 'Isis which today is also a suspected connivance same.

This unholy myopic foreign policy has cracked relations with the West and in particular with Israel believes that unless the real ability of the US to be the reference point of the area.

Add to this, the bad relations with Putin's Russia and the area peaceful-indiana and particularly Japan and here the picture is complete.

The US is losing control of the world not only in terms of foreign policy and military but also economic, since the dollar could become secondary after agreement between China, Russia and others.

If Israel does now, in fact, the leader went into the house without having to USA Obama, never this snub was so obvious.

US foreign policy is year zero and if you implement a quick change of direction for the gun lobby and the warmongers will not stay a long time, that's why need a government with a Republican president would be wise as Marco Rubio.

If this does not happen soon will be a world chaos with Saudi Arabia and Yemen that they shall cast not a penny more if not for terrorists trust is Boko Haram who will control half Africa.

Obama e il disastro democratico della politica estera Usa, serve un cambiamento Repubblicano, Marco Rubio è il Presidente giusto.

La politica estera Usa dopo avvento di Obama e dei Democratici si è rilevata un fallimento totale che mette a rischio l'Europa è tutto Occidente e la stessa supremazia Usa specie in campo Economico.

L'unico successo di Obama è stata la cattura ed uccisione di Osama Bin Laden, dopo di che una parabola discendente di errori ed orrori che ha incrinato tutti i rapporti nel mondo con grave danno agli USA stessi.

Le campagne o rivoluzioni mediorientali si sono rilevate un fallimento, le false rivoluzioni delle primavere Arabe non solo sono state un fallimento generale ma hanno destabilizzato tutta area minacciando Occidente che adesso crede meno nel rapporto di fiducia con gli USA. 

La mancanza di prove per le armi di distruzione di massa in Iraq e Libia hanno in modo puerile esposto gli USA alle critiche più forti anche da paesi succubi dall'Influenza Usa.

Il progetto sventolato di abbattere il regime di Assad in Siria salvo poi voltare le spalle ai rivoltosi salvandogli il culo ha dimostrato la pochezza di geopolitica Usa.

Il progetto di una grande area mediorientale che comprenda Iraq e Siria ha spianato la strada all' Isis di cui oggi si sospetta pure una connivenza stessa.

Questa scellerata politica estera miope ha incrinato i rapporti con Occidente ed in particolare con Israele che crede meno alla reale capacità degli USA di essere punto di riferimento dell'area.

Aggiungiamoci i pessimi rapporti con la Russia di Putin e l'area pacifico -indiana ed in particolare il Giappone ed ecco che il quadro è completo.

Gli USA stanno perdendo il controllo del Mondo non solo in termini di politica estera e militare ma anche economica, visto che il dollaro potrebbe diventare secondario dopo accordo fra Cina , Russia ed altri.

Israele fa se ormai , infatti  il Leader è andato in casa USA senza passare da Obama, mai tale sgarbo fu così evidente.

La politica estera Usa è all'anno zero e se si attuerà un rapido cambio di rotta anche per le lobby delle armi e dei guerrafondai non rimarrà molto tempo, ecco perché serve un Governo Repubblicano con un Presidente saggio come potrebbe essere Marco Rubio.

Se questo non avverrà presto sarà un caos mondiale con Arabia Saudita e Yemen che non cacceranno più una lira se non per terroristi fidati è Boko Haram che controllerà mezza Africa.



mercoledì 18 marzo 2015

ITALY "STATE OF CORRUPTION" AND "RULE OF LAW". Institutionalize CORRUPTION TO GIVE EQUAL OPPORTUNITY '

Italy should not be part of Europe and it will the West and the reason 'that the country and' now permeated every level and in particular in the political system and the ruling class of a malfeasance and corruption that makes it out of control.
Italy and '70 in the world after Ghana, and last in Europe, the Italian system is so corrupt that it would be legitimate to institutionalize corruption to give equal opportunity to compete at all.
The most guilty and 'this political class that old and outdated with a shot oligarchic destroyed the country in the fundamental structures and the Constitution.
Not yet satisfied with what has been achieved and being aware that they can now make every despicable act on the skin of the Italians not risking anything here that will allow you to not resign and defuse only healthy organ of the country and that 'the JUDICIARY.
As stated by the Association of Magistrates these brazen that govern us instead make laws harsh on Corruption make fake sneaky and depotenziano the last obstacle for the complete Anarchy precisely the judiciary, trying to threaten them.
I'm with the Judiciary and not with the Corrupt.
The country is in a phase of recovery rather not become dangerous for the community 'international and in particular for Europe that is found to have a country and' 70 in the world along with Ghana for corruption and malfeasance and could infect the rest of the countries Europeans.
The only solution to defeat the malfeasance and corruption and 'to make a law with harsh sentences to prison.
Those found in the hands in the bag must have seized the goods and get straight to the nation's prisons other than resignation.
Wolves last case also appears superfluous demand the resignation since he himself had asked for the Chancellors.
It reads well and scratching bad.
A solution could only be to institutionalize the "Wad" and "Recommendation" for all to have equal opportunity 'based on the cunning and ruthlessness but they do not even want this because' the garden should be only for a few.
Regulation of doses of immorality could be a way out of the quagmire of Corruption Italian.
ITALY TODAY MUST BE DEFINED AS A "STATE OF CORRUPTION" and certainly not one "RULE OF LAW" and EXPO Milano and 'our business card.
Suffice it to say that in the last five years are the scandals Political-Financial have been as many as 250 of the most 'important are:
Scandals Municipalities and Regions, with repayments from various Vibrators Nutella, MPS, Mose (Venice), Expo (Milan) and Mafia Capital (Rome).
How much is this in terms of money to the People Italian and 'a huge figure of 60 billion Euros, you know how many maneuvers without the Italian pay one Euro could be done,
But the cost Moral and sealing of the institutions and 'incalculable.
Democracy and 'at risk and the country for those who make corruption at any level and in particular in Politics.
Other than resignation, and prison

ITALIA "STATO DI CORRUZIONE" E NON "STATO DI DIRITTO". ISTITUZIONALIZZARE LA CORRUZIONE PER DARE PARI POSSIBILITA'.


Italia non dovrebbe far parte ne dell'Europa e ne dell'Occidente il motivo e' che il Paese e' ormai permeato ad ogni livello ed in particolare nel sistema politico e nella classe dirigente di un malaffare e corruzione che la rende ormai fuori controllo.

Italia e' 70 nel mondo dopo Ghana, e ultima in Europa il sistema italiano e cosi corrotto che sarebbe lecito istituzionalizzare la corruzione per dare pari possibilità di concorrenza a tutti.

Il maggior colpevole e' questa classe politica vecchia ed obsoleta che con un colpo Oligarchico ha distrutto il paese nelle strutture fondamentali e nella Costituzione.

Non ancora soddisfatti di quanto realizzato ed essendo consapevoli che ormai possono compiere ogni ignobile atto sulla pelle degli Italiani non rischiando nulla ecco che si permettono di non dimettersi e di depotenziare unico organo sano del Paese che e' la MAGISTRATURA.

Come affermato dall'associazione dei Magistrati queste facce di bronzo che ci governano anzichè fare delle leggi durissime sulla Corruzione fanno delle finte leggine e depotenziano l'ultimo ostacolo per avere la completa Anarchia appunto la Magistratura, cercando di minacciarle.

Io sto con la Magistratura e non con i Corrotti.

Il Paese si trova in una fase di non recupero anzi diventa pericoloso per la comunita' internazionale ed in particolare per Europa che si trova ad avere un Paese che e' 70 nel mondo insieme al Ghana per corruzione e malaffare e potrebbe contagiare il resto dei paesi europei.

L'Unica soluzione per sconfiggere il malaffare e la corruzione e' quella di fare una Legge con Condanne dure di Carcere.

Chi viene trovato nelle mani nel sacco deve aver sequestrato i beni e passare subito per le patrie galere altro che dimissioni.

Nell'ultimo caso Lupi appare pure superfluo chiedere le dimissioni visto che lui stesso le aveva chieste per la Cancellieri.

Si recita bene e si razzola male.

Una soluzione potrebbe essere solo quella di Istituzionalizzare la "Mazzetta" e la "Raccomandazione" affinchè tutti abbiano pari possibilita' basate sulla furbizia e sulla spregiudicatezza ma loro non vogliono neppure questo perche' il giardinetto deve essere solo per pochi.

Una regolamentazione di dosi d'immoralità potrebbe essere una soluzione per uscire dal pantano della Corruzione Italiana.

ITALIA OGGI VA DEFINITA COME UNO "STATO DI CORRUZIONE" e non certo uno "STATO DI DIRITTO" e EXPO Milano e' il nostro biglietto da visita.

Basti pensare che sono negli ultimi 5 anni gli scandali Politico-Finanziari sono stato ben 250 fra i piu' importanti ricordiamo:

Scandali Comuni e Regioni, con rimborsi vari dai Vibratori alla Nutella, MPS,  Mose (Venezia), Expo(Milano) e Mafia Capitale (Roma).

Quanto costa questo in termini di soldi al Popolo Italiani e' una cifra enorme 60 miliardi di Euro, sai quante manovre senza che gli Italiani paghino un Euro si potrebbero fare,

Ma il costo Morale e di tenuta delle Istituzioni e' incalcolabile.

La Democrazia e' a rischio ed il Paese per chi fa Corruzione a qualsiasi livello ed in particolare in Politica.

Altro che dimissioni , Galera e Galera.




lunedì 16 marzo 2015

Regioni, costi record. La Sicilia spende un terzo del budget complessivo

Dietro alla Sicilia, che ha speso 575 milioni, con una media di 115 euro per ogni contribuente,

Patrizia Monterosso Segretario Generale della Regione Sicilia rimossa dall'incarico ? dopo essere dall'Antimafia di Crocetta nominata come la piu' alta carica della Sicilia.

Finalmente rimossa !

Patrizia Monterosso Segretario Generale della Regione Sicilia rimossa dall'incarico ?

La richiesta e' stata fatta in Regione Sicilia nell'ultima seduta in considerazione delle indagini del nucleo della Guardia di Finanza di Palermo sulla Formazione, e la Corte dei Conti che aveva condannato allora capo dipartimento.

Crocetta la nomina alla piu' alta carica della Sicilia dopo il Presidente , come il rappresentante piu' illustre dell'Antimafia il paladino della lotta alla mafia nomina la Monterosso pur sapendo che esiste una legge dello stato che dice in presenza di condanna di primo grado e secondo articolo 54 della costituzione di affidare incarichi pubblici a chi li adempie con onori ed imparzialita'.

Finalmente un gruppo di deputati Siciliani chiedono con forza le dimissioni in quanto non solo coinvolta nelle indagini in questione ma assunta come dirigente esterno.

Crocetta spieghi questo ai Siciliani.

Antimafia non puo' essere solo uno Slogan ma supportato da fatti invito On. Musumeci a farsi portavoce di un intervento in chiarezza a supporto dei deputati che hanno avanzato la richiesta.


La Sicilia avanza crediti dall'Italia pari a 5 miliardi di euro ed invece viene svenduta per 49 milioni di euro. Siciliani Truffati dallo Stato

La Sicilia e' una Regione a Statuto Speciale, statuto nato per mediare l'aspirazione indipendentista Siciliana e la ragionevole aspirazione Sabauda di assoggettarla all'Italia.

Questo a portato all'applicazione dello Statuto che non rappresenta un regalo ne tanto meno un premio ma un precisa elaborazione delle pretese e riconoscimenti Sicilianisti nel 1947.

Uno di questi articoli il 37 ed il 36 stabiliscono che tutte le imposte da calcolarsi sui redditi delle imprese che producono sul suo territorio ed anche con sede legale fuori regione ma i cui impianti siano in Sicilia vadano appunto alla Regione Sicilia.

Quest'articolo non e' mai stato applicato dallo Stato che in quel lontano 1947 fece un accordo pattizio tra Stato Sicilia e Stato Italia.

Di fatto poi lo Statuto e' stato oltraggiato da ascari e venduti nonche' utilizzato come arma per ottenere benefici alla casta politica Siciliana.

Tuttavia voglio ricordare ai Siciliani che oggi per la cattiva politica siciliana il debito della regione e' fuori controllo, isola e' praticamente in Default con 5,49 miliardi di euro.

Eppure se articolo 37 fosse applicato isola da calcoli fatti da esperti potrebbe ripianare in un sol colpo il debito perche' il gettito che Italia dovrebbe dare all'Isola sarebbe di 5 miliardi di euro.

Ed invece Assessore si fa elemosinare 49 milioni di euro che per etica andrebbero rifiutati anche perche' in cambio del trasferimento di 49 milioni di euro il Governo diminuisce di altrettanto ammontare i soldi che trasferisce come Stato , una partita di giro assolutamente da presa per il culo.

E' vero che da ben tre Presidenti della Regione l'Isola e' andata peggiorando con i suoi 25.000 dipendenti e le spese che crescono in modo incontrollato.

Il Crocetta degli Slogan e della rivoluzione di fatto sta facendo peggio con un aumento dei costi e dei consulenti tali che batte anche il proficuo Lombardo.

Tuttavia ritengo che questa' articolo debba essere applicato ed impugnato di fronte all'Europa nella speranza che il sistema Crocetta finisca presto e si possa finalmente trovare un presidente normale come On. Musumeci.

Per la SICILIA CI VUOLE UN SISTEMA ed un Presidente Onesto come potrebbe essere Musumeci.

Ecco come saranno le Regioni Italiane


Gettonopoli, mentre ad Agrigento e Siracusa la gente scende in strada a Messina si dorme specie la stampa. Ecco perche' la citta' e' deceduta perche' ha perso la forza anche d'indignarsi

Ad attirare l’attenzione delle autorità inquirenti è stata la spesa di 900mila euro nel 2014: una cifra consistente a carico dei contribuenti.

A Siracusa ed Agrigento si è verificata più o meno la stessa situazione, con un sit-in di protesta organizzato dai cittadini innanzi alla sede del municipio locale.

Ed allora quale e' la differenza tra queste tre citta' ? un abisso mentre ad Agrigento e Siracusa la gente si e' indignata ed e' scesa in campo per manifestare tale protesta a Messina tutto tace come la città si e' persa persino la froza di protestare della cittadinanza e della Stampa che e' venuta meno al proprio compito.

Ecco per tale motivo Messina e' ormai il fantasma di se stessa.

domenica 15 marzo 2015

Il Progetto segreto della Casta fermare con tutti i mezzi Landini e Salvini. Landini presto fara' rinasce la Sinistra svuotando il PD ormai democristianizzato

Landini e' l'ultimo dei moicani, l'ultimo ma non il solo ad aver capito che nel progetto Oligarchico di Renzi si e' deciso di attuare quella parte del piano di Licio Gelli che riguarda il Piano di Rinascita Democratica dove il Sindacato deve essere ridotto a mera consultazione del nulla.

Landini e' l'unico ad aver sputato in faccia a Renzi di essere colui che ha ucciso i Lavorati sopprimendo lo Statuto dei Lavoratori e quasi 100 anni di lotta operaia.

Landini e' oggetto d'interesse politico di un gruppo ben preciso e si sta progettanbdo una grande discesa politica per travasare un enorme quantitativo di voti dal PD che ormai e' un partito democristianizxzato.

Il progetto e' in atto ed e' cosi interessante che per il PD e Renzi diventa una minaccia mortale.

Ed allora ecco partire un progetto segreto che coinvolge diverse forze di destra e sinistra per fermarlo cosi come bisogna fermare Salvini.

Landini e' l'ultimo dei moicani, l'ultimo ma non il solo ad aver capito che nel progetto Oligarchico di Renzi si e' deciso di attuare quella parte del piano di Licio Gelli che riguarda il Piano di Rinascita Democratica dove il Sindacato deve essere ridotto a mera consultazione del nulla.

Landini e' l'unico ad aver sputato in faccia a Renzi di essere colui che ha ucciso i Lavorati sopprimendo lo Statuto dei Lavoratori e quasi 100 anni di lotta operaia.

Landini e' oggetto d'interesse politico di un gruppo ben preciso e si sta progettando una grande discesa politica per travasare un enorme quantitativo di voti dal PD che ormai e' un partito democristianizzato.

Il progetto e' in atto ed e' cosi interessante che per il PD e Renzi diventa una minaccia mortale.

Ed allora ecco partire un progetto segreto che coinvolge diverse forze di destra e sinistra per fermarlo cosi come bisogna fermare Salvini.

E' indispensabile pena una nuova minaccia al dualismo Oligarchico di Berlusconì e Renzi.

Come fermare Landini per adesso si sta spulciando in ogni direzione e sicuramente qualche Dossier potrebbe emergere.

Intanto e' partita una grande campagna di delegittimazione   sia su Landini che su Salvini.

Nel caso di Salvini abbiamo da un lato l'interesse di Berlusconi ad avere un alleato che raccoglie consensi, ma non solo non si fida il politico e' screditato da una parte di Forza Italia che non vuole tale alleanza e da Ndc di Alfano.

Non si fida nessuno di Salvini anche se per adesso e'  utile , ed allora ecco che si cerca di smontargli il giocattolo.

Poi seguiranno i vari Dossier per frenarlo.

Insomma questa Italia Oligarchica che ha conservato gli stessi privilegi di sempre e le stesse facce altro che Spendig  Review e che non e' rappresentativa del voto ha paura di Landini e Renzi.

Uomini avvisati mezzi salvati.


Ultima Ora