lunedì 30 aprile 2012

APPELLO ITALIA UNITA PER MANDARLI A "FANCULO" IN CABINA ELETTORALE

CARI AMICI, W LA SICILIA, W IL SUD, W LA PADANIA DIVERSI MA UNITI DA UN UNICO OBIETTIVO

IN CABINA ELETTORALE FESTEGGIAMO IL 150 DELL'ITALIA UNITA MANDANDOLI

A CASA , "FANCULO"...

MONTI TAGLI ALLE SPESE SEMPRE SUI CITTADINI, NO ALLA POLITICA !!! REMO PULCINI

CARI CONCITTADINI ITALIANI

LA SICILIA, IL SUD, LA PADANIA SONO ENTITA' VERE MA UNA SOLO CI UNISCE TUTTI COMPATTI

BISOGNA MADARE A CASA QUESTA VECCHIA POLITICA DI RICICLATI CHE COLPISCE

SEMPRE E SOLO NOI 50 MILIONI DI PERSONE CHE SOFFRONO PER MANTENERE 1000.

ADESSO GOVERNO MONTI ED I PARTITO DICONO CHE BISOGNA TAGLIARE LE SPESE, L'EUROPA INDICA LA STRADA

TAGLIO DELLE PROVINCIE, ACCORPAMENTO DEI COMUNI, E TAGLIO DEI CONSORZI, ATO E QUANT'ALTRO

E LORO COSA FANNO

TAGLIANO LE PREFETTURE E I TRIBUNALI NONCHE' LA SANITA'

MA ANDATE

QUANDO EUROPA PARLA CONTRO LA POLITICA E I SUOI SERVITORI NON E' URGENTE, QUANDO SI PARLA DI COLPIRE I CITTADINI SI.

CARI CONCITTADINI ITALIANI VICINI E LONTANI.

SIAMO DIVERSI E DISTANTI MA ALMENO PER UNA VOLTA STIAMO UNITI IN CABINA ELETTORALE PER MANDARLI A FANCULO TUTTI

VOTARE GRILLO E NON VOTARE !!!

W L'ITALIA UNITA PER MANDARLI A CASA


IPOCRITI BEPPE GRILLO HA RAGIONE E VI SPIEGO PERCHE' !!! REMO PULCINI

CARI AMICI VI SPIEGO PERCHE' BEPPE GRILLO HA RAGIONE 

1) VI ALLEGO L'INTERVISTA DOVE BEPPE GRILLO NON DICE QUELLO CHE VOGLIONO FARE CREDERE GLI IPOCRITI.




2) QUELLO CHE HA DETTO GRILLO E' VERO LA MAFIA E' IL PRODOTTO DI ANNI DI CONNIVENZA E DI COMPLICITA' DELLA CLASSE POLITICA, VERO E PROPRIO CANCRO DELLA NOSTRA SOCIETA'


3) DA SICILIANO POSSO DIRE CHE QUANDO BORSELLINO E FALCONE MORIVANO LA POLITICA LI TRADIVA, I GIORNALI PURE E CHE SPESSO ANTIMAFIA E' STATA IN SICILIA UNA VERA E PROPRIA ORGANIZZAZIONE POLITICA.

IL VERO PROBLEMA E' CHE GRILLO FA PAURA.

GRILLO OGGI VALE IL 50% DEI VOTI NAZIONALI, VALE IL PRIMO PARTITO IN ITALIA.

TUTTI HANNO PAURA DI PERDERE QUEL PROGETTO FATTO A TAVOLINO DOVE GLI ARTEFICI DELLE MALE FATTE ITALIANE SI STANNO RICICLANDO CON UN VOLTO DI VERGINITA'.

GLI ITALIANI SONO ORMAI MATURI E FARANNO PAGARE AI PARTITI IN CABINA ELETTORALE QUESTO SCEMPIO.

OGGI IN ITALIA ESISTE UN CANCRO CHE VA ESTIRPATO E CHE QUESTA VECCHIA ED OBSOLETA POLITICA SERVA DELLE BANCHE E DELLA FINANZA SPECULATIVA.

ALTRO CHE BALLE GRILLO HA RAGIONE !!!

Casini elogia Bersani ma prende le distanze da Berlusconi.

Casini elogia Bersani ma prende le distanze da Berlusconi. "Bersani e' una persona seria, avrebbe potuto vincere le elezioni ma ha accettato il Governo Monti. Con Berlusconi - commenta l'ex Presidente della Camera - abbiamo strade diverse da anni".

ITALIA SEMPRE PIU' POVERA

La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l'11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti.
La soglia di povertà relativa, per una famiglia di due componenti, è pari a 992,46 euro, circa 9 euro in più rispetto alla soglia del 2009 (+1%).
La povertà relativa aumenta tra le famiglie di 5 o più componenti (dal 24,9% al 29,9%), tra quelle con membri aggregati (dal 18,2% al 23%) e di monogenitori (dall'11,8% al 14,1%). La condizione delle famiglie con membri aggregati peggiora anche rispetto alla povertà assoluta (dal 6,6% al 10,4%).
Nel Mezzogiorno l'incidenza di povertà relativa cresce dal 36,7% del 2009 al 47,3% del 2010 tra le famiglie con tre o più figli minori.
La povertà relativa aumenta tra le famiglie con persona di riferimento lavoratore autonomo (dal 6,2% al 7,8%) o con un titolo di studio medio-alto (dal 4,8% al 5,6%), a seguito del peggioramento osservato nel Mezzogiorno (dal 14,3% al 19,2% e dal 10,7% al 13,9% rispettivamente), dove l'aumento più marcato si rileva per i lavoratori in proprio (dal 18,8% al 23,6%). Tra le famiglie con persona di riferimento diplomata o laureata aumenta anche la povertà assoluta (dall'1,7% al 2,1%).
Peggiora la condizione delle famiglie di ritirati dal lavoro in cui almeno un componente non ha mai lavorato e non cerca lavoro, si tratta essenzialmente di coppie di anziani con un solo reddito da pensione, la cui quota aumenta dal 13,7% al 17,1% per la povertà relativa e dal 3,7% al 6,2% per quella assoluta.
Migliora, nel Centro, la condizione di povertà relativa tra le famiglie con due o più anziani (dal 10,5% al 7,1%).
La povertà assoluta cala per le coppie con persona di riferimento sotto i 65 anni (dal 3,0% all'1,9%), a seguito di una maggiore presenza di coppie con due percettori di reddito.

SICILIA TRIVELLAZIONI A GO' GO', MA NESSUN VANTAGGIO PER I CITTADINI

Torna l’allarme trivelle in Sicilia a causa di una nuova istanza di permesso di ricerca di idrocarburi, petrolio e gas naturale, questa volta su un enorme territorio che comprende anche parte della Valle del Belice, tristemente nota per il devastante terremoto del 1968.
Il permesso
Torna l’allarme trivelle in Sicilia a causa di una nuova istanza di permesso di ricerca di idrocarburi, petrolio e gas naturale, questa volta su un enorme territorio che comprende anche parte della Valle del Belice, tristemente nota per il devastante terremoto del 1968.

domenica 29 aprile 2012

EXIT POLL SINDACO PALERMO - VOTA



Toluna.com - Get free polls, widgets, opinions and earn points!

sabato 28 aprile 2012

OBAMA POLL APRILE 2012

Sondaggio Politico Italia Aprile 2012 Remo Pulcini




Discussione del disegno di legge n. 898/A Autorizzazione ricorso operazioni finanziarie

XV LEGISLATURA 347a SEDUTA 27 aprile 2012
Assemblea Regionale Siciliana
La seduta è aperta alle ore 19.45
PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, avverto che del verbale n. 346 sarà data lettura
successivamente.
Ai sensi dell'articolo 127, comma 9 del Regolamento interno, do il preavviso di trenta minuti al
fine delle eventuali votazioni mediante procedimento elettronico che dovessero avere luogo nel
corso della seduta.
Ricordo, altresì, che anche la richiesta di verifica del numero legale (art. 85) ovvero la domanda
di scrutinio nominale o di scrutinio segreto (art 127) sono effettuate mediante procedimento
elettronico.
Discussione del disegno di legge n. 898/A Autorizzazione ricorso operazioni finanziarie
PRESIDENTE. Si passa al I punto dell’ordine del giorno: Discussione di disegni di legge e
segnatamente all’esame del disegno di legge n. 898/A Autorizzazione ricorso operazioni
finanziarie.
Ha facoltà di parlare l’onorevole Galvagno vicepresidente della commissione e relatore per
rendere la relazione.
GALVAGNO, vicepresidente della commissione e relatore. Signor Presidente, onorevoli
colleghi, mi rimetto al testo della relazione scritta.
PRESIDENTE. Dichiaro aperta la discussione generale.
Non avendo alcun deputato chiesto di parlare, dichiaro chiusa la discussione generale e pongo
in votazione il passaggio all’esame degli articoli.
Chi è favorevole resti seduto; chi è contrario si alzi.
(E’ approvato)
con l’astensione del Gruppo PDL e del Gruppo Grande Sud.
Si passa all’articolo 1. Ne do lettura:
“Articolo 1.

venerdì 27 aprile 2012

Russo e il candidato E il comizio si fa in clinica

Teoria del complotto cerca di politicizzare i crimini

Rumors commento e le speculazioni sono state diffuse da quando Pechino ha annunciato la rimozione dalla carica di Bo Xilai, l'ex Partito comunista cinese capo di Chongqing e membro del Bureau CPC politico, e le indagini nelle sue "gravi violazioni disciplinari" e presunto coinvolgimento di sua moglie in l'omicidio di affari britannica Neil Heywood. Quando qualcuno agli occhi del pubblico vede una brusca fine alla sua carriera, le persone hanno diritto a chiedersi cosa è successo. Tale curiosità è perfettamente legittimo e comprensibile. Dopo tutto, questo è uno scandalo che circonda un importante, sebbene controverso, funzionario che si crogiolava nel bagliore dei riflettori dei media costante. Bo mandato di cinque anni nella città sudoccidentale di Chongqing aveva catturato l'attenzione della gente a causa di un alto profilo repressione bande criminali e la sua iniziativa per rilanciare dell'era rivoluzionaria "canzoni rosse". Queste mosse gli è valso sia zelanti ammiratori e critici dure. Ma le autorità hanno reso chiaro che stanno indagando su un omicidio e violazioni delle discipline del partito e che le indagini l'omicidio di Heywood Bo e le violazioni delle discipline seguiranno le corrette procedure legali. Rispondendo a una domanda sulla sonda nella Wang Lijun, che sembra essere stato l'innesco per la caduta di Bo, il premier Wen Jiabao ci ha promesso una relazione sulle conclusioni dell'inchiesta, secondo cui "sarebbe resistere alla prova del diritto e della storia". Ma sembra che ci siano alcuni che non sono disposti ad accettare la verità che il PCC sta indagando su uno dei suoi più alti funzionari per le violazioni delle discipline di partito, e la magistratura sta indagando la moglie in relazione a un'inchiesta in corso omicidio, come ci sono stati suggerimenti Bo, che è vittima di una lotta di potere. Teorie della cospirazione del genere potrebbero fare film divertenti, ma queste sono indagini di vita reale per corruzione e omicidio.

Questo uno dei temi delle indagini era in una posizione di significato politico avrà conseguenze politiche, ma ciò non significa che le indagini sono motivate politicamente o un risultato di "politica di lotta". I teorici della cospirazione hanno cercato di screditare l'impegno delle autorità per governare di diritto, ma le autorità verrebbe meno ad aderire alla regola di diritto, se chiuso un occhio a queste gravi accuse di illecito e ha rifiutato di indagare. In effetti, ciò che questi teorici del complotto stanno dicendo che le autorità di Pechino dovrebbe abbandonare le indagini e quindi lo Stato di diritto perché i soggetti sono una persona politicamente importante. Le misure adottate contro il Bo e sua moglie sono in stretta conformità con il codice penale sofisticate del paese e codice di procedura penale e del CPC le regole che disciplinano la condotta dei suoi membri. Essi riflettono la risoluzione del partito a garantire lo stato di diritto.

CONTINUA LA TELENOVELAS BO XILAI, CINA-USA-GB AFFARI TUTTA LA SPY STORY

Li Xueming, vice-presidente della Cina Everbright International Ltd, si è dimesso dal suo incarico, una mossa che ha guidato le sue azioni oltre l'8 per cento più alto il Giovedi.
La Hong Kong quotata società è una divisione di un conglomerato di proprietà dello Stato cinese.
Azioni della società finito 8,18 per cento a HK $ 3.57 (46 cents) sulla notizia delle dimissioni, superando di 0,8 per cento del guadagno dell'indice benchmark di Hong Kong.
La società ha detto in un comunicato il Mercoledì che Li aveva deciso di dimettersi dal consiglio di amministrazione per i migliori interessi della società e dei suoi azionisti nel loro complesso al fine di minimizzare "ogni possibile impatto negativo sulla compagnia di alcuni recenti copertura dei media sulla sua famiglia background ".
La dichiarazione non ha specificato quali background familiare Li è, ma secondo fonti di stampa, Li è il fratello di Bo Xilai, il capo del partito ex di Chongqing, che è stato sospeso dal Comitato centrale del Partito comunista cinese ed è sotto inchiesta per sospetto di gravi violazioni della disciplina.
Cina, Everbright International Ltd è una società di energia alternativa concentrandosi su ricerca, sviluppo e gestione di prodotti a risparmio energetico e fonti energetiche nuove.
Li è stato nominato direttore esecutivo e vice-presidente del consiglio nel giugno 2003, secondo la Guangzhou-based settimanale Time.
Il 64-year-old Li ha venduto 12 milioni di azioni in Cina, Everbright nel 2010 e 2011, di incassare HK $ 43,2 milioni, che ha lasciato Li con 10 milioni di opzioni (circa il 0,27 per cento), secondo l'ultimo rapporto annuale della società, Bloomberg News ha riportato il Giovedi.
Stipendio annuo di Li da parte della società era HK $ 1,7 milioni nel 2011, secondo Bloomberg.
La dichiarazione della società ha detto Li dedizione e diligenza nel servire la società durante il suo mandato di direzione e dei suoi contributi alla società sono stati riconosciuti ed apprezzati.
"Recenti rapporti da parte dei media su fondo famiglia del signor Li hanno alcuna relazione con la normale attività e le operazioni della società, e non sono interessati e non pregiudica la normale attività e le operazioni della società e delle sue controllate", ha detto.
L'attività della società e delle sue controllate sono attualmente funzionando normalmente con ottime prospettive di sviluppo futuro, dice la nota.

“Al voto in autunno per completare le riforme che abbiamo avviato”

“Lavoriamo per sottoporre ai siciliani un’alleanza politica che comprenda il PD, le forze del centrosinistra insieme alle forze moderate di Mpa, Fli e mi auguro anche Udc. I siciliani saranno chiamati a rinnovare l’Assemblea Regionale e ad eleggere il nuovo presidente il prossimo autunno. La data la fissa la giunta di governo, per questo dico che, una volta indicato il voto anticipato ad ottobre, concentrarci sulla data delle dimissioni mi sembra una discussione capziosa”. Lo ha detto Antonello Cracolici, presidente del gruppo PD all’Ars, a margine delle comunicazioni in aula del presidente della Regione, Raffaele Lombardo, riguardo la vicenda giudiziaria in cui il governatore siciliano è coinvolto.

“Alla Sicilia serve un voto anticipato – ha proseguito Cracolici – sia perché la coincidenza con le elezioni nazionali schiaccerebbe l’appuntamento siciliano, ma soprattutto per evitare un logoramento che, in queste condizioni, sarebbe inevitabile. Abbiamo iniziato un percorso di riforme e si scardinamento di quegli interessi degli uomini di Berlusconi, Cuffaro e Ropmano, interessi che per troppo tempo sono stati una zavorra per la Sicilia: le prossime elezioni permetteranno ai siciliani di liberarsi e rilanciare questo percorso, per offrire una prospettiva di governo forte alla Regione e per completare le riforme, dalla sanità ai rifiuti, dall’acqua pubblica alla formazione professionale, dalle società partecipate al risanamento finanziario, che abbiamo avviato in questi anni e che non possiamo lasciare a metà”.

Un pentito che improvvisa per abbattere Lombardo


FONTE : LIVE SICILIA

Il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, è nel Tribunale di Catania per partecipare all’udienza del processo in cui è imputato per reato elettorale, assieme al fratello Angelo, deputato nazionale del Mpa. E’ la prima volta che il governatore si presenta in aula, davanti al Tribunale monocratico, dall’inizio del procedimento.
“Avevamo dichiarato che noi ci difendiamo nel processo e per fare questo partecipiamo al procedimento per fronteggiare le sciocchezze e le contraddizioni che hanno questo collaboratore propala da qualche tempo a questa parte”. Lo ha affermato il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, entrando nella sede dell’ex Pretura di Catania.
Il procedimento si celebra davanti alla quarta sezione del giudice monocratico di Catania, presieduta da Michele Fichera. Oggi è prevista l’audizione del pentito Gaetano D’Aquino. Il procedimento, che riguarda le elezioni alla Camera del 2008 e la compagna elettorale per fare eleggere Angelo Lombardo, nasce da uno stralcio dell’inchiesta Iblis su presunti rapporti tra mafia, politica, pubblica amministrazione e imprenditoria dopo indagine avviate da carabinieri del Ros su Cosa nostra di Catania. La posizione dei due fratelli Lombardo è stata stralciata dal fascicolo principale e l’accusa iniziale di concorso esterno all’associazione mafiosa, è stata derubricata in reato elettorale con la citazione a giudizio diretta disposta dalla Procura davanti al Tribunale monocratico. La scelta dell’allora procuratore facente funzioni, Michelangelo Patané, e dell’aggiunto Carmelo Zuccaro, che l’hanno motivata richiamando la sentenza di assoluzione della Cassazione su Calogero Mannino imputato di concorso esterno all’associazione mafiosa, non è stata condivisa dai quattro sostituti titolari dell’inchiesta, creando valutazioni diverse all’interno dell’ufficio. Il fascicolo per concorso esterno è passata al vaglio del Gip Luigi Barone che non ha accolto la richiesta di archiviazione della Procura e ha disposto invece l’imputazione coatta per il governatore e suo fratello davanti a un nuovo Gip. L’udienza preliminare si terrà il prossimo 9 maggio.

giovedì 26 aprile 2012

Tra tasse e acconti 82 scadenze a maggio - Corriere.it

Tra tasse e acconti 82 scadenze a maggio - Corriere.it

TUTTO QUELLO CHE SANNO FARE IL GOVERNO DEI TECNICI , MA PER QUESTO BASTAVA UNO STUDENTE DI ECONOMIA FUORI CORSO...

Comuni al voto

Quasi il 50% dei pensionati sotto 1.000 euro al mese

ROMA - Nel 2010 quasi la metà dei pensionati, 7,6 milioni, il 45,4% del totale, ha ricevuto pensioni (una o più prestazioni) per un importo medio totale mensile inferiore a 1.000 euro. E' quanto emerge dalla rilevazione condotta dall'Istat insieme all'Inps. Per 2,4 milioni (14,4%) le prestazioni non superano i 500 euro.

Nel 2010 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche, pari a 258,5 miliardi di euro, è aumentata dell'1,9% rispetto all'anno precedente; in diminuzione, invece, risulta la sua incidenza sul Pil (16,64% a fronte di un valore di 16,69% registrato nel 2009).

23,8 MLN ASSEGNI, QUASI META' (47,9%) AL NORD  - Nel 2010 sono state erogate in Italia 23,8 milioni di prestazioni pensionistiche con un importo medio per prestazione pari a 10.877 euro. E' quanto si legge in un rapporto dell'Istat condotto con l'Inps secondo il quale il 47,9% delle pensioni è erogato al Nord mentre nelle Regioni del Centro è erogato il il 20,5% dei trattamenti e il 31,6% al Sud. In totale i pensionati sono 16,7 milioni e percepiscono in media 15.471 euro all'anno. Circa due terzi dei pensionati infatti ha una sola pensione mentre un terzo ne ha più di una.

QUASI UN TERZO (29,1%) PENSIONATI HA MENO DI 65 ANNI  - Il 29,1 % dei pensionati ha un'età inferiore ai 65 anni. E' quanto emerge dalla rilevazione su trattamenti pensionistici e beneficiari condotta dall'Istat insieme all'Inps, con riferimento al 2010. L'Istituto di statistica, infatti, evidenzia come il 25,6% dei pensionati ha un'età compresa tra 40 e 64 anni e il 3,5% ha meno di 40 anni. Ne consegue che il 70,9% dei pensionati ha più di 64 anni.

FORTE CALO NUMERO PRESTAZIONI INVALIDITA'
- Nel 2010 a fronte di una riduzione del numero totale delle prestazioni pensionistiche dello 0,3% circa su base annua (a 23 milioni 763 mila da 23 milioni 835 mila), il numero delle pensioni d'invalidità è sceso nettamente, attestandosi a 1 milione 501 mila da 1 milione 606 mila, con un calo del 6,6%. E' quanto emerge dal rapporto sui trattamenti pensionistici diffuso dall'Istat. In riduzione, -1,34%, sono risultate anche le pensioni di invalidità civile (a 3 milioni 159 mila da 3 milioni 202 mila).

ANSA

Spunta anche un bando per noleggiare 4.350 vetture del valore di oltre 84 milioni Il bando di gara per acquistare 400 nuove auto blu per la Pubblica amministrazione non basta. Ora sulle pagine del sito del ministero dell'Economia spunta anche il bando di gara per il noleggio a lungo termine di «autoveicoli senza conducente, dei servizi connessi e di quelli a pagamento per le Pubbliche amministrazioni». Una operazione che vale di Nicoletta Cottone - Il Sole 24 Ore

Il bando di gara per acquistare 400 nuove auto blu per la Pubblica amministrazione non basta. Ora sulle pagine del sito del ministero dell'Economia spunta anche il bando di gara per il noleggio a lungo termine di «autoveicoli senza conducente, dei servizi connessi e di quelli a pagamento per le Pubbliche amministrazioni». Una operazione che vale di Nicoletta Cottone - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/106iOq

Tangenti Finmeccanica, Borgogni: "Le tangenti oltre alla Lega andavano a Cl"

Nuove accuse e nuove verifiche che i magistrati dovranno fare circa l'inchiesta sulle commesse ottenute all'estero da Finmeccanica. I sospetti questa volta riguardano l’amministratore delegato Giuseppe Orsi, indagato per corruzione internazionale e riciclaggio e sulla sua gestione di Agusta Westland. Questa volta le indagini fanno riferimento a lavori di ristrutturazione di una villa in Liguria, auto di lusso e soldi che sarebbero stati incassati gonfiando il valore degli appalti. I sospetti sarebbero emersi dopo le dichiarazioni di Lorenzo Borgogni,, l'ex responsabile delle relazioni istituzionali del Gruppo, e inerenti nuovi probabili beneficiari dei suoi finanziamenti. Dall’interrogatorio sarebbe emerso che, oltre alla Lega Nord (ma la stessa smentisce) - riferisce Borgogni -, i fondi neri andavano anche a Comunione e Liberazione.

Sembrerebbe che nel verbale redatto durante l’interrogatorio di Borgogni (cfr. Corriere della Sera 26/04/12) si citi proprio di questi contatti con CL e di possibili passaggi di denaro tra Giuseppe Orsi e il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.
I nuovi accertamenti disposti dai magistrati, Vincenzo Piscitelli, Henry John Woodcock e Francesco Curcio, sono stati affidati ai carabinieri del Noe, inoltre i magistrati hanno disposto una consulenza su tutti i contratti stipulati dall'azienda Finmeccanica fino al maggio scorso, data nella quale Orsi fu chiamato alla guida della holding sostituendo Francesco Guarguaglini.

Ma l'inchiesta sulla corruzione internazionale per gli appalti Finmeccanica non si ferma solo a quanto sopra citato, si rivolge anche a due nuovi Paesi, Inghilterra e Francia. Infatti la Procura di Napoli, dopo le perquisizioni e l'interrogatorio di Guido Ralph Haschke a Lugano, chiederà nuove rogatorie. Piu’ precisamente l’azione servirà per tentare di trovare tracce di Christian Mitchell, il secondo intermediario (il nome è probabilmente falso) che avrebbe materialmente ricevuto il denaro per il pagamento delle mazzette a favore di politici italiani, dopo l'assegnazione ad Agusta Westland della commessa da un miliardo e mezzo di euro per i 12 elicotteri AW 101 vip al governo indiano. Se le indagini dei carabinieri del Noe consentiranno di ritrovare Mitchell, l’inchiesta potrebbe avere sviluppi clamorosi, perchè le indagini riguardano uno scenario corruttivo che coinvolgerebbe, stando anche alle parole dello stesso Borgogni, non solo la Lega ma anche “altri partiti”.Infatti, si sta cercando di stabilire quante persone abbiano beneficiato dei “fondi neri” che sarebbero stati creati grazie al sistema delle sovraffatturazioni: il mediatore di affari era disponibile a far figurare compensi molto più alti di quelli che effettivamente percepiva al momento della sigla del contratto. E in base al trucco descritto, una parte di quel denaro aggiuntivo, dice Borgogni, sarebbe stato versato in parte alla Lega e in parte a Comunione e Liberazione.

Circa le sei auto Maserati che sarebbero entrate nella disponibilità di Giuseppe Orsi, intestate al suo autista, si indagherà per stabilire se il manager le avesse ottenute dai proprietari di alcune società che lavoravano con Agusta Westland quando lui ne era amministratore, si tenterà di stabilire se fossero realmente la contropartita di un affare da milioni di euro che Orsi avrebbe concluso con un'altra azienda italiana.
Si accerteranno anche i lavori di ristrutturazione di una villa che si trova a Moneglia, in Liguria, e che è intestata alla moglie di Orsi. Dai verbali d’accusa risulterebbe che le ristrutturazioni sarebbero state effettuate da società assegnatarie di appalti gestiti da Agusta nel settore delle opere civili. Sempre secondo l’accusa, in questo modo le società avrebbero restituito al manager i favori ottenuti al momento della scelta delle ditte da impiegare. Tuttavia, il manager ha smentito qualsiasi suo coinvolgimento, oltre che delle aziende da lui amministrate, in manovre oscure, e gli stessi inquirenti napoletani hanno dichiarato che l'iscrizione nel registro degli indagati di Orsi è un “atto dovuto”, conseguenza delle dichiarazioni rese a verbale da Borgogni. 

http://www.corriereinformazione.it/2012042618860/italia/tangenti-finmeccanica-borgogni-qle-tangenti-oltre-alla-lega-andavano-a-clq.html

Corte dei Conti sull'Italia , cosa dice ! Remo

Nel 2011 – anno per il quale, ad inizio di legislatura, era previsto l’azzeramento del disavanzo pubblico e una riduzione del rapporto debito /Pil al di sotto del 100 per cento – l’indebitamento netto delle Amministrazioni pubbliche ha sfiorato il 4 per cento del Pil, mentre il debito ha superato il 120 per cento del prodotto La vicenda del 2011 evidenzia, ancora una volta, le difficoltà di gestione del bilancio pubblico in una condizione di perdita permanente di prodotto: pur attivando misure rilevanti di contenimento, il livello della spesa pubblica sul Pil resta al di sopra dei valori pre-crisi.

E ciò a conferma dei margini sempre più stretti di riduzione e riqualificazione della spesa in un contesto di bassa (o nulla) crescita economica e in un arco di tempo breve. L’urgenza del riequilibrio dei conti si è tradotta, pertanto, inevitabilmente nel ricorso al prelievo fiscale, forzando una pressione già fuori linea nel confronto europeo e generando le condizioni per ulteriori effetti recessivi indotti dalle stesse restrizioni di bilancio. Con un consistente depauperamento dei benefici attesi e con il rischio di ricorrenti ma non risolutivi adeguamenti dell’intensità delle manovre correttive.

4. Il pericolo di un corto circuito rigore/crescita non è dissipato nell’impianto del DEF 2012-2015, impegnato a definire il profilo di avvicinamento al pareggio di bilancio in un arco di tempo molto breve. In altri termini, ancorchè obbligato, il pareggio di bilancio conseguito con queste modalità appare un equilibrio meno virtuoso. Con un alto livello di entrate e di spese pubbliche – oltre che con un’inflazione in rapida risalita – la compressione del reddito disponibile di famiglie e imprese non può che tradursi nella caduta della propensione al consumo e all’investimento

Teoria del complotto cerca di politicizzare i crimini

Rumors commento e le speculazioni sono state diffuse da quando Pechino ha annunciato la rimozione dalla carica di Bo Xilai, l'ex Partito comunista cinese capo di Chongqing e membro del Bureau CPC politico, e le indagini nelle sue "gravi violazioni disciplinari" e presunto coinvolgimento di sua moglie in l'omicidio di affari britannica Neil Heywood.
Quando qualcuno agli occhi del pubblico vede una brusca fine alla sua carriera, le persone hanno diritto a chiedersi cosa è successo.
Tale curiosità è perfettamente legittimo e comprensibile. Dopo tutto, questo è uno scandalo che circonda un importante, sebbene controverso, funzionario che si crogiolava nel bagliore dei riflettori dei media costante.
Bo mandato di cinque anni nella città sudoccidentale di Chongqing aveva catturato l'attenzione della gente a causa di un alto profilo repressione bande criminali e la sua iniziativa per rilanciare dell'era rivoluzionaria "canzoni rosse". Queste mosse gli è valso sia zelanti ammiratori e critici dure.
Ma le autorità hanno reso chiaro che stanno indagando su un omicidio e violazioni delle discipline del partito e che le indagini l'omicidio di Heywood Bo e le violazioni delle discipline seguiranno le corrette procedure legali.
Rispondendo a una domanda sulla sonda nella Wang Lijun, che sembra essere stato l'innesco per la caduta di Bo, il premier Wen Jiabao ci ha promesso una relazione sulle conclusioni dell'inchiesta, secondo cui "sarebbe resistere alla prova del diritto e della storia".
Ma sembra che ci siano alcuni che non sono disposti ad accettare la verità che il PCC sta indagando su uno dei suoi più alti funzionari per le violazioni delle discipline di partito, e la magistratura sta indagando la moglie in relazione a un'inchiesta in corso omicidio, come ci sono stati suggerimenti Bo, che è vittima di una lotta di potere.
Teorie della cospirazione del genere potrebbero fare film divertenti, ma queste sono indagini di vita reale per corruzione e omicidio.
Questo uno dei temi delle indagini era in una posizione di significato politico avrà conseguenze politiche, ma ciò non significa che le indagini sono motivate politicamente o un risultato di "politica di lotta".
I teorici della cospirazione hanno cercato di screditare l'impegno delle autorità per governare di diritto, ma le autorità verrebbe meno ad aderire alla regola di diritto, se chiuso un occhio a queste gravi accuse di illecito e ha rifiutato di indagare.
In effetti, ciò che questi teorici del complotto stanno dicendo che le autorità di Pechino dovrebbe abbandonare le indagini e quindi lo Stato di diritto perché i soggetti sono una persona politicamente importante.
Le misure adottate contro il Bo e sua moglie sono in stretta conformità con il codice penale sofisticate del paese e codice di procedura penale e del CPC le regole che disciplinano la condotta dei suoi membri.
Essi riflettono la risoluzione del partito a garantire lo stato di diritto.

Partito Comunista Cinese (CPC) ha dimostrato la sua dedizione alla lotta contro la corruzione.

Promettendo indagini approfondite l'incidente Wang Lijun, la morte del britannico Neil Heywood e Bo Xilai le violazioni gravi, il Partito Comunista Cinese (CPC) ha dimostrato la sua dedizione alla lotta contro la corruzione.
Netta opposizione e coerente del partito alla corruzione e il costante, notevoli progressi nuovo fatto nella lotta alla corruzione e nella difesa dell'integrità di fornire una garanzia importante per l'avanzamento delle riforme, l'apertura e la modernizzazione socialista.

Il Partito Comunista Cinese (CPC) del Comitato Centrale ha annunciato una decisione Martedì di sospendere l'appartenenza di Bo dell'Ufficio Centrale CPC Comitato politico e il Comitato Centrale CPC come egli è sospettato di essere coinvolto in violazioni disciplinari gravi, e la Commissione Centrale per l'ispezione Disciplina dei il CPC sarebbe archiviare il caso per le indagini.

La polizia cinese ha anche istituito una squadra per esaminare nuovamente la morte del cittadino britannico Neil Heywood a Chongqing il 15 novembre 2011, che è stato affermato da Wang Lijun, Chongqing ex capo della polizia che sono entrati, senza autorizzazione, gli Stati Uniti Consolato Generale a Chengdu il Feb 6. e vi rimase.
Secondo i risultati della nuova inchiesta, le prove esistenti, ha indicato che Heywood è morto di omicidio, di cui Bogu Kailai, la moglie di Bo, e Zhang Xiaojun, un infermiere a casa di Bo, sono altamente sospetta. I due sono stati consegnati ai servizi giudiziari.
Persone provenienti da diversi settori della società cinese da allora si esprime attraverso vari canali il loro sostegno per le decisioni del Comitato Centrale CPC, che hanno detto erano trasparenti e basati su fatti e leggi.

Gli analisti qui notare che l'incidente di Wang Lijun, la morte di violazioni della disciplina Heywood gravi e Bo hanno attirato grande attenzione e ha lasciato un impatto negativo, come raramente visto negli ultimi decenni.

martedì 24 aprile 2012

PER IL PD SI VOTA AD OTTOBRE, CASINI DICE SI MA IN CAMBIO VUOLE IL QUIRINALE

Il partito di Bersani, forte di sondaggi positivi e quindi sicuro della vittoria, vuole il voto in autunno, magari anche con la legge elettorale vigente. 

L'Udc di Casini che vuole il governo inciucio dei moderati potrebbe dire si al Voto ed in cambio ottenere il Quirinale.


Remo Pulcini

lunedì 23 aprile 2012

Fiducia dei consumatori

Fiducia dei consumatori

In aprile l'indice del clima di fiducia dei consumatori diminuisce da 96,3 a 89,0.
Il peggioramento, diffuso a tutte le componenti, è particolarmente marcato per il clima economico generale che scende da 85,4 a 72,1, mentre il clima personale scende in misura meno accentuata (da 100,1 a 94,3).
In forte calo risultano anche l'indicatore riferito al clima futuro, che passa da 86,3 a 76,6, e quello relativo alla situazione corrente (da 102,6 a 96,7).
I giudizi e le aspettative sull'andamento generale dell'economia Italiana risultano in forte peggioramento (i saldi diminuiscono rispettivamente da -111 a -127 e da -45 a -69). Aumenta significativamente il saldo delle risposte relative all'evoluzione futura della disoccupazione (da 88 a 106).
Peggiorano i giudizi e le previsioni sulla situazione economica della famiglia (rispettivamente da -54 a -63 e da -25 a -39) e le valutazioni prospettiche sul risparmio (il saldo scende da -71 a -85). In calo sono i giudizi sulla convenienza all'acquisto di beni durevoli (da -84 a -100).
I giudizi sull'evoluzione recente dei prezzi al consumo risultano in lieve crescita (il saldo sale da 89 a 91). Le valutazioni prospettiche sull'evoluzione nei prossimi dodici mesi segnalano una accentuazione della dinamica inflazionistica (il saldo sale da 33 a 50).
A livello territoriale il clima di fiducia peggiora marcatamente in tutte le ripartizioni.

Fondo Nazionale per l'Innovazione: 75 milioni di euro per l’accesso al credito

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha attivato il Fondo Nazionale per l’Innovazione (FNI), uno strumento per le piccole e medie imprese, a supporto della valorizzazione ed il finanziamento di progetti innovativi basati sullo sfruttamento industriale di disegni e modelli.

Il Ministero, attraverso il fondo, mette a disposizione una garanzia che permetterà di favorire la concessione di finanziamenti da parte delle banche selezionate per circa 75 milioni di euro, favorendo l’accesso al credito delle imprese e riducendo i costi del finanziamento.
I finanziamenti potranno essere concessi fino ad un importo massimo di 3 milioni di euro, con durata fino a 10 anni e nessuna garanzia personale o reale sarà richiesta all’impresa.
Mediocredito Italiano del gruppo Intesa Sanpaolo e Unicredit sono le banche che attuano questa importante iniziativa mettendo a disposizione del sistema industriale le loro competenze su un tema particolarmente importante per lo sviluppo e la crescita dell’economia italiana.
Per avere maggiori informazioni le imprese possono fare riferimento alle sezioni dedicate al Fondo Nazionale Innovazione dei siti internet di Mediocredito Italiano (Sezione Ricerca e Innovazione) e Unicredit dove sono anche indicati i punti informativi appositamente istituiti dalle due banche sull’intero territorio nazionale e dove sarà possibile avere ulteriori informazioni anche per la presentazione delle domande di finanziamento.
Per informazioni:

Unicredit:
numero verde: 800 178051 - casella di posta elettronica: softloansinnovazione-Italia@unicredit.euMediocredito Italiano: numero verde: 800 530701 - casella di posta elettronica: nova@mediocreditoitaliano.com

Il Bordello del riciclaggio dei vecchi partiti e' la foto attuale di questa Classe Politica. Remo Pulcini

Il riciclaggio dei vecchi partiti inizia nella piu' completa confusione, caos e incapacita' tanto da poter parlare di "Bordello Italia".

Casini che da vecchi Democristiano vuole fare il leader dei ModeratiCattolici non avendo titolo, un divorziato che ha navigato ora con Berlusconi ora con il PD e solo destinato a fallire nel progetto.

Un PDL che si affida a qualche modesto tecnico per fare quello che avevano in mano 2 anni fa con il PDLSocialnetworks da me ideato. Progetto destinato a fallire perche' privo di quei contenuti utili.

Un Pdl dove Casini sta attingendo a man bassa spezzandolo.

Segue un Montezemolo che parla di riciclaggio di rimescolamnto della vecchia politica priva di contenuti ma che di fatto non apporta alla societa' nessun valore aggiunto.

In tutto questo bordello i Dossier che sono atti a trombare, Lega ormai defunta, Formigoni ormai impresentabile e fra poco Di Pietro.

Bene serve qualcosa di diverso e nuovo e lo vedrete con me.

Remo Pulcini

IL SISTEMA EUROPEO E' FALLITO, BASTA EUROPA, BASTA MONTI, BASTA CASINI BERSANI, ALFANO

IL SISTEMA EUROPEO E' FALLITO, BASTA EUROPA, BASTA MONTI, BASTA CASINI BERSANI, ALFANO

STA ARRIVANDO

sabato 21 aprile 2012

OGGI ORE 15,30 ONLINE SU STREAMAGO TV LEZIONE DI MARKETING POLITICO PER POLITICI ONLINE DI REMO PULCINI

ATTENZIONE OGGI ORE 15,30 ONLINE

SULLA TV DI REMO PULCINI STREAMAGO.TV

SARA' TENUTA IN DIRETTA LIVE UNA IMPORTANTE LEZIONE DI MARKETING POLITICO PER POLITICI SU FACEBOOK

USO FACERBOOK A SCOPO POLITICI
CONTRO E INFORMAZIONE
REALIZZARE UN PROGETTO POLITICO

IL LINK A CUI COLLEGARI E' QUESTO

STA ARRIVANDO: IL NUOVO RIVOLUZIONARIO PROGETTO DI REMO PULCINI




Flash Countdown


ATTENZIONE LE ATTIVITA'

REMO PULCINI

MASSIMO ESPERTO DI MARKETING POLITICO

SARANNO RALLENTATE IN ATTESA DEL LANCIO DI UN NUOVO PROGETTO POLITICO ONLINE RIVOLUZIONARIO

IN ARRIVO DOPO LE AMMINISTRATIVE DI PALERMO PERCHE' IMPEGNATO A SOSTENERE IL MIO CANDIDATIO TOMMASO DRAGOTTO

Attenzione ! in arrivo la piu' grande novita' Politica della Terza Repubblica. Un Movimento da me ideato Remo Pulcini

Il Massimo Esperto Nazionale e Internazione di Marketing Politico autore di reti mediatiche di info e contro informazione con progetti politici mediatici come:

pdlsocialnetworks (la prima rete politica italiana sui social networks), terzo polo, campagne mediatiche ufficiali e non a Pisapia, De Magistris ora a Palermo Tommaso Dragotto rallentera' la sua attivita' per lanciale un progetto politico nuovo totalemente slegato dai partiti ormai superati e di mia iniziativa che cambiera' nuovamente il modo di fare politica.

Quando i partiti arrivano con 5 anni di ritardo rispetto alla mia presenza di Marketing Politico sul Web ecco che ancora una volta si troveranno indietro.

Posso solo comunicare che il nuovo Soggetto POLITICO sara' innovativo ed aperto a tutti.

L'UNICA COSA CHE POSSO ASSICURARVI SARA' LONTANO DALLA VECCHIA POLITICA E SARA' LEGATO ANZI SE VORRA SI LEGHERA AL PROGETTO POLITICO DI BEPPE GRILLO

REMO PULCINI
MASSIMO ESPERTO DI MARKETING POLITICO

venerdì 20 aprile 2012

Ultime Vignette - Remo Pulcini



Attenzione in arrivo un mio progetto politico che cambiera' la politica ed il suo modo di farla

Attenzione in arrivo un mio progetto politico che cambiera' la politica ed il suo modo di farla.

10 GIORNI AL SUO LANCIO DA DOMANI

Remo Pulcini

Meglio un comico bravo politico, che un politico bravo comico. Si a Grillo e al Movimento 5 Stelle. Remo Pulcini

Cari amici sto per lanciare un progetto politico decisamente importante e realizzabile, atto a scompaginare questo scandaloso riciclo dei partiti e personaggi politici ormai superati dalla storia mi riferisco al PD, PDL, UDC,  con i vari Bersani, Alfano, Casini.

Tuttavia una cosa voglia dirla e sostenerla con forza.

Oggi Beppe Grillo ed il suo Movimento 5 Stelle puo' diventare la svolta per gli Italiani onesti che gridano vendetta democratica.

MEGLIO UN COMICO CHE SA FARE IL POLITICO, CHE UN POLITICO CHE E' COMICO PER NON DIRE PEGGIO....

Remo Pulcini

Palermo ecco come finira'. Remo Pulcini

Cari amici dopo aver impedito a Grillo di trionfare a Palermo, per rinnovare questa citta' distrutta impedendogli di fare il Comizio.

Le ultime notizie sono queste.

Orlando, Ferrandelli, Costa sono i piu' votati.

La Caronia dopo lo scandalo del candidato condannato e' fuori gioco, cosi come lo e' il Generale Pappalardo fatto ridimensionare da dossieraggi vari a suo danno.

Resiste il mio Tommaso Dragotto.

In realta' il prossimo Sindaco di Palermo sara' FERRANDELLI.

Sembra da fonti sicure che Orlando sia comodamente d'accordo con il PD e il Terzo Polo Siciliano.

La sua discesa in campo serve solo a ricordare a Ferrandelli che lui vale 30.000 voti e per cui gli spetterrano alcuni assessorati.

Ferrandelli vincera' perche' prendera' i voti anche del Movimento per le Autonomie MPA che sebbene con FLI, sostenga Arico' di fatto con Oralndo daranno il contributo di voti per farlo andare al ballottagio con Costa che ovviamente perdera'.

Orlando di fatto sara' lo sfidante alle Regionali per Italia dei Valori alla Presidenza della Regione, seguito da Micciche', Cascio etc etc...

Era tutto piu' o meno programmato.

Saluti Remo

Bomba Formigoni E' FUORI ORMAI !!!

La lettera bomba al Corriere della Sera («Vi racconto l’amicizia tra Simone, Daccò e Formigoni») di Carla Vites, «militante ciellina della prima ora», moglie di Antonio Simone, ex assessore alla sanità lombarda finito in carcere per lo scandalo Maugeri, è un petardo inatteso che scuote il movimento solitamente ermetico fondato da Giussani. «Stupore, amarezza, incazzatura, autocritica tutto si mescola», nota un ciellino di prima fila.

Per tre anni consecutivi il presidente della Lombardia, Roberto Formigoni, ha festeggiato il capodanno ad Anguilla, uno dei resort più cari del mondo: l'Espresso lo scrive in un articolo in cui si parla di un costo settimanale di oltre 45 mila euro in alta stagione per una delle tre ville dell'Altamer Resort dove hanno soggiornato star come Denzel Washington e Brad Pitt. Il volo per Parigi del 27 dicembre 2008 che Pietro Daccò, il consulente arrestato con l'accusa di aver dirottato fondi neri dal San Raffaele e dalla fondazione Maugeri, avrebbe pagato a Formigoni e al fratello sarebbe solo la prima tappa del volo per i Caraibi.

Priva di «background e portafoglio commerciale», la location non era «vendibile sul mercato». Meglio affidarla a un esterno, un privato di sicura professionalità. È così che il 31esimo piano del Pirellone - la « location », appunto - è finita in gestione alla Poliedrika srl, la società di comunicazione di proprietà di Erika e Monica Daccò, le due figlie del faccendiere Pierangelo in carcere dal 15 novembre.
Lo scrive la moglie di Antonio Simone, Carla Vites, nella lettera pubblicata giovedì dal Corriere . E lo conferma, il giorno dopo, Infrastrutture Lombarde, la società della Regione che gestisce gli immobili di proprietà.

L'ITALIA UN PROGETTO DI TERZA REPUBBLICA STUDIATO A TAVOLINO DA CHI ?

La Terza Repubblica e' un Progetto studiato a tavolino fatto di fasi successive che si stanno compiendo.
Una sorta di progetto di Casa cosi come qualsiasi Ingegnere e Costruttore realizza nella vita comune.
Cari lettori l'Italia e' questa, un progetto studiato a tavolino da forze oscure.
L'Ingegnere e' Monti al servizio dei Costrutturi Alfano, Casini, Bersani e "entita' oscure".

ECCO LE FASI DEL PROGETTO TERZA REPUBBLICA:

1) GOVERNO MONTI (per fare il lavoro sporco dei partiti)
2) RICICLO DEI PARTITI (cambio nome)
3) ELIMINIZZAZIONE DEI NEMICI O RIDIMENSIONAMENTO (LEGA, FORMIGONI, LOMBARDO, ITALIA DEI VALORI)\
4) FAR SLITTARE IL VOTO
5) CAMBIARE LA LEGGE ELETTORALE PER CONSENTIRE DI TENERE IN PIEDI QUESTI PERSONAGGI E PARTITI SUPERATI DALLA STORIA (PD/PDL/UDC)

SE L'ITALIANO CAPISCE QUESTO PUO' SALVARE QUESTA ITALIA DALLA FALSA RIVOLUZIONE, SE NON LA FARA' SALTARE,  LA NUOVA TERZA REPUBBLICA SARA' PEGGIO DELLA PRIMA.

Attenzione nel PDL molti pronti a passare nel Partito della Nazione di Casini

FONTE MESSAGGERO.IT

ROMA - Pier Ferdinando Casini resta "l'osservato speciale" ma nella testa di Silvio Berlusconi - mentre la "fronda" interna torna farsi sentire nel Pdl - il progetto di unire tutti i moderati va oltre il cosiddetto Polo della Nazione.

Berlusconi. A Palazzo Grazioli, con i suoi fedelissimi, il Cavaliere conferma di guardare con interesse all'attivismo del leader centrista mettendo bene in chiaro però che il progetto a cui lavora è ben più ampio: «Sono pronto ad andare oltre il Pdl - è il ragionamento - per costruire un partito che riunisca tutti i moderati. Al momento l'idea di Casini mi sembra solo un semplice "cambio di casacca" al Terzo Polo con l'obiettivo di passare dall'8 al 10%».

Pisanu. Ma è nella direzione di un polo moderato che si muove anche l'ex titolare dell'Interno Beppe Pisanu che, con un documento, a quanto pare firmato da una trentina di senatori pidiellini, alza il livello della tensione nel partito. E c'è chi parla di "fronda". Pisanu, che ieri a sentito al telefono Berlusconi, nel documento chiede a tutti i parlamentari del partito di «riflettere» sulla necessità di costruire qualcosa di nuovo che vada oltre l'attuale Pdl.

L'unione dei moderati. Un obiettivo, quello di un rassemblement dei moderati, caro anche al Cavaliere non ha mai fatto mistero del suo progetto: lascerò la politica - ha sempre detto - quando avrò costruito il partito dei moderati sul modello del Ppe europeo. Ma la novità è che Berlusconi avrebbe anche individuato chi potrebbe essere il punto di riferimento del nuovo progetto: Luca Cordero di Montezemolo. Tant'è che, si racconta in ambienti del Pdl, proprio con il presidente della Ferrari, incontrato ad inizio aprile, il Cavaliere avrebbe ragionato di progetti per il futuro: una delle idee prospettate sarebbe quella di una lista civica nazionale, affiancata dal Pdl, così come da tutti quei partiti che si riconosco nei valori del Ppe. Una ipotesi comunque smentita in ambienti vicini a Montezemolo.

La fronda. Intanto Beppe Pisanu, secondo molti prossimo a lasciare il Pdl per approdare al progetto di Casini, la prossima settimana incontrerà Berlusconi. L'ex titolare del Viminale nel ruolo di "pontiere" tra il Cavaliere e il leader del terzo Polo con cui avrebbe avuto contatti anche oggi, ribadirà al Cavaliere la necessità di andare oltre l'esperienza del Pdl. Sulla carta nulla di strano anche se l'avvertimento che arriva dal vertice del partito è chiaro: «Se l'iniziativa di Pisanu è una proposta per creare la Costituente popolare, siamo nella linea di Alfano», mette in chiaro Franco Frattini. La proposta, nonostante gli stessi firmatati si affrettino a precisare che non si tratta di nessuno strappo, non convince invece gli ex An.

Il Partito della nazione. Il Polo della Nazione per la terza Repubblica, epigono del Terzo Polo, intanto fa un altro passo avanti. Dopo le amministrative al posto di Udc, Fli e Api ci sarà una confederazione, con un proprio simbolo. Il rassemblement moderato accelera dunque il passo in vista del 2013 e il primo a muovere la pedina sulla scacchiera è ancora una volta Casini, che oggi ha azzerato i vertici dell'Udc durante la Costituente di centro e mette in piedi una struttura molto più snella, già pronta a confluire nel nuovo partito.

«Si chiede un atto di generosità per il bene del Paese», ha detto il segretario dell'Udc Lorenzo Cesa avvia i lavori della costituente di centro in cui chiede subito l'azzeramento dei vertici del partito per «creare una struttura snella». «Nulla sarà più come prima», aggiunge Savino Pezzotta apre, che presiede i lavori della Costituente di Centro, sede nella quale l'Udc ha deciso di azzerare i vertici del partito per dare vita ad un nuovo organismo più snello che la porti verso un nuovo raggruppamento con le vecchie forze del Terzo Polo e della società civile.

Lo stop del Pdl. «Non si chiamerà Partito della Nazione», sente intanto l'esigenza di precisare Rutelli, mentre il vicepresidente di Fli parla di «un rassemblement che federerà i partiti del Terzo Polo e si aprirà a quanti vogliono andare oltre il Pdl». Come Pisanu. «Il documento reso noto dal senatore Giuseppe Pisanu merita attenzione perché pone con lucidità questioni reali e auspica una possibile evoluzione positiva del sistema politico. Vedremo come sarà accolto dal Pdl, cui appartengono tutti i senatori firmatari», dice infatti Fini. Ma dal partito di Berlusconi si replica immediatamente che il rassemblement va benissimo, purché abbia il Pdl come architrave. «Se Casini lancia una idea e dice "vi inglobiamo" non va bene. Dobbiamo farla insieme», spiega Franco Frattini.

Sicilia, negata piazza a Palermo al Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo

Sicilia, negata piazza a Palermo al Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo

Un attacco di paura dei partiti nei confronti di Grillo che avanza.

Il comizio di Beppe Grillo, previsto per il 29 aprile a Palermo, non si svolgerà in piazza Castelnuovo, proprio di fronte al teatro Politeama.

Disoccupati, inattivi, sottoccupati

Dal 2011 l'Ufficio statistico dell'Unione europea (Eurostat) ha previsto la diffusione annuale di alcuni indicatori complementari al tasso di disoccupazione, pubblicati dall'Istat per la prima volta il 10 novembre 2011.
Gli indicatori sono calcolati sulla base dell'indagine sulle forze di lavoro che ripartisce la popolazione residente in tre gruppi esaustivi e mutualmente esclusivi (occupati, disoccupati, inattivi) secondo i criteri definiti dall'ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) e recepiti dai Regolamenti comunitari.
Per rappresentare appieno la complessa realtà del mercato del lavoro è necessario andare oltre la rigida distinzione tra occupati, disoccupati e inattivi, con l'ausilio di indicatori complementari definiti in sede europea. I primi riguardano due segmenti di inattivi:
- gli individui che non cercano attivamente un lavoro, ma sono disponibili a lavorare;
- le persone che cercano lavoro ma non sono subito disponibili.
La somma dei due segmenti rappresenta le cosiddette "forze di lavoro potenziali".
Un terzo indicatore è calcolato tenendo conto di quanti lavorano con un orario ridotto, ma dichiarano che avrebbero voluto e potuto lavorare più ore: i sottoccupati part time.
Nel 2011 gli inattivi che non cercano un impiego ma sono disponibili a lavorare sono 2 milioni 897 mila, in aumento del 4,8% (+133 mila unità) rispetto al 2010. La quota di questi inattivi rispetto alle forze di lavoro cresce tra il 2010 e il 2011, passando dall'11,1% all'11,6%, dato questo superiore di oltre tre volte a quello medio europeo (3,6%).
Il gruppo è fortemente caratterizzato dal fenomeno dello scoraggiamento: il 43% (circa 1,2 milioni di unità) dichiara di non aver cercato un impiego perché convinto di non riuscire a trovarlo.
In Italia, gli inattivi che non cercano un impiego rappresentano un aggregato più ampio di quello dei disoccupati in senso stretto (2 milioni 108 mila nel 2011); nella media europea, invece, i disoccupati risultano pari a più del doppio di questi inattivi.
Nel 2011, gli inattivi che cercano un impiego ma non sono disponibili a lavorare sono 121 mila unità (-4,4%, pari a 6 mila unità in meno in un anno). Si tratta dello 0,5% delle forze di lavoro (l'1% nell'Unione europea).
Sommando le forze di lavoro potenziali ai disoccupati si ottengono le persone potenzialmente impiegabili nel processo produttivo: nel 2011 si tratta di circa 5 milioni di unità.
Sempre nel 2011, i sottoccupati part time sono 451 mila unità (+3,9%, pari a 17 mila unità in più rispetto al 2010) e rappresentano l'1,8% del totale delle forze di lavoro. Nell'Unione europea l'incidenza è pari al 3,6%.

giovedì 19 aprile 2012

Video TG Remo Pulcini - Marketing Politica

Bilancio e Finanziaria Voto Autunno Movimenti Sicilia (Forconi, Forza D\'Urto ed altri) Palermo Situazione SIndaco Raffaele Lombardo Arico, e Musotto

Perche\' Alfano, Casini, Bersani la triplice commissione hanno fallito. Perche\' la Terza Repubblica\' sara\' inevitabile Perche\' Movimento 5 Stelle vale 15%

Mie attivita\' recenti Territoriali e Mediatiche. 1) Partito dei Cattolici 2) Sindaco Palermo 3) Partito di Sicilia (Forconi, Forza D\'Urto e nuovI gRUPPI 4) Nuovo Movimento Mediatico

http://www.streamago.tv/mytv/my-channels/

mercoledì 18 aprile 2012

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita.

Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi alle ore 17,45 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio, Mario Monti.
Segretario il Sottosegretario di Stato alla Presidenza, Antonio Catricalà.
Il Consiglio ha approvato il disegno di legge sulla delega fiscale per dare maggiore certezza al sistema tributario, migliorare i rapporti con i contribuenti e proseguire nel contrasto all’evasione fiscale. Il Consiglio ha poi approvato la presentazione di un emendamento parlamentare contenente le misure per l’annullamento della procedura di gara – nota come beauty contest – per l’uso efficiente e la valorizzazione economica dello spettro radio. Il Consiglio ha inoltre approvato due provvedimenti: le sanzioni a carico dei datori di lavoro che impiegano cittadini di Paesi terzi il cui soggiorno è irregolare e le misure di promozione del turismo e dell’internazionalizzazione delle imprese (attraverso la riorganizzazione dell’ENIT e la disciplina dell’Agenzia per la promozione all’estero delle nostre imprese).

Riunione a Palazzo Chigi con Alfano, Bersani e Casini

Il Presidente del Consiglio Mario Monti martedì 17 aprile ha incontrato il Segretario del PDL Angelino Alfano, il Segretario del PD Pierluigi Bersani e il leader dell’UDC Pier Ferdinando Casini, alla presenza dei Ministri competenti per le materie trattate, e cioè il Ministro della Giustizia Paola Severino, il Ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, il Ministro del Lavoro Elsa Fornero, il Ministro per gli Affari europei Enzo Moavero Milanesi, il Ministro per i rapporti con il Parlamento Piero Giarda, il Ministro per la Pubblica Amministrazione Filippo Patroni Griffi, il Vice-Ministro per l’Economia Vittorio Grilli e il Sottosegretario Antonio Catricalà.
Il tema centrale dell’incontro è stato quello della crescita e della creazione di occupazione, anche nel quadro della politica comunitaria. Sono state passate in rassegna le riforme già adottate e quelle in corso di adozione al fine di migliorare la competitività del sistema paese e creare un ambiente favorevole alle imprese stimandone l’impatto in termini di crescita. Il Ministro Passera ha illustrato l’Agenda per la crescita fornendo dettagli sulle prossime misure, in particolare per quanto riguarda le infrastrutture e la liquidità per le imprese. E’ stata riaffermata la ferma determinazione ad approvare la riforma del mercato del lavoro nei tempi più brevi, nel rispetto delle prerogative del Parlamento. Inoltre è stato approfondito il contenuto del Documento di Economia e Finanza (DEF) domani all’esame del Governo, ed in particolare del Programma Nazionale di Riforme, strumento centrale nel quadro della governance europea, che riveste un’importanza particolare nel perseguire gli obiettivi di crescita sostenibile .
Infine si è condivisa l’esigenza di un raccordo periodico con i Presidenti dei Gruppi parlamentari che sostengono il Governo per la definizione di una efficace e coerente programmazione dell’agenda sui principali provvedimenti che il Parlamento esaminerà. In tema di giustizia il Ministro Severino ha informato sull’iter parlamentare in vista di una tempestiva approvazione dei provvedimenti all’esame, alcuni dei quali concorreranno anch’essi ad attrarre gli investimenti stranieri e a incentivare quelli nazionali.

Votazione finale per scrutinio nominale del disegno di legge del bilancio Sicilia

Presenti …………………… 59
Votanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
Maggioranza . . . . . . . . . . . . . . 30
Favorevoli . . . . . . . . . . . . . . . . 40
Contrari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

Votazione finale per scrutinio nominale del disegno di legge «Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2012. Legge di stabilità regionale» Sicilia

Presenti …………………… 56
Votanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
Maggioranza . . . . . . . . . . . . . . 28
Favorevoli . . . . . . . . . . . . . . . . 39
Contrari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Astenuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1

ARMAO, assessore per l’economia. Signori deputati

ARMAO, assessore per l’economia. Signori deputati, è noto che abbiamo affidato alla valorizzazione del patrimonio immobiliare un rilievo significativo per garantire gli introiti di questo bilancio ed è noto che per questa finalità abbiamo anche proposto degli accantonamenti che, quindi, sono di grande responsabilità, perché attende risorse da questo processo di valorizzazione.
E’ noto che sul piano della valorizzazione vi è UNA norma che vincola la Regione a realizzare la valorizzazione solo tramite una società che all’uopo fu costituita (Sicilia patrimonio immobiliare), che in questo momento è in una situazione di stallo perché si è incardinato un contenzioso, ci sono problemi col socio privato. Cosa  consente questo emendamento?
Consente al dipartimento di realizzare la valorizzazione senza necessariamente passare per una società che in questo momento non ha un’agibilità operativa e, quindi, consente di realizzare il processo di valorizzazione in capo al dipartimento e non alla società, perché quella norma che viene integrata prevedeva come unica  modalità operativa della valorizzazione quella di utilizzare la società, quella di realizzarla attraverso la società.

Se dobbiamo, in poco tempo, realizzare questo procedimento di valorizzazione non possiamo restare ingabbiati nel contenzioso che c’è tra il socio privato e il socio pubblico.
Quindi, questa è la ragione per la quale si ritiene di poter operare anche direttamente in capo al dipartimento e quindi la possibilità che questa valorizzazione sia fatta attraverso il ricorso al dipartimento e non alla società, perché altrimenti gli accantonamenti che stiamo facendo e che sono  assai pesanti rischiano di diventare come accantonamenti definitivi, e questo non possiamo permettercelo.

FREQUENZE TV: MEDIASET RICORRE CONTRO STOP A "BEAUTY CONTEST"

FONTE UFFICIALE LA 7

Mediaset presenterà ricorso contro la decisione del governo di sospendere il "beauty contest" per l'assegnazione delle frequenze televisive, preferendo l'asta economica aperta a tutti.
Lo ha annunciato il presidente del gruppo di Cologno monzese , Fedele Confalonieri, aprendo i lavori dell'assemblea della società, in cui ha anche affermato che non è detto che Mediaset partecipi all'asta.
"Il beauty contest gratuito - ha evidenziato Confalonieri - è la formula utilizzata in gran parte degli altri paesi europei. Era una procedura legale e condivisa dall'Europa. Mediaset - ha aggiunto - le sue frequenze le ha pagate tutte, anche quella Dvbh, oggi all'onore delle cronache come ennesimo regalo".
Poi l'attacco diretto al ministro Passera che ha annunciato l'asta economica: c'è stata tanta demagogia: far pagare alle ricche televisioni le frequenze anziche' diminuire i redditi dei cittadini con nuove tasse. Come sappiamo tra le due cose non vi e' relazione. Le tasse sono aumentate e siamo proprio sicuri che l'asta produrra' introiti significativi per lo Stato?"

MEDIASET E IL PARTITO AZIENDA PDL PAGHINO COME STANNO PAGANDO GLI ITALIANI E COME HANNO PAGATO CONGRUAMENTE IN EUROPA GLI ALTRI PER AVERE LE FREQUENZE AL GIUSTO PREZZO E NON REGALATE.

Napolitano: via il marcio. Quindi i Partiti ?

Napolitano: via il marcio. Quindi i Partiti ? ahahah

LOMBARDIA: OPPOSIZIONI PRESENTERANNO MOZIONE SFIDUCIA FORMIGONI

(AGI) - Milano, 17 apr. - I partiti di opposizione presenteranno una mozione di sfiducia nei confronti del presidente della Regione Roberto Formigoni. A renderlo noto e' il gruppo consiliare del Pd al Pirellone che attacca anche sulle due nuove nomine in giunta. "Per giustificare quello che e' un vero rimpasto di Giunta - prosegue il Pd - il presidente Formigoni si arrampica sugli specchi, adducendo scuse che reggono solo in parte. E accusa l'opposizione di perdere pezzi solo perche' due consiglieri hanno fatto scelte di gruppo diverse, mentre nella sua Giunta e nella sua maggioranza gli assessori e i consiglieri se ne vanno a casa in via definitiva ". Anche l'Idv si e' fatta sentire con il suo capogruppo in Consiglio regionale, Stefano Zamponi. Sulle dimissioni del presidente del Consiglio lombardo, Davide Boni, Zamponi ha detto: "Non esulterei per le dimissioni del presidente Boni perche' il palese declino formigoniano sta trascinando l'istituzione regionale sempre piu' a fondo". Chiara Cremonesi, capogruppo Sel, considera invece le dimissioni di Boni inevitabili "considerate le accuse cosi' pesanti e l incompatibile ruolo di garanzia che appartiene a tale carica". Il capogruppo, quindi, aggiunge: "Spiace pero' constatare che arrivino con oltre un mese di ritardo e, soprattutto, che siano il frutto non di un assunzione di responsabilita', ma dei regolamenti interni a una Lega in profonda crisi". (AGI) 

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora