mercoledì 24 giugno 2015

La Sicilia Omertosa

In pratica abbiamo una Sicilia divisa in due, con infrastrutture fatiscenti e pericolose per i nostri figli e tutto quello che i Siciliani ed i suoi rappresentanti politici sanno fare è  un silenzio omertoso. Un isola che ha un sistema infrastrutturale e di trasporto pubblico indecoroso dove lo stato e i suoi principali padrini Anas e Trenitalia sono complici spendendo al Nord le risorse che dovevano essere spesi al Sud. Al Nord si spende per il raddoppio dell' alta velocità 4 volte di quello che si spende per la Sicilia che non solo non ha l'alta velocità ma così  distrutta rende vano alle imprese essere competitivi. Dove sta il Governo è Renzi che diceva i colpevoli pagheranno e dove sta il presidente peggiore che la Sicilia abbia mai avuto  che si permette di nominare due commissari anziché un ingegnere cinese per correre ai ripari. Nomina due commissari di cui uno era quello che doveva prevenire la frana, vergogna indegni. Dove sono i Siciliani che si indignano ma che hanno subito in silenzio il disastro di Giampilieri e Saponara umiliati dalla stampa nazionale. Qui non serve portare le bandiere a Canepa quando bisognerebbe non votare questi traditori e manifestare per le strade. Ma di cosa parliamo di un Isola che merita il destino che ha. COME DICEVA kennedy il destino te lo crei tu e se non sei capace di farti rispettare allora  soccombi , ecco cosa significa essere Omertosi.

venerdì 19 giugno 2015

Sicilia: Stavamo meglio quando Stavamo peggio. alla Sicilia serve un nuovo Movimento Per L'Autonomia

E' evidente che Crocetta ha fallito sotto tutti i punti di vista e che la Sicilia ormai isolata e stuprata dal Governo romano che ricatta ed impone la politica Regionale ha bisogno di un Partito che tuteli gli interessi dei Siciliani.

Serve un nuovo Movimento Per L'Autonomia che possa ispirarsi all'idea che ebbe allora Lombardo ma con la parte sana dell'Isola il Popolo e Classa dirigente migliore.

Tenteremo di coinvolgere tutti.

ITALICUM SARA' LA TOMBA DI #RENZI, PERCHE' VOLUTA, IMPOSTA DA LUI UOMO SOLO AL POTERE. UN CLAMOROSO AUTOGOL

Vi ricordate il Golpe di Renzi sull'Italicum ? si proprio la legge elettorale che doveva essere condivisa da tutti se ervamo in  una vera Democrazia e che invece porta la firma e il nome di Renzi e del PD che gli e' andato dietro.

Il famoso Golpe fatto da Renzi che da solo e a colpa di fiducia approva la legge antidemocratica bene sara' la tomba del PD e di Renzi per il semplice motivo che essa era stata pensata per un sistema bipolare fatto da destra Berlusconiana e Sinistra Renziana.

Questa legge doveva rafforzare blindando questa Oligarchia per sempre ed invece le cose non stanno cosi' anzi si sta trasformando in un clamoroso Autogol per il semplice motivo che quello che imponi a tavolino con le Lobby spesso non trova rispondanze nella realta'.

Oggi con Italicum e alle prossime elezioni avremo il Movimento 5 Stelle a governare da solo con un ampia maggioranza e come secondo partito la destra di Salvini.

Ecco cosa succede quando a governare si mandano persone che partecipano ai Quiz televisivi.


giovedì 18 giugno 2015

Messina l'ultima città del mondo, vi spiego perche' la classe politica ha fallito non ultimoil Sindaco Accorinti onesto ma incapace. Una citta' che va amata e non disprezzata

Quando parliamo di Messina  una città da 250 mila abitanti che risulta essere l'ultima citta' della Sicilia e forse d'Italia bisogna comprendere sia per i concittadini sia per chi non la conosce i veri motivi di questo scempio.

Messina post terremoto del 1908 e fin o agli anni 40 era una gran bella citta', il salotto buono della Sicilia basta ricordarle Irrera a mare e le loro bellissime serate, la Fiera Internazionale, Nunnari, la circonvallazione, le strade, la pulizia e l'educazione.

Subito dopo gli anni 40 la Classe politica Messinese e la classe dirigente si appiattita verso il basso e verso l'interesse personale portandola al declino d'oggi.

Basta andare in qualsiasi citta' Siciliana per capire di cosa parliamo rispetto al Bordello che oggi rappresenta la nostra città.

Modica, Ragusa, Milazzo, Capo d'Orlando, per non parlare di Reggi Calabria che per pulizia ed educazione e' confronto alla nostra citta' un altro pianeta per non parlare di Catania il cui confronto non e' proponibile.

Il motivo di questo scempio e' sicuramente della Politica e della classe dirigente mediocre che la citta' e' riuscita ad esprimere ma anche di noi cittadini.

Quando vado nelle altre citta' la differenza la sento sin da subito perche' ogni cittadino parla di problematiche ma sostanzialmnte ama la sua citta' e si rende consapevole dell'importanza di senso civico mentre noi a Messina diciamo sempre che la citta' fa schifo per colpa dei Messinesi.

Io non sono d'accordo il Messinese ha solo una colpa aver sostenuto con complicita' questa classe politica in parte ladra ed in parte incapace un connubio deleterio anche per una citta' con meno problemi di lavoro e tessuto imprenditoriale.

Il Messinese odia la sua citta' e questo non e' accettabile, odia il suo prossimo vicino per il semplice motivo che la citta' e' diventata una giungla la colpa e' della classe dirigente e politica che non ha saputo neppure fare le due cose principali che avrebbero cambiato il volto della stessa ridando fiducia a tutti e facendola sentire ancora la nostra città, bastava tenere strade e centro pulito e il sistema viario  fluido.

Se il Messinese se ne fotte delle regole non e' colpa sua e' perche' anni di mancanza di regole e sanzioni fanno anche di un onesto cittadino un delinquente che magari si chiude la strada pubblica o parcheggia dove capita.

Bastavano due Sindaci giusto e la citta' sarebbe cambiata come a Catania con Bianco e Stancanelli o a Reggio Calabria con Falcomata' e il recente Sindaco.

Noi abbiamo avuto Genovese il cui commento e' superfluo per evitare parole scurrili, poi Buzzanca che si vanta di una pista ciclabile che rappresenta la preparazione di questa classe politica e dirigenziale, una classe politica dove una striscia di cemento colorato ci stanno bambini, cani, bici e pure motorini.

Questo vale anche per il Sindaco dalle mille speranze che si e' rilevato un fallimento totale cioe' Accorinti.

Bisognerebbe spiegargli che non bastano due strisce colorate per fare una pista ciclabile in una citta' le cui regole non valgono da anni quelle le puo' fare al campetto del Don Orione per chi corre l'atletica.

Questi Politici prendano esempio di Reggio Calabria e dei loro colleghi che hanno fatto un lungo mare pulito e grande per i cittadini e piu' in basso una pista ciclabile dedicata alle bici fornite di bar e altro.

Ma di cosa stiamo parlando di una citta che e' fallita per colpa di tutti noi e per il comportamento assassino di molti politici che quando mandano i figli al Nord si accorgono della civilta' che si sono trovati.

Accorinti e figlio di questa citta' onesto ma incapace lui e tutta la giunta che sta ancora sprofondando verso il basso.

Domani avremo come Sindaco probabilmente Ardizzone che se non entra nella logica di fare poche cose e bene con uno staff adeguato e con amore entrera' anche lui nel Club dei innominabili.

Amiamo questa citta' e la Politica nonche' la classe Dirigente faccia il suo dovere anche tramite sanzioni e regole precise e poche.

W Messina meno il resto



La fine di #Renzi e' gia' iniziata e con essa la fine del Partito Democratico #Pd, decretando il successo del M5S. Gli Orrori fatti sono troppi per il popolo di Sinistra




La fine di #Renzi e' gia' iniziata e con essa la fine del Partito Democratico il #Pd, si tratta di capire se sara' una lenta agonia come nel caso di Berlusconi oppure sara' una morte piu' rapida ed immediata.

Renzi come Mussolini e poi Berlusconi passa dagli altari alle stalle, il guaio piu' serio non sara' il suo fallimento ma il declino del Partito Democratico che ormai si e' letteralmente spostato verso un centro corporativo dimenticando e affossando le fondamenta dello stesso partito che e’ il popolo di sinistra.

Qui non si tratta di capire se Renzi e' stato messo a capo del PD per un Golpe, o attraverso dossier o altri scenari,  il vero problema e' che il suo progetto non solo ha fallito ma lo scenario che avevano progettato e’ saltato

Il progetto era mantenere un bipolarismo alternativo tra il suo amico Berlusconi e il PD, in realta' non solo il progetto e' saltato portando ad un tripartito in cui il M5S sara' il primo ma ed il secondo sara' una destra imperniata su Salvini.

L'incredibile e' che Renzi non solo ha fallito ma spostando il partito al centro moderato delle lobby ha fatto scappare lo zoccolo duro, le fondamenta del PD che e' il popolo di sinistra che sicuramente non votera' piu' per esso.

Un leader ed un Partito che e' complice di aver distrutto i simboli ed i diritti di cui la vera sinistra era garante, il lavoro, i pensionati, la scuola tutti elementi che hanno fatto scappare anche nelle roccaforti del partito i votanti ed i voti.

Questo popolo non votera' piu' per il PD perche' ha di fatto subito un tradimento, ha fatto il lavoro sporco quello che Berlusconi non era riuscito a portare a termine e' questo non sara' mai piu' perdonato.

Il PD rischia di tornare su valori da NCD portando proprio il Movimento 5 Stelle a diventare il primo partito d'Italia.

Grillo e Casaleggio mantenendosi integri e senza accordi sono paradossalmente Vergini agli occhi del popolo di sinistra che ormai considera il Pd un partito che ha tradito.

Sul carro di Renzi prima c'era posto per tutti adesso iniziano ad esserci fughe in avanti e questa emorragia non e' piu' recuperabile gli orrori fatti sono troppo.

Renzi diceva:

Mai al Governo senza passare dal voto, mai accordi con Berlusconi, mai riforme senza la partecipazione democratica di tutti, basta privilegi e pensioni d'oro, 100 mila assunzioni nelle scuole che non saranno mai fatte, articolo 18 e job act che ha ucciso il sangue del suo sangue.

Troppi slogane mancate premesse, troppe bugie ed orrori e troppi comportamenti ridicoli in Europa e nel Mondo aggiungiamoci Roma Capitale e le Indagini sull'Immigrazione ed il gioco e' fatto.

Renzi ed il PD sono malati terminali e nessuno ha avuto il coraggio di dirglielo se non le Elezioni Regionali.


mercoledì 17 giugno 2015

It reveals the secret plan of Russia and the US for the new world order, an agreement that is good for all the two military superpowers

The term Cold War indicate an opposition political, ideological and military who came to be created in 1945, at the end of World War II, between two international blocs, categorized as the West (the United States, NATO Allies and friendly countries) and East, or "communist bloc" (the Soviet Union, the Warsaw Pact allies and friendly countries).

 
This voltage, which lasted about half a century, while not never materialized in a direct military conflict (hence the term cold when in fact the availability of nuclear weapons for both parties could surely destroy the entire planet), developed over the years focusing on competition in various fields (military, space, technological, ideological, psychological, sports) contributing at least in part to the development and evolution of the company with the advent of the third industrial revolution.

 
The June 28, 1991 is declared dissolved the Comecon and 1 July, the Warsaw Pact; these two events lay down at least symbolically the end of the influence of Soviet Russia in Eastern Europe and then the end of the Cold War is commonly understood. The conflict situation now past deepened in recent times because of the conflict between Ukraine and Russia about the fate of the Oblast 'Donetsk that, with the help of Russia's military, has become partially independent from' Ukrainian authorities and would have opted in a referendum for the union with the Russian Federation.
In fact with the end of the Cold War there has been a radical change in the political landscape of the entire planet that has led to a profound change in international relations, exponentially increasing the unpredictability of the behavior of nation states both in the field of diplomatic practices as in terms of the conduct of the war. The collapse of the Soviet Union actually led to the emergence of a number of national and international actors, able to act at multiple levels, creating a new world order multicenter, globalized and far from peaceful. With all due respect to many scholars, who promised a new idyllic had no conflicts, there has been, on the contrary, to a proliferation and an exponential increase of combat activity worldwide.
 
the element that perhaps best characterizes the new conflict is the total disappearance of the enemy. As long as the Western world is governed on the balance USA- USSR existed a kind of balance between the parties involved, but the dissolution of the former Soviet Union has led to an avoidable imbalance international triggering a policy of intervention by the United States, the only superpower left in the field, in every place on the planet if it was perceived as a possible threat to national security and the West in general.
But who, then, is the enemy to fight? Hard to say, since the US and its allies have acted, in general, using an army of traditional mold, while the enemy is hiding in inaccessible places and mingles easily among the civilian population, using, in most cases, methods Attack unorthodox as kamikaze and explosions of car bombs in populated centers generally. The consequence of all this is that often the battleground has shifted within cities and in places such as a market, a church, a mosque or a shopping center, involving the civilian population and not just the military.
Today, tensions between the two superpowers is generating more 'than a risk for a world war between the two countries a great opportunity' to give a New World Order that will allow the world to pass again the countless wars conventional and unconventional (Islamic) a sort of second Cold War that is comfortable to both superpowers allowing the United States to ease the economic and military clout to be the only superpower to protect the world.
The scenario that has' created between Russia and the West through the facts of Ukraine with sanctions and skirmishes between the contenders and 'real but today in the nerve center of the global strategy you are thinking that this new scenario can' be a great appropriate to bring the world under the control of two spheres of World Influence making everyone happy.
We will see in the coming months a substantial commitment of Russia in the field of military spending and interventional with a minimum of opposition of the West 'cause there is in fact an agreement of the parties to bring the planet under control and with less conflict unconventional.
THE COLD WAR THAT ALL WANT


Vi svelo il piano segreto di Russia ed Usa per il nuovo ordine mondiale, un accordo che sta bene a tutte due le superpotenze militari


Con l'espressione guerra fredda si indica la contrapposizione politica, ideologica e militare che venne a crearsi nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, tra due blocchi internazionali, categorizzati come Occidente (gli Stati Uniti d'America, gli alleati della NATO e i Paesi amici) ed Oriente, o "blocco comunista" (l'Unione Sovietica, gli alleati del Patto di Varsavia e i Paesi amici).

 Tale tensione, durata circa mezzo secolo, pur non concretizzandosi mai in un conflitto militare diretto (da cui il termine fredda quando in realtà la disponibilità di armi nucleari per entrambe le parti avrebbe potuto distruggere inesorabilmente l'intero pianeta), si sviluppò nel corso degli anni incentrandosi sulla competizione in vari campi (militare, spaziale, tecnologico, ideologico, psicologico, sportivo) contribuendo almeno in parte allo sviluppo ed evoluzione della società stessa con l'avvento della terza rivoluzione industriale.

 Il 28 giugno 1991 viene dichiarato sciolto il Comecon ed il 1º luglio il Patto di Varsavia; questi due eventi sanciscono quantomeno simbolicamente la fine dell'influenza della Russia sovietica nell'Europa orientale e quindi la fine della guerra fredda comunemente intesa. La situazione conflittuale ormai passata si è acuita in tempi recenti a causa della contrapposizione fra l'Ucraina e la Russia circa il destino dell'Oblast' di Donec'k che, con l'aiuto militare della Russia, si è reso parzialmente indipendente dall'autorità ucraina e avrebbe optato, tramite referendum, per l'unione con la Federazione russa.

In realtà con la fine della Guerra Fredda si è assistito ad un radicale cambiamento dello scenario politico dell’intero pianeta che ha portato ad un profondo mutamento delle relazioni internazionali, accrescendo esponenzialmente l’imprevedibilità del comportamento degli Stati Nazione tanto nel campo delle pratiche diplomatiche quanto sotto il profilo della condotta bellica. Il crollo dell’Unione Sovietica in realtà ha spinto alla nascita di una serie di attori nazionali ed internazionali, in grado di agire a molteplici livelli creando un nuovo ordine mondiale multicentrico, globalizzato e tutt’altro che pacifico. Con buona pace di molti autorevoli studiosi, che promettevano una nuova idilliaca éra priva di conflitti, si è assistito, al contrario, ad una proliferazione ed un aumento esponenziale dell’attività bellica in tutto il mondo.
 l’elemento che forse più caratterizza i nuovi conflitti è la totale scomparsa del nemico. Fino a quando il mondo occidentale si è retto sull’equilibrio USA- URSS è esistito una sorta di bilanciamento tra le parti in gioco, ma la dissoluzione dell’Ex Unione Sovietica ha portato ad un evitabile squilibrio internazionale innescando una politica interventista da parte degli Stati Uniti, unica superpotenza rimasta in campo, in ogni luogo del pianeta qualora venisse percepito come possibile minaccia per la sicurezza nazionale e dell’Occidente in generale.

Ma chi è, allora, il nemico da combattere? Difficile a dirsi, visto che gli USA ed i suoi alleati hanno agito, in genere, utilizzando un esercito di stampo tradizionale, mentre il nemico si nasconde in luoghi inaccessibili e si confonde facilmente tra la popolazione civile, utilizzando, il più delle volte,  metodi di attacco poco ortodossi quali kamikaze ed esplosioni di autobombe in centri generalmente abitati. Conseguenza di tutto questo è che spesso il campo di battaglia si è spostato all’interno delle città ed in luoghi  quali un mercato, una Chiesa, una Moschea o un centro commerciale, coinvolgendo la popolazione civile e non più solo i militari.

Oggi le tensioni tra le due superpotenze sta generando piu' che un rischio per una guerra mondiale fra le due Nazioni una grande opportunita' di dare un Nuovo Ordine mondiale che possa consentire al Mondo di superare nuovamente le innumerevoli guerre convenzionali e non convenzionali (islamiche) una sorta di seconda Guerra Fredda che sta bene a tutte e due le superpotenze consentendo agli Stati Uniti di alleggerire il peso economico e militare di essere l'unica superpotenza a proteggere il mondo.

Lo scenario che si e' creato tra Russia ed Occidente tramite i fatti dell'Ucraina con le relative sanzioni e scaramucce tra i contendenti e' reale ma oggi nelle stanze dei bottoni della strategia mondiale si sta pensando che questo nuovo scenario puo' essere una grande opportuna per riportare il mondo sotto il controllo di due spere Mondiali d'Influenza facendo contenti tutti.

Vedremo nei prossimi mesi un impegno sostanziale della Russia in campo di spese militari e interventistico con un minimo di opposizione dell'Occidente perche' esiste di fatto un accordo delle parti per riportare il pianeta sotto controllo e con meno conflitti non convenzionali.

LA GUERRA FREDDA CHE TUTTI VOGLIONO


martedì 16 giugno 2015

Nucleare, Putin: "40 nuovi missili balistici per le forze armate russe"

Nucleare, Putin: "40 nuovi missili balistici per le forze armate russe"

Spese militari Usa rispetto al resto del Mondo


L'Europa ha istituito una Unita' Speciale per monitorare i media Russi.

Secondo il quotidiano Hospodarske Noviny, ai primi di giugno, media cechi hanno riferito che l'Unione europea ha istituito un'unità speciale per contrastare ciò che ritiene come propaganda russa. L'unità con sede a Bruxelles ha il compito di monitorare i media russi e promuovere le attività delle istituzioni dell'Unione europea.


lunedì 15 giugno 2015

Attenzione pericolo terrorismo islamico in Europa per colpa dell'Italia. Francia, Germania e Inghilterra a rischio in Italia invece il pericolo sara' solo a queste condizioni


Il connubio tra Immigrazione clandestina, mafia mediorientale, scafisti e corruzione Italiana sta creando le condizioni il terreno migliore per avere nei prossimi due anni attentati di matrice islamica in Europa.

Paradossalmente corre meno rischi il Paese Italia fin tanto che non vengono chiuse le frontiere mentre sono decisamente a rischio paesi come Francia, Spagna, Inghilterra e Germania. Italia e' un colabrodo pauroso il ventre molle dell'Europa sta entrando di tutto attraverso l'Immigrazione nel particolare una massa di diseredati con al seguito cellule dormienti di diversi gruppi terroristici.

 L'Italia e' cosi pericolosa per l'Europa essendo diventata il ventre molle del continente, collusa con interessi speculativi che per i terroristi islamici e i gruppi come Al-Qaida e ISIS e' prioritario non compiere attentati in Italia al fine di tenere aperto questo canale incontrollato per immettere in un conto approssimativo circa 100 gruppi dormienti con progetti diffusi di attentati in ogni paese Europeo.

Chi corre il rischio serio e' nel particolare la Francia e tutti quei paesi che infatti stanno ponendo rimedio non permettendo l'entrata degli immigrati in Europa. L'Europa fa benissimo a temere l’Italia e i suoi politici perche' di fatto sono un opportunita' per il terrorismo mediorientale. 


 E' l'Italia corre qualche rischio e quando ? Si, l'Italia correrà il rischio di attentati visto che risulta invasa in modo incontrollato da cellule dormienti non appena finira' questo scempio e si chiuderanno i rubinetti d'entrata di questo fluido umano.

Il Paese risulta essere l'utile idiota al terrorismo e va lasciato in pace ma non appena non servira' piu' ci saranno rischi altissimi di attentati, spero che i servizi si stiano attrezzando meglio del Governo e del Ministro piu' inutile della storia come Alfano. 


------------------------------------------------------------------------------------------------------------



The combination of illegal immigration, the Middle East mafia, smugglers and corruption Italian is creating the conditions the best soil for the next two years Islamist attacks in Europe.

 
Paradoxically runs less risk country Italy as long as the borders are not closed and are definitely at risk countries such as France, Spain, England and Germany. Italy and 'a sieve scary the soft underbelly of Europe is coming around through Immigration in particular a mass of disenfranchised with the following sleeper cells of different terrorist groups.

  
Italy 'so dangerous for Europe having become the soft underbelly of the continent, colluding with speculative interests that the Islamic terrorists and groups like al-Qaida and ISIS and' priority not carry out attacks in Italy in order to keep open this uncontrolled channel to enter into a dormant account approximately 100 groups with projects spread of attacks in each European country.

 
Who runs the serious risk and 'in particular France and all those countries that are in fact being remedied by not allowing the entry of immigrants into Europe. Europe does well to fear Italy and its politicians 'cause in fact have an opportunity' for Middle Eastern terrorism.

 
E 'Italy runs some risk and when? Yes, Italy will run the risk of attacks because it is invaded uncontrollably from sleeper cells will end as soon as' this mess and will close the taps of entry of this fluid human.

  
The country appears to be the useful idiot to terrorism and should be left in peace but not just not help 'more' there will be very high risk of attacks, I hope that the services you are gearing up better than the Government and the Minister more 'useless history as Alfano .

Corruzione: la politica non vuole risolverla, basterebbe iniziare dagli appalti d'urgenza o in economia

Acquisizioni in economia di lavori, beni e servizi nella pubblica amministrazione: in pratica 

E’ possibile l’affidamento diretto dei lavori di importo pari o superiore a 40.000 euro e fino a 200.000 euro, previa consultazione di almeno cinque operatori economici?

Tale affidamento non è conforme al disposto dell’articolo 125, comma 8, del decreto legislativo n. 163/2006, anche se avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici (Deliberazione Avcp n. 1/2008).

Il problema spesso rilevato dalla Corte dei Conti che si fanno appalti in deroga alle regole nella consapevolezza che tanto le conseguenze saranno minime.

Perche' il Governo e le forze politiche non fanno una legge che garantisce ad ogni abuso la certezza della pena e della galera ?

Non gli conviene !



La Sicilia dal futuro negato chiude e torna a viaggiare a dorso d'Asino nel silenzio complice dell'Ars e dei Siciliani. Si torna alle strazzere dei Borboni che erano le super strade di una volta.

Bel servizio del quotidinano della Repubblica:

Non c'è solo il caso di Palermo e Catania separate a marzo dal crollo di un pilone. Ecco come si vive nell'isola con 5mila chilometri di asfalto inaccessibili sui 20mila totali

 

 "Autostrada Palermo-Catania, dal disastro emerge il paradosso: la viabilità interna è ferma ai Borbone"

 Nessun lampione, asfalto dissestato, niente aereatori in galleria, segnaletica inesistente: le strade secondarie dell'isola sono in condizioni pietose

In realtà, prima del crollo del viadotto Himera a destare particolari preoccupazioni alla Regione non era l’autostrada Palermo-Catania, che è gestita dall’Anas. A turbare i sonni di Palazzo d’Orleans era più che altro lo stato di salute della autostrada 20, quella che collega il capoluogo siciliano con Messina. Un’autostrada famosa, non solo perché è l’unica a pagamento sull’isola, ma soprattutto perché ci sono voluti 37 anni per costruirla. Inaugurata almeno quattro volte.

 La viabilità alternativa: le Regie Trazzere dei Borbone

Ieri è toccato alla Palermo-Catania, autostrada gestita dall’Anas. Ma tra un po’ sentiremo parlare anche delle autostrade gestite dalla Regione siciliana attraverso il Cas, il Consorzio autostrade siciliane, un ‘carrozzone’ regionale che gestisce le autostrade Palermo-Messina, la Messina-Catania e che sta realizzando (o quasi) l’autostrada Siracusa-Gela




sabato 13 giugno 2015

Italia Politica fabbrica di scandali e corruzione, Pecorelli aveva ragione:"Questo paese non si salverà se non nascerà un nuovo senso del dovere"



L'Italia è considerata in Europa e nel mondo una sorta di Paese che fabbrica continuamente scandali e corruzione. 

Non potrebbe essere diversamente visti i recenti fatti di cronaca e la classifica che la pone al 169 posto tra i Paesi meno corrotti superata anche dal Congo e ultima in Europa.

La colpa è degli Italiani che male esercitano il diritto di voto.

Un popolo che vota chi da anni gli ruba il futuro non può essere non colpevole.

È anche vero che la storia insegna che siamo un popolo di grandi capacità e possibilità, ma anche geneticamente portato alla corruzione e al tradimento.

La classe politica attuale è viva anche grazie agl'interessi di Paesi che condizionano molto attraverso forze di potere vario e interessato la vita democratica e le istituzioni della Repubblica, che invece dovrebbero essere occupati da uomini che pensano al bene comune e agiscono nell'interesse della Nazione.

Paesi come gli Stati Uniti e l'Europa Tedesca hanno tutto l'interesse a controllare ed assoggettare un paese di grandi possibilità come l'Italia facilmente portato all'interesse personale di tutti i singoli piuttosto che a quello della collettività.

Aver reso questa Repubblica meno democratica blindando questa oligarchia ha reso tutto complicato.

Tornando alla questione Corruzione posso affermare che ormai essa è così aderente e infiltrata che ormai risulta impossibile porre rimedio, il Paese è una coclava d'interessi illeciti che allunga i tentacoli sulle Istituzioni e tutti i settori sensibili della Nazione, restano salvi sole le persone che non occupano ruoli interessanti per la corruzione e qualche eroe pulito, una macchia in mezzo al mare.

La situazione è così compromessa che ormai il popolo non si indigna più e la politica non ritiene necessario dimettersi o lasciare il passo perché ha perso ogni inibizione e senso del dovere e della responsabilità. 

Anche i Media e i giornalisti sono ormai persi in direttive e lotte di fazioni perdendo il senso ed il ruolo di sensibilizzare il Paese iniettando dosi massicce di verità e senso civico.

La dove la classe politica e dirigente non ha la capacità di autorigenerarsi perché permeata dal malaffare non rimane che alla malvista Magistratura porre rimedio cercando di arginare l'oceano del malaffare politico.

Disgraziatamente è vero, quanto mai attuale la frase di una copertina di Op di Pecorelli, che così recitava: "Questo paese non si salverà se non nascerà un nuovo senso del dovere".

I risultati di questo scenario sono noti e li sentono tutti gli Italiani che non sono nel gioco sporco.

Debito al 133%, 30 milioni di italiani senza reddito, disoccupazione giovanile al 50%, meritocrazia zero etc.

Vi chiederete come fa il Paese a restare in piedi? Forse sono un esagerato? Il Paese resta in piedi grazie alla classe vituperata del pubblico impiego, la classe media che rimane pur sempre un salvadanaio da 10 milioni di persone da spremere.

Ormai ci siamo giocati la rendita del passato glorioso, il presente ed il futuro senza far nulla, pensando sempre che prima o poi verrà l'uomo della provvidenza a salvarci come un nuovo Berlusconi o Renzi, non riuscendo a comprendere che bisognerebbe fare tesoro degli errori e dei pessimi risultati del passato

Berlusconi e Renzi oggi e domani altri sono due facce della stessa medaglia, piccoli uomini al servizio dei pochi oligarchi senza un senso di servizio al Popolo Sovrano.

Mafia Capitale, Mosè, Terremoto dell'Aquila, Expo, Mps, Slot Machine, Calcio Scommesse, Banca Vaticana sono gli ultimi di circa 200 scandali che valgono 1 miliardo di euro, tanto sono i soldi rubati agli Italiani.

Ecco spiegato perché l'Europa non ci aiuta sul caso Immigrati, perché questo PD peggiore del peggior Berlusconi non solo a trombato i lavoratori ma con la falsa propaganda di non essere razzista sta facendo guadagnare come dice in una intercettazione Carminati una barca di soldi facili e senza rischio e più redditizi della droga a queste merda.

Chi se ne fotte se a pagare saranno sempre gli Italiani magari con un colpo d'accetta o con un figlio morto sotto un auto.

Da qui la mia provocazione di fare un Referendum di modifica dell'Articolo 1 della Costituzione, che così recita: "L'Italia è una Repubblica fondata sul Lavoro" trasformandolo in "L'Italia è un Oligarchia fondata sulla corruzione e il malaffare".

Gli Italiani riflettano sul fatto che il Paese è andato a Puttane per quattro stronzi che per arricchirsi affondano i nostri figli, svendono le migliori risorse industriali e strategiche del paese e ci rendono ridicoli al mondo. 

Si inizi a votare per il bene se mai più c’è lo consentiranno. 

Ultima Ora