giovedì 13 dicembre 2012

Elezioni, Ingroia a Bersani: “Berlusconi nefasto, via le leggi ad personam”

Elezioni, Ingroia a Bersani: “Berlusconi nefasto, via le leggi ad personam”
Su Micromega lettera aperta al segretario del Pd. Il magistrato della "trattativa" gli augura la vittoria, soprattutto in caso di candidatura del Cavaliere, "artefice del disastro economico-finanziario, politico-istituzionale e etico-morale" del Paese. Ma sulla possibilità di una "nuova liberazione" l'ex pm non si sente "tranquillo"
Elezioni, Ingroia a Bersani: “Berlusconi nefasto, via le leggi ad personam”
Più informazioni su: Antonio Ingroia, Leggi ad personam, Pier Luigi Bersani, Silvio Berlusconi, Trattativa Stato-Mafia. Antonio Ingroia scrive a Pierluigi Bersani e attacca frontalmente Silvio Berlusconi. Il magistrato che ha coordinato l’inchiesta della Procura di Palermo sulla trattativa Stato-mafia augura a Bersani la “vittoria come premier candidato dal centrosinistra alle prossime, ormai imminenti, elezioni politiche“, soprattutto di fronte al profilarsi “dell’ennesima candidatura di una vecchia e nefasta conoscenza degli italiani, Silvio Berlusconi, artefice del disastro economico-finanziario, politico-istituzionale e etico-morale in cui è precipitato il Paese in questi ultimi anni” (qui il testo integrale).
Ma Ingroia, attualmente fuori ruolo perché nominato capo dell’Unità di investigazione della Commissione internazionale contro la impunità in Guatemala, fa sapere al segretario del Pd di non sentirsi “tranquillo” neppure in caso di vittoria del centrosinistra. “Le chiedo, la maggioranza da Lei guidata vorrà abrogare, tutte, senza esclusione alcuna, le leggi ad personam fino ad oggi approvate?”. Il magistrato chiede anche l’introduzione di un nuovo reato, già presente in altri ordinamenti, che pare ispirato dalle recenti vicende del processo Ruby. Quello di “ostruzione della giustizia, ampiamente praticata, e con successo, nel nostro Paese”.
Nella lettera, Ingroia si richiama alla Costituzione che “troppe volte è stata sfregiata, mortificata, umiliata”. E il primo passo per ripristinare la reale uguaglianza tra i cittadini, la prima cosa da fare, sostiene l’ex pm antimafia, è abrogare appunto le “leggi ad personam, che a decine sono state approvate negli ultimi anni. Un’intollerabile legislazione di privilegio che ha creato praterie di impunità per i potenti, ma soprattutto ha mortificato il principio di eguaglianza dei cittadini”.
Da qui l’appello finale a Bersani: “Occorre una nuova Liberazione. La liberazione dalle cricche, dalle caste e dalle mafie. Lo potrà e lo vorrà fare davvero la compagine governativa che vuole guidare, caro Bersani, al contrario di quanto non si sia fatto in passato?”.

«Litvinenko ucciso perché lavorava per Kgb, Mi6 e servizi spagnoli»

LONDRA - Il potenziale detonatore di nuove tensioni tra Londra e Mosca parte da una stanza nel municipio di Camden, a nord di Londra, dove oggi è tornato sul tavolo il caso Litvinenko. «Il governo britannico è in possesso di prove tali da determinare il coinvolgimento e la colpevolezza dello Stato russo nella morte di Aleksandr Litvinenko» l'ex spia del Kgb - ma in realtà agente triplo, è la nuova clamorosa rivelazione - morta a Londra nel 2006 avvelenato da polonio.

È quanto emerge da un'udienza preliminare, in attesa di una nuova inchiesta che partirà il prossimo maggio. A Camden oggi era presente anche il legale della moglie di Litvinenko, Marina, che da quando accompagnò il marito in quei giorni di agonia nel letto di un ospedale di Londra continua a urlare al mondo che «giustizia» deve essere fatta. Per questo torna a puntare il dito anche contro il governo britannico e contro i suoi servizi segreti: in particolare, l'MI6, che accusa di aver lasciato solo suo marito, di non averlo protetto. Lui che pure con i servizi di sua Maestà aveva collaborato sotto banco.

Si rivela oggi infatti che Litvinenko era un agente "triplo": ovvero 'lavoravà per l'MI6, dietro le spalle dei servizi russi, ed era in contatto anche con agenti spagnoli, collaborando con loro indagini sulla mafia ex sovietica. Litvinenko era stato reclutato dall'MI6 da diversi anni - ha sottolineato a Londra l'avvocato di sua moglie Marina, Ben Emmerson - teneva incontri regolari nella capitale britannica con un contatto dell'MI6, noto solo come Martin, e incassava pagamenti sia dai servizi britannici che da quelli spagnoli, su un conto in banca in comune con la moglie.

Un dettaglio che potrebbe avvalorare la tesi di un coinvolgimento diretto dell'ex Kgb nell'eliminazione di un «traditore». Il 1 novembre 2006 Aleksandr Litvinenko prese un tè al Millennium Hotel di Londra e qualche ora dopo si sentì male. Ricoverato in ospedale, gli fu diagnosticato prima un avvelenamento da cibo e poi da radiazioni. Dal letto di morte, l'ex agente nemico del Cremlino accusò Putin: «Riuscirete a far tacere un uomo. Ma le grida di protesta che salgono da tutto il mondo le sentirete, signor Putin, per il resto della vita».

La moglie Marina si era accorta subito che qualcosa non andava. Che la pelle giallastra, gli occhi infossati del marito erano sintomi più sinistri di un pur grave avvelenamento da cibo. Il 13 novembre, dopo 11 giorni in ospedale, Litvinenko non riusciva più ad aprire la bocca. La moglie gli accarezzò i capelli e una ciocca le restò in mano. «Fu allora che cominciai a gridare», ha poi raccontato. Aleksandr morì dieci giorni dopo. Cinque anni dopo, Marina grida ancora e vuole giustizia. E cinque anni dopo, quando il gelo tra Londra e Mosca sembrava quasi definitivamente sciolto, queste nuove prove, «preliminari» ancora, tutte da verificare certo, ma nero su bianco in documenti riservati del governo britannico, secondo Hugh Davies che cura il dossier per Londra, insiste: è ancora possibile provare il coinvolgimento, se non di piu, la colpevolezza, di Mosca.

Aereo sopra pattuglia Isole Diaoyu 'tutto normale'

 Cina il Giovedi ha detto il suo piano di sorveglianza marittima volare sopra le isole Diaoyu era "del tutto   normale".
 
"L'Isola Diaoyu e le sue isole affiliate sono una parte inalienabile del territorio cinese, ed è del tutto normale che un aereo cinese sorveglianza marittima a volare sopra di loro," il portavoce del ministero degli Esteri cinese Hong Lei ha detto in una conferenza stampa periodica.
Egli ha anche esortato il Giappone per fermare le sue attività illegali nelle acque e lo spazio verso le isole.
Hong ha sottolineato che le attuali difficoltà gravi in ​​Cina-Giappone le relazioni sono il risultato di acquisto illegale giapponese delle isole Diaoyu, e ha invitato il governo giapponese a correggere i propri errori, mostrando la sincerità e agire attraverso il dialogo ei negoziati.

Economia cinese in crescita del 8,5% nel 2013: relazione

Economia cinese è prevista un'espansione del 7,7 per cento anno su anno nel 2012 e di circa il 8,5 per cento nel 2013, un governo think-tank ha detto Mercoledì nel suo ultimo rapporto.
Tasso medio di crescita economica della Cina rimarrà comprese fra 7,5 e l'8 per cento nei prossimi 10 anni, secondo un rapporto della National Academy of Economic Strategy sotto l'Accademia Cinese delle Scienze Sociali (CASS).
L'economia del paese continuerà ad affrontare molti fattori negativi nel prossimo futuro, tra cui una lenta ripresa dell'economia globale, cordoli di proprietà rigorosi e la capacità produttiva eccessiva, dice il rapporto.
Prodotto interno lordo della Cina guadagnerà slancio e crescita di circa il 8,5 per cento nel 2013 a causa delle condizioni favorevoli tra cui il governo pro-crescita politica e recupero della domanda estera, dice il rapporto.
Nel tentativo di crescita stimolo economico, la Cina ha adottato una serie di misure di questo anno, compresi i tagli dei tassi di interesse, riserve bancarie riduzioni rapporto requisito e l'approvazione dei progetti di infrastrutture di valore di più di 1 miliardi di yuan.
L'economia cinese è cresciuta del 7,4 per cento anno su anno nel terzo trimestre, un rallentamento costante dal 7,6 per cento nel secondo trimestre e 8,1 per cento nel primo, secondo l'Ufficio Nazionale di Statistica.
Il rapporto ha anche previsto la crescita di investimenti di capitale fisso in Cina e il totale delle vendite al dettaglio per essere 22,5 per cento e 15,5 per cento. Indice dei prezzi al consumo è destinato a crescere tra il 2,2 al 2,7 per cento il prossimo anno, dice il rapporto.

Cina invia aerei per pattugliare Isole Diaoyu

Un cinese aereo sorveglianza marittima è stato inviato a partecipare navi pattugliano le acque territoriali intorno alle isole Diaoyu Giovedi mattina, secondo le autorità marittime della Cina.
L'aereo, B-3837, è arrivato nella zona verso le 10 e condotto pattugliamenti congiunti con una flotta di quattro navi di sorveglianza, ha detto una dichiarazione rilasciata dalla Oceanic Administration Stato nel pomeriggio di Giovedi.
La flotta ha dichiarato la posizione del governo cinese e ha ordinato le navi giapponesi che erano entrati nelle acque territoriali della Cina di lasciare immediatamente la zona, dice la nota.

 

sabato 8 dicembre 2012

Incontro con Enrico Mattei_L'arroganza dei potenti

aldo moro 1960

Messora a Emilio Fede: "E il cambiamento saresti tu?"

Il movimento degli arancioni

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora