mercoledì 30 novembre 2011

Pensioni, alt dei sindacati: ''40 è numero intoccabile''. Confindustria: ''Niente veti''

Pensioni, alt dei sindacati: ''40 è numero intoccabile''. Confindustria: ''Niente veti''

FINMECCANICA: FIOM, GOVERNO GARANTISCA VERTICI TRASPARENTI

(ASCA) - Roma, 30 nov - Il Governo garantisca vertici della holding Finmeccanica trasparenti e qualificati, aprendo inoltre un confronto con i sindacati su politiche industriali e relazioni sindacali nel gruppo. Lo chiede la Fiom che oggi ha riunito il Coordinamento nazionale dei delegati delle aziende del gruppo Finmeccanica.

''Per la particolare situazione di crisi che investe l'Italia, e per il motivo che non esiste Paese al mondo che divida le proprie produzioni di eccellenza militari da quelle civili, la Fiom e' nettamente contraria alla dismissione della filiera civile della stessa Finmeccanica - si legge in una nota -. La Fiom chiede quindi al nuovo Governo di aprire un confronto con le Organizzazioni sindacali sulle politiche industriali e sul ruolo dell'Italia nei settori trasporti, energia, difesa e aeronautica/spazio''.

''In particolare, in quanto socio di riferimento il Governo deve garantire che, ai vertici della holding, ci sia un gruppo dirigente trasparente e qualificato - conclude la Fiom -. Nell'auspicio che la Magistratura porti avanti in tempi rapidi le inchieste riguardanti Finmeccanica e definisca le eventuali responsabilita' di tutti i dirigenti della holding e delle diverse Aziende del gruppo che possano aver commesso illeciti penali, per il bene dei lavoratori e della stessa Finmeccanica consideriamo indispensabile che i dirigenti coinvolti nelle inchieste in corso si dimettano dai propri incarichi''.

LICIO GELLI

GLI ITALIANI CHE IN QUESTI ANNI HANNO PARTECIPATO ALLE RIUNIONI DEL GRUPPO BILDERBERG

Tremonti e Monti 2011
Barzini, Luigi, Italy. 1980
Benvenuto , Giorgio, Italy 1980
Andreatta, Nino, Italy 1978
Agnelli, Giovanni, Italy. 1976 molti anni
Cittadini Cesi molti anni, Il Marchese, Italy. Collado, Emilio G ... Colonna di Paliano, Prince Guido, Italy 1972
Altissimo, Renato, Italy 1970
Cavazza, Fabio Luca, Italy. Collado, Emilio G.1968
Peccei, Aurelio, Italy, Ferrari Aggradi, Mario, Italy.1967
Malagodi, Giovanni F. Italy 1958
Quaroni, Pietro, Italy. 1958
Fanfani, Amintore, Italy. Malagodi, Giovanni F. Italy 1957
Alcide de Gasperi, Italy 1954

liste: http://publicintelligence.net/tag/bilderberg/

BILDERBERG MEETINGS 2011 partecipanti list

BEL Davignon, Etienne Minister of State, Honorary Chairman
DEU Ackermann, Josef Chairman of the Management Board and the Group Executive Committee, Deutsche Bank AG
GBR Agius, Marcus Chairman, Barclays PLC
USA Alexander, Keith B. Commander, USCYBERCOM; Director, National Security Agency
INT Almunia, Joaquín Vice President, European Commission; Commissioner for Competition
USA Altman, Roger C. Chairman, Evercore Partners Inc.
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman and CEO, IMPRESA, S.G.P.S.; Former Prime Minister
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
FRA Bazire, Nicolas Managing Director, Groupe Arnault /LVMH
ITA Bernabè, Franco CEO, Telecom Italia SpA
USA Bezos, Jeff Founder and CEO, Amazon.com
SWE Bildt, Carl Minister of Foreign Affairs
SWE Björling, Ewa Minister for Trade
NLD Bolland, Marc J. Chief Executive, Marks and Spencer Group plc
CHE Brabeck-Letmathe, Peter Chairman, Nestlé S.A.
AUT Bronner, Oscar CEO and Publisher, Standard Medien AG
CAN Carney, Mark J. Governor, Bank of Canada
FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA
ESP Cebrián, Juan Luis CEO, PRISA
NLD Chavannes, Marc E. Political Columnist, NRC Handelsblad; Professor of Journalism, University of Groningen
TUR Ciliv, Süreyya CEO, Turkcell Iletisim Hizmetleri A.S.
CAN Clark, Edmund President and CEO, TD Bank Financial Group
BEL Coene, Luc Governor, National Bank of Belgium
USA Collins, Timothy C. CEO, Ripplewood Holdings, LLC
ESP Cospedal, María Dolores de Secretary General, Partido Popular
INT Daele, Frans van Chief of Staff to the President of the European Council
GRC David, George A. Chairman, Coca-Cola H.B.C. S.A.
DNK Eldrup, Anders CEO, DONG Energy
ITA Elkann, John Chairman, Fiat S.p.A.
DEU Enders, Thomas CEO, Airbus SAS
AUT Faymann, Werner Federal Chancellor
DNK Federspiel, Ulrik Vice President, Global Affairs, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. George F. Baker Professor of Economics, Harvard University
PRT Ferreira Alves, Clara CEO, Claref LDA; writer
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
CHN Fu, Ying Vice Minister of Foreign Affairs
IRL Gallagher, Paul Senior Counsel; Former Attorney General
CHE Groth, Hans Senior Director, Healthcare Policy & Market Access, Oncology Business Unit, Pfizer Europe
TUR Gülek Domac, Tayyibe Former Minister of State
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University; Former Honorary Secretary General of Bilderberg Meetings
GRC Hardouvelis, Gikas A. Chief Economist and Head of Research, Eurobank EFG
USA Hoffman, Reid Co-founder and Executive Chairman, LinkedIn
CHN Huang, Yiping Professor of Economics, China Center for Economic Research, Peking University
USA Hughes, Chris R. Co-founder, Facebook
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman & CEO, Lazard
CHE Janom Steiner, Barbara Head of the Department of Justice, Security and Health, Canton Grisons
FIN Johansson, Ole Chairman, Confederation of the Finnish Industries EK
USA Johnson, James A. Vice Chairman, Perseus, LLC
USA Jordan, Jr., Vernon E. Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
USA Keane, John M. Senior Partner, SCP Partners; General, US Army, Retired
GBR Kerr, John Member, House of Lords; Deputy Chairman, Royal Dutch Shell plc
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
TUR Koç, Mustafa V. Chairman, Koç Holding A.S.
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow, Hudson Institute, Inc.
INT Kroes, Neelie Vice President, European Commission; Commissioner for Digital Agenda
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group SA
GBR Lambert, Richard Independent Non-Executive Director, Ernst & Young
INT Lamy, Pascal Director General, World Trade Organization
ESP León Gross, Bernardino Secretary General of the Spanish Presidency
CHE Leuthard, Doris Federal Councillor
FRA Lévy, Maurice Chairman and CEO, Publicis Groupe S.A.
BEL Leysen, Thomas Chairman, Umicore
USA Li, Cheng Senior Fellow and Director of Research, John L. Thornton China Center, Brookings Institution
DEU Löscher, Peter President and CEO, Siemens AG
GBR Mandelson, Peter Member, House of Lords; Chairman, Global Counsel
IRL McDowell, Michael Senior Counsel, Law Library; Former Deputy Prime Minister
CAN McKenna, Frank Deputy Chair, TD Bank Financial Group
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
FRA Montbrial, Thierry de President, French Institute for International Relations
ITA Monti, Mario President, Universita Commerciale Luigi Bocconi
RUS Mordashov, Alexey A. CEO, Severstal
USA Mundie, Craig J. Chief Research and Strategy Officer, Microsoft Corporation
NOR Myklebust, Egil Former Chairman of the Board of Directors SAS, Norsk Hydro ASA
DEU Nass, Matthias Chief International Correspondent, Die Zeit
NLD Netherlands, H.M. the Queen of the
ESP Nin Génova, Juan María President and CEO, La Caixa
PRT Nogueira Leite, António Member of the Board, José de Mello Investimentos, SGPS, SA
NOR Norway, H.R.H. Crown Prince Haakon of
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell plc
CAN Orbinksi, James Professor of Medicine and Political Science, University of Toronto
USA Orszag, Peter R. Vice Chairman, Citigroup Global Markets, Inc.
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
NOR Ottersen, Ole Petter Rector, University of Oslo
GRC Papaconstantinou, George Minister of Finance
TUR Pekin, Şefika Founding Partner, Pekin & Bayar Law Firm
FIN Pentikäinen, Mikael Publisher and Senior Editor-in-Chief, Helsingin Sanomat
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute for Public Policy Research
CAN Prichard, J. Robert S. Chair, Torys LLP
CAN Reisman, Heather Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
USA Rockefeller, David Former Chairman, Chase Manhattan Bank
INT Rompuy, Herman van President, European Council
USA Rose, Charlie Executive Editor and Anchor, Charlie Rose
NLD Rosenthal, Uri Minister of Foreign Affairs
AUT Rothensteiner, Walter Chairman of the Board, Raiffeisen Zentralbank Österreich AG
FRA Roy, Olivier Professor of Social and Political Theory, European University Institute
USA Rubin, Robert E. Co-Chairman, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury
ITA Scaroni, Paolo CEO, Eni S.p.A.
CHE Schmid, Martin President, Government of the Canton Grisons
USA Schmidt, Eric Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf Member of the Board of Executive Directors, Oesterreichische Kontrollbank AG
DNK Schütze, Peter Member of the Executive Management, Nordea Bank AB
CHE Schweiger, Rolf Member of the Swiss Council of States
INT Sheeran, Josette Executive Director, United Nations World Food Programme
CHE Soiron, Rolf Chairman of the Board, Holcim Ltd., Lonza Ltd.
INT Solana Madariaga, Javier President, ESADEgeo Center for Global Economy and Geopolitics
NOR Solberg, Erna Leader of the Conservative Party
ESP Spain, H.M. the Queen of
USA Steinberg, James B. Deputy Secretary of State
DEU Steinbrück, Peer Member of the Bundestag; Former Minister of Finance
GBR Stewart, Rory Member of Parliament
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International
GBR Taylor, J. Martin Chairman, Syngenta International AG
USA Thiel, Peter A. President, Clarium Capital Management, LLC
ITA Tremonti, Giulio Minister of Economy and Finance
INT Trichet, Jean-Claude President, European Central Bank
GRC Tsoukalis, Loukas President, ELIAMEP
USA Varney, Christine A. Assistant Attorney General for Antitrust
CHE Vasella, Daniel L. Chairman, Novartis AG
USA Vaupel, James W. Founding Director, Max Planck Institute for Demographic Research
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
USA Warsh, Kevin Former Governor, Federal Reserve Board
NLD Winter, Jaap W. Partner, De Brauw Blackstone Westbroek
CHE Witmer, Jürg Chairman, Givaudan SA and Clariant AG
USA Wolfensohn, James D. Chairman, Wolfensohn & Company, LLC
INT Zoellick, Robert B. President, The World Bank Group
Rapporteurs
GBR Bredow, Vendeline von Business Correspondent, The Economist
GBR Wooldridge, Adrian D. Foreign Correspondent, The Economist

IL GOVERNO MONTI: Le strane fatture di Massimo Garbini, l’uomo volut...

IL GOVERNO MONTI: Le strane fatture di Massimo Garbini, l’uomo volut...: Le strane fatture di Massimo Garbini, l’uomo voluto da Mario Monti alla guida di Enav | Marco Lillo | Il Fatto Quotidiano

martedì 29 novembre 2011

IL GOVERNO MONTI: Verso manovra da 20-25 miliardi. PENSIONI: SOGLIA ...

IL GOVERNO MONTI: Verso manovra da 20-25 miliardi. PENSIONI: SOGLIA ...: Con revisione Pil cresce l'entità della correzione dei conti. Facendo riferimento al calo dello 0,5% nel 2012 previsto dall'Ocse, la correz...

IL GOVERNO MONTI: SENZA PATRIMONIALE DIVENTERO' IL NEMICO NUMERO UNO...

IL GOVERNO MONTI: SENZA PATRIMONIALE DIVENTERO' IL NEMICO NUMERO UNO...: PRESSO CHE IL DISATRO NON E' DI MONTI MA DI ANNI DI DECLINO BERLUSCONIANO E LEGHISTA CON LA COLLABORAZIONE DI MUMMIE COME IL PD E UDC. T...

PRESENTAZIONE - ISCRIZIONE - ADESIONE ALL'ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO

DICEMBRE (LA DATA DOVREBBE ESSERE IL)

19 DICEMBRE 2011

PRESENTEREMO SUL TERRITORIO SICILIANO

L'ASSOCIAZIONE COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNO
(ASSOCIAZIONE CHE INTENDE ADERIRE ALLA COMPAGNIA DELLE OPERE)

TUTTI GLI AMICI CHE VOGLIONO ADERIRE COME SOCI PER L'ANNO 2012 POSSONO ISCRIVERSI O TELEFONARMI PER CONFERMARMI IL NUMERO DEI PARTECIPANTI.

PER L'ANNO 2012 TALE NUMERO E FISSATO AD UN MASSIMO DI 300 PERSONE.

IL COSTO PER L'ADESIONE E' DI 18 EURO CADAUNO.I FAMILIARI NON SOCI PAGHERANNO SOLO IL COSTO DELLA CENA DA STABILIRSI MA INFERIORE AI 18 EURO.

SEGUIRA' NELLA SERATA UNA CENA CON PRODOTTI TIPICI DELLA SICILIA PRESENTATI DA UN NOSTRO SOCIO NUTRIZIONISTA.

L'ASSOCIAIZONE CHE PONE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO LA SICILIA E IL MEZZOGIORNO HA SCELTO COME LOCATION "COMPRASUD" AL CENTRO COMMERCIALE ALLE PORTE DI CATANIA.

ISCRIZIONE: https://www.facebook.com/event.php?eid=201662876574714

CONTATTO: remo.pulcini@tin.it

COSTRUIRE UN CENTRO DESTA CATTOLICO CON VOLTI NUOVI

COSTRUIRE UN CENTRO DESTA CATTOLICO CON VOLTI NUOVI

CERTAMENTE IL PD (CON LA VITTORIA IN TASCA NON LO PERMETTERA'), NEPPURE IL PDL E LA LEGA.

TUTTAVIA SI STA LAVORANDO NEI MEANDRI DEI CUORI BIPARTIZAN DEI CATTOLICI PER ADIVENIRE AD UNA NUOVA ITALIA.

TUTTI I CATTOLICI DOVRANNO ATTIVARSI.

SIA CHIARO CHE CASINI, FORMIGONI ED ALTRI DOVRANNO POI LASCIARE IL POSTO A VOLTI NUOVI.

IO ATTRAVERSO I SOCIAL NETWORKS LAVORO SULL'IDEA E NON SOLO.

http://www.blogger.com/blog-transition.g?blogID=2345673041958952850

SU FACEBOOK TROVATE GRUPPI CITTA' E REGIONE DOVE ADERIRE

ECCO COSA ACCADRA' POLITICAMENTE IN REGIONE SICILIA

AMICI E NEMICI TUTTI SICILIANI CHE MI CONOSCETE DA TEMPO.

PURTROPPO NELLA POLITICA SICILIANA DEI PROSSIMI MESI NON CI SARA' NESSUNA NOVITA' ANZI', TUTTO CAMBIA PER NON CAMBIARE NULLA.

NON CHE NON SI POSSA GOVERNARE CON LOMBARDO O MICCICHE', OPPURE CON IL PD O IL PDL E CHE LA REGIONE AVREBBE BISOGNO DI UNA NOVITA' UNA SCOSSA, UN RINNOVAMENTO ED INVECE PREVEDO SOLO QUESTA SITUAZIONE.

SU PALERMO SUPERATA LA BORSELLINO PER SUA POSIZIONE, IL CANDIDATO PIU' PLAUSIBILE DELLA TORNATA SARA':

LEOLUCA ORLANDO

SULLA REGIONE SICILIA APPARE EVIDENTE UN POSSIBILE SOSTEGNO ESTERNO E RIAVVICINAMENTO AL CANDIDATO DA PARTE DI SOGETTI POLITICI:

MICCICHE'

IL GOVERNO MONTI: VEDIAMO CHI SONO I SOTTOSEGRETARI

IL GOVERNO MONTI: VEDIAMO CHI SONO I SOTTOSEGRETARI: ROMA - Con la nomina dei sottosegretari e dei vice-ministri da parte del CDM si è completata la squadra del governo guidato da Mario Monti....

IL GOVERNO MONTI: Governo Monti, ecco i sottosegretari

IL GOVERNO MONTI: Governo Monti, ecco i sottosegretari: Reintrodotto il posto di Brunetta. La Dassù agli Esteri. In squadra D'Andrea e Magri (unici politici), Ceriani, Polillo, Peluffo e Ciaccia. ...

lunedì 28 novembre 2011

NASCE UNA NUOVA INIZIATIVA COINVOLGENTE: CENTRO DESTRA CATTOLICO DI REMO PULCINI

www.centrodestracattolico.com

dopo:

PDLSOCIALNETWORKS
TERZO POLO

NASCE UNA NUOVA E COINVOLGENTE INIZIATIVA COSTRUIRE

UN CENTRO DESTRA CATTOLICO PARTENDO DAL SOCIALNETWORKS

IN TAL CASO NON SI TRATTA DI PURO MARKETING POLITICO MA DI COINVOLGIMENTO EMOTIVO ESSENDO IO CATTOLICO PRATICANTE E DEMOCRISTIANO.

L'ITALIA DEL POST MONTI AVRA' BISOGNO DI UN GOVERNO

DI CENTRO DESTRA CATTOLICO ANCHE CON MONTI

ED IO FARO DI TUTTO PER FARLO REALIZZARE E NON AZZOPPARE

REMO PULCINI

Monti: idea mini patrimoniale, apertura dal Pdl (FIRST ONLINE)

Si pensa a un prelievo dello 0,5% sulle ricchezze superiori al milione di euro - Apertura dal segretario del Pdl, Angelino Alfano - In settimana il Premier incontrerà le parti sociali e i leader dei partiti maggiori - Oggi le nomine di viceministri e sottosegretari a Roma - Domani Eurogruppo ed Ecofin a Bruxelles - Manovra attesa alla Camera il 5 dicembre.
[Mario Monti e Silvio Berlusconi]

"Non escludo un intervento sui patrimoni". Prudente nella scelta delle parole, clamoroso nei contenuti. Così il segretario del Pdl, Angelino Alfano, apre uno spiraglio alla possibilità della patrimoniale. Lo spauracchio che per tutta l'estate ha infestato gli incubi dell'ultimo governo Berlusconi alla fine potrebbe diventare realtà con i tecnici di Monti. Sono d'accordo l'Europa, la sinistra e le parti sociali, Confindustria compresa. Ma per ottenere il sì dei pidiellini, che rappresentano ancora il partito di maggioranza relativa in Parlamento, sembra che il Professore stia puntando su una versione in miniatura della tassa più odiata d'Italia.

In sostanza, si tratterebbe di colpire le ricchezze superiori al milione di euro, con un'aliquota che non dovrebbe andare oltre lo 0,5%. Il tutto, si intende, solo in via temporanea. Il gettito atteso sarebbe però tutt'altro che trascurabile: dalle prime stime si prevede un incasso superiore ai cinque miliardi l'anno. Soldi che proverrebbero dalle tasche di quelle 240 mila famiglie italiane che - pur rappresentando solo l'1% della popolazione - hanno in mano circa il 13% della ricchezza italiana, stando ai calcoli di Bankitalia.

Per superare ogni possibile resistenza politica, entro la settimana il Premier incontrerà i rappresentanti delle parti sociali e del mondo politico. E' stato ancora Alfano a confermare che l'intenzione di Monti sarebbe quella di ricevere singolarmente i leder dei tre partiti maggiori - Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini, oltre allo stesso segretario pidiellino - per "concordare i punti d'intesa e di dissenso".

Oggi dovrebbe arrivare anche il completamento della squadra di governo, con la nomina di viceministri e sottosegretari. E' probabile che anche in questo caso la scelta ricada su dei tecnici. Una volta archiviate queste pratiche, arriverà il momento del test parlamentare vero e proprio. Sembra ormai certo che il primo pacchetto di misure approderà in Aula il 5 dicembre, quattro giorni prima del prossimo vertice Ue.

Rimangono invece forti dubbi sulla struttura e la portata stessa del provvedimento. La strada dovrebbe essere quella del decreto legge d'urgenza, ma non è escluso che all'ultimo momento il provvedimento possa sdoppiarsi. L'incertezza regna sovrana anche sull'entità della manovra: le ipotesi variano da 13-15 miliardi fino quota 20-25 miliardi.

Nel frattempo, gli impegni per il governo si moltiplicano: domani arriverà alla Camera la riforma per inserire l'obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione, mentre Mario Monti volerà a Bruxelles per partecipare all'Eurogruppo e all'Ecofin in veste di ministro del Tesoro. Senza dimenticare la squadra di tecnici dell'Fmi inviata in Italia: anche il loro "monitoraggio" continua.

Nel Pdl debuttano i «rottamatori» (FONTE CORRIERE DELLA SERA)

Terzo polo Barbara Ciabò eletta segretario nel primo congresso provinciale di Futuro e libertà

I «rottamatori» del Pdl, la nuova Lega padana lombarda e il congresso provinciale di Futuro e libertà. Oltre alla presenza dei big nazionali (Casini e Vendola, ma anche Bersani a Monza) quello di ieri è stato un sabato ad alta concentrazione politica. La Rete dei patrioti, intanto. Giovani del Pdl perlopiù (anche se il coordinatore regionale Mario Mantovani aveva «sconsigliato» l' utilizzo del simbolo del partito), capitanati dal consigliere regionale Vittorio Pesato, che reclamano «una raccolta differenziata» per buona parte dell' attuale classe politica. «L' unica risposta alla crisi è un centrodestra rinnovato che smaltisca i residui della Prima Repubblica». L' obiettivo «non è di aprire uno scontro generazionale, ma di un ricambio della classe dirigente perché il Pdl sia un partito, sì, riformista, ma soprattutto decisionista». Dalla «lobby degli italiani» alla Lega padana lombarda, il movimento di Roberto Bernardelli composto da un manipolo di fuoriusciti dal Carroccio. Obiettivo? «Il conseguimento della completa autonomia delle comunità padano-alpine riunite in federazione, per mezzo dell' applicazione del diritto naturale all' autodeterminazione, diritto inalienabile, imprescrittibile e indisponibile». Il movimento - spiegano gli animatori - «nasce e intende consolidarsi in sostanza sull' onda del fallimento ormai certificato della proposta politica originaria della Lega Nord, tradita e delusa da anni e anni di scelte politiche andate in direzione contraria, e nella convinzione che un momentaneo ritorno all' opposizione al sistema possa garantire al Carroccio la ricostruzione della propria verginità». Al congresso sono intervenuti come ospiti Giancarlo Pagliarini dell' Unione federale e i giornalisti Luca Marchi e Leonardo Facco, che da gennaio guideranno il giornale online L' Indipendenza . Futuro e libertà, infine. Il movimento creato da Gianfranco Fini ha celebrato ieri il primo congresso cittadino. Eletta segretario Barbara Ciabò, storico consigliere di An, passata a Fli lo scorso anno. Esulta Fabio Granata: «Il grande segno di cambiamento culturale e politico di un partito che in meno di un anno ha eletto democraticamente tutti i suoi dirigenti e ha designato alla sua guida nelle 2 più grandi città italiane, Roma e Milano, due donne straordinarie come Barbara Ciabò e Flavia Perina, dirigenti e militanti appassionate. Un altro piccolo grande segnale di vita nella politica Italiana. Quanto a Ciabò, lei rappresenta un punto di partenza per dare un assetto stabile in una città per noi così importante come Milano». A. Se. RIPRODUZIONE RISERVATA

«Sì a un' Italia presidenzialista» Nasce il movimento della Craxi (FONTE CORRIERE DELLA SERA) - SONO PERICOLOSISSIMI

MILANO - I professori vanno a Roma. I politici riscoprono Milano. Ieri il capoluogo lombardo è stato un crocevia di incontri, convegni, iniziative. Nichi Vendola con Sel, Pier Ferdinando Casini per il Terzo polo. Ma il vero epicentro è stato il Teatro Nuovo dove Stefania Craxi ha lanciato il Manifesto dei «Riformisti italiani». Con una parola d' ordine: trasformare l' Italia in una Repubblica presidenziale. A sorpresa arriva Casini e si siede in prima fila. A convegno quasi finito, arriva anche Angelino Alfano. Si siede accanto a Casini e i due parlottano senza sosta. A pochi chilometri di distanza, Pier Luigi Bersani a Monza interviene a un convegno del Pd sulle piccole e medie imprese. Sarà un caso? Al Teatro Nuovo la sala è gremita. Tanti socialisti, tanti riformisti della prima ora ma anche cattolici. Come il governatore della Lombardia, Roberto Formigoni e l' eurodeputato pdl Mario Mauro. C' è anche l' ex ministro della Difesa, Ignazio La Russa, i fratelli Borghini. «Abbiamo lanciato un appello ai riformisti vecchi e nuovi - spiega Stefania Craxi - abbiamo invitato tutti i partiti, tranne l' Idv. E abbiamo lanciato una battaglia e iniziato un processo. Se tutto ciò diventerà un partito è troppo preso per dirlo». L' obiettivo di fondo è quello di dar vita a una assemblea costituente che porti al presidenzialismo. Presidenzialismo che, ha sottolineato la Craxi «altro non è che la logica conseguenza dei pasticci combinati in questi ultimi anni dalla politica. La presidenza del Consiglio è di indubbia fragilità, al di là di chi la occupa». Per arrivare «a questa grande opera di rinnovamento», secondo la Craxi, «è inutile tentare la via del Parlamento. La via maestra è quella di una assemblea costituente composta da 100 personalità che lavori alla redazione della nuova carta fondamentale dello Stato, da sottoporre poi a referendum». Non sono mancati dei passaggi polemici. Nei riguardi del Pd: «Il governo Monti è stata una necessità giustamente voluta dal presidente Napolitano. Il veto alla partecipazione di personalità politiche posto dal Pd è un ennesimo atto di viltà della classe politica che scarica sui tecnici l' amara medicina imposta dal nostro enorme debito pubblico. Noi non seguiremo il cattivo esempio dei maggiori partiti che hanno condito di riserve il loro voto favorevole al governo Monti». Applausi in sala. Infine l' autocritica: «Nei mesi scorsi non abbiamo certo assistito a un bello spettacolo. Una classe dirigente politica che ha il dovere dell' esempio non è stata, non siamo stati, capaci di farlo. Il fallimento della legge elettorale, con la nomina di deputati e senatori da parte dei segretari, è stato totale. Invece di un Parlamento di eccellenti abbiamo avuto un Parlamento di cui ci siamo spesso vergognati». Ovazione. Dal palco prendono la parola sia Casini sia Alfano. L' invito di quest' ultimo è diretto e chiaro: «Noi stiamo lavorando per realizzare un grande partito dove le idee laiche, quelle cattoliche e quelle liberali, abbiano pari dignità e pari democrazia. Se non faremo così i nostri voti si dimezzeranno». Insomma, il movimento dei riformisti dovrebbe trovare casa all' interno del Popolo della libertà. Ma Stefania Craxi resta in attesa: «La battaglia è appena all' inizio». Maurizio Giannattasio RIPRODUZIONE RISERVATA

sabato 26 novembre 2011

Dopo Monti un nuovo Polo Forte: Centro Destra Cattolico - Remo Pulcini

Cari Amici e lettori

I miei programmi politici locali e nazionali sono sempre andati in direzione di quanto previsto anche se non hanno a livello nazionale raccolto dal lato personale i dovuti riconoscimenti.

Dopo il Terzo Polo ho subito lanciato l'idea di un Governo Monti che potesse approvare tutte quelle realtà oggettive che nessun partito politico puo' approvare senza perdere copiosi consensi.

Sul Governo Monti e' naturale che adesso tutti i Partiti facciano al tiro al Bersaglio per pura campagna elettorale.

Questa classe politica e' ormai obsoleta e superata almeno da 20 anni, pensano i vertici come la Lega o il Pdl che sparando su Monti, la gente possa ancora credere che loro non siano stati gli artefici di questo disastro Morale, Economico e Sociale del paese

Ci vorranno anni di duro lavoro per recuperare il seme della giustizia sociale e morale.

Il Terzo Polo, da me invocato per primo si e' ormai costituito ma adesso deve evolvere senza perdere l'identità e l'unione in un Centro Cattolico che possa raccogliere i consensi copiosi che stanno arrivando.

Se da un lato il Partito Democratico farà in modo che non si formi questa entità visto che ha in mano il prossimo Governo del Paese (20 punti avanti), il PDL tenterà di ostacolare il progetto con il solito metodo del Dossieraggio, vedi (Casini).

Tuttavia esiste un fattore da non sottovalutare che spariglia tutto e sconvolge le carte in tavola: quello umano.

Oggi il Popolo vuole un nuovo modo di fare politica, vuole volti nuovi e non riciclati, vuole un nuovo senso morale e di giustizia sociale.

VUOLE UN CENTRO CATTOLICO CHE GOVERNI IL PAESE.

SI PUO' FARE !!! BASTA UNIRSI COINVOLGENDO LE FORZE POLITICHE SANE DEL PAESE VICINI AL MONDO CATTOLICO.

D'altro canto il messaggio del Papa e' stato chiaro:

"PREOCCUPARSI DI SOLIDITA' FEDE CRISTIANI IMPEGNATI IN POLITICA"
"Il Papa: "Sì ai cattolici in politica
ma solo se la loro fede è solida"

REMO PULCINI DOPO AVER SOSTENUTO CON COERENZA PRIMA IL PDL CON IL PROGETTO:

PDL SOCIALNETWORKS (FATTO ACCOPPARE DA ELEMENTI INTERNI AL PDL CHE CONOSCETE) CON UN DANNO GRAVE PER LO STESSO PARTITO, CHE NON SI SAREBBE TROVATO SENZA SOSTEGNO DURANTE LA CAMPAGNA D'AGGRESSIONE. Abbandonato anche perche' il mio cuore di cattolico impegnato nell'Opus Dei e nei Salesiani mi hanno impedito di sostenere il degrado morale del paese.

Dopo aver lanciato l'idea del Terzo Polo per sparigliare questo Bipolarismo cancrena dell'Italia, idea riuscita con obiettivo raggiunto oggi sono a sostegno del Governo Monti con un sito specifico e ampia campagna mediatica a suo sostegno.

Solo Monti puo' fare quelle cose che non possono e non sono stati capaci di realizzare questo politici defunti.

Monti fara' le cose eque e giuste, cosa che non ha fatto il PDL di Berlusconi e la Lega, avendo anche un credito incredibile.

Se e' vero che un bon tecnico non e' necessariamente un buon politIco e' anche vero NONCHE’ dimostrato in Italia, che un Politico Italiano non e' un Buon Politico.

Adesso lancio il passo successivo quello mediatico di un CENTRO DESTRA CATTOLICO SOCIALNETWORKS CHE POSSA ESSERE ESPRESSIONE DI RISCATTO MORALE E SOCIALE DEL PAESE ISPIRANDOSI A QUEI PRINCIPI DI DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA CHE HANNO UN SIGNIFICATO ANCHE PER I NON CATTOLICI VISTO CHE ESPRIMONO CONCETTI DI BENE COMUNE.

Voglio fare un appello alle forze politiche e non che vogliono impegnarsi per realizzare questo obiettivo che deve avere volti nuovi della politica ma che comunque deve giovarsi del contributo di Politici Cattolici conosciuti.

Penso a Formigoni che non vedo bene all'interno di un PDL pronto a sfaldarsi e lo invito ad esaminare questa mia proposta (molti seguirebbero la sua scelta).

Penso a Casini, Buttiglione che devono contribuire a questa unificazione ma essere disposti anche a fare un passo indietro.

Penso al Terzo Polo tutto che in fondo per le scelte fatte a difesa del paese esprime valori di solidarieta' e di moralità cattolica che ben si conciliano con questa strategia.

Penso anche alle associazioni Cattoliche che pur nel rispetto dei ruoli devono sulla base di quanto detto dal Papa come un “Muto Proprio” applicarsi affinché nel cuore , nel centro della Cristianità mondiale non scenda mai piu' il degrado morale e sociale (indagati e ladri) che rovina l'Immagine del paese.

E' UN DOVERE DI TUTTI I BUON CRISTIANI DIFENDERE IL CENTRO DELLA CRISTIANITA' MONDIALE CON OGNI MEZZO E SECONDO LE PROPRIE POSSIBUILITA'.

NON ULTIMO VOGLIO INVITARE ANCHE TREMONTI A PENSARE AD UNA SUA ADESIONE CON IL SUO GRUPPO AD UNA SIMILE IPOTESI VISTO CHE MALGRADO ALCUNE SCELTE INFELICI DI ECONOMIA E' RIMASTO QUASI FUORI DAL DEGRADO DEL GOVERNO BERLUSCONI.

INVITO QUINDI TUTTE LE FORSE, SOCIALI, LE FORZE POLITCHE I CITTADINI AD UNIRSI IN UN CONFRONTO CHE POSSA AVERE COME SBOCCO FUTURO QUESTO NUOVO PARTITO.

DA QUI IL MIO CENTRO DESTRA CATTOLICO SOCIALNETWOKS PRESENTE SUL WEB.

Remo Pulcini: Associazione Compagnia del Mezzogiorno SI PRESENTA...

Remo Pulcini: Associazione Compagnia del Mezzogiorno SI PRESENTA...: Cari Amici Dopo il Congresso dei Movimenti del Sud, ed il libro pubblicato, Sicilia: "Artefici del Nostro Destino". La neo costituita As...

Rete Italia, Formigoni: Casini, ma cosa fai con Fli? (RETE ITALIA)

Nel Pdl per il Ppe. Ridotto a epigrammatico slogan è questo il riassunto del coordinamento nazionale di Rete Italia svoltosi sabato 27 novembre a Milano. La componente del Pdl nata per iniziativa del governatore lombardo Roberto Formigoni, del vicepresidente della Camera Maurizio Lupi e dell’europarlamentare Mario Mauro si è ritrovata per lanciare un appello ai moderati che credono nella sussidiarietà e si riconoscono nei valori del Partito popolare europeo. Un intento avallato dal ministro della Giustizia Angelino Alfano che, portando i saluti del premier Silvio Berlusconi, ha definito la sussidiarietà come «nuovo nome della libertà». Un nome che «non è solo un proclama ma un programma di governo» che Regioni come la Lombardia hanno reso credibile da spendere come modello di intervento in tutto il paese.

Parlamentari, eurodeputati, amministratori locali. Erano circa quattrocento i presenti al convegno “Cristiani nel Pdl”, il cui titolo è stato letto da Formigoni come un invito a considerare il partito di Berlusconi come il più vicino e il più disponibile a «valorizzare le nostre posizioni e i nostri ideali». Rete Italia non ha nessun imbarazzo per le vicende personali del premier. Formigoni ha fatto sue le parole del vescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi: «Tra un partito che contemplasse nel suo programma la difesa della famiglia fondata sul matrimonio e il cui segretario fosse separato dalla moglie e un partito che contemplasse nel programma il riconoscimento delle coppie di fatto e il cui segretario fosse regolarmente sposato, la preferenza andrebbe al primo partito. È infatti più grave la presenza di princìpi non accettabili nel programma che non nella pratica di qualche militante, in quanto il programma è strategico ed ha un chiaro valore di cambiamento politico della realtà più che le incoerenze personali».

Il programma di Rete Italia, ha detto Formigoni, è «valorizzare e sostenere ciò che funziona, come le famiglie, le piccole imprese, il mondo del no profit. Siamo nel Pdl da cristiani perché è un partito grande che sa difendere e valorizzare le nostre posizioni. Non siamo d’accordo su tutto, ma sappiamo distinguere tra la caducità dei comportamenti e la serietà del programma». Formigoni ha mandato messaggi a Gianfranco Fini, («che vuole distruggere la maggioranza e con cui non andremo mai»), a Pier Ferdinando Casini («ripensaci, cosa vai a fare con Fli?») e a Umberto Bossi («alleati sempre, omologati mai. Per noi il federalismo è un mezzo per arrivare a politiche più sussidiarie. L’autonomia non è il localismo. Noi siamo per un mix pubblico e privato, non come la Lega che si allea anche col Pd pur di governare sul territorio»).

No al neoclericalismo trasversale
C’è una battaglia culturale da iniziare in tutto il paese per difendere alcuni punti irrinunciabili come «la vita, la famiglia, il 5 per mille, l’educazione, il lavoro». Battaglia in cui saranno protagonisti anche il ministro Fitto, che nel suo intervento ha attaccato il «relativismo fondamentalista di alcune trasmissioni come Vieni via con me» e invitato a lavorare per «allargare i confini del Pdl». Primo esempio di questa dilatazione oltre tracciati già conosciuti è stato Saverio Romano dei Popolari di Italia domani, ex Udc che ha abbandonato Casini in disaccordo su una strategia «opportunistica e trasformista». Romano ha spiegato che «assieme a una piccola pattuglia di parlamentari abbiamo deciso di fare questo passo stanchi dei continui riposizionamenti tattici di Casini. Proprio in Sicilia, solo per far nascere il terzo polo, Casini ha imbarcato il Pd, contro ogni elementare principio di coerenza politica. Ma quel di cui ha bisogno il paese non è un neoclericalismo trasversale, ma una forza compatta che sia in grado di affrontare le sfide decisive sui valori non negoziabili».

Valori comuni cui si è richiamato anche Mario Mauro, chiedendosi cosa mai fosse cambiato nel sodalizio che per tanti anni ha unito Fini e Casini a Berlusconi. «è accaduto che con motivazioni ideologiche e personalistiche si è voluta spezzare quell’unità che era utile per costruire il bene comune», ha detto Mauro.

«Il 14 dicembre – ha ricordato Lupi – si voterà la fiducia e solo due giorni dopo c’è il Consiglio d’Europa per affrontare la crisi economica mondiale. E noi cosa faremo, ci presenteremo con un governo delegittimato perché Fini ha il problema della leadership? E Fini ci spieghi: qual è il suo progetto alternativo? Avete visto il presidente della Camera con Bersani a Vieni via con me? Era impressionante: potevano scambiarsi le liste dei valori di destra e sinistra. Erano uguali. Questa è omologazione».

Momento grave ma favorevole
«Qual è la politica di Fli?», ha chiesto Lupi. «Sulla riforma universitaria è quella di Giuseppe Valditara che è stato relatore al Senato del ddl Gelmini o quella di Fabio Granata che si è arrampicato sui tetti?». Se il momento è grave «noi non dobbiamo spaventarci. Anzi, per certi versi può diventare favorevole perché avremo la possibilità di chiarire qual è il nostro compito. Che non è quello di ricreare una nuova unità fra i credenti, ma quello di rigiocare la nostra identità cristiana nel perimetro della politica italiana. Avendo sempre in mente l’appello del Papa a Cagliari, affinché fiorisca una nuova generazione di cattolici impegnati in politica».

TREMONTI PRONTO A FARE UN PARTITO, ABBANDONANDO IL PDL

Domanda: chi sono i venti deputati tremontiani, soglia minima per mettersi in proprio a Montecitorio? Giulio ha sondato gli onorevoli amici, poco meno di una decina. Poi contava di coinvolgere alcuni deputati azzurri transitati coi responsabili per ragioni tecniche (mettere in piedi il gruppo di Popolo e Territorio) e i vari Antonione, Gava, Destro, Pittelli. Ossia gli ultimi che, in ordine di tempo, hanno abbandonato il Pdl costringendo Silvio Berlusconi alle dimissioni.

FINMECCANICA: LANNUTTI (IDV), NESSUN SALVACONDOTTO PER LA CRICCA

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Nessun salvacondotto per i vertici di Finmeccanica''. E' quanto chiede il senatore IdV, Elio Lannutti.

''Il governo, che attraverso il Tesoro e' l'azionista di riferimento - continua - non si presti ad accordi che assicurino l'esonero da un'azione di responsabilita' a una cricca trasversale che ha pensato solo ad arricchirsi combinando danni enormi al Paese, agli azionisti, ai risparmiatori e all'immagine dell'Italia''.

''E' da due anni - aggiunge il capogruppo dell'Italia dei Valori in commissione Finanze - che denuncio quel sistema di malaffare che unisce Finmeccanica, Selex, Enav venuto ora a galla grazie al lavoro della magistratura. Di fronte a responsabilita' enormi il precedente governo non ha voluto, per evidente complicita', sentire ne' vedere. Ora dall'esecutivo Monti ci aspettiamo un netto segnale di discontinuita' con il passato. E' indispensabile - conclude Lannutti - che le nomine dei nuovi vertici siano fatte all'insegna della massima trasparenza e che riguardino professionisti di primo piano e non piu' personaggi incaricati solo di fare il lavoro sporco dei partiti''.

Finmeccanica, cda convocato il 1 dicembre. DIMISSIONI CERTE ED IMPOSTE !!!

Finmeccanica, cda convocato il 1 dicembre. DIMISSIONI CERTE ED IMPOSTE !!!

Papa: "Sì ai cattolici in politica, ma la loro fede sia solida"

CITTA' DEL VATICANO, 25 NOV – Va bene l'impegno dei cattolici in politica, ma il presupposto fondamentale dev'essere ''la solidita' della loro fede''. Questo non puo' essere ''un dato acquisito una volta per tutte''. E' suonato come un monito, anche di fronte al dibattito sul ruolo del laicato cristiano nella vita pubblica, ed alla stessa nascita di un governo con la presenza diretta di autorevoli personalita' cattoliche, quello del Papa nell'udienza al Pontificio Consiglio per i Laici, riunito in assembla plenaria su ''La questione di Dio oggi''.

Benedetto XVI ha avvertito che in politica e in economia ''con Dio o senza Dio tutto cambia''. E per far si' che l'azione dei cattolici nella vita pubblica sia ''incisiva'', occorre riportare la ''questione di Dio'' anche al centro della Chiesa.

''A volte ci si e' adoperati perche' la presenza dei cristiani nel sociale, nella politica o nell'economia risultasse piu' incisiva, e forse non ci si e' altrettanto preoccupati della solidita' della loro fede, quasi fosse un dato acquisito una volta per tutte'', ha ammonito il Pontefice. ''La sfida di una mentalita' chiusa al trascendente obbliga anche gli stessi cristiani a tornare in modo piu' deciso alla centralita' di Dio'', ha quindi spiegato, sottolineando che ''in realta' i cristiani non abitano un pianeta lontano, immune dalle 'malattie' del mondo, ma condividono i turbamenti, il disorientamento e le difficolta' del loro tempo''. Percio' ''non meno urgente e' riproporre la questione di Dio anche nello stesso tessuto ecclesiale''. ''Quante volte – ha lamentato Ratzinger -, nonostante il definirsi cristiani, Dio di fatto non e' il punto di riferimento centrale nel modo di pensare e di agire, nelle scelte fondamentali della vita''. ''La prima risposta alla grande sfida del nostro tempo – ha aggiunto – sta allora nella profonda conversione del nostro cuore''.

Per il Pontefice, tra l'altro, la ''crisi che viviamo oggi'' e' ''crisi di significato e di valori, prima che economica e sociale'': ''l'uomo che cerca di esistere soltanto positivisticamente, nel calcolabile e nel misurabile, alla fine rimane soffocato''. Inoltre, ''una mentalita' che e' andata diffondendosi nel nostro tempo, rinunciando a ogni riferimento al trascendente, si e' dimostrata incapace di comprendere e preservare l'umano''. In questo quadro, ''la questione di Dio e', in un certo senso, 'la questione delle questioni' – ha osservato Ratzinger -. Essa ci riporta alle domande di fondo dell'uomo, alle aspirazioni di verita', di felicita' e di liberta' insite nel suo cuore, che cercano una realizzazione''.

E in tutti gli aspetti della vita, ''nella famiglia, nel lavoro, come nella politica e nell'economia'', l'uomo contemporaneo ''ha bisogno di vedere con i propri occhi e di toccare con mano come con Dio o senza Dio tutto cambia''. Per questo, ai partecipanti alla plenaria del dicastero per i Laici Benedetto XVI ha rivolto l'esortazione ''a offrire una testimonianza trasparente della rilevanza della questione di Dio in ogni campo del pensare e dell'agire''. Inoltre, ricordando le varie iniziative promosse dal Pontificio Consiglio, il Papa non ha mancato di rivolgere l'attenzione all'ultima Giornata Mondiale della Gioventu', svoltasi nell'agosto scorso a Madrid.

''Una straordinaria cascata di luce, di gioia e di speranza ha illuminato Madrid, ma anche la vecchia Europa e il mondo intero – ha detto -, riproponendo in modo chiaro l'attualita' della ricerca di Dio''. ''Nessuno – ha aggiunto – e' potuto rimanere indifferente, nessuno ha potuto pensare che la questione di Dio sia irrilevante per l'uomo di oggi''.

Mcl: «Da Todi un manifesto per tutti i cattolici»

PARLA all’auditorium dei suoi delegati, ma gli interlocutori sono anche fuori del Consiglio nazionale del Movimento cristiano Lavoratori, che si chiude oggi a Roma. Carlo Costalli è presidente dell’Mcl, una delle associazioni protagoniste, oltre un mese fa, della riunione di Todi, dove sotto lo sguardo benevolente del cardinale Bagnasco il mondo cattolico ha dato l’avvio a un processo di riavvicinamento anche sul piano politico.
Presidente Costalli, la fine di Berlusconi e l’esperienza del governo Monti ha facilitato o reso più difficile questo cammino?
«Le elezioni subito avrebbero creato maggiori problemi. Così abbiamo più tempo per ragionare».
Che cosa accadrà nel vostro mondo di qui a un anno e mezzo?
«Niente sarà più come prima, almeno mi auguro. Andiamo incontro a una scomposizione dell’attuale quadro e a una successiva riaggregazione».
In concreto?
«Il Pd rischia di sfaldarsi, come pure il Pdl».
Non resta che il Terzo Polo.
«Ecco, l’Udc. Casini può essere il protagonista di questa nuova fase politica che vede il mondo cattolico al centro dei giochi. Ma non basta chiamarsi cattolico per prendere dei voti».
Che cosa chiedete a Casini?
«Di essere l’azionista di maggioranza di questa nuova aggregazione, ma non il padrone. Casini deve aprire il partito alle forze nuove che vengono dalla società. Non si deve accontentare di essere un partito del sei per cento, perché così potrà anche arrivare al nove, poi lì si ferma».
Il Partito della nazione è da tempo un pallino dell’Udc.
«Allora lo facciano, senza indugi».
Stupito che tre ministri siano tra i relatori di Todi?
«No, assolutamente, a Todi c’era una bella fetta di ottima classe dirigente».
E di Todi che cosa resta?
«Stiamo stendendo un manifesto per coinvolgere tutti, sia quelli che c’erano già sia i gruppi che gravitano in quell’universo, ma che non avevano partecipato. Andiamo avanti».
Monti come si sta muovendo?
«Servono sacrifici, lo sappiamo, siamo pronti. L’importante che ci sia equità e si faccia tutto con il consenso delle parti sociali. Mi pare che il presidente del consiglio su questo aspetto abbia dato a tutti ampie rassicurazioni».
Pierfrancesco De Robertis

Nel PDL non si discute più, si accettano solo nomine dall’alto - NEWS&TV

LUCERA- Le dichiarazioni di dimissioni di Giuseppe De Sabato da coordinatore del PDL hanno avuto una forte eco all’interno del partito e fatto registrare picchi altissimi nel sismografo delle reazioni politiche: Michele Barisciani si è detto rammaricato per la decisione presa da De Sabato e, pur trovando difficile la possibilità di una revoca, auspica un ritorno sulle sue posizioni. Il consigliere difende le ragioni dell’ex-coordinatore rimarcando quanto il suo ruolo sia stato “prevaricato” da dichiarazioni e decisioni prese individualmente dai membri del partito e non discusse di comune accordo, rendendo appunto nullo il suo compito. L’affondo più duro però è stato quello del consigliere Giuseppe Di Sabato. Autore di uno sfogo contro il suo partito, se l’è presa con alcuni consiglieri e assessori, che “perdono tempo a farsi la guerra o cercano solo di conservare la poltrona”. Prendendo le distanze dal suo partito accusa: “Nel PDL ormai non si discute, si accettano solo le nomine dall’alto” e, disilluso, auspica un ritorno alla serietà e alla responsabilità.
Il gesto del provveditore agli studi mostra la spaccatura, di cui tanto abbiamo parlato, interna al partito e getta un’ennesima ombra sugli equilibri esistenti in giunta e fuori.
La presenza all’incontro del Pdl di alcuni membri piuttosto che altri mostra la linea che, in generale, demarca gli schieramenti interni al partito tra chi ha condiviso il lavoro e le intenzioni politiche dell’ex coordinatore e chi invece vuole trovare un diverso accordo, oppure lo ha già, con il Sindaco. (Francesco Squeo)

Crisi, banche temono tracollo Ue: pronto un piano d'emergenza

07:42 - Allarme crisi euro: le banche preparano piani d'emergenza per il possibile crollo dell'eurozona. Già pubblicate decine di rapporti in cui si studia questa possibilità. A riportare la notizia è il New York Times, secondo cui la crisi del debito sovrano che ha minacciato di investire la stessa Germania ha portato gli investitori a mettere in dubbio il rango di principale pilastro della stabilità europea del Paese.
I leader europei sostengono che non ci sia ancora bisogno di approntare un piano B, su tutti Angela Merkel, ma sta di fatto che è proprio ciò che stanno predisponendo alcune delle principali banche mondiali.

"Non possiamo essere, e non lo siamo, compiacenti su questo fronte", ha dichiarato Andrew Bailey, funzionario dell'Autorità dei servizi finanziari della Gran Bretagna, "Non dobbiamo ignorare la prospettiva di un allontanamento disordinato di alcuni Paesi dall'eurozona".

Banche come Merrill Lynch, Barclays Capital e Nomura hanno diffuso rapporti a cascata questa settimana che esaminano l'eventualità di un crollo dell'eurozona. "La crisi finanziaria dell'eurozona è entrata in una fase ben più pericolosa", l'allarme lanciato dagli analisti alla Nomura, "A meno che la Banca centrale europea (Bce) intervenga per aiutare dove i politici hanno fallito, un collasso dell'euro al momento sembra più probabile che possibile".

I principali istituti finanziari britannici, come Royal Bank of Scotland, stanno predisponendo piani di emergenza nel caso l'impensabile viri verso la realtà, hanno indicato i loro supervisori. Le authoruty negli Stati Uniti stanno incalzando le banche come Citigroup, ma anche altri istituti, a ridurre l'esposizione verso l'eurozona. In Asia, le autorità di Hong Kong hanno intensificato il monitoraggio dell'esposizione delle banche straniere e nazionali alla luce della crisi europea.

TGCOM

venerdì 25 novembre 2011

LA MACCHINA DEL FANGO PRONTA AD ACCOPPARE IL CENTRO DESTRA CATTOLICO

Le prime avvisaglie ci sono tutte, attacchi a Casini e presto anche a Formigoni.

Certo il PD che vince da solo le Elezioni, ed un Pdl che non vuole spaccarsi faranno di tutto per evitare questa aggregazione centrista. Anche il Terzo Polo tenta di frenare la sua naturale evoluzione.

Noi tenteremo di fare un vero Centro Cattolico potente e con posti chiave occupati dal germe positivo della dottrina Cattolica.

Ministri a tutto spreco (fonte Espresso)

di Emiliano Fittipaldi

Tour elettorali. Difesa dei dialetti. Comitati ed enti inutili. Ecco come durante il governo Berlusconi nei piccoli dicasteri si sono moltiplicati uffici e poltrone. E le spese pazze
(24 novembre 2011)
Michela Vittoria Brambilla Michela Vittoria BrambillaAll'ex ministro Gianfranco Rotondi piace viaggiare. Responsabile dell'"Attuazione del programma di governo", in tre anni ha girato una ventina di città italiane per spiegare ai cittadini quanto belli e bravi fossero il premier e la sua squadra. Dal palco ometteva di ricordare, però, che gli eventi "Governincontra" ci sono costati un occhio della testa: nel 2010 per la propaganda di Rotondi e del sottosegretario Daniela Garnero Santanché sono stati bruciati 1,6 milioni di euro. Una somma, va detto, che comprende anche l'importante "Osservatorio sulla valutazione delle politiche governative", di cui non si ha traccia. L'anno scorso Rotondi ha investito anche 41 mila euro per "spese di rappresentanza", 260 mila euro per esperti ed incarichi speciali, 397 mila per i suoi fedelissimi collaboratori. Alla fine dell'anno la baracca è costata 2,5 milioni, uno sproposito, visto che ai tempi di Romano Prodi ne costava 800 mila di meno.

Il dipartimento che fu di Rotondi secondo i maligni è l'espressione perfetta del "ministero inutile". Quegli organismi che fanno capo alla presidenza del Consiglio, che costano milioni di euro e che producono poco o nulla. Retti in genere da ministri senza portafoglio che spesso hanno funzioni e deleghe che potrebbero essere accorpate ad altri ministeri più importanti. Il neo premier Mario Monti ne ha cancellati sei, ma leggendo gli ultimi bilanci scovati dall'"l'Espresso" forse avrebbe potuto tagliarne ancora di più: i costi di comitati inoperosi, iniziative bislacche, sedicenti esperti e spese pazze non si contano.

Partiamo dagli uffici retti fino a qualche giorno fa da Raffaele Fitto, responsabile dei "Rapporti con le Regioni e la coesione territoriale". Il dipartimento costa 1,7 milioni di euro l'anno (tra stipendi, interpreti e indennità varie), ma oltre la metà delle sue erogazioni servono unicamente a "tutelare" le cosiddette minoranze linguistiche "storiche". Tra interventi ad hoc e l'apposito "fondo nazionale", nel 2010 gli italiani hanno speso per la difesa della lingua albanese, di greco, catalano, croato (tre comuni in Molise parlano, in effetti, il dialetto croato-molisano), della lingua francoprovenzale, occitana, germanica, del ladino e del friulano ben 5,6 milioni di euro. A cui vanno aggiunti, of course, altri finanziamenti regionali: anche il sardo è tutelato per legge, così lo scorso maggio a Olbia, Tempio Pausania e Santa Teresa hanno aperto sportelli "linguistici" dove si possono chiedere informazioni e documenti in isolano stretto. Il progetto prevede pure corsi di formazione per quei dipendenti comunali che conoscano, ignoranti, solo l'italiano. Non è tutto. Nel bilancio 2010 spunta pure il "comitato istituzionale paritetico per i problemi delle minoranze slovene" (46 mila euro l'anno) e il dimenticabile Ente italiano della Montagna. Cancellato nel luglio 2010, l'anno scorso c'è comunque costato un milione: per "valorizzare le aree montane" venivano stipendiati un presidente, un direttore generale e 18 tra responsabili (uno, Fabrizio Traversi, è stato arrestato due mesi fa nell'ambito di una presunta truffa da 12 milioni ai danni dello Stato), esperti e segretari.

Renato Brunetta, si sa, è stato titolare dei dipartimenti della Funzione pubblica e dell'Innovazione. Nel 2010 per farli funzionare abbiamo pagato 6,8 milioni di euro, mentre gli impegni per investimenti e spese correnti sono arrivati a 133 milioni. Passi per gli incarichi speciali costati, come ai tempi di Prodi, 355mila euro, passi per il mezzo milione speso per la pulizia dei giardini e dei palazzi e i 427 mila euro per il "restauro di mobili e spese telefoniche", ma leggendo le tabelle qualcuno si potrebbe domandare perché siano stati bruciati quasi 6 milioni di euro per "il funzionamento della commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche". Un organismo lanciato in pompa magna dall'ex ministro veneziano che avrebbe dovuto fornire strumenti concreti per valutare i dipendenti pubblici e fissare standard di produttività per premiare i meritevoli. La Civit, però, non ha fatto molto, tanto che pochi giorni fa la Commissione europea ci ha domandato quando la Commissione "sarà pienamente operativa?". All'inizio del 2011 uno dei commissari, inoltre, se ne andò sbattendo la porta. "Una decisione", spiegava nella lettera di dimissioni, "dovuta alla valutazione dell'impossibilità di perseguire in maniera soddisfacente gli obiettivi per i quali (la Civit, ndr) è stata istituita". Ma Brunetta ha speso un pacco di milioni pure per la Scuola superiore della pubblica amministrazione (11 milioni), per il funzionamento dell'agenzia Aran (2,3 milioni), per il Formez (per il centro si prevedeva si investire 19 milioni, ma si è arrivati a 24,2), per non meglio precisati "interventi per la valorizzazione delle risorse umane" (7,3 milioni). Per innovare l'Italia, poi, Brunetta ha messo 4,5 milioni nel progetto "Un cappuccino al giorno", 774 mila euro per una "struttura di missione per l'e-government" e la bellezza di 30,9 milioni per la Pec, la "posta elettronica certificata". Un sistema che per ora è stato adottato solo da 13 Regioni e da 1,1 milioni di cittadini: la grande maggioranza degli italiani non ne ha nemmeno sentito parlare.

IL GOVERNO MONTI: Enav, Micchichè: Incontrai Iannilli una volta e no...

IL GOVERNO MONTI: Enav, Micchichè: Incontrai Iannilli una volta e no...: Enav, Micchichè: Incontrai Iannilli una volta e non lo ricordo | La Politica Italiana

giovedì 24 novembre 2011

COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNOPARTITO DI SICILIA: PER I MEDIA ITALIANI I MORTI NON SONO UGUALI, ESIS...

COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNOPARTITO DI SICILIA: PER I MEDIA ITALIANI I MORTI NON SONO UGUALI, ESIS...: PER I MEDIA ITALIANI I MORTI NON SONO UGUALI, ESISTONO QUELLI DI SERIE A E DI SERIE B (ALLUVIONE MESSINA) Voglio sottolineare quello che i...

mercoledì 23 novembre 2011

"Per Naomi diedi un lassativo a Berlusconi"

Londra, 23 novembre 2011 - Silvio Berlusconi non è più il premier italiano, ma all'estero continua a far parlare di sè. Ospite di un talk show canadese, il celebre cuoco inglese Jamie Oliver ha raccontato un aneddoto a proposito del G20 che si tenne nel 2009 a Londra.

"Era la sera del 2 aprile ed io venni incaricato di preparare la cena di gala. Prima di mettermi all'opera, incrociai Naomi Campbell, di cui sono un grande fan. Ma, dopo 3 secondi netti, si avvicinò Berlusconi e mi spinse letteralmente di lato. Mi mise da parte in modo sgarbato e si fece avanti a Naomi. Si presentò, scrisse il suo numero di telefono su un bigliettino e glielo consegnò».

Oliver trovò subito il modo di vendicarsi. A metà fra il serio e il faceto, all'intervistatore della tv canadese ha confidato: "Sai, quella sera cucinavo io. E con me avevo un po' di lassativi...».

Redazione Q.net

COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNOPARTITO DI SICILIA: All’Assessore alla Sanità della Regione Sicilia, O...

COMPAGNIA DEL MEZZOGIORNOPARTITO DI SICILIA: All’Assessore alla Sanità della Regione Sicilia, O...: Al Presidente della Regione Sicilia On. Raffaele Lombardo All’Assessore alla Sanità On. Massimo Russo E p.c. Ministro della Salute On. ...

martedì 22 novembre 2011

IL GOVERNO MONTI: Manovre Abolire il Contante. I Sindacati sono anac...

IL GOVERNO MONTI: Manovre Abolire il Contante. I Sindacati sono anac...: Un suggerimento che vorrei dare al Governo Monti e' molto semplice. Fermo Restando che ad un Professore immerso per anni nel mondo della F...

ENAV: La risoluzione dei contratti con Print Sistem è avvenuta di diritto e con effetto immediato. ENAV si difenderà nelle opportune sedi civili e penali.

In riferimento alle dichiarazioni dei legali del sig. Di Lernia relativamente alla risoluzione dei contratti con Print Sistem S.r.l., ENAV precisa che tale risoluzione è avvenuta di diritto e con effetto immediato, essendosene
verificati i relativi presupposti, fermi restando comunque i gravi inadempimenti di quest'ultima.

Conseguentemente, ENAV attende con serenità di accertare, anche dinanzi ai tribunali civili e penali competenti, la correttezza del proprio operato, confidando che le azioni giudiziarie paventate da Print Sistem S.r.l. verranno
respinte. In tali competenti sedi, ENAV svolgerà tutte le difese del caso e porrà in essere le proprie azioni a tutela dei propri diritti nei confronti di Print Sistem S.r.l. e di quanti altri saranno ritenuti responsabili.

Neolaureati a Palazzo Chigi: il bando scade il 30 novembre

Il Governo offre ai giovani laureati la possibilità di effettuare tirocini formativi post laurea presso la presidenza del consiglio dei ministri. Le domande devono essere presentate entro il 30 novembre 2011 da ragazzi che non hanno superato i 30 anni di età e hanno conseguito il titolo al massimo da un anno. Il modulo va scaricato dal sito web del Governo e la documentazione deve essere inviata solo per posta elettronica (indirizzo tirocini@governo.it). “Il programma – si legge nel bando – intende avvicinare mondo accademico e mondo del lavoro offrendo a giovani neolaureati la possibilità di effettuare un periodo di formazione che ha come obiettivo l’acquisizione di una conoscenza diretta e concreta dell’attività svolta dalla presidenza del consiglio dei ministri”. Ulteriore scopo è quello di “integrare il percorso formativo universitario dello studente al fine di orientarne le possibili scelte professionali” fanno sapere da Palazzo Chigi. Non esiste un numero massimo di partecipanti, le selezioni termineranno a esaurimento dei fondi disponibili.

Inchiesta Enav ultime notizie: ecco i verbali sui pagamenti ai politici (Fonte Tiscali)

Diventano sempre più spinose le inchieste intrecciate su Enav e Finmeccanica, e sui principali quotidiani compaiono i verbali con le dichiarazioni dei testimoni che stanno collaborando a svelare il rapporto perverso tra queste società e il mondo della politica. Tra il giugno e l’ottobre 2011, il consulente di Finmeccanica Lorenzo Cola e il proprietario della società Print Sistem Tommaso Di Lernia hanno reso numerose dichiarazioni ai magistrati in ben quindici verbali d’interrogatorio. Ecco quanto dichiarato dai due circa i ‘fondi neri’, i favori e le tangenti ai politici.

Il feudo Udc
Il 2 febbraio del 2010, negli uffici romani dell’Udc, alla presenza dell’ad di Enav Guido Pugliesi che aveva fatto pressioni, Di Lernia consegna 200 mila euro in contanti al tesoriere del partito Giuseppe Naro: ‘Pugliesi mi disse che quei soldi erano destinati a Casini. Vennero consegnati al tesoriere dell’Udc, perché erano assenti sia Lorenzo Cesa che Casini, impegnati in un’operazione di voto, secondo quanto disse il tesoriere. Il braccio destro di Pugliesi in Enav, Raffaello Rizzo, aveva il ruolo di favorire le imprese che erogavano finanziamenti all’Udc. Sostanzialmente, portavano finanziamenti alle feste del partito e facevano donazioni‘. Il rapporto tra Enav e Udc sarebbe antico, e risalirebbe addirittura ai tempi del primo governo Berlusconi.

Il secondo feudo: An
L’altro ‘padrone’ di Enav è Alleanza Nazionale. Spiega Di Lernia: ‘Rizzo favoriva anche le imprese che erogavano finanziamenti alla frangia romana riconducibile al sindaco Alemanno. I finanziamenti agli uomini di An, secondo quanto mi ha riferito Pugliesi, avvenivano direttamente nel suo ufficio, dove gli imprenditori portavano le somme di denaro che lui poi dava agli uomini di An‘. Di Lernia asserisce che Enav acquisì, per una ‘cifra spropositata‘, un ramo di azienda dell’azienda Optimatica vicina a Matteoli, un appoggio ‘che garantì a Pugliesi la sua riconferma quale ad di Enav‘.
Nei verbali emerge che il flusso di danaro era continuo ed andava in tutte le direzioni: in un’intercettazione telefonica un certo Marco che parla con Lorenzo Borgogni di Finmeccanica confonde Pd e Pdl, segno, secondo gli inquirenti, di questa fitta ramificazione di interessi che coinvolgono tutti i partiti. In un altro verbale si parla di ‘un tavolo delle nomine all’interno della maggioranza composto da Brancher, Cesa, Gasparri o La Russa e un uomo della Lega‘ all’interno del Cda Enav. Anche la Lega voleva la sua fetta di torta secondo Di Lernia, che parla di ‘richieste economiche provenienti dal consigliere in quota Lega, credo si chiami Chiatti o Piatti. Aveva fatto pressioni per ottenere il permesso di atterrare su una pista gestita da una società controllata da Finmeccanica. Poi, voleva entrare in partita. Cioè ottenere somme di denaro‘. Infine molto intensi paiono i rapporti con Aldo Brancher, la cui ‘Officina delle Libertà’ venne finanziata da Di Lernia affinché facesse pressioni sul governatore siciliano Lombardo per mettere a disposizione i fondi Fas per l’aeroporto di Palermo.
Lunedì 21 Novembre
Lorenzo Borgogni, responsabile delle relazioni istituzionali di Finmeccanica, ha deciso di collaborare con i magistrati inquirenti sia del caso sugli appalti esteri ottenuti dalla sua società, sia per l’inchiesta Enav. Le prime rivelazioni di Borgogni, che ha già risposto a tre interrogatori, riguardano soldi e favori concessi a grossi nomi della politica, un vero e proprio terremoto giudiziario che potrebbe presto portare ad esiti clamorosi.
Io sono il collettore di rapporti con i politici per conto di Finmeccanica e mi sono sempre occupato di trasferire le loro richieste alle società del Gruppo. Nomine, assunzioni, appalti: sono in grado di ricostruire quanto è accaduto negli ultimi anni‘, ha detto il manager come prima cosa. Borgogni ha asserito di aver sempre ‘agito d’accordo con il presidente Pier Francesco Guarguaglini, del quale sono uno dei collaboratori più stretti‘, fornendo in seguito indicazioni sui favori fatti ad esponenti di partiti di destra, sinistra e centro, specificando però di non aver mai gestito passaggi di denaro.

Appalti e contropartite
Ogni volta che una personalità politica agevola l’assegnazione di un appalto, chiede una contropartita. Si tratta di incarichi di consulenza per familiari o persone di fiducia, ma anche di assunzioni per i figli o per altri familiari‘, afferma Borgogni. Uomini politici, sostiene il manager, che hanno indicato i manager da nominare nei consigli d’amministrazione oppure ai vertici delle società controllate. Esisterebbe anche un tavolo di concertazione in cui si decide la spartizione fra partiti: un nome gli sarebbe stato indicato dal sottosegretario Gianni Letta per conto di Carlo Giovanardi, un altro da Claudio Scajola, un altro ancora da Marco Milanese, ex braccio destro di Tremonti finito nell’inchiesta P4.

Tangenti e operazioni clandestine
Oltre alla questione degli incarichi, le rivelazioni di Borgogni si concentrano sulle tangenti che sarebbero state pagate attingendo a presunti fondi neri creati con il sistema delle sovrafatturazioni, come per l’appalto Enav riguardante l’aeroporto di Palermo. I magistrati inquirenti sottolineano come in ogni affare emerga l’esistenza di un ‘rapporto trilatero tra committente, appaltatore ed esponente politico, ma dacché il beneficio dell’uno si traduce in utilità per l’altro, vi sarà circolarità nel soddisfacimento dei desiderata dell’uno e unicità di interesse ad assicurare l’illecito profitto dell’altro adottando le massime cautele affinché l’illecita operazione di finanziamento rimanga clandestina‘. Un nuovo appuntamento con i magistrati è stato fissato per i prossimi giorni: e ora il Palazzo del Potere trema per davvero.

Fiat: Bonanni, no a scioperi. (I Sindacati sono ormai anacronistici e devono sciogliersi)

Fiat: Bonanni, no a scioperi. (I Sindacati sono romai anacronistici e devono sciogliersi)

Inchiesta Enav, i Pm: "Da Borgogni soldi al Pdl e all'Udc"

'Fondi neri' arrivati al Pdl direttamente da uno degli uomini più importanti di Finmeccanica, quel Lorenzo Borgogni che si è autosospeso dal ruolo di responsabile delle relazioni esterne della società e che sta collaborando con gli inquirenti: la procura di Roma, depositando le carte sull'inchiesta Enav, svela nuovi elementi di quello che i magistrati ritengono essere un sistema di favori e appalti, che sta rischiando di sprofondare Finmeccanica e le sue controllate. Un sistema "lottizzato", lo definisce la procura di Roma, in cui c'è spazio "anche per i partiti di opposizione", come hanno confermato "tutti i soggetti", dunque indagati e testimoni, "che hanno reso dichiarazioni in ordine ai criteri di nomina nei ruoli apicali" delle società del gruppo.

Non è dato sapere cosa ha risposto Pugliesi, mentre si sa che l'Ad di Enav avrebbe ottenuto per se circa 600mila euro, la metà dei quali sarebbero dovuti andare al "suo" partito, l'Udc. Lo mette a verbale il commercialista Iannilli, sostenendo che fu proprio lui a consegnare a "Di Lernia 300mila euro, su indicazione di Cola". Soldi che facevano parte "dell'acconto dovuto a Pugliesi, complessivamente 600mila euro, la cui quota parte, nella misura di 300mila euro, avrebbe dovuto essere consegnata al partito di riferimento di Pugliesi, l'Udc". E quando i pm gli chiedono perché non avesse riferito prima questo dettaglio, Iannilli risponde così: "avevo detto che il Pugliesi era uomo dell'Udc, avevo detto che i soldi erano a lui destinati, mi sembra di aver enunciato il concetto".

Tiscali

FIAT, MARCHIONNI NEMICI DELL'ITALIA E DEL LIBERO MERCATO - BY REMO PULCINI

PARTENDO DAL DOGMA CHE  FIAT E' L'ESPRESSIONE PEGGIORE DEL POTERE IMPREDITORIALE ED E' STATA LA ROVINA DELL'ITALIA E DEL SUD

VORREI RICORDARE A MARCHIONNE CHE LA SUA SPREGIUDICATA E SUPERATA POLITICA IMPRENDITORIALE NON SOLO E' FUORI DA OGNI TEMPO, MA OGGI RAPPRESENTA UN PERICOLO PER L'ITALIA ED IL SUO FUTURO.

Marchione se fuoriesce da Confindustria, se unilateralmente come si faceva nei primordi dell'epoca preindustriale annulli tutti i contratti sindacali, se dichiari falsamente di investire milioni di euro in Italia e ad oggi non vedere nulla di quanto annunciato potrebbe non importarci.

Tuttavia mi rivolgo direttamente alla persona Marchionne e alla Fiat ricordando che questo modo di fare impresa non puo' essere solo un "parto a metà" che vale solo per i lavoratori e per l'Italia.

Se il Mercato deve essere libero e senza regole questo deve valere anche per l'industria Fiat e Marchionne.

Sulla base di queste considerazioni i politici Italiani, il Governo Monti, i Sindacati anzi il sindacato Fiom devono esigere l'apertura al mercato STRANIERO della produzione auto.

In Italia si deve invitare ad investire non solo la produzione Europea, ma anche quella Asiatica come la Cinese e la Giapponese.

Sono in tal caso il mercato libero e senza regole dimostrerà chi e' il piu' forte ed in tal caso tempo che la battaglia sara' dura !!!

Purtroppo temo che connivenze e interessi personali di una impresa che non rappresentano il valore di una società umana come l'Italia fanno nascondere nei meandri del fallimento politico la vera competizione quella dura e pura che Marchionne invoca, salvo poi comportarsi come a Termini Imerese che viene spremuta come un limone con i soldi della Regione Sicilia, e poi abbandonata per esigenze di mercato.

L'Italia deve salvarsi compatta e con regole chiare, basate sulla Dotttrina Sociale della Chiesa che pone l'Uomo al centro della società e senza lasciare cadaveri per strada.

Ecco perche' io non Comprerò mai piu' Fiat, perche' non solo non rappresenta l'Italia ma e' l'espressione peggiore del Capitalismo che ha ridotto l'Euro allo stato attuale.

lunedì 21 novembre 2011

"Dalla Lega a La Russa": i favori di Borgogni nella spartizione delle poltrone Enav (fonte tiscali.it)

Quattro nomi in quota Lega, altri quattro collegati all'ex ministro della Difesa Ignazio La Russa, uno all'ex sottosegretario Carlo Giovanardi: la spartizione tra i partiti dei posti nel Cda delle controllate Finmeccanica - dall'Ansaldo Energia all'Oto Melara - è in un file trovato sul computer della segretaria di Lorenzo Borgogni (il direttore delle relazioni esterne del gruppo, autosospesosi ieri) dagli inquirenti napoletani che da tempo indagano sugli affari della società il cui principale azionista è il ministero del Tesoro.
L'appunto non è nuovo, in quanto è contenuto nelle carte depositate a luglio nell'ambito dell'inchiesta sulla P4, ma è utile rileggerlo oggi alla luce della richiesta di arresto per Borgogni avanzata dalla procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta sugli appalti Enav e respinta dal Gip. Il file è denominato "schema membri esterni controllate giu 2010 x Milanese.doc" e porta la data di creazione del 29 ottobre 2010.
Le aziende e i vari livelli - "Il file tratto dalla cartella c:\Borgogni 2010-2011 - mette a verbale la segretaria di Borgogni, Barbara Corbo, sentita a marzo - è un documento che ho redatto io recependo le indicazioni e le informazioni del dottor Borgogni". Ma cosa c'è scritto nel documento? A sinistra sono indicate le aziende di 'primo livello', cioè quelle "direttamente partecipate da Finmeccanica", come spiega lo stesso Borgogni ai magistrati napoletani, mentre a destra ci sono i nominativi di coloro che puntano ad entrare nel Cda e, accanto, quelli dei loro sponsor politici. Si scopre così che per i rinnovi del 2010, accanto ai nomi di Italico Maffini per Ansaldo Energia, di Manuel Ghilardelli per Oto Melara, di A.Belli per Wass e di Manuel Vescovi per Ansaldo Nucleare, c'è l'indicazione Lega. Il nome dell'ex ministro La Russa, invece, è indicato accanto a quelli di Vincenzo G.Plinio per Elsag Datamat, di Pietro Politi per Oto Melara, di Agata Marzola per Selex Se.ma e di Giacomo Gatti per Wass. Un altro consigliere di Elsag Datamat, stando sempre a quando dice Borgogni, viene indicato dall'ex sottosegretario Carlo Giovanardi. Lui anche oggi ha sostenuto di "aver rispettato scrupolosamente le procedure istituzionali relative alle nomine sia per quanto riguarda la professionalità della persona segnalata, sia per quanto riguarda il metodo".
Lo schema della spartizione di poltrone - Ai magistrati napoletani Borgogni ha spiegato anche come avviene la spartizione: attraverso quel tavolo di "compensazione e coordinamento" che si tiene a palazzo Chigi. Interrogato il 12 marzo di quest'anno, fa mettere a verbale: "In previsione di queste scadenze io preparo un prospetto con le società in scadenza e lo mando ai tre ministeri (Tesoro, Difesa e Sviluppo Economico), a palazzo Chigi e ai consiglieri di amministrazione espressione della politica" Per il 2010 al tavolo hanno partecipato "Letta, Milanese, Giorgetti e io che avevo ricevuto due tre nomi da La Russa che non poteva partecipare". "In questa riunione - dice ancora Borgogni - si decise quale parte politica doveva presentare i curricula e per quale società e così via. Per esempio la Lega a mezzo di Giorgetti chiese che un posto fosse senz'altro riservato a quel partito in Ansaldo Energia, il nominativo di Adolfo Vittorio per Elsag Datamat me lo diede Letta per conto di Giovanardi che poi mi chiamò in prima persona...Ricordo che il nominativo di Marchese fu proposto da Milanese nelle caselle che spettavano al Tesoro, per la presidenza del Cs di Oto Melara e per il Cda di Ansaldo Energia".
La telefonata intercettata - L'intercettazione alla quale fa riferimento il pm Ielo nell'inchiesta è quella del 21 settembre 2010. Borgogni, responsabile delle relazioni esterne di Finmeccanica, autosospesosi dall'incarico, parla con un certo Marco e, per il titolare dell'inchiesta, il "tenore di tale telefonata appare essere inequivoco. Si tratta di una contribuzione al Pdl, che rischia di essere confusa con una contribuzione al Pd, palesemente illecita in ragione del fatto che deve essere effettuata con una società esterna". "Carattere di illiceità - è detto nella richiesta di arresto (che, per Borgogni, è stata respinta dal gip) - che emerge anche dalla reticenza e dal fastidio manifestati nella conversazione da Borgogni, il quale evidentemente sa, o presume, di essere intercettato, così come chiaramente si evince dai successivi sms".

I radar con tangente di Selex Sistemi Integrati

di Antonio Mazzeo


Bufera giudiziaria su Selex Sistemi Integrati, l’azienda leader nella produzione di sistemi radar civili e militari, guidata da Marina Grossi, moglie del presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini. La Procura della repubblica di Roma ha ordinato l’arresto del direttore tecnico Manlio Fiore, nell’ambito dell’inchiesta su una decina di appalti assegnati a Selex dall’Enav, l’ente nazionale di assistenza al volo. In carcere è finito pure il commercialista Marco Iannilli, mentre sono stati ordinati gli arresti domiciliari per l’amministratore delegato dell’Enav Guido Pugliesi.


Al vaglio del pubblico ministero Paolo Ielo l’ipotesi che i lavori assegnati dal 2005 al 2010 a Selex (e poi subappaltati ad altre società come Print System, Arc Trade, Techno Sky, ecc.) siano stati sovrafatturati per creare un fondo “nero” da cui attingere per le tangenti e le regalie da distribuire a consulenti, amministratori pubblici e cassieri di partiti politici. L’inchiesta vede indagati, tra gli altri, la stessa amministratrice Marina Grossi, per reati fiscali e corruzione, Pier Francesco Guarguaglini per “dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture” e Lorenzo Borgogni, responsabile delle relazioni esterne del gruppo Finmeccanica, per il reato di illecito finanziamento ai partiti. Al direttore dell’aerea vendite di Selex Sistemi Integrati, Manlio Fiore, viene contestato invece di essere stato lo “snodo operativo” per la costituzione del cosiddetto sistema Enav, il meccanismo di attribuzione di commesse che “attraverso illeciti rapporti personali con i poteri pubblici e privati” garantiva “contribuzioni illecite” di denaro con l’uso delle sovrafatturazioni. Secondo gli inquirenti, Fiore sarebbe intervenuto pure per dirimere una controversia tra Selex Sistemi Integrati e l’onnipotente holding statunitense Lockheed Martin a cui l’Enav ha affidato l’installazione di un radar passivo nell’aeroporto di Trieste. La commessa “contrastava gli interessi della Selex che tale radar aveva in sperimentazione con un programma finanziato dall’Aeronautica militare”, scrivono i magistrati romani. “Per tale ragione intervenne personalmente Manlio Fiore sia pure dovendo sopportare, secondo quanto riferì allo stesso Tommaso Di Lernia della Print System, l’onere di 300.000 euro per “consulenze” che aveva dovuto promettere a tale Di Nardo, rappresentante italiano della Lockheed”.


Le “false” fatture sarebbero state emesse, in particolare, in occasione dell’ammodernamento degli impianti radar dell’aeroporto di Palermo Punta Raisi. Il commercialista Marco Iannilli (collaboratore dell’ex consulente globale di Finmeccanica, Lorenzo Cola, già condannato per l’affare Digint, un colossale giro di denaro riciclato nelle banche di Hong Kong e Singapore), ha ammesso che per i lavori nello scalo siciliano, nel 2009 “Selex emise nei confronti di Enav fatture per circa 10 milioni di euro per lavori non eseguiti”. “Enav aveva necessità di implementare i costi e Selex di fare fatturato e anche qui sono intervenuti i consueti rapporti di pagamento tra Tommaso Di Lernia e l’amministratore delegato dell’Enav Pugliesi”, ha verbalizzato Iannilli. Gli inquirenti sospettano che i surplus delle operazioni Selex-Enav siano finiti pure in mano ad alcuni partiti politici. A fine gennaio 2010, Di Lernia avrebbe prelevato 206 mila euro da un conto in una banca di San Marino per consegnarli successivamente al tesoriere dell’Udc Pippo Naro, parlamentare originario di Militello Rosmarino (Messina) e stretto collaboratore di Gianpiero D’Alia, presidente del Gruppo Udc al Senato. Naro ha respinto ogni addebito anche se ha ammesso che in un incontro con l’amministratore di Print System, questi gli avrebbe promesso un contributo finanziario in vista di una competizione elettorale. Lernia, però, non avrebbe mantenuto l’impegno.


Sul sistema creato all’interno di Finmeccanica per “retribuire” amministratori pubblici e partiti ha parlato in particolare il superconsulente Lorenzo Cola. Nel corso di due interrogatori in carcere, il 19 novembre e il 22 dicembre del 2010, Cola ha indicato come dispensatore di tangenti, il dirigente della holding Lorenzo Borgogni. “Il suo lavoro era quello di tenere i contatti con i politici che avevano i rapporti con le società del Gruppo”, ha dichiarato. “Borgogni era a conoscenza, fin da epoca remota, del sistema di pagamento delle tangenti da parte dei fornitori di Selex Sistemi Integrati. Lui stesso era beneficiario di una parte di queste tangenti”. Interrogato, Lorenzo Borgogni ha ammesso la “contropartita” che l’azienda assicurava alle personalità politiche che agevolavano l’assegnazione di un appalto. Soldi e non solo. “Chiedevano incarichi di consulenza per familiari o persone di fiducia e anche assunzioni per i figli o per altri familiari”.


Negli atti della procura di Roma c’è un passaggio che riguarda uno dei ministri più potenti dell’ultimo governo Berlusconi. “Nella vicenda Optomatica, società che ha ottenuto commesse dall’Enav senza gara, vi era l’interesse del ministro dei Trasporti Altero Matteoli”, scrive il Gip. “Tale società avrebbe finanziato una fondazione che faceva capo a Matteoli”. Per una strana coincidenza del destino, proprio nei giorni in cui esplodeva l’inchiesta Selex-Enav, il ministro Matteoli e l’ad Marina Grossi inauguravano nella base della Marina militare di Messina il centro di formazione nazionale per il Vessel Traffic Management and Information System (VTMIS), il nuovo sistema di sorveglianza marittima realizzato dalla Selex Sistemi. Il VTMS è la rete radar più estesa al mondo: un centinaio d’impianti per la copertura di 7.500 km di coste italiane, come dire un impianto ogni 75 km. Costo complessivo, 400 milioni di euro. Sviluppato per conto del ministero dei Trasporti e della Guardia costiera, il sistema è stato cofinanziato con i fondi “PON Trasporti” dell’Unione europea, nonostante abbia scopi prevalentemente militari ed integri i centri di comando, controllo, comunicazioni e intelligence delle forze armate italiane e Nato.


Gli affari più recenti di Selex Sistemi Integrati non riguardano solo le forniture all’ENAV o alla Guardia costiera. In occasione del Vertice G8 tenutosi a L’Aquila dall’8 al 10 luglio 2009, l’azienda è stata contrattata dal Dipartimento della Protezione civile per la progettazione e l’implementazione del “sistema integrato” tra i sensori C3 impiegati dai ministeri della difesa e dell’interno e dall’Arma dei Carabinieri per la sicurezza dell’evento. “La tecnologia made in Italy di Finmeccanica rappresenta un supporto di straordinario valore a sostegno di attività fondamentali per la buona riuscita del G8 de L’Aquila”, fu il commento di Guido Bertolaso, al tempo gran capo della Protezione Civile. “La diversità dei servizi che Finmeccanica ha messo a disposizione è un contributo di grande importanza per l’intero sistema della protezione civile italiana, impegnata sia nella gestione del summit, sia nelle attività di assistenza alla popolazione della provincia de L’Aquila colpita dal terremoto”.


Lunga la lista delle commesse ottenute dalle forze armate italiane. Nel marzo 2009, Selex ha firmato con la Direzione generale delle telecomunicazioni, dell’informatica e delle tecnologie avanzate della difesa (Teledife) un contratto di oltre 260 milioni di euro per la consegna, entro il 2014, di dodici radar RAT 31 DL per la sorveglianza aerea a lunga portata (dieci in configurazioni fissa FADR e due in quella mobile DADR). “Il sistema ha eccellenti capacità di scoprire e tracciare i segnali radio a bassa frequenza di aerei e missili”, spiegano i manager di Selex. “In Italia, i radar consentiranno di controllare anche la presenza di missili balistici, comunicheranno con gli altri punti di controllo nazionali e della Nato, riducendo la necessità di personale e quindi dei costi di gestione”. Il primo impianto è entrato in funzione presso la 112^ Squadriglia Radar Remota di Mortara (Pavia). Gli altri undici saranno installati nei centri dell’Aeronautica militare di Borgo Sabotino (Latina), Capo Mele (Savona), Crotone, Jacotenente (Foggia), Lame di Concordia (Venezia), Lampedusa, Marsala, Mezzogregorio (Siracusa), Otranto, Poggio Renatico (Ferrara) e Potenza Picena (Massa Carrara).


In qualità di team leader dell’associazione temporanea con la SAAB Microwave SA, Selex Sistemi Integrati consegnerà a Teledife pure cinque sistemi radar controfuoco per la “sorveglianza del campo di battaglia” e la “localizzazione delle sorgenti di fuoco avversarie”. Il contratto ha un valore di 83 milioni di euro e prevede pure la gestione di attività di formazione agli operatori, il supporto all’installazione del sistema e la sua integrazione con i centri di comando e controllo SIACCON, precedentemente forniti all’Esercito. I radar potranno cooperare con i velivoli non pilotati (UAV) e i sistemi di comando e controllo della Nato. A 238 milioni di euro ammonta invece l’ordine della Direzione generale armamenti terrestri (giugno 2010) per dotare le forze armate italiane del sistema digitalizzato Forza NEC (Network Enabled Capability) che consentirà il “massimo scambio di informazioni operative, tattiche e logistiche da ogni veicolo e da ogni singolo uomo dislocato sul terreno”. Il programma è gestito con altre società di Finmeccanica (Selex Elsag, Selex Galileo, Oto Melara, MBDA Italia ed AgustaWestland) e prevede in particolare, la “realizzazione e integrazione di posti comando su shelter e veicoli, apparati di comunicazione, comando e controllo per soldati, veicoli e velivoli non pilotati, sistemi per l’interoperabilità completa in ambito Nato e UE, con particolari vantaggi nelle operazioni fuori area”.


A Selex Sistemi Intergrati andranno infine 5,1 milioni di euro per l’aggiornamento dei sistemi di pianificazione di missione volo IAF-MSS (Italian Air Force Mission Support System) da installare a bordo dei cacciabombardieri “Tornado” dell’Aeronautica. Il sistema Italia rischia la bancarotta ma guai a tagliare i sistemi di guerra.

Fiat, lettera disdetta contratti lavoro da fine anno. (LA FIAT NON RAPPRESENTA INTERESSI ITALIANI)

TORINO, 21 novembre (Reuters) - Fiat ha inviato una lettera ai sindacati in cui annuncia la disdetta dei contratti di lavoro attualmente in vigore negli stabilimenti auto italiani dal 31 dicembre prossimo.
Lo ha confermato una fonte del gruppo spiegando che si tratta di una iniziativa propedeutica alla definizione del contratto nazionale del gruppo Fiat Auto che dovra' sostitituire i contratti di lavoro atttualmente in corso.
L'iniziativa e' parallela e contemporanea alla uscita di Fiat da Confindustria alla fine di quest'anno.
Precedentemente l'azienda ha stipulato contratti aziendali per gli stabilimenti di Pomigliano e Mirafiori, che definiscono un quadro normativo diverso dal contratto nazionale in vigore, che dovrebbero essere estesi dal prossimo anno a tutti gli stabilimenti del gruppo. (Reporting By Gianni Montani.

LA FIAT NON RAPPRESENTA INTERESSI ITALIANI. LANDINI LANCI L'INIZIATIVA DI NON COMPRARE FIAT.

domenica 20 novembre 2011

Report La grande evasione

IL GOVERNO MONTI: I NUOVI POPOLARI AL GOVERNO : VEDIAMO CHI SONO-BY ...

IL GOVERNO MONTI: I NUOVI POPOLARI AL GOVERNO : VEDIAMO CHI SONO-BY ...: Parliamoci chiaro questa politica, questi politici (Berlusconi, Alfano, Bersani, D'Alema, Casini, Rutelli, Fini.) sono vecchiume incapace di...

Voce - Le paure delle banche italiane

LE MIE PREVISIONI POLITICHE SULL'ITALIA PER I PROSSIMI 14 MESI e cosa e' successo prima - REMO PULCINI

Cari Amici /Lettori

Non mi prolungo sugl'autoelogi, chi mi conosce sa di cosa parlo.

1)PDLSOCIALNETWORKS

2)GENERAZIONE SOCIALNETWORKS - (FLI)

3) TERZO POLO



per i miscredenti è possibile andare su Facebook, cercare questi progetti e vedere la data di creazione dei Gruppi  che risultano almeno 12 mesi avanti rispetto alla  discesa in campo dei grandi “miopi” di partito.
I MIEI  PROGETTI di successo annunciati 12 mesi prima, copiati e avversati come illusori.
Ed ogni volta tutti i detrattori che mi seguono si devono rimangiare la parola, non ultimo il mio Terzo Polo.
Veniamo alla situazione attuale.
Tolto di mezzo Berlusconi ed i poteri che rappresenta adesso ci ritroviamo con il Governo Monti.
Prima di annunciarvi cosa succederà nel post Monti voglio spiegarvi cosa è successo dietro le quinte.



PARTIAMO DAL GOVERNO BERLUSCONI, TUTTO FILAVA LISCIO sicuri di poter spadroneggiare con il consenso del Pd in una finta contrapposizione Bipolare all’Italiana.

Il gruppo d'interessi che aveva come Garante Berlusconi era al massimo del suo potere, tanto da avere anche una legge elettorale che gli consentiva di nominare  Ministri o posti di sotto governo persone che non avevano un voto,  basta vedere questi giorni del dopo Berlusconi dove molti di queste persone  anziché stare in Parlamento stanno in tribuna.

Quale Democrazia è quella che elegge cittadini senza il consenso dei voti ? questo vale sia nel PDL che nel PD.

Una situazione che stava bene a tutti, tanto da  realizzare di tanto in tanto delle sceneggiate teatrali per fare capire che esisteva una opposizione.

Purtroppo quello che non potevano prevedere questi poteri  “provinciali”, erano due fattori sorti a sorpresa:

1)      Un idea da me lanciata e meno importante rispetto alla seconda perchè limitata ai soli nostri confini Nazionali, la nascita del  “Terzo Polo” una formazione che e' destinata a Governare se non fa stupidaggini ora con il PD ora con il PDL per lungo tempo.
Vi ricordate UDC e il Partito della Nazione, bene dopo il lancio della mia idea di Terzo Polo il progetto si è perso nei meandri della politica ma vedrete che Casini lo dovrà comunque realizzare.

La conclusione di questa iniziativa da me sostenuta in tempi non sospetti e la cui causa porta il nome di PDLSOCIALNETWORKS che mi fu’ fatto saltare dal PDL anzi da alcuni settori che voi tutti conoscete e i cui nomi  sono sinonimo di visione miope.
Questa energia e’ stata convogliata nel Terzo Polo con il risultato che  la geniale idea di Bipolarismo si trasforma in una sistema Unipolare Centrista.
Non sarebbe mai avvenuto se io rimanevo nel PDLSOCIALNETWORKS e se Fini non era messo in condizioni di andare via.

Badate bene che questa idea non era in mente all'inizio di nessuno ne di chi l'ha costituita (Terzo Polo) ne di chi la subita, solo in corso d'opera si è capito il potenziale  del progetto.

2) Un programma piu' grande,  tanto grande da non essere controllato da  nessun Stato Nazionale, tanto meno  dall'Italia con tutti i suoi poteri provinciali. Un progetto Mondiale di riordino del sistema Economico Finanziario, stabilito a tavolino da poteri economici Mondiali in modo Bipartizan e Multinazionale.

Un sistema forse regolato solo gli Stati Uniti e dalla Cina e a cui non si può opporsi.

Oggi gli Stati si conquistano non solo con le false rivoluzioni Democratica ma piu’ facilmente con l’Economia della Finanza.

Aggiungerei anche un terzo fattore  a questo punto minoritario: tute le stupidate fatte commettere a Berlusconi sulla questione morale.

Direi dovuti da amici da bar come  i vari Fede, Mora etc.  etc. e da Consigliori incapaci (Letta) che non hanno spiegato che nel centro della Cristianità Mondiale,  a ridosso del Vaticano ( La Chiesa  esiste da 2000 anni ed ha superato guerre e avversari di tutti i tipi) certe cose non sono ammissibili e prima o poi li paghi. Ed infatti ha pagato.

La SITUAZIONE Attuale:

IL GOVERNO MONTI CHE A MIO MODESTO PARERE FARA' BENISSIMO PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE E' L'UNICO GOVERNO NON POLITICO, CHE PUO FARE QUELLE MANOVRE CHE NESSUN PARTITO PUO FARE PENA LA PERDITA DI VOTI e che tali poteri ci chiedono pena Default.

Il Governo Monti inoltre ha la piena fiducia di quei poteri che stanno risistemando il Mondo intero, e se da un lato sarà  garante degli interessi di quest’ultimi, sicuramente difenderà anche quelli  dell' Italia e dei suoi cittadini piu' deboli.

Cosa che non hanno fatto ne il Governo Berlusconi, ne il PD ne tanto meno i SINDACATI.

LEGGO  sul Web  CHE MONTI FARA' FARE LACRIME E SANGUE, CHE SI TRATTA DI UN GOLPE Democratico.

Nulla di piu' falso e iniziata solo la  propaganda elettorale di tutti i partiti.
Questi soggetti non possono criticare nessuno, questa Politica e questi Politici Obsoleti  da Scuola Elementare hanno FALLITO, SONO FALLITI abbiano il buon gusto di fare silenzio.

CERTO PER IL CITTADINO E DURA CAPIRE CHE CHI HA CREATO IL DEBITO (Banche)  ADESSO COMANDA GLI STATI E i debiti LI FA PAGARE A NOI .

UNA SOCIETA' EQUA AVREBBE dovuto far fallire le Banche e ricostituirle con nuovi criteri di Finanza Etica purtroppo la Politica MONDIALE NON HA SAPUTO fermare questo scempio ed oggi paga pegno.

Certo anche per i super grandi esiste un problema non previsto ed in particolare per gli Stati Uniti che dopo le finte rivolte democratiche nei paesi del Mediterraneo sperava nel riordino mondiale della Finanza, questo problema si chiama Cina che ad oggi non e' attaccabile ne Militarmente ne tanto meno Finanziariamente, l'unica soluzione sara' accordarsi nella divisione delle sfere d'influenza Mondiale.

Torniamo nella nostra Italia, Monti farà bene  e nel frattempo il PDL tentare di provare dopo aver fatto approvare quanto serve, di andare al voto con la Lega che dall'esterno  farà il gioco del vecchio padrone nella illusione di recuperare quel credito che il popolo del Nord non gli darà piu' , perche'  ha capito che l'epoca della grande illusione e degli spot sulla Secessione e il Parlamento Padano sono finiti. Bossi e' finito e presto se non vuole disintegrarsi assieme alla LEGA,  dovrà lasciare il posto a Maroni. La Palude Romana che combattevano li ha assorbiti e adesso ci sguazzano dentro fino al collo.

Il PD perderà la solita occasione convinto di essere ormai in vantaggio di 10 punti sul PDL.

Il Terzo Polo sarà la vera novita' dell'Italia, per il semplice motivo che vince sempre da qualsiasi lato lo si guardi.

Sara' l’ago della Bilancia per tutti, sara' il Terzo Polo che scegliera' con chi governare.

Vi comunico che dopo il Governo Monti, ci sarà questo governo PD-Terzo Polo e forse solo dopo il Governo Terzo Polo-PDL, dico solo dopo per il semplice motivo che in questo meccanismo si e' introdotto una novita' inaspettata ed aspettata dalla fine della prima Repubblica.

Ricostruire un Centro Cattolico forte e potente che possa da solo governare inglobando  i Cattolici di Sinistra e di Destra.

Potrebbe essere anche una trasformazione del Terzo Polo in un partito nuovo con il nome di “Centro Cattolico” e che badate bene se Mario Monti governera' bene potrebbe diventare  il Leader di questa novita'.

Io che posso nel mio piccolo manipolare consensi e umori tra SocialNetworks e la rete di Siti Web che possiedo  come al solito l'ho capito e sono gia' pronto come sempre 14 mesi prima.

Sara' compito della politica cogliere questa occasione come hanno fatto alcuni furbetti che fiutato con ritardo ma sempre prima degl'altri la mia previsione si sono ficcati dentro.

Saluti

Remo Pulcini

Marketing Politico

Politico

Strategie Politiche

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora