venerdì 28 ottobre 2011

THE LETTER SENT TO THAT BERLUSCONI ECB

ROME - Here is the text of the letter sent by Prime Minister Silvio Berlusconi at the European Council President, Herman Van Rompuy, and that of the European Commission Jose Manuel Durao Barroso. The letter opens with a "Dear Herman, dear Jose Manuel" and ends with "a big hug, Silvio."

INTRODUCTIONItaly has always honored its commitments in Europe and will continue to do so. This summer the Italian Parliament has approved financial stabilization maneuvers with a corrective effect on the budget balances in 2014 amounted to 60 billion euros. Were thus created the conditions to achieve a balanced budget in 2013, a year earlier than required by the European institutions. Since 2012, thanks to the increased primary surplus, our debt will fall.
However, we are aware of the need to present a comprehensive and coherent reform plan.The Italian situation should be read taking into account the more general equilibria involving the entire European region. Months of tension in financial markets and speculative attacks against the sovereign debt is, in fact, a clear signal of institutional weakness of the euro.As for Italy, conscious of having a public debt to grow too high and too low, we have followed since the beginning of the crisis in a careful and rigorous policy.
From 2008 to present our public debt has grown relative to GDP, less than other major European countries. In addition, we adopted the discipline has led to a primary budget surplus. Situation is not common to other countries.
If the old problems, like that of our public debt, now giving rise to further dangers and serious, this is above all a sign that the cause must be sought not in their mere existence, but in the new context in which we have found to govern.
A. THE FUNDAMENTALS OF THE ECONOMYThe Italian government has restored the public finances and reach the goal of a balanced budget in 2013. The public debt ratio to GDP has been brought back on a path of gradual reduction.In 2014 we will have a budget surplus (cyclically adjusted) of 0.5% of GDP primary surplus equal to 5.7% of GDP and public debt to 112.6% of GDP. To achieve this goal have been approved in record time during the summer two major fiscal maneuvers that result in a correction of the deficit trend in the four years 2011-2014 respectively equal to 0.2%, 1.7%, 3.3% and 3.5% of GDP. In 2011, it provides a consistent primary surplus of 0.9% of GDP. Despite the increase in expenditures for debt service, this will allow the reduction of the debt / GDP in 2012. The data for the first eight months of this year are consistent with these objectives.
It should be noted that the new series of national accounts indicate that in 2010 Italian GDP grew by 1, 5 and 1%, 3% and, in two years of the crisis, GDP shrank less than the first estimated (-1.2% instead of -1.3% and -5.1% in 2008 instead of -5.2% in 2009).
As a result of the audit made by Eurostat on deficit / GDP ratio, which was confirmed at 4.6% for 2010, is nearly aligned with that of Germany, revised from 3.3% to 4.3%. Note also that Eurostat has adjusted upward even the deficit / GDP ratio of France (from 7% to 7.1%), Spain (from 9.2% to 9.3%), Greece ( from 10.5% to 10.6%) and Portugal (from 9.1% to 9.8%).
In conclusion, in 2010 Italy had, along with Germany, the most virtuous behavior largely in terms of net debt relative to GDP.

B. STRUCTURAL BUILDING CONDITIONS FAVORABLE TO GROWTHWe are now engaged in creating the structural conditions conducive to growth. The Government considers it necessary to intervene on the composition of the budget to make it more conducive to growth.With this objective, the Government intends to operate on four in the next 8 months:Within 2 months, the removal of constraints and restrictions on competition and economic activity, which permits, in particular in services, production levels and higher costs and lower prices;Within 4 months, the definition of an institutional, administrative and regulatory conducive business dynamism;Within 6 months, the adoption of measures that promote the accumulation of physical capital and human capital and increase their effectiveness;Within 8 months, the completion of reforms in the labor market, to overcome the dualism and encourage greater participation.Over the next 4 months, however, attacking priority firmly on North-South dualism that historically characterized the Italian economy and penalizes. This gap is expressed in a level of GDP in Central and Northern Italy, which equals the level of best European realities and to the south, which is located at the bottom of the European ranking.In this regard, the government intends to make full use of structural funds, engaging in their comprehensive review, including those for infrastructure development in order to improve its use and redefine priorities in close cooperation with the European Commission. This revision will allow an acceleration, a reconsideration of the priorities of the use of funds and a strengthened directed, where Italy is willing to ask for technical support to the European Commission for the realization of this ambitious goal. The special program for the development of the South is defined in a manner evocative "Eurosud" and stems from the belief that growth is the growth of Southern Italy as a whole.The Government, therefore, define and implement the strategic review of the programs financed by the Structural Funds 2007-2013. This revision responds to the recommendations of the Council of 12 July 2011 on the National Reform Programme of Italy.It is based on a stronger concentration of investment programs better able to boost competitiveness and growth of the country, in particular addressing the untapped potential in the South, and a more stringent approach to the results of actions (education, broadband, railways, new jobs). This revision will result in a reduction in the rate of national co-financing of EU programs.Resources made available as a result of this reduction will be programmed through a process of consultation between the Minister with responsibility for cohesion policies, the European Commissioner responsible and regions based on an enhanced cooperation with the European Commission through a special action group.This action plan will be defined by November 15, 2011.The creation of structural conditions for the growth of the entire country is inevitably for the revision of policies:a. promotion and enhancement of human capital;b. efficiency of the labor market;c. opening of markets in key competitive;d. Supporting entrepreneurship and innovation;e. simplifying legislation and administration;f. modernization of public administration;g. efficiency and streamlining the administration of justice;h. accelerating construction of infrastructure and construction;i. Constitutional reform of the state.

a. Promotion and enhancement of human capitalAccountability of individual schools will be increased (based on the evidence INVALSI), defining for the 2012-13 school year, a restructuring program for those with unsatisfactory results, it will enhance the role of teachers (elevation of over a five years, its commitment to educational level and salary brackets) will introduce a new system of selection and recruitment.It will extend autonomy and competition among universities. It will increase the share of funding linked to the assessments undertaken dall'ANVUR and will increase the room for maneuver in the setting of fees for registration, with the obligation to devote a significant part of more funds for the benefit of low-income students. It will also launch a national scheme of loans.Finally, all the implementing measures of the university reform will be approved before December 31, 2011.b. Efficiency of the labor marketIt is expected to approve additional measures concerning the labor market.1. In particular, the Government undertakes to adopt measures in 2011 aimed at promoting youth employment and women by promoting: a. apprenticeships countering improper forms of youth work, b. employment relationships of part-time contracts and inclusion of women in the labor market; c. tax credits for firms that take in the most deprived areas.2. By May 2012 the government will approve a reform of labor legislation a. greater propensity to take on the functional and performance requirements of the enterprise through a new regulation of redundancies in the employment contracts of indefinite duration; b. more stringent conditions in the use of "para-subordinate contracts" since such contracts are often used to formally qualified workers as independent but substantially employed in a position of employment.c. Opening markets in key competitiveBy 1 March 2012 will be strengthened as the instruments of intervention of the Italian Competition to prevent inconsistencies between promoting competition and provisions of regional or local level. Will be generalized, the liberalization of business hours in accordance with the local authorities.The main provisions contained in the draft bill on competition are in the fields of fuel distribution and vehicle insurance compulsory. The measures in the insurance market have been defined within a bill of parliamentary initiative, which has already been approved by the House of Representatives and is currently before the Senate. The measures relating to fuel distribution markets have been fully incorporated in the Decree Law n.98/2011 and therefore are already in place. It is preferred to adopt a legal instrument which the decree provides for the immediate effectiveness of the interventions. in the Decree-Law were also included other measures of market opening and liberalization, including recalls in particular the liberalization of shopping hours on an experimental basis. Meanwhile, among the first in Europe, Italy has opened up the market for gas distribution: they have been adopted and will soon be published in the official gazette the regulations governing the award of tenders for gas distribution in areas broader than the common land.Already with the Decree Law n.138/2011 were adopted strong measures aimed at deregulation of business and professional associations and local public services. In particular, already provides that charges make up only a reference to this agreement the remuneration for the professional, derogated by agreement between the parties. The measure development will travel to other measures to enhance the openness of professional bodies and local public services.Also in the field of professional associations in operation in August, on access to regulated professions, it was expected that professional bodies should ensure that the exercise of the activity responds with no exceptions to the principles of free competition, to the widespread presence of professionals throughout the national territory, the differentiation and diversity of supply to ensure the effective choice of users in the fullest possible information regarding the services offered. Moreover, already in the conversion of the maneuver of July (Decree No 98/2011) was expected that the Government, in consultation with the High Commission for the Formulation of Proposals on Liberalisation of Services, will develop proposals for the liberalization of services and economic activities to be presented to stakeholders. After 8 months from the conversion of the bill, such services shall be deemed liberalized, except as expressly set.Principals will be strengthened to protect competition in the field of local public services, with the introduction of national systems for quality assurance services in the sectors of water, waste, transport, local and national and community pharmacies, following respectively, this timeline 3 months, 6 months, 9 months and 12 months.Regarding the reform of local public services that the Italian government - echoing what has already been provided for in Article 23a of the Decree Law 112/2008 - approved in August 2011 excluding the operation of the water sector as a result of a referendum. With the provisions that will launch strengthens the process of liberalization and privatization, providing that you can not give exclusive rights in cases where the local authority does not carry entrusting after verification of the feasibility of a system of competition in the market, ie a fully liberalized. In addition, it will be a broadening of the scope of the Competition and the market, and a benchmarking system to ensure the progressive improvement of the quality management and to make comparative assessments of different managements.d. Support for entrepreneurship and innovationBy 2011, in order to encourage business growth, the Government plans to use the fiscal lever to facilitate the capitalization of companies, with mechanisms for deductibility of return on risk. Schemes will be enhanced public participation in venture capital and private equity, preserving competition in the relevant sectors.The Government will transform the crisis areas in areas of development, making it simple and effective procedure to define the recovery programs, which can be financed with EU funds.Strong executive commitment to SMEs, allocating 50% of their unused resources each year of the Revolving Fund for the Support to businesses and investment in research.These measures - along with the Development Agreement, already operational - are fully included in the general reorganization of the incentives contained in the Charter of Companies, which becomes law in the coming weeks.To ensure the liquidity of the companies provides for a system of certification of debts of local public bodies against the companies themselves in order to allow the discount and subsequent payment by banks, according to Eurostat calculation procedures and without additional impact on ' indebtedness of Public Administration.e. Simplifying legislation and administrativeThe Government encourages the establishment of "zero bureaucracy zones" throughout the country on an experimental basis throughout 2013, including through the creation dell'ULG - Office of Local Government as the authority that will involve only administrative levels of local government in the past excluded.The Government aims to simplify the creation of the budget Srl, the digitization of deposit of the transfer of shares in the companies and streamlining for the supervision of corporations and regulatory bodies.Relations with the public administration will become more streamlined thanks to the complete replacement of certificates with self-certification, while the certificates issued by a government shall continue in force only in relations between individuals.The controls on businesses will be inspired by principles of simplicity and proportionality, in order to avoid duplication and overlap which may cause obstruction to the normal course of business.Finally, with regard to administrative simplification will be completed in the next 6 months, the strategy review of the sectoral regulators, developing specific proposals for simplification of procedures and monitoring the effects. Will be strengthened and accelerated implementation of the program for measuring and reducing administrative burdens arising from obligations provided for informational state laws (MOA). In addition, where discipline is a source of regional and local levels will be strengthened and extended the incentives provided by the operation for the summer administrative procedures related to starting and conduct of business. The goal is to improve the ranking of Italy in the international ranking on the Doing Business over the next 3 years.f. Modernization of public administrationThe public sector is a driving force of growth. We are creating the conditions because the government is ready to accompany the recovery, serving as a service to the development and not bureaucratic ballast. That is why the simplification, transparency and meritocracy are critical. An important piece is the full implementation of reform of public administration Brunette, especially by measures that strengthen the role of the Commission for the Assessment, Transparency and Integrity of government (established in December 2009), and the responsibilities will be integrated with the bill on anti-corruption, already approved by the Senate, and currently before the House of Deputies. It is an important step for the full implementation of the reform of public administration identifies as a new governance for the prevention and combating corruption, the functions entrusted to the Commission with extreme punctuality and identifying how the increase in the level of transparency public administration.To make more efficient, transparent, flexible and less costly public administration both at central level to local authorities (in addition to the existing block on turnover of staff) will make with the actual binding mechanisms / sanctions: a. compulsory mobility of staff; b. the provision (Wage Supplementation) with consequent reduction in salary and staff; c. overcoming staffing.At the same entry into force of constitutional law concerning the abolition of the provinces and the rationalization is expected to approve a transitional legislation for the transfer of its staff in the roles of regions and municipalities.g. Efficiency and streamlining the administration of justiceContinuing the line of the measures set in the summer, will be strengthened as the contrast of the litigation and litigation prevention (including through the establishment by the Ministry of Justice of a technical group that individuals with a high incidence of litigation situations and propose specific measures to combat). By April 30, 2012 will complete the project underway at the Ministry of Justice for the creation of a centralized database for statistics and for the civil bankruptcy. Incentive mechanisms will be strengthened for the offices of Law No virtuous 111 of 2011. The goal is to reduce the duration of civil litigation by at least 20 percent in 3 years.h. Accelerating the construction of infrastructure and constructionIn addition to making investments already agreed with the concessionaires, the Government will encourage greater participation of private investors, by 31 December 2011 defining the standard contractual clauses that facilitate the use of project financing, with a clearer and more efficient allocation of risks between the share on profitability and increasing the certainty of the work and the prevention of monopolistic behavior in the setting of tolls. Will reinforce the quality of public financial planning, defining the multi-annual spending and focusing resources on strategic projects considered.The Government is committed to the definition in the next 10 weeks immediately yards of some works, the proposal of the Ministry of Infrastructure and Transport, who will benefit, as a contribution to the financing, tax relief (IRAP, IRES) for the benefit of the dealers' work itself. Also planned are a series of simplifications and speedups in procedures for project approval by CIPE and functional subdivision into lots of contracts to ensure easy access to SMEs.It is anticipated the release of private investment by simplifying procedures relating to contracts for the program of major Italian airports. Finally, there are rules aimed at optimizing management of port facilities and simplification in the field of abnormal loads by road.Finally, it is in the process of preparing a guarantee "real" state (through its real estate, and not only financial in nature) first home mortgages for young couples, lack of employment contract of indefinite duration. This will give a new impetus to the housing market and new families.i. Constitutional reform of the StateThe Italian government is engaged in a process of comprehensive constitutional reform. It is related to the constitutional powers, as the regulatory framework to promote the conditions for development of the market and greater discipline in public finances.Despite the complexity of the process of constitutional revision Italy intends to reach approval of first reading of the drawings of constitutional law within the next 6 / 12 months.In particular, in the reform of the state, it is of the following measures:a. Bill (already approved at first reading in the House) on the modification of the electorate and stand for election to the National Parliament in order to ensure greater youth participation in political life.b. Two bills (before Parliament) for a comprehensive reform of the organization's top political institutions, with particular reference to the significant reduction in the number of parliamentarians, the abolition of the provinces, the reform in a federal state, the greater efficiency of decision-making mechanisms and the strengthening of the role of the executive and the majority.On the second front on market discipline and rigor of public finance, is expected to:a. A bill (for which approval is in progress in these days at the Chamber of Deputies) reform of the articles of the constitution relating to freedom of economic initiative and the protection of competition, and the reform of public administration in relation to the enhancement of 'efficiency and excellence.b. A bill on the introduction of the balanced budget constraint on the model already adopted in other European jurisdictions.To this end it should be noted that Article 138 of the Italian Constitution requires that constitutional law at intervals of not less than three months. So even at the earliest possible time of the constitutional reforms require minimal essential.The resulting implementing legislation will subsequently be implemented without delay, since there are time constraints under the Constitution.

C. A sustainable public finances

PensionsIn the current legislature, the social security legislation was the subject of repeated interventions that have made the Italian pension system under the most sustainable in Europe and among the most able to absorb any adverse shocks.Thanks to the locking mechanism of the retirement age to life expectancy introduced in 2010 (Art. 12 paras 12-bis and 12-b, DL 78/2010, as amended by Art. 18 paragraph 4 of Decree 98/2011), the Italian government expected to master the requirement for retirement will be at least 67 years for men and women in 2026.Have already been revised the requirements for access to seniority pensions. These requirements will increase gradually until you get to the scheme from 2013. These requirements are in any case engaged in the development of increased life expectancy.
The proxy tax and welfare benefitThe provision of government initiative is already before Parliament and will be approved by January 31, 2012, and a timeframe consistent with the adoption of measures by 2012 delegates. However, in order to increase investor confidence, in accordance with the planned adjustment path, the Government has provided, with Law 148 of 14 September 2011, the resources are obtained through the exercise of responsibility for the reform of Tax and welfare on the basis of the current schemes for tax breaks and overlaps between now and consequent inefficiencies identified. These resources amount to at least 4 billion euros in 2012, 16 billion in 2013 and 20 billion euros annually from 2014. At the same time, to give maximum guarantee the respect of the balances has been introduced a safeguard clause. The clause provides that in case of delay in the implementation of the delegation than September 30, 2012, the applicable tax will be 5% for the year 2012 and 20% from 2013. Alternatively, even partial, has established the possibility of a decree of the Prime Minister on the proposal of Minister of Economy and Finance, the remodeling of the rates of indirect taxes, including excise duty.In short, if the delegation was not exercised by 30 September 2012 or the new tax and benefit provisions are not able to guarantee a sufficient positive impact on the deficit (at least 4 billion in 2012, 16 billion and 20 billion in 2013 from 2014), there will be an automatic reduction of the fiscal benefits, however, guarantee the achievement of savings targets. Conversely, when the delegation is exercised within the period and the new arrangements will ensure the effects of savings at least equal to those provided, so there will not be the automatic cutting of the facilities.
DisposalsBy November 30, 2011, the Government will establish a plan of divestiture of public assets and improvements that include at least 5 billion a year in revenue over the next three years. By agreement with the State-Regions, local authorities will have to define with the utmost urgency a program of privatization of companies controlled by them. The proceeds will be used to reduce debt or make local investment projects.
The rationalization of public spendingThe Government reiterates its commitment to develop by December 31, 2011 the program for the reorganization of the expenditure required by law September 14, 2011, No 148, in particular as regards: the operational integration of tax agencies, the streamlining of all the peripheral structures of state administration and public security bodies in order to create synergies and maximize the use of resources, coordination of law enforcement activities, judicial rationalization of the organization as a whole in order to speed up the time of civil justice, and the reorganization of the consular and diplomatic. The Government will implement the first steps from 1 January 2012 and will cover the progress made on a quarterly basis.

Public debtBy December 31, 2011, the Government will entrust the development of a comprehensive plan for reducing debt through asset disposals also a core committee of individuals with prestige, in collaboration with local authorities and major financial institutions and national economic and international.
The cost of the institutional apparatusThe Government recognizes the need for more action to reduce the costs of the institutional apparatus. In particular, will be prosecuted by 2012, a rationalization and suppression of the provinces and the reallocation of functions to the regions of the provinces or municipalities, to ensure a significant streamlining of its bureaucracy and representative bodies. Will be strengthened system of incompatibility among the various levels of elected government.

The balanced budgetThe bill to reform the Constitution regarding a balanced budget is already under consideration by the Chamber of Deputies. The goal is to its eventual approval by mid-2012.With the changes introduced by Law n.39/2011 the "law of public finance and accounting (Law 196/2009) has been revised legislation on financial coverage for the benefit of the laws concerning the strengthening of fiscal discipline. In particular, to cover the costs of the current law of stability has been limited the ability to use the improvement in public savings, excluding the possibility of financing these resources with new or increased expenses.
Further define any necessary corrective actionsThe Government will monitor developments constantly in the public accounts. If the deterioration of the economic cycle should lead to a deterioration in the balances, the Government will act promptly. The use of the Fund will be postponed for reasons linked to the establishment, in June of 2012, of a pattern of public accounts in line with the objective for net borrowing next year.
D. CONCLUSIONS
We are confident that with the commitment of all, prompted by the realization that we are facing problems that cover the entire EU and the estate of the same currency, so problems will not be circumscribed to this or that national weakness or strength, we will deliver to young people a stronger and more cohesive.

IL TESTO DELLA LETTERA DI BERLUSCONI ALLA BCE (VERGOGNA)

ROMA - Ecco il testo della lettera inviata dal premier Silvio Berlusconi al presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, e a quello della Commissione europea Josè Manuel Durao Barroso. La missiva si apre con un «Caro Herman, caro Josè Manuel» e si chiude con «un forte abbraccio, Silvio».


PREMESSA
L’Italia ha sempre onorato i propri impegni europei e intende continuare a farlo. Quest’estate il Parlamento italiano ha approvato manovre di stabilizzazione finanziaria con un effetto correttivo sui saldi di bilancio al 2014 pari a 60 miliardi di euro. Sono state così create le condizioni per raggiungere il pareggio di bilancio nel 2013, con un anno di anticipo rispetto a quanto richiesto dalle istituzioni europee. Dal 2012, grazie all’aumentato avanzo primario, il nostro debito scenderà.

Tuttavia, siamo consapevoli della necessità di presentare un piano di riforme globale e coerente.
La situazione italiana va letta tenendo in debita considerazione gli equilibri più generali che coinvolgono l’intera area europea. Mesi di tensioni sui mercati finanziari e di aggressioni speculative contro i debiti sovrani sono, infatti, il segnale inequivocabile di una debolezza degli assetti istituzionali dell’area euro.
Per quel che riguarda l’Italia, consapevoli di avere un debito pubblico troppo alto e una crescita troppo contenuta, abbiamo seguito sin dall’inizio della crisi una politica attenta e rigorosa.

Dal 2008 ad oggi il nostro debito pubblico è cresciuto, in rapporto al Pil, meno di quello di altri importanti paesi europei. Inoltre, la disciplina da noi adottata ha portato a un bilancio primario in attivo. Situazione non comune ad altri Paesi.

Se problemi antichi, come quello del nostro debito pubblico, danno luogo oggi a ulteriori e gravi pericoli, ciò è soprattutto il segno che la causa va cercata non nella loro sola esistenza, ma nel nuovo contesto nel quale ci si è trovati a governarli.

A. I FONDAMENTALI DELL’ECONOMIA
Il Governo italiano ha risanato i conti pubblici e conseguirà l’obiettivo del pareggio di bilancio nel 2013. Il debito pubblico in rapporto al PIL è stato ricondotto su un sentiero di progressiva riduzione.
Nel 2014 avremo un avanzo di bilancio (corretto per il ciclo) pari allo 0,5% del PIL, un avanzo primario pari al 5,7% del PIL e un debito pubblico al 112,6% del PIL. Per realizzare questo obiettivo sono state approvate durante l’estate in tempi record due importanti manovre di finanza pubblica che comporteranno una correzione del deficit tendenziale nel quadriennio 2011-2014 pari rispettivamente a 0,2%, 1,7%, 3,3% e 3,5% del PIL. Nel 2011 si prevede un avanzo primario consistente pari allo 0,9% del PIL. Nonostante l’aumento delle spese per il servizio del debito, questo consentirà la riduzione del rapporto debito/PIL già nel 2012. I dati relativi ai primi otto mesi dell’anno in corso sono coerenti con questi obiettivi.

È doveroso segnalare che la nuova serie dei conti nazionali indica che nel 2010 il Pil italiano è cresciuto dell’1,5% e non dell’1,3% e, nei due anni della crisi, il Pil si è ridotto meno di quanto prima stimato (-1,2% invece di -1,3% nel 2008 e -5,1% invece di -5,2% nel 2009).

Come conseguenza della revisione contabile operata da Eurostat il rapporto deficit/Pil, che è stato confermato a 4,6% per il 2010, è praticamente allineato a quello della Germania, rivisto dal 3,3% al 4,3%. Si noti, inoltre, che l’Eurostat ha rettificato al rialzo anche i rapporti deficit/Pil della Francia (dal 7% al 7,1%), della Spagna (dal 9,2% al 9,3%), della Grecia (dal 10,5% al 10,6%) e del Portogallo (dal 9,1% al 9,8%).

In conclusione, nel 2010 l’Italia aveva, insieme alla Germania, il comportamento largamente più virtuoso in termini di indebitamento netto in rapporto al Pil.


B. CREARE CONDIZIONI STRUTTURALI FAVOREVOLI ALLA CRESCITA
Siamo ora impegnati nel creare le condizioni strutturali favorevoli alla crescita. Il Governo ritiene necessario intervenire sulla composizione del bilancio pubblico per renderla più favorevole alla crescita.
Con questo obiettivo il Governo intende operare su quattro direttrici nei prossimi 8 mesi:
Entro 2 mesi, la rimozione di vincoli e restrizioni alla concorrenza e all’attività economica, così da consentire, in particolare nei servizi, livelli produttivi maggiori e costi e prezzi inferiori;
Entro 4 mesi, la definizione di un contesto istituzionale, amministrativo e regolatorio che favorisca il dinamismo delle imprese;
Entro 6 mesi, l’adozione di misure che favoriscano l’accumulazione di capitale fisico e di capitale umano e ne accrescano l’efficacia;
Entro 8 mesi, il completamento delle riforme del mercato del lavoro, per superarne il dualismo e favorire una maggiore partecipazione.
Nei prossimi 4 mesi è, ad ogni modo, prioritario aggredire con decisione il dualismo Nord-Sud che storicamente caratterizza e penalizza l’economia italiana. Tale divario si estrinseca in un livello del Pil del Centro-Nord Italia che eguaglia il livello delle migliori realtà europee, e quello del Mezzogiorno, che è collocato in fondo alla graduatoria europea.
A riguardo, l’esecutivo è intenzionato a utilizzare pienamente i fondi strutturali, impegnandosi in una loro revisione globale, inclusi quelli per lo sviluppo delle infrastrutture, allo scopo di migliorarne l’utilizzo e ridefinirne le priorità in stretta collaborazione con la Commissione Europea. Tale revisione consentirà un’accelerazione, una riconsiderazione delle priorità dell’uso dei Fondi e una regia rafforzata, dove l’Italia è disposta a chiedere un sostegno tecnico alla commissione europea per la realizzazione di questo ambizioso obiettivo. Il programma straordinario per lo sviluppo del Mezzogiorno è definito in maniera evocativa “Eurosud” e nasce dalla convinzione che la crescita del Sud è la crescita dell’Italia intera.
Il Governo, quindi, definirà ed attuerà la revisione strategica dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007-2013. Tale revisione risponde alle Raccomandazioni del Consiglio del 12 luglio 2011 sul Programma Nazionale di Riforma dell’Italia.
Esso si basa su una più forte concentrazione dei Programmi sugli investimenti maggiormente in grado di rilanciare la competitività e la crescita del Paese, segnatamente intervenendo sul potenziale non utilizzato nel Sud, e su un più stringente orientamento delle azioni ai risultati (istruzione, banda larga, ferrovie, nuova occupazione). Tale revisione potrà comportare una riduzione del tasso di cofinanziamento nazionale dei programmi comunitari.
Le risorse resesi disponibili a seguito di questa riduzione saranno programmate attraverso un percorso di concertazione tra il Ministro delegato alle politiche di coesione, il Commissario europeo competente e le regioni interessate basato su una cooperazione rafforzata con la Commissione europea attraverso un apposito gruppo di azione.
Tale piano d’azione sarà definito entro il 15 novembre 2011.
La creazione delle condizioni strutturali per la crescita dell’intero Paese passa inevitabilmente per la revisione delle politiche di:
a. promozione e valorizzazione del capitale umano;
b. efficientamento del mercato del lavoro;
c. apertura dei mercati in chiave concorrenziale;
d. sostegno all’imprenditorialità e all’innovazione;
e. semplificazione normativa e amministrativa;
f. modernizzazione della pubblica amministrazione;
g. efficientamento e snellimento dell’amministrazione della giustizia;
h. accelerazione della realizzazione delle infrastrutture ed edilizia;
i. riforma dell’architettura costituzionale dello Stato.


a. Promozione e valorizzazione del capitale umano
L’accountability delle singole scuole verrà accresciuta (sulla base delle prove INVALSI), definendo per l’anno scolastico 2012-13 un programma di ristrutturazione per quelle con risultati insoddisfacenti; si valorizzerà il ruolo dei docenti (elevandone, nell’arco d’un quinquennio, impegno didattico e livello stipendiale relativo); si introdurrà un nuovo sistema di selezione e reclutamento.
Si amplieranno autonomia e competizione tra Università. Si accrescerà la quota di finanziamento legata alle valutazioni avviate dall’ANVUR e si accresceranno i margini di manovra nella fissazione delle rette di iscrizione, con l’obbligo di destinare una parte rilevante dei maggiori fondi a beneficio degli studenti meno abbienti. Si avvierà anche uno schema nazionale di prestiti d’onore.
Da ultimo, tutti i provvedimenti attuativi della riforma universitaria saranno approvati entro il 31 dicembre 2011.
b. Efficientamento del mercato del lavoro
È prevista l’approvazione di misure addizionali concernenti il mercato del lavoro.
1. In particolare, il Governo si impegna ad approvare entro il 2011 interventi rivolti a favorire l'occupazione giovanile e femminile attraverso la promozione: a. di contratti di apprendistato contrastando le forme improprie di lavoro dei giovani; b. di rapporti di lavoro a tempo parziale e di contratti di inserimento delle donne nel mercato del lavoro; c. del credito di imposta in favore delle imprese che assumono nelle aree più svantaggiate.
2. Entro maggio 2012 l’esecutivo approverà una riforma della legislazione del lavoro a. funzionale alla maggiore propensione ad assumere e alle esigenze di efficienza dell’impresa anche attraverso una nuova regolazione dei licenziamenti per motivi economici nei contratti di lavoro a tempo indeterminato; b. più stringenti condizioni nell'uso dei "contratti para-subordinati" dato che tali contratti sono spesso utilizzati per lavoratori formalmente qualificati come indipendenti ma sostanzialmente impiegati in una posizione di lavoro subordinato.
c. Apertura dei mercati in chiave concorrenziale
Entro il 1° marzo 2012 saranno rafforzati gli strumenti di intervento dell’Autorità per la Concorrenza per prevenire le incoerenze tra promozione della concorrenza e disposizioni di livello regionale o locale. Verrà generalizzata, la liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali in accordo con gli enti territoriali.
Le principali disposizioni contenute nella bozza di disegno di legge sulla concorrenza riguardano i settori della distribuzione dei carburanti e dell’assicurazione obbligatoria sui veicoli. Le misure relative al mercato assicurativo sono state definite all’interno di una proposta di legge di iniziativa parlamentare, che è già stata approvata dalla camera dei deputati ed è attualmente all’esame del senato. Le misure concernenti i mercati della distribuzione carburanti sono state integralmente inserite nel Decreto Legge n.98/2011 e pertanto sono già in vigore. Si è preferito adottare uno strumento legislativo quale il decreto che garantisce l’immediata efficacia degli interventi. nel medesimo decreto legge sono state inserite anche altre disposizioni di apertura dei mercati e liberalizzazioni, tra cui si ricorda in particolare la liberalizzazione in via sperimentale degli orari dei negozi. Nel frattempo, fra i primi in Europa, l’Italia ha aperto alla concorrenza il mercato della distribuzione del gas: sono stati adottati e saranno a breve pubblicati nella gazzetta ufficiale i regolamenti che disciplinano le gare per l’affidamento della distribuzione del gas in ambiti territoriali più ampi dei comuni.
Già con il Decreto Legge n.138/2011 sono state adottate incisive misure finalizzate alla liberalizzazione delle attività d’impresa e degli ordini professionali e dei servizi pubblici locali. In particolare già si prevede che le tariffe costituiscano soltanto un riferimento per la pattuizione del compenso spettante al professionista, derogabile su accordo fra le parti. Il provvedimento sullo sviluppo conterrà recherà altre misure per rafforzare l’apertura degli ordini professionali e dei servizi pubblici locali.
Sempre in materia di ordini professionali, nella manovra di agosto, in tema di accesso alle professioni regolamentate, è stato previsto che gli ordinamenti professionali debbano garantire che l'esercizio dell'attività risponda senza eccezioni ai principi di libera concorrenza, alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale, alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l'effettiva possibilità di scelta degli utenti nell'ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi offerti. Inoltre, già in sede di conversione della manovra di luglio (DL n. 98/2011) è stato previsto che il Governo, sentita l'Alta Commissione per la Formulazione di Proposte in materia di Liberalizzazione dei Servizi, elaborerà proposte per la liberalizzazione dei servizi e delle attività economiche da presentare alle categorie interessate. Dopo 8 mesi dalla conversione del decreto legge, tali servizi si intenderanno liberalizzati, salvo quanto espressamente regolato.
Verranno rafforzati i presidi a tutela della concorrenza nel campo dei servizi pubblici locali, con l’introduzione a livello nazionale di sistemi di garanzia per la qualità dei servizi nei comparti idrico, dei rifiuti, dei trasporti, locali e nazionali e delle farmacie comunali, seguendo rispettivamente questa sequenza temporale 3 mesi, 6 mesi, 9 mesi e 12 mesi.
Per quanto riguarda la riforma dei servizi pubblici locali che il Governo italiano - riprendendo quanto già previsto dall’articolo 23 bis del DL 112/2008 - ha approvato nella manovra di agosto 2011 escludendo il settore idrico a seguito di un referendum popolare. Con le disposizioni che si intende varare si rafforza il processo di liberalizzazione e privatizzazione prevedendo che non è possibile attribuire diritti di esclusiva nelle ipotesi in cui l’ente locale affidante non proceda alla previa verifica della realizzabilità di un sistema di concorrenza nel mercato, ossia di un sistema completamente liberalizzato. Inoltre, viene previsto un ampliamento delle competenze dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, nonché un sistema di benchmarking al fine di assicurare il progressivo miglioramento della qualità di gestione e di effettuare valutazioni comparative delle diverse gestioni.
d. Sostegno all’imprenditorialità e all’innovazione
Entro il 2011, al fine di favorire la crescita delle imprese il Governo prevede di utilizzare la leva fiscale per agevolare la capitalizzazione delle aziende, con meccanismi di deducibilità del rendimento del capitale di rischio. Verranno potenziati gli schemi a partecipazione pubblica di venture capital e private equity, preservando la concorrenza nei relativi comparti.
Il Governo trasformerà le aree di crisi in aree di sviluppo, rendendo più semplice ed efficace la procedura per definire i programmi di rilancio, che potranno essere finanziati anche con risorse comunitarie.
Forte impegno dell’esecutivo verso le PMI, destinando loro il 50% delle risorse non utilizzate ogni anno del Fondo Rotativo per il Sostegno alle imprese e per gli investimenti in ricerca.
Questi interventi – insieme al Contratto di Sviluppo, già operativo – rientrano a pieno titolo nell’ambito del riordino generale degli incentivi contenuto nello Statuto delle Imprese, che diventerà legge nelle prossime settimane.
Per garantire la liquidità delle imprese si prevede un sistema di certificazione di debiti delle Pubbliche Amministrazioni locali nei confronti delle imprese stesse al fine di consentire lo sconto e successivo pagamento da parte delle banche, in conformità alle procedure di calcolo Eurostat e senza impatto addizionale sull’indebitamento della Pubblica Amministrazione.
e. Semplificazione normativa e amministrativa
Il Governo incentiva la costituzione di “zone a burocrazia zero” in tutto il territorio nazionale in via sperimentale per tutto il 2013, anche attraverso la creazione dell’U.L.G. – Ufficio Locale dei Governi quale autorità unica amministrativa che coinvolgerà i livelli locali di governo in passato esclusi.
Il Governo mira a semplificare la costituzione del bilancio delle S.r.l., la digitalizzazione del deposito dell’atto di trasferimento delle quote delle società e lo snellimento in materia di vigilanza delle società di capitali e degli organi di controllo.
I rapporti con la pubblica amministrazione diventeranno più snelli grazie alla completa sostituzione dei certificati con delle autocertificazioni, mentre le certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione resteranno valide solo nei rapporti tra privati.
I controlli sulle imprese si ispireranno a criteri di semplicità e proporzionalità, al fine di evitare duplicazioni e sovrapposizioni che possano recare intralcio al normale esercizio delle attività imprenditoriali.
Da ultimo, per quanto riguarda la semplificazione amministrativa verrà completata nei prossimi 6 mesi la strategia di revisione della regolamentazione settoriale, elaborando proposte puntuali di semplificazione dei procedimenti e monitorandone gli effetti. Verrà rafforzata e accelerata l’attuazione del programma di misurazione e riduzione degli oneri amministrativi derivanti da obblighi di tipo informativo previsti da leggi statali (MOA). Inoltre, ove la disciplina sia di fonte regionale e locale, verranno rafforzati ed estesi gli incentivi previsti dalla manovra estiva per i procedimenti amministrativi relativi all’avvio e alla svolgimento dell’attività d’impresa. L’obiettivo è quello di migliorare il posizionamento dell’Italia nella graduatoria internazionale relativa al Doing Business, nei prossimi 3 anni.
f. Modernizzazione della pubblica amministrazione
La pubblica amministrazione è un volano fondamentale della crescita. Stiamo creando le condizioni perché la pubblica amministrazione sia pronta ad accompagnare la ripresa, svolgendo una funzione di servizio allo sviluppo e non di zavorra burocratica. Ecco perché la semplificazione, la trasparenza e la meritocrazia sono fondamentali. Un tassello rilevante è costituito dalla piena attuazione della Riforma Brunetta della pubblica amministrazione, in particolar modo dalle misure che rafforzano il ruolo della Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l’Integrità delle amministrazioni pubbliche (istituita nel dicembre del 2009) e le cui competenze saranno integrate con il disegno di legge in materia di anticorruzione, già approvato dal Senato, e attualmente all’esame della Camera dei Deputati. Esso rappresenta un passaggio importante per la completa implementazione della riforma della pubblica amministrazione in quanto individua una nuova governance per l’attività di prevenzione e contrasto della corruzione, affidando le funzioni alla Commissione e individuando con estrema puntualità le modalità di accrescimento del livello di trasparenza della pubblica amministrazione.
Per rendere più efficiente, trasparente, flessibile e meno costosa la pubblica amministrazione tanto a livello centrale quanto a livello degli enti territoriali (oltre al vigente blocco del turnover del personale) renderemo effettivi con meccanismi cogenti/sanzionatori: a. la mobilità obbligatoria del personale; b. la messa a disposizione (Cassa Integrazione Guadagni) con conseguente riduzione salariale e del personale; c. il superamento delle dotazioni organiche.
Contestualmente all’entrata in vigore della legge costituzionale recante l’abolizione e la razionalizzazione delle province è prevista l’approvazione di una normativa transitoria per il trasferimento del relativo personale nei ruoli delle regioni e dei comuni.
g. Efficientamento e snellimento dell’amministrazione della giustizia
Proseguendo sulla linea delle misure definite in estate, verranno rafforzati il contrasto della litigiosità e la prevenzione del contenzioso (anche attraverso la costituzione presso il Ministero della Giustizia di un gruppo tecnico che individui situazioni a forte incidenza di litigiosità e proponga specifici interventi di contrasto). Entro il 30 aprile 2012 verrà completato il progetto in corso presso il Ministero della Giustizia per la creazione di una banca dati centralizzata per le statistiche civili e per quelle fallimentari. Verranno rafforzati i meccanismi incentivanti per gli uffici virtuosi di cui alla Legge n. 111 del 2011. L’obiettivo è quello della riduzione della durata delle controversie civili di almeno il 20 per cento in 3 anni.
h. Accelerazione della realizzazione delle infrastrutture ed edilizia
Oltre alla realizzazione degli investimenti già concordati con le società concessionarie, il Governo solleciterà una maggiore partecipazione degli investitori privati, definendo entro il 31 dicembre 2011 standard contrattuali tipo che facilitino il ricorso al project financing, con una più chiara ed efficiente allocazione dei rischi tra le parti e accrescendo le certezze sulla redditività dell’opera e la prevenzione di comportamenti di tipo monopolistico nella determinazione dei pedaggi. Verrà rafforzata la qualità della programmazione finanziaria pubblica, definendo obiettivi pluriennali di spesa e concentrando le risorse su progetti considerati strategici.
Il Governo è impegnato nella definizione nelle prossime 10 settimane di alcune opere immediatamente cantierabili, su proposta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che potranno beneficiare, a titolo di contributo al finanziamento, della defiscalizzazione (IRAP, IRES) a vantaggio dei concessionari dell’opera stessa. Inoltre sono previste una serie di semplificazioni e velocizzazioni nelle procedure di approvazione dei progetti da parte del CIPE e la suddivisione degli appalti in lotti funzionali per garantire alle PMI un accesso facilitato.
Si prevede lo sblocco degli investimenti privati grazie alla semplificazione delle procedure relative ai contratti di programma dei maggiori aeroporti italiani. Infine, sono previste norme mirate all’ottimizzazione delle gestioni negli impianti portuali e di semplificazione in materia di trasporto eccezionale su gomma.
Da ultimo, è in corso di predisposizione una garanzia “reale” dello Stato (attraverso propri beni immobili, e non solo di natura finanziaria) per i mutui prima casa di giovani coppie, prive di contratto di lavoro a tempo indeterminato. Questo garantirà un nuovo impulso al mercato immobiliare e alle nuove famiglie.
i. Riforma dell’architettura costituzionale dello Stato
Il Governo italiano è impegnato in un processo di complessiva riforma costituzionale. Essa riguarda tanto l’assetto costituzionale dei poteri, quanto la cornice normativa volta a promuovere le condizioni di sviluppo del mercato e una disciplina più rigorosa delle finanze pubbliche.
Pur nella complessità del processo di revisione costituzionale l’Italia intende giungere all’approvazione della prima lettura di tali disegni di legge costituzionale entro i prossimi 6/12 mesi.
In particolare, quanto alla riforma dello Stato, si tratta dei seguenti provvedimenti:
a. Disegno di legge (già approvato in prima lettura alla Camera) sulla modifica dell’elettorato attivo e passivo per l’elezione al Parlamento nazionale al fine di garantire una maggiore partecipazione giovanile alla vita politica.
b. Due disegni di legge (all’esame del Parlamento) di riforma complessiva dell’organizzazione dei vertici delle istituzioni politiche, con particolare riferimento alla riduzione significativa del numero dei parlamentari, all’abolizione delle province, alla riforma in senso federale dello Stato, alla maggiore efficienza dei meccanismi decisionali e al rafforzamento del ruolo dell’esecutivo e della maggioranza.
Sul secondo versante, relativo alla disciplina del mercato e al rigore della finanza pubblica, si prevede:
a. Un disegno di legge (la cui approvazione è in corso proprio in questi giorni presso la Camera dei deputati) di riforma degli articoli della costituzione relativi alla libertà di iniziativa economica e alla tutela della concorrenza, nonché alla riforma della pubblica amministrazione in funzione della valorizzazione dell’efficienza e del merito.
b. Un disegno di legge sull’introduzione del vincolo di pareggio di bilancio sul modello già seguito in altri ordinamenti europei.
A tal fine si deve ricordare che l’articolo 138 della Costituzione Italiana impone che le leggi costituzionali ad intervallo non minore di tre mesi. Quindi, anche con la massima celerità possibile, le riforme costituzionali richiedono dei tempi minimi imprescindibili.
Le conseguenti leggi attuative saranno successivamente attuate senza indugio, non essendovi vincoli temporali nell’ambito della Costituzione.


C. UNA FINANZA PUBBLICA SOSTENIBILE


Le pensioni
Nella attuale legislatura la normativa previdenziale è stata oggetto di ripetuti interventi che hanno reso a regime il sistema pensionistico italiano tra i più sostenibili in Europa e tra i più capaci di assorbire eventuali choc negativi.
Grazie al meccanismo di aggancio dell'età pensionabile alla speranza di vita introdotto nel 2010 (art. 12 commi 12-bis e 12-ter, DL 78/2010, come modificato con art. 18 comma 4, DL 98/2011), il Governo italiano prevede che il requisito anagrafico per il pensionamento sarà pari ad almeno 67 anni per uomini e donne nel 2026.
Sono già stati rivisti i requisiti necessari per l’accesso al pensionamento di anzianità. Tali requisiti aumenteranno gradualmente fino ad arrivare a regime a partire dal 2013. Questi requisiti sono in ogni caso agganciati in aumento all’evoluzione della speranza di vita.

La delega fiscale e assistenziale previdenziale
Il provvedimento di iniziativa governativa è già all’esame del Parlamento e sarà approvato, entro il 31 gennaio 2012, quindi con tempi compatibili all’emanazione dei provvedimenti delegati entro il 2012. Comunque, anche al fine di accrescere la fiducia degli investitori, nel rispetto del percorso di risanamento programmato, il Governo ha fornito, con la Legge 148 del 14 settembre 2011, le risorse che saranno reperite con l’esercizio della delega per la riforma dei sistemi fiscale e assistenziale sulla base degli attuali regimi di favore fiscale e delle sovrapposizioni fra agevolazioni e conseguenti inefficienze ad oggi individuate. Tali risorse ammontano ad almeno 4 miliardi di euro nell’anno 2012, 16 miliardi nel 2013 e 20 miliardi di euro annui a decorrere dal 2014. Contestualmente, per dare massima garanzia sul rispetto dei saldi è stata introdotta una clausola di salvaguardia. La clausola prevede che, in caso di ritardo nell’attuazione della delega oltre il 30 settembre 2012, le agevolazioni fiscali vigenti saranno ridotte del 5% per l’anno 2012 e del 20% a decorrere dal 2013. In alternativa, anche parziale, si è stabilita la possibilità di disporre con decreto del Presidente del consiglio, su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, la rimodulazione delle aliquote delle imposte indirette, inclusa l’accisa.
In breve, qualora la delega non fosse esercitata entro il 30 settembre 2012 o le nuove disposizioni fiscali e assistenziali non siano in grado di garantire un sufficiente effetto positivo sul deficit (almeno 4 miliardi nel 2012, 16 miliardi nel 2013 e 20 miliardi a partire dal 2014), si avrà una riduzione automatica delle agevolazioni fiscali che garantirà comunque il raggiungimento degli obiettivi di risparmio. Viceversa, se la delega verrà esercitata entro il termine e le nuove disposizioni garantiranno effetti di risparmio almeno pari a quelli previsti, non si procederà dunque al taglio automatico delle agevolazioni.

Le dismissioni
Entro il 30 novembre 2011, il Governo definirà un piano di dismissioni e valorizzazioni del patrimonio pubblico che prevede almeno 5 miliardi di proventi all’anno nel prossimo triennio. Previo accordo con la Conferenza Stato-Regioni, gli enti territoriali dovranno definire con la massima urgenza un programma di privatizzazione delle aziende da essi controllate. I proventi verranno utilizzati per ridurre il debito o realizzare progetti di investimento locali.

La razionalizzazione della spesa pubblica
Il Governo ribadisce l’impegno a definire entro il 31 dicembre 2011 il programma per la riorganizzazione della spesa previsto dalla Legge 14 settembre 2011, n. 148, in particolare per quanto riguarda: l’integrazione operativa delle agenzie fiscali; la razionalizzazione di tutte le strutture periferiche dell’amministrazione dello Stato e degli enti della previdenza pubblica in modo da creare sinergie e ottimizzare l’uso delle risorse; il coordinamento delle attività delle forze dell’ordine; la razionalizzazione dell’organizzazione giudiziaria nel suo complesso in modo da accelerare i tempi della giustizia civile; e la riorganizzazione della rete consolare e diplomatica. Il Governo attuerà i primi interventi dal 1° gennaio 2012 e darà conto dei progressi realizzati con cadenza trimestrale.


Debito pubblico
Entro il 31 dicembre 2011, il governo affiderà l’elaborazione di un piano organico per l’abbattimento del debito attraverso anche le dismissioni ad una commissione ristretta di personalità di prestigio, in collaborazione con gli enti territoriali e con le principali istituzioni economiche e finanziarie nazionali ed internazionali.

Il costo degli apparati istituzionali
Il Governo riconosce la necessità di rafforzare gli interventi volti a ridurre i costi degli apparati istituzionali. In particolare, verrà perseguita entro il 2012, una razionalizzazione e soppressione delle provincie e la riallocazione delle funzioni delle Province alle Regioni o ai Comuni, in modo da assicurare un significativo snellimento dei relativi apparati burocratici e degli organi rappresentativi. Verrà rafforzato il regime di incompatibilità fra le cariche elettive ai diversi livelli di governo.


Il pareggio di bilancio
Il disegno di legge di riforma della Costituzione in materia di pareggio di bilancio è già all’esame della Camera dei Deputati. L’obiettivo è quello di una sua definitiva approvazione entro la metà del 2012.
Con le modifiche introdotte con la Legge n.39/2011 alla “Legge di contabilità e finanza pubblica (L. 196/2009) è stata rivista la normativa relativa alle coperture finanziarie delle leggi a vantaggio del rafforzamento della relativa disciplina fiscale. In particolare, per la copertura degli oneri correnti della legge di stabilità è stata circoscritta la possibilità di utilizzare il miglioramento del risparmio pubblico, escludendo la possibilità di finanziare con tali risorse nuove o maggiori spese correnti.

Definire le ulteriori misure correttive eventualmente necessarie
Il Governo monitorerà costantemente l’andamento dei conti pubblici. Qualora il deterioramento del ciclo economico dovesse portare a un peggioramento nei saldi il Governo interverrà prontamente. L’utilizzo del Fondo per esigenze indifferibili sarà vincolato all’accertamento, nel giugno del 2012, di andamenti dei conti pubblici coerenti con l’obiettivo per l’indebitamento netto del prossimo anno.

D. CONCLUSIONI
Siamo sicuri che, con l’impegno di tutti, scaturito dalla consapevolezza che ci troviamo a fronteggiare problemi che riguardano l’intera Unione e la tenuta stessa della moneta comune, dunque problemi non circoscrivibili a questa o quella debolezza o forza nazionali, consegneremo ai giovani un’Europa più forte e più coesa.

mercoledì 26 ottobre 2011

Draghi:Bce prosegue misure straordinarie,Italia si salvi da sola (fonte reuters)

"Della crisi l'Italia non aveva nulla da rimproverarsi, ma per debolezze strutturali mai curate ne veniva travolta al punto da ritrovarsi, un po' per la lentezza di uscire dalla sua crisi, ad essere divenuta essa stessa una ragione di crisi generale".
Cio' nonostante Draghi ha detto che l'Italia può affrontare la situazione "se non dimenticherà i suoi punti di forza in primis il presidente della Repubblica, Giorgio Napoletano", e se riconosce "i nodi da sciogliere e non si affiderà ad altri" per risolverli, indipendentemente da chi li segnala.
Al summit europeo di domenica scorsa è stato chiesto a Roma di correre ai ripari e di definire entro stasera le misure per rilanciare la crescita, tra le quali la riforma del mercato del lavoro e delle pensioni.
Dopo una forte divisione interna tra Pdl e Lega Nord sull'opportunità di introdurre norme più restrittive sul sistema previdenziale, esponenti del governo hanno fatto capire che una intesa è stata trovata anche se i termini non sono stati ancora ufficializzati e che una missiva sarà consegnata dall'Italia all'inizio del vertice stasera.
Draghi ha detto che "la lettera di intenti formulata dal governo italiano è un passo importante...un piano di riforme organico per lo sviluppo dell'economia italiana", ma ha aggiunto che le riforme "ora si tratta di farle con rapidità e con concretezza. Non nascondiamoci che si tratta di azioni coraggiose che devono però essere accompagnate dalla tutela delle fasce deboli che saranno toccate".
Il governatore ha spiegato che nel breve periodo un sostegno alla crescita può provenire da azioni di tipo macroeconomico: "La composizione del prelievo fiscale può essere modificata, trasferendone il peso dalle imposte e dai contributi che gravano sul lavoro e sull'attività produttiva all'imposizione sulla proprietà e sul consumo".
Ma un rilancio duraturo della crescita sostenibile passa per le riforme strutturali "da tempo invocate, in larga parte condivise ma tuttora inattuate: elevare la concorrenza nei mercati dei prodotti, in particolare nei servizi; costruire un contesto amministrativo e regolatorio più favorevole alle attività d'impresa; sospingere l'accumulazione di capitale fisico e umano; innalzare i livelli di partecipazione al mercato del lavoro".

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora