giovedì 28 febbraio 2013

Domani Video Comunicato: Analisi Politica Situazione Italiana

Perche' la colpa di tutto e' di Casini !!!

INDAGINI GIUDIZIARIE SUL PDL E' SOLO L'INIZIO

GUARDATE COSA DICEVO MOLTO GIORNI FA'

Io penso che presto ci sara' altro molto altro ...

Ecco le dichiarazioni dei redditi di Alfano, Bersani, Bossi, Casini e Di Pietro

E’ Angelino Alfano il leader di partito più ricco, seguito da Antonio Di Pietro. Secondo quanto risulta dalla dichiarazione dei redditi relativa al 2011, il segretario del Pdl, Alfano, ha infatti un reddito imponibile di 189.428 euro ed ha superato il presidente dell’Italia dei Valori, Di Pietro, che l’anno scorso era in cima alla classifica dei più ricchi e che, invece, quest’anno ha dichiarato un reddito imponibile di 174.864 euro.
Al terzo posto si colloca il numero uno della Lega, Umberto Bossi, che sale di posizioni rispetto all’anno scorso con un reddito imponibile pari a 161.542 euro. Seguono il segretario dell’Udc, Lorenzo Cesa, con un reddito di 148.310 euro e il leader del Pd, Pierluigi Bersani, con 137.973 euro. Agli ultimi posti si piazzano il vicepresidente di Fli, Italo Bocchino, con 125.592 euro e il numero uno dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, con 116.074 euro.

Perche' Bersani deve rassegnare le Dimissioni ? ha perso per almeno due tornate Elettorali di Remo Pulcini

Cari amici i motivi per cui Bersani ed il PD hanno perso la faccia sono molti e per mancana di tempo non posso spiegarli.

Tuttavia il risultato finale e' solo uno Bersani portavoce di D'Alema nonche' equivalente di Alfano/Berlusconi dopo la sparata del Giaguaro ha perso la Faccia e non solo, per un politico a meno che non voglia disintegrare il Partito l'unico atto che gli rimane e' la dimissione.

Il danno fatto e' incalcolabile e non si traduce solo nella figura di "merda" fatta in questa elezione ma nel fatto che qualsiasi soluzione scelga e in qualsiasi modo governi lui ha perso anche la prossima tornata elettorale.

Al PDL non rimane che stare alla finestra sicuro di aver fatto il colpo del secolo resuscitare i Morti.

BERSANI E D'ALEMA due Pirla Megalattici...

Sondaggio:Cosa dovrebbero fare i 3 Partiti Italiani per Governare l' Italia ?


La Lega Nord in Sicilia prende 3000 Voti un messaggio ? di Remo Pulcini

In Sicilia fra liste tradite e vendette appare evidente un dato :

3000 votanti per la Lega Nord

di chi sono e chi ha votato Lega Nord ? io direi che sono tutti di una persona politica che ha mandato a Roma un segnale preciso e numerico

Remo

Sicilia la Guerra Intestina Tra Crocetta ed il PD e non solo.

Che il PD Siciliano sia stato da sempre spaccato in due organismi quello che fino a ieri era legato a Lomabrdo con Cracolici e Company e quello invece filo nazionale con Lupo e Lumia.

In mezzo a questo fattore si e' inserito il Candidato non troppo gradito Crocetta che oggi parla di primarie per decidere il Sindaco di Catania ma che di fatto quando lui si e' autocandidato e il PD non lo voleva ha fatto di tutto per imporsi.

In questo scenario simile a quello attuale Italiano in cui Crocetta vince con meno di 1/3 dei voti dei Siciliani rimane incastrato dalla gentile concessione dei Grillini e dalle imposizioni del PD.

Ed allora il PD gli impone di fare una lista attraverso il suo Movimento "IL MEGAFONO" dove da un lato vuole che si favorisca la vittoria del PD in Sicilia ma che nonn sia troppo vittoria in modo da tenergli sempre "le palle strette" e di fatto questo e' avvenuto.

E' chiaro che poi alcune liste sono state accoppate vedi I MODERATI che presentavano soggetti impresentabili per un Presidente che deve rappresentare il nuovo per la SICILIA.

In realtà in tutto questo scenario che io ho descritto in modo semplicistico esiste uno scenario fatto dalle peggiori umane virtu' siciliane , trappole, tradimenti, tranelli e quant' altro che riguardano il

PD Nazionale e Siciliano, Crocetta ed ex Lombardiani/Miccichè a cui aggiungere anche il tentativo di controinformazione fatta ad opera di Romano che ha ben servito il suo PDL.

Saluti

Remo Pulcini

Chi e' Grillo e M5s analisi di Remo Pulcini

Forza Italia  e i Club delle Libertà nascono come la prima vera rivoluzione politica che poggia il suo successo sul mediatico.

Questi sono gli anni 90.

Arriviamo ai giorni nostri la prima vera e rete mediatica innovativa si chiama PDLSocialnetworks 2008-9

Subito dopo questa idea innovativa Grillo cambia la sua attività di Blogeer e diventa un politico mediatico incontrando Casaleggio.

Il tutto passa attraverso un fattore:  Tronchetti Provera e la Pirelli.

Di fatto Il Movimento 5 Stelle è un movimento senza Leader anche se il Leader e' Grillo.

Questo Movimento  e' uguale al Movimento Forza Italia anzi rappresenta la versione moderna di Forza Italia.

L'unica differenza e' che esso agisce come alcune reti mediatiche tra le quali la mia, dove di fatto le informazioni viaggiono in rete senza Leader e neppure si possono bloccare e dove  lo zoccolo duro dei sostenitori si muove secondo la regola ed il codice della teoria degli stormi uccelli o api. Il movimento avviene senza un Leader e senza conoscere lo scopo finale che si autogenera nella rete.

In questo caso abbiamo che tutto questo e' governato ma non comandato da Grillo e Casaleggio.

E' chiaro che si potrà sembrare sempre governare la rete ma mai comandarla a priori, questo e' l'unico fattore che puo' far saltare tale Organizzazione.

Forza Italia e Pdl rappresentano il vecchio modello di successo mediatico ormai grezzo ma sempre funzionante,mentre Grillo ed il M5S rappresenta l'altra faccia della stessa medaglia la sua evoluzione 
la versione moderna del messaggio mediatico in tutti i due casi le fila le tengano poersone che come me possono Governare le masse ma mai comandarle.

Meditate, Meditate

FORZA ITALIA/PDL=M5S GRILLO

PARADOSSALMENTE QUANDO IL POLITICO TEDESCO DICHIARA CHE L'ITALIA ESISTONO DU CLOUN NON SO SE ERA CONSAPEVOLE E CASUALE MA DI FATTO HA RAGIONE.

CLOUN CHE GOVERNANO LE MASSE ANCHE SE NON LE COMANDONO


Domani un Articolo dove Spiegherò tutto su Grillo da chi nasce e come lavora lo staff seguitemi.

Domani un Articolo dove Spiegherò tutto su Grillo da chi nasce e come lavora lo staff seguitemi.

martedì 26 febbraio 2013

Elezioni Risultati Definitivi


Ist.Cattaneo, Pdl-Pd perdono 10 mln voti

(ANSA) - BOLOGNA, 26 FEB - Rispetto alle politiche del 2008, il Pdl ha perso 6,3 milioni di voti, il Pd 3,4. Sta qui, in buona parte, la spiegazione del successo elettorale del Movimento 5 Stelle (che di voti ne ha presi circa 8,7 milioni) secondo i ricercatori dell'Istituto Cattaneo che ha analizzato i voti delle elezioni politiche di ieri. Insieme hanno perso quasi dieci milioni di voti.

Vignette





lunedì 25 febbraio 2013

Analisi Finale sulle Elezioni Politiche 2013 di Remo Pulcini

Analisi Neuronale Finale sulle Elezioni Politiche 2013 di Remo Pulcini

Prima di dare questa Analisi, richiesta da tanti amici voglio evidenziare i fatti cioe' le mie previsioni fatte prima delle elezioni:

VINCE GRILLO ED HA UN PROBLEMA GOVERNARE CON IL PD O ANDARE AL VOTO ?

Perche' Bebbe Grillo ha vinto le Elezioni Italiane

 Adesso Analizziamo il Voto in modo asettico:

1)  IL PD HA PERSO PER UN APPROCCIO MEDIATICO DELUDENTE, AVREBBE DOVUTO AVERE IL CORAGGIO DI CANDIDARE PREMIER.

RENZI 

AVREBBE VINTO FACILE

ADESSO BERSANI DOVREBBE DIMETTERSI !

TROPPO ARROGANTE E NON CAPACE DI SPARARE SLOGAN CREDIBILI.

INOLTRE ADESSO HANNO PAURA DI RIVOTARE E ARRIVERANNO DANDO IL CULO SINO A SETTEMBRE A TUTTI. 

 

2)  SU GRILLO NON DICO NULLA PERCHE' DI FATTO UTILIZZA TUTTI I SISTEMI INNOVATIVI MEDIATICI CHE IO PROFESSO DA ANNI.

E' SEMPRE UN PASSO AVANTI A TUTTI ANCHE QUANDO TENTANO DI IMITARLO LUI CAPISCE CHE E' NECESSARIO SCENDERE SUL TERRITORIO.

 

3) IL VERO PERDENTE E' CASINI CHE HA PUNTATO TUTTO SU MONTI SBAGLIANDO IN MODO CLAMOROSO, COME UN PIVELLINO ALLE PRIME ARMI.

FINI ORMAI ABBANDONATO DA TUTTI SI E' DOVUTO ACCODARE A MONTI.

MONTI DI FATTO PERDENTE HA OTTENUTO QUELLO A CUI PUNTAVA...

VI SPIEGO MEGLIO:

BERLUSCONI, BERSANI E CASINI HANNO FATTO FARE IL LAVORO SPORCO A MONTI , MA MENTRE BERLUSCONI HA SCELTO LA STRADA VINCENTE QUELLA CHE VA CONTRO MONTI COME SE LUI NON FOSSE STATO COMPIACENTE, CASINI E BERSANI HANNO SOSTENUTO QUESTO SCENARIO IN MODO DILETTANTESCO

MONTEZEMOLO ED IL SUO MOVIMENTO PERDENTE.

CONCLUSIONE CASINI E FINI FANNO UNA FINE INGLORIOSA E MONTI SI ASSICURA LA PRESIDENZA DELLA REPUBBLICA.

4) INGROIA 

PURTROPPO HA AVUTO UNA CAMPAGNA MEDIATICA DAL LOGO, AL WEB E AL TERRITORIO ASSOLUTAMENTE RIDICOLA E DILETTANTESCA (INFATTI APPENA HO CAPITO LA QUESTIONE NON HO ABBRACCIATO QUESTA STRADA CHE MI PIACEVA)

 5) CROCETTA

DI FATTO NE ESCE PERDENTE E RIMANE SEMPRE PIU' PRIGIONIERO DEL PD E DEI GRILLINI, ANCHE QUA  CAMPAGNA MEDIATICA ERRATA FATTA IMBARCANDO DI TUTTO E MEDIATICAMENTE SCARSA SONO LA TRAGICA CONCLUSIONE. SE AVESSE AVUTO PIU' CORAGGIO ANDAVA AL RIVOTO REGIONALE  VINCENDO  CON LARGO MARGINE,ORMAI DOVRA' DIFENDERE LA POSIZIONE FINO A QUANDO NON CADRA'.

6) LA LEGA 

SI SALVA CON UN PO DI ARTIFIZI NUMERICI MA DI FATTO RAPPRESENTA IL PASSATO ANZI VINCENDO IN LOMBARDIA SI INFOGNERA' AL PROSSIMO SCANDALO A CUI MANCA POCO.

IL RESTO NON E' VALUTABILE E NON MERITA IL MIO COMMENTO

 

7) BERLUSCONI 

DI FATTO ESCE VINCENTE PERCHE' DOPO AVER FATTO FARE IL LAVORO SPORCO A MONTI SCEGLIE LA STRADA GIUSTA QUELLA DI INCOLPARE MONTI DEL DISASTRO ITALIA (DOVUTO PROPRIO A BERLUSCONI). IL PROBLEMA NON E' QUELLO CHE IL PDL RECUPERA, ANCHE SE RISPETTO ALLE PRECEDENTI ELEZIONI DI FATTO COME PARTITO PERDE MOLTI PUNTI, IL PROBLEMA E' CHE CON UNA BATOSTA ELETTORALE IL POPOLO DEL CENTRO DESTRA AVREBBE PERMESSO UN RINNOVAMENTO DI UOMINI E GENERAZIONE CHE DI FATTO NON SI AVRA', CONTENTI LORO CONTENTI TUTTI.

Adesso cosa accadra' ? semplice tenteranno di governare a queste condizioni ma di fatto a Settembre si andra' di nuovo al Voto.

Saluti 

Remo Pulcini

RISULTATI UFFICIALI ORE 18 SENATO

PD 28,93 COALIZIONE 33,20

PDL 21,33    COALIZIONE 28,94
 
M5S 24,00

MONTI 9,01

RISULTATI UFFICIALI ORE 18 CAMERA

PD 29,33 COALIZIONE 34,20

PDL 18, 16     COALIZIONE 26,28

M5S 23,98

MONTI 8,46

LEGA NORD 3,2

FLI O,38

UDC  1,3


M5S IN SICILIA IN MANO A GRILLO CROCETTA DELUDE


SI RIVOTA A SETTEMBRE, VINCE GRILLO E VINCONO I PARTITO DEL NO ALL'EUROPA DI REMO PULCINI

COME AVEVO ANNUNCIATO PRIMA DELLE ELEZIONI

http://www.ilgiornaledellapolitica.com/2013/02/vince-grillo-ed-ha-un-problema.html?spref=fb

E' ACCADUTO. QUINDI ANCORA UNA VOLTA SI AVVERA QUELLO CHE DICO DA TEMPO CHE ESISTE SOLO UN DIO DEL MARKETING POLITICO E QUESTO SONO IO.

DETTO QUESTO FACCIAMO LE PRIME CONSIDERAZIONI  SULLE ELEZIONI:

1) Movimento 5 Stelle e' il Primo Partito in Italia (Sicuramente in Sicilia)

2) A Settembre si rivota perche' il paese e' ingovernabile

3) La Borsa Crollerà perche' hanno vinto o sono in maggioranza i partiti del NO ALL'EUROPA




Attenzione e' anche vero che fra 10 Giorni uno Scandalo Politico Giudiziario colpirà in Italia e la borsa andrà giu'.


Nota: Attenzione sto lanciando una forza Politica sul Web di Centro Destra dopo le Elezioni che invadera' tutto il Web.


sabato 23 febbraio 2013

Vati Perdite Vati Perdite feedback pulsante Vaticano perde la lotta per conservare i file del sesso segreto

Dopo sei anni di ricorsi giudiziari americani da parte della Arcidiocesi di Los Angeles per tenere 30.000 pagine interne, di file chiusi di crimini sessuali sacerdozio di controllo pubblico, la Corte Suprema dello Stato ha recentemente ordinato il loro rilascio, i documenti e resa pubblica per la prima volta. Fanno per la lettura sorprendente, anima-stridente e scioccante, un record di stupri brutali incontrovertibile e senza cuore commessi con 122 sacerdoti cattolici romani che si presentarono al mondo come gli agenti terreni di Dio. Questi file sono un archivio notevole di comportamento criminale condonato dalla Santa Sede, e sono inquietanti da leggere. Ray Boucher, l'avvocato principale per querelanti, ha detto che ciò che è rivelato nei file è 'agghiacciante', e 'l'ironia in tutto questo', ha aggiunto, 'è che nei loro vani tentativi di proteggere l'immagine della Chiesa, l'hanno offuscato irrimediabilmente '. Dopo aver letto i documenti sigillati, un anonimo funzionario del Vaticano ha detto che il sacerdozio cattolico di Los Angeles 'ha lasciato una scia di devastazione che è difficile da comprendere'.

Il Cardinale licenziato

Come diretta conseguenza del rilascio dei documenti, e in una mossa senza precedenti nella Chiesa cattolica americana, a Los Angeles, l'arcivescovo Jose Gomez ha comunicato di aver sollevato il suo predecessore, il cardinale Roger M. Mahony, di tutte le funzioni pubbliche sul suo grave errore nel trasferimento dei abusi sessuali del clero di bambini nel corso dei decenni precedenti. Mons. Gomez ha anche annunciato che il vescovo ausiliare Thomas J. Curry, che ha lavorato con il cardinale Mahony di nascondere chi commette abusi sessuali minori da parte della polizia, aveva rassegnato le dimissioni da vescovo regionale a Santa Barbara, in California. In una lettera indirizzata a "I miei fratelli e sorelle in Cristo ', Arcivescovo Gomez ha scritto:' trovo questi file per essere brutale e dolorosa lettura. Il comportamento descritto in questi file è terribilmente triste e il male '. Tale è la natura del sacerdozio cattolico in tutto il mondo.

Vittoria per le vittime

Vittime di abusi aveva insistito che l'Arcidiocesi di Los Angeles rilasciare i record come parte di un accordo nel 2007, che ha fornito 660 milioni dollari a 508 vittime. La risposta del Vaticano di un'intensa copertura mediatica su decenni di crimini di pedofilia nell'arcidiocesi di Los Angeles era semplicemente quello di dire che le accuse erano altro che 'pettegolezzi del momento' (il Cardinale Angelo Sodano, aprile 2010, a Pasqua Messa nella St. Pietro Square), ma i record della Chiesa cattolica ora rilasciato rivelare qualcosa di completamente diverso. I file pubblicati contengono informazioni chiave gerarchie cattoliche utilizzato tattiche dilatorie per sei anni nei tribunali per impedire il rilascio pubblico dei documenti in quanto la soluzione globale è stato annunciato. Ora il mondo in grado di leggere la verità sugli uomini specifiche leadership cattolica con i titoli di papa, cardinale, vescovo, e monsignor e come sempre messo di evitare scandali sessuali abusi sui minori nella Chiesa al di sopra della sicurezza dei bambini.

Cosa stanno nascondendo?

Tuttavia, sembra che i file dell'arcidiocesi rilasciati con molto clamore sono incompleti e molti sono dispersi, secondo gli avvocati delle vittime di abusi. Anche il numero di pagine che esistono nei file è in conflitto. Nel corso dell'udienza di Los Angeles prima di giudice della Corte Superiore Emilie H. Elias nel mese di gennaio 2013, il signor Hennigan, avvocato dell'arcidiocesi, ha detto che ci sono stati 30.000 pagine, ma solo 12.000 sono stati rilasciati, e hanno dei tratti mancanti, come ad esempio i nomi dei ecclesiastici di alto rango, e le autorità di vigilanza degli ordini religiosi. Inoltre, molti documenti hanno avuto i nomi delle autorità di vigilanza Chiesa particolare redatto, o black-out dai redattori dell'arcidiocesi, in apparente violazione dell'ordine del giudice. Terrence McKiernan, co-direttore di BishopAccountability.org , una delle vittime gruppo di pressione che raccoglie e pubblica documenti sugli abusi sessuali da parte di membri del clero cattolico, ha detto: 'Sembra che si stia tentando di proteggere i nomi delle autorità di vigilanza, non solo a Los Angeles, ma in altre diocesi, come pure '. Avvocati per le vittime di abusi hanno detto che stavano compilando una lista di documenti che a loro avviso mancano ancora o sono erroneamente modificati, e può presentare una mozione in tribunale per costringere la chiesa a rilasciarli. 'Sappiamo che non hanno ottenuto una completa informativa', ha detto Jeff Anderson, che è tra gli avvocati che rappresentano le vittime. 'Hanno tolto cose che non avrebbero dovuto essere rimossi, alcuni dei quali abbiamo visto prima, quindi sappiamo che esistono. E 'più inganno, l'inganno e il segreto'.

I file rilasciati sono accessibili al seguente indirizzo web: http://clergyfiles.la-archdiocese.org/listing.html .
Per ulteriori informazioni,

FONTE VATILEAKES.COM

Vati Leaks Vati Leaks Feedback button Vatican loses fight to keep sex files secret

After six years of American court appeals by the Archdiocese of Los Angeles to keep 30,000 pages of internal, sealed files of priesthood sex crimes out of public scrutiny, the State Supreme Court recently ordered their release, and the documents became public for the first time. They make for startling reading, soul-jarring and shocking, an incontrovertible record of brutal and heartless rapes committed by 122 Roman Catholic priests who presented themselves to the world as the earthly agents of God. These files are a remarkable archive of criminal behaviour condoned by the Holy See, and are disturbing to read. Ray Boucher, the lead attorney for plaintiffs, said that what is revealed in the files is ‘chilling’, and ‘the irony in all of this’, he added, ‘is that in their vain attempts to protect the image of the church, they’ve tarnished it beyond repair’. Upon reading the unsealed documents, an anonymous Vatican official said that the Los Angeles Catholic priesthood ‘left a wake of devastation that is hard to comprehend’.

The sacked Cardinal

As a direct result of the release of the documents, and in a move unprecedented in the American Catholic Church, Los Angeles Archbishop Jose Gomez announced that he had relieved his predecessor, Cardinal Roger M. Mahony, of all public duties over his serious mishandling of clergy sex abuse of children over the previous decades. Archbishop Gomez also announced that Auxiliary Bishop Thomas J. Curry, who worked with Cardinal Mahony to conceal child sex abusers from police, had resigned his post as a regional bishop in Santa Barbara, California. In a letter addressed to ‘My brothers and sisters in Christ’, Archbishop Gomez wrote; ‘I find these files to be brutal and painful reading. The behavior described in these files is terribly sad and evil’. Such is the nature of the Catholic priesthood the world over.

Victory for the victims

Abuse victims had insisted that the Archdiocese of Los Angeles release the records as part of a settlement in 2007, which provided $660 million to 508 victims. The Vatican’s response to intense media coverage about decades of paedophilic crimes in the Archdiocese of Los Angeles was simply to say that the accusations were nothing more than ‘petty gossip of the moment’ (Cardinal Angelo Sodano, April 2010, at Easter Mass in St. Peter’s Square), but the records of the Catholic Church now released reveal something entirely different. The published files contain key information that Catholic hierarchs used delaying tactics for six years in the Courts to prevent the public release of the documents since the global settlement was announced. Now the world can read the truth about specific men in Catholic leadership with the titles of Pope, Cardinal, Bishop, and Monsignor and how they always put the avoidance of child sex abuse scandals in the Church above the safety of children.

What are they hiding?

However, it seems that the files the archdiocese released with much fanfare are incomplete and many are unaccounted for, according to the lawyers of the abuse victims. Even the number of pages that exist in the files is in contention. At the hearing before Los Angeles Superior Court Judge Emilie H. Elias in January, 2013, Mr. Hennigan, the archdiocese’s lawyer, said there were 30,000 pages, yet only 12,000 have been released, and they have missing sections, such as the names of high-ranking churchmen, and the supervisors of religious orders. In addition, many documents have had the names of particular church supervisors redacted, or blacked-out by the archdiocese’s editors, in apparent violation of the judge’s order. Terrence McKiernan, co-director of BishopAccountability.org, a victims’ advocacy group that collects and publishes documents on sexual abuse by Catholic clergy members, said; ‘They seem to be trying to protect the names of supervisors not only in Los Angeles, but in other dioceses as well’. Lawyers for the abuse victims said they were compiling a list of documents that they believe are still missing or are erroneously edited, and may file a motion in court to compel the church to release them. ‘We know we have not gotten a complete disclosure’, said Jeff Anderson, who is among the lawyers representing the victims. ‘They have removed things that should not have been removed, some of which we have seen before, so we know that they exist. It’s more deception, deceit and secrecy’.

The released files can be accessed at the following web address: http://clergyfiles.la-archdiocese.org/listing.html.
For more information, visit: http://www.zalkin.com/Sexual_Abuse_Blog/2013/January/Court_Fulfills_Promise_of_2007_Settlement_LA_Arc.aspx

FONTE :  http://www.vatileaks.com

Le cazzate mediatiche dello Staff di Berlusconi. Caos code alle Poste dopo la lettera sull’Imu. Vi spiego perchè.



Code di Vecchietti alla Posta per il rimborso Imu dopo la lettera mandata dal PDL.

Voi penserete che io voglia come tutti attaccare per la questione (lecita della furbata!) ed invece no perche' di fatto l'azione mediatica fatta dallo staff si ritorcerà contro.

In realtà da Esperto di Marketing Politico voglio focalizzarmi sul fatto che la lettera andava fatta a tutti gli Italiani anziani per spiegare come votare.

Infatti molto voti degl'Affecionatis provengono da Vecchiette e Vecchietti che USANO SCRIVERE IL NOME DI BERLUSCONI SULLA SCHEDA ANNULLANDOLA.

Molti non sanno che la scheda non va scritta con nomi dei candidati.

Sarebbe stato opportuno allora fare delle lettere dove si spiegava come votare e non delle lettere IMU.

Saluti

Remo Pulcini

Ricatti e Lotte di Potere dietro la Rinuncia di Papa Ratzinger

Lotte di potere e denaro in un rapporto segreto con i risultati di un'inchiesta sul Vatileaks consegnato da tre cardinali al Papa. Ipotizzata anche una lobby gay. Il documento passerà nelle mani del nuovo pontefice, dovrà essere abbastanza "forte, giovane e santo" (fonte: La Stampa)

 

venerdì 22 febbraio 2013

VINCE GRILLO ED HA UN PROBLEMA GOVERNARE CON IL PD O ANDARE AL VOTO ?

VINCE GRILLO ED HA UN PROBLEMA GOVERNARE CON IL PD O ANDARE AL VOTO ?

IO PENSO CHE GRILLO SE NON VUOLE PERDERE QUANTO RAGGIUNTO A SETTEMBRE ANDRA' AL VOTO DI NUOVO

IL PD SE LO SOGNA DI GOVERNARE CON MONTI PERCHE' FARA' UN BRUTTA FIGURA.

E' UN PO COME LA RIVOLUZIONE DI CROCETTA CHE NON HA AVUTO IL CORAGGIO DI RIANDARE AL VOTO E STA IMBARCANDO TUTTO IL PEGGIO DELLA SICILIA.

SI E' IN PRATICA AUTOSCONFITTO PER MANCANZA DI CORAGGIO

Perche' Bebbe Grillo ha vinto le Elezioni Italiane

Sembra molto semplice spiegare perche' ha vinto Bebbe Grillo queste Elezioni Italiane diventando quasi sicuramente il Primo Partito in Italia.

In realtà molti non conoscono o comprendono parte del BackGround di Grillo e del Movimento.

Sicuramente il momento storico e le malefatte di questa classe politica ridicola, immorale e stupida intellettualmente e' stato humus dove tale movimento ha potuto proliferare.

In realtà il Progetto nasce piano, piano e con anni di duro lavoro utilizzando un idea semplice che per primo ho avuto io.

La Politica Online attraverso i SocialNetworks come il mio vecchio ma innovativoPDLSocialNetworks che un incapace ha stoppato per interessi personali.(ma non interessa questa frase nel ragionamento)

Questi Politici di Partito hanno cercato di copiare e combattere Beppe Grillo ed il suo Movimento con le armi ormai spuntate della vecchia politica.

Quando hanno capito che la Politica si faceva Online e sui Social Networks da presuntuo hanno cercato d'imitarlo malamente.

Infatti proprio quando questi hanno cercato di andare sul Web, Grillo li ha "fottuti" ancora una volta scendo in piazza e girandole tutte (100).

Lui e' tornato sul territorio quando gli altri ancora una volta erano impegnati ad imitarlo.

Insomma la nuova Politica e' solo per pochi esperti e quello che sembra facile e imitabile da tutti, in realtà non lo e'.

Grillo e' il suo Movimento 5 Stelle e oggi il Primo partito in Italia solo piu' in la si potra' capire quali poteri lo sostengono (naturalmente io penso di saperlo).

Certo fra due anni al massimo avra' il problema di strutturarsi salvo perdere tutto ma con lo Staff che si ritrova non farà certamente questo errore.



Remo Pulcini 

Nota Dimenticavo il PD con lo scarso risultato di Monti non potra' governare e si andra a Settembra al Voto di nuovo ed a queste condizioni Beppe Grillo non si potrà alleare con nessuno salvo perdere tale successo.




Warning! after the elections there will be 'a Political Earthquake Judiciary in Italy? Forecast Analysis of Neuronal SocialNetwork.



In addition to being the foremost expert on the Italian Political Marketing on Social Network, who knows me knows that I do analysis on the Web Neuronal gates opening to me to have very reliable forecasts.

I feel in a position to say after careful analysis, that 10 days after the Italian General Election there will be 'a distortion Political Judiciary that will strike' a well known figures and a group Political Precise well?

Of course, this provision does not allow me to know the "Name or Political Group" and even if I knew I could never detect it for any complaints.

Of course, the analysis has allowed me to have more information than what was stated, however, everything must run its natural course.

An expert analysis does not affect the events but follows them aware in advance of what will happen.

IN MEMORY OF THE FOREGOING in advance:

Day Friday 22/02/2013

Remo Pulcini

Attenzione! dopo l'Elezioni ci sara' un Terremoto Politico Giudiziario in Italia ?Previsione su Analisi Neuronale SocialNetwork.



Oltre ad essere il massimo esperto Italiano di Marketing Politico sui SocialNetwork, chi mi conosce sa benissimo che faccio analisi Neuronali sul Web che mi portono ad avere previsioni molto attendibili.

Mi sento nelle condizioni di poter affermare dopo attenta Analisi, che 10 giorni dopo le Elezioni Politiche Italiane ci sara' uno stravolgimento Politico Giudiziario che colpira' una personalità molto in vista e un gruppo Politico ben Preciso?

Naturalmente tale previsione non mi permette di sapere il "Nome o Gruppo Politico" e se anche lo sapessi non potrei mai rilevarlo per eventuali Querele.

Naturalmente l'Analisi mi ha permesso di avere maggiori informazioni rispetto a quanto dichiarato, tuttavia tutto deve fare il suo decorso naturale.

Un esperto di Analisi non influenza gli Eventi ma li segue consapevole in anticipo di quanto avverrà.

IN MEMORIA DI QUANTO DETTO in anticipo:

Giorno Venerdi 22/02/2013 

Remo Pulcini

mercoledì 20 febbraio 2013

"Crocetta è peggio di Lombardo" Tutta la dura e cruda Verità i fatti sono testimoni.

Francesco Cascio: "L'ex governatore ha esagerato con nomine e incarichi clientelari nella seconda parte della legislatura. Il nuovo presidente ha iniziato subito. Questo governo si basa sugli umori dei parlamentari 'comprati'. Ed è capace solo di lanciare proclami".

Ma ad esempio, mi viene molto difficile pensare che gente come Riccardo Savona e Michele Cimino possano chiedere di votare per il Megafono. 

Ma oggi, nel giorno dell’esultanza, va anche ricordato che la candidatura di Crocetta è stata proposta e imposta all’interno del Pd siciliano dallo stesso gruppo di potere che per tre anni, dopo un ribaltone, ha dato sostegno e copertura a Lombardo. Un gruppo di potere guidato da Giuseppe Lumia, vicepresidente della commissione parlamentare Antimafia, che del lombardismo è stato il maestro compositore, concertatore e direttore d’orchestra.

Per Lumia e Lombardo sarà come ritrovarsi. Per Crocetta, il primo passo verso un cammino antico e conosciuto. Altro che rivoluzione.

Prove !!! basta vedere i nomi dei politici delle liste che si rifanno a lui e andare a cercare su google da quale provenienza politica e non solo vengono.

Il crollo dell'industria italiana a dicembre 2012

Fonte Soldionline

SPECIALE ELEZIONI 2013: “BERLUSCONI, IL SOGNO & IL GRANDE INCUBO…” INTERVISTA ALL’ON. LARA COMI

INTERVISTA ALL’ON. LARA COMI

Un altro governo Berlusconi è possibile? È credibile? È auspicabile?
Cosa verrà fuori dal “caos” politico pre-elettorale?
Ne parliamo con Lara Comi, europarlamentare del Pdl e volto emergente della politica italiana:


(LA CRISI ECONOMIA E LE RICETTE DELLA POLITICA)

On. Comi, il Paese vive momenti difficili, per alcuni versi drammatici, senza che s’intraveda alcuna luce in fondo al tunnel.
Di chi è la responsabilità di questa crisi, prima puramente finanziaria, oggi economico-sociale?
“Questa crisi, la più grave dal ’29, ha avuto origine negli Usa. Da crisi finanziaria, poi, è divenuta crisi economica, investendo tutta l’Europa, in particolare chi era più vulnerabile a causa di un alto debito pubblico, tra questi l’Italia. Dunque è diventata guerra dei debiti sovrani, aprendo il fianco alla speculazione. Il macigno del debito pubblico italiano risale però agli anni 80, quando il rapporto debito/pil è raddoppiato. Le responsabilità, allora, sono di chi ci ha lasciato quasi 2 mila miliardi di debito, più di 30 mila euro a testa”.

Il premier Monti si è presentato per la prima volta in Parlamento, il 21 novembre 2011, inneggiando al rigore, allo sviluppo ed all’equità. Passato oltre un anno, i risultati economici del suo governo sono “impietosi” (Pil e produzione industriale in caduta libera, record di pressione fiscale e indebitamento pubblico, 100 mila imprese fallite, 500 mila nuovi disoccupati ed un numero ancora imprecisato di esodati…).
Tutta colpa del Professore o responsabilità di chi lo ha preceduto?
“Monti aveva detto che non si sarebbe impegnato in politica, poi ha cambiato idea: legittimo, per carità, ma l’inversione di rotta ha sorpreso. Oggi promette di abbassare le tasse ma in un anno le ha alzate di circa tre punti. Le indicazioni della Bce e del Fmi suggerivano un’azione in senso opposto. Risultato? Tutti gli indicatori economici sono in picchiata. È pur vero che si è trovato ad operare in un contesto molto difficile, con la pressione della speculazione finanziaria, ma obiettivamente ha messo troppe imposte a cominciare da quella sulla prima casa che ha avuto effetti recessivi in molti settori, penso all’edilizia. Alcuni ministri del suo governo, poi, non si sono dimostrati all’altezza: la legge Fornero è una riforma deludente e ha pesato il veto della Cgil; quella delle pensioni è stata molto importante ma ha determinato il grave problema degli esodati, oltre 300 mila. Non mi pare che in materia di liberalizzazioni e di privatizzazioni si siano prodotti grandi risultati. Lo spread è calato, ma è stata determinante l’azione di Draghi”.

Fino a poche settimane fa Mario Monti si presentava al Paese come un “deus ex machina”, destinato a venire accolto con tutti gli onori al Quirinale o ad esser implorato di ritornare a Palazzo Chigi. Tutti i sondaggi, invece, rivelano che oggi gli elettori preferirebbero al bocconiano più amato dai mercati persino un barzellettiere amatoriale (Berlusconi) o un comico professionista (Grillo)!
Il Professore rischia d’aver fatto male i conti con la sua “salita in campo”?
“I sondaggi dicono che la ‘salita in campo’ di Monti ha riscosso scarso successo. Lo stesso ‘Financial Times’ ha scritto che una delle previsioni più sicure che si possono fare sulle elezioni italiane è che la coalizione di Monti arriverà ultima tra i quattro principali contendenti”.

La ricetta economica del centrodestra storicamente si può riassumere in “meno Stato, più iniziativa privata”, ovvero riduzione della pressione fiscale, sburocratizzazione e liberalizzazioni.
Come spiegare ai vostri elettori che pressione fiscale e debito pubblico sono aumentati durante i governi Berlusconi, le uniche timide liberalizzazioni di questi anni sono state quelle di Bersani mentre l’unica grande riforma della pubblica amministrazione porta il nome di Bassanini?
“Negli ultimi 15 anni sinistra e centrodestra hanno governato circa 7 anni a testa. Berlusconi ha dovuto governare in periodi di recessione, nel  2011 dopo l’attacco alle Torri Gemelle e dal 2008 con la crisi innescata dai mutui subprime. Eppure ancora nel 2011 il Pil era positivo, + 0,4%, e le promesse fatte sono state mantenute. A cominciare dal milione di posti di lavoro creati dal 2001 al 2006, come confermano i dati Istat. Berlusconi ha iniziato l’ultimo mandato nel 2008 con la pressione fiscale al 42,6% e lo ha forzosamente terminato nel 2011 con la pressione fiscale al 42,5%: in 3 anni e mezzo sostanzialmente invariata. Mentre è stato il governo Monti a farla aumentare di oltre 3 punti. I dati dell’Istat dicono che è al 45,7%”.

La campagna elettorale del Cavaliere è monopolizzata dalla questione fiscale. Non crede sia controproducente, però, trascurare l’emergente questione sociale? E non ritiene imperdonabile come alcuni grandi temi (quali la scuola, l’università, la ricerca, il turismo, l’agricoltura, la green economy) siano del tutto assenti dal dibattito pubblico?
“Non credo che sia snobbata la questione sociale, tutt’altro. Sul lavoro il Pdl ha un programma ben preciso a cominciare dalla cancellazione della riforma Fornero, che ha contribuito a determinare mezzo milione di disoccupati nel 2012, e il ritorno alla legge Biagi. C’è la proposta poi di abolizione dell’Irap, gabella voluta dalla sinistra, l’incentivo ad assumere giovani a tempo indeterminato attraverso la detassazione dei contributi per i primi 5 anni. Sugli altri temi il Pdl ha idee precise, faccio l’esempio del turismo, con la proposta di ricondurlo tra le competenze concorrenti di Stato e Regioni, e dell’abbassamento dell’Iva. Purtroppo la campagna elettorale tende a privilegiare le questioni maggiori”.

(LA CASTA ED I TAGLI ALLA SPESA PUBBLICA)

Ogni democrazia ha un costo, tanto fisiologico quanto insopprimibile. In Italia, però, questo ha raggiunto livelli “patologici”: la politica è divenuta il principale terreno fertile per sprechi e privilegi.
Cosa proponete per tagliare i costi della politica e la spesa pubblica improduttiva e parassitaria?
“Nel programma del Pdl c’è l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. Inoltre ogni candidato ha firmato un patto con cui si impegna a non restare in carica per più di due legislature e a votare per il dimezzamento degli emolumenti e del numero di parlamentari.  Sulla spesa pubblica, che è di 800 miliardi, proponiamo una riduzione del 10% in 5 anni, 16 miliardi all’anno”.

Per ridurre la pressione fiscale e realizzare un minimo di politiche industriali, tutti riconoscono l’improrogabilità di tagliare la spesa pubblica, pochi indicano dove e come attuare dei tagli. Le propongo qualche pillola di “spending review”:
- dimezzamento degli eletti ed accorpamento dei comuni minori;
- abolizione di province e prefetture;
- cancellazione di ogni finanziamento pubblico ai partiti ed ai gruppi politici;
- riduzione del peso delle società pubbliche e soppressione degli enti inutili (o “non indispensabili”);
- taglio alle spese militari (si vedano gli F-35 o le missioni di pace all’estero);
- razionalizzazione delle forze di pubblica sicurezza (l’Italia dispone di ben cinque distinti corpi di polizia);
- cancellazione di ogni forma di finanziamento in favore delle scuole ed università private (fatto salve le scuole materne);
- cancellazione dei privilegi fiscali concessi alla Chiesa (si veda l’ingannevole meccanismo di ripartizione dell’8X1000).
Quale di queste pillole il centrodestra sarebbe disposto a far ingerire ai suoi elettori?
“Come ho già specificato, alcuni punti sono nel programma del Pdl. Aggiungo l’abolizione delle province. Sul finanziamento alle scuole private c’è tanta demagogia: in realtà lo Stato italiano, in questo modo, risparmia circa 6 miliardi l’anno. Io sono per la libertà educativa”.

(GIUSTIZIA E QUESTIONE MORALE)

Nel ‘93 eravamo convinti di aver toccato il fondo del malcostume politico. Tutti gli scandali emersi in questi mesi, invece, dimostrano che ci siamo sbagliati: i casi Penati, Lusi, Belsito e Fiorito sono solo la punta di un iceberg dalle proporzioni ancora incalcolabili. Nel ‘95 l’Italia era 33sima nella classifica di Transparency International per grado di corruzione percepita: oggi siamo scesi al 72simo posto!
Non pensa che il centrodestra in questi anni abbia sottovalutato la “questione morale”, forse perché distratto o condizionato dagli scandali giudiziari di Silvio Berlusconi?
“La questione morale c’è e riguarda tutti i partiti, basti vedere  lo scandalo Mps che ha investito il Pd. Detto questo, c’è anche una questione giustizia che non funziona, basterebbe dire che ci sono 9 milioni di processi pendenti. L’Italia ha il più alto numero di condanne della Corte europea dei Diritti dell'uomo per l’irragionevole durata dei processi.  Ma le criticità sono tante, a cominciare dall’abuso della carcerazione preventiva”.

Il suo Partito, con l’operazione “liste pulite”, ha fatto fuori d’un colpo Cosentino. Spulciando le liste del Pdl, però, si scopre che permangono altre candidature discutibili (si veda Cesaro in Campania e Dalì in Sicilia). Secondo l’istituto Piepoli, il Pdl risulterebbe il partito con il più alto tasso (il 5%) di candidati “non immacolati” (indagati, con procedimenti penali pendenti o con condanne alle spalle).
Non crede che mere ragioni di “opportunità politica” sconsiglierebbero certe candidature? Facendo appello sempre al “garantismo”, poi, non si fa confusione tra il giudizio penale (che spetta solo alla magistratura) e quello politico (spettante ai partiti)?
“Sull’incandidabilità c’è una legge ben precisa approvata dal Parlamento. Il Pdl ha istituito una commissione ad hoc che ha deciso caso per caso, ma senza sostituirsi al giudizio dei magistrati. Un avviso di garanzia non è una condanna. Noi siamo garantisti anche perché lo dicono i numeri: il 40% dei detenuti è ancora in attesa di giudizio e il 50% viene poi riconosciuto innocente”.

(MERITOCRAZIA E ROTTAMAZIONE)

In un’intervista concessami nel 2011, Sara Giudice dichiarava che “la candidatura della Minetti sarebbe stato un esempio estremamente negativo per i giovani, una dimostrazione di facile arrivismo, di ricorso a scorciatoie e compromessi per puntare alla scalata sociale”.
Gli sviluppi successivi sono noti: il Cavaliere ha difeso a spada tratta la Minetti, mentre il Pdl ha scaricato la giovane consigliera municipale fattasi interprete di un diffuso malessere della base. Un errore imperdonabile?
“La candidatura della Minetti è stata un errore, ma non facciamo di lei la causa di tutti i mali”.

Molti additano l’attuale legge elettorale, il “Porcellum”, di aver contribuito allo scadimento del livello della classe politica italiana, instaurando un sistema di “cooptazione” dei candidati.
È mai possibile che nessuno voglia oggi assumersi la paternità di una legge così illiberale? Per rimediare parzialmente al danno, non sarebbe un utile espediente anche per il Pdl il ricorso alle primarie?
“Io sono per le preferenze, perché è l’unico modo per avvicinarci al cittadino. Sono stata eletta al Parlamento europeo con 63 mila preferenze. È un peccato non avere trovato l’accordo tra i partiti per cambiare il ‘Porcellum’ ma non mi sembra che la sinistra si sia stracciata le vesti per riformarla… Sulle primarie ero favorevole, ma nel momento in cui Berlusconi è ritornato in pista sono diventate inutili. Non siamo il Pd che doveva chiarirsi sulla leadership. Nel Pdl la leadership è chiarissima”.

Non la mette in imbarazzo far campagna elettorale anche per la rielezione di Razzi e Scilipoti, due tra i personaggi politici più discussi degli ultimi anni (famosi per il “salto della quaglia” dall’Idv al Pdl)?
“Mi mettono più in imbarazzo le candidature di certe ‘parentele’. E ce ne sono…”.

Miracolosamente recitano ancora un ruolo da protagonista sul palcoscenico politico italiano personaggi “evergreen” quali Berlusconi, Tremonti, Fini, Casini, Bersani, Bindi…
Come convincerebbe un paziente in coma dal ’94 e risvegliatosi solo oggi che sono trascorsi diciannove anni?
“Mi pare che Fini e Casini stiano da trent’anni in Parlamento, dunque in questa classifica svettano. Vedo poi che la sinistra cerca di rispolverare Prodi. A proposito di nuovo che avanza…”.

(IL BIPOLARISMO ALL’ITALIANA)

Il più grande merito di Berlusconi è stato aver introdotto anche in Italia il bipolarismo e la democrazia dell’alternanza. Il più grande merito di Monti, invece, rischia di essere quello di distruggere queste conquiste, disgregando i due poli e ponendosi come forza d’attrazione per la costruzione di un grande Centro.
Il bipolarismo italiano ha già “fatto le ossa” o ha le ore contate?
“Se vogliamo mantenere il bipolarismo occorre votare le due colazioni che si contendono la vittoria e lasciare perdere gli altri partiti, come sostiene il nostro presidente Berlusconi”.

(BERLUSCONI E IL FUTURO DEL CENTRODESTRA)

In campagna elettorale Berlusconi è sembrato muoversi a ritmo di valzer, alternando passi “avanti” (l’annuncio della sua sesta ridiscesa in campo), poi “indietro” (la disponibilità a cedere il passo a Monti), poi ancora “laterali” (l’indicazione di Alfano alla successione): prima l’avallo delle primarie (con tanto di candidature e raccolta firme), poi la loro cancellazione…
Crede che il Cavaliere sia ancora una risorsa o sia divenuto una “zavorra” per il centrodestra?
“In pochi mesi, grazie a Berlusconi, il Pdl ha effettuato una straordinaria rimonta, ed oggi alcuni sondaggisti danno le due coalizioni maggiori sostanzialmente appaiate. Che altro dire?”.

Silvio Berlusconi è stato il Presidente del Consiglio più longevo della nostra storia repubblicana. In nove anni di governo, però, il centrodestra non è stato capace: di realizzare alcun “miracolo economico” (negli ultimi 10 anni, il Pil italiano nel mondo è cresciuto di più solo di Haiti!), di liberalizzare l’economia, di alleggerire il “carrozzone” della pubblica amministrazione, di ridurre la pressione fiscale, di sanare il gap infrastrutturale del nostro Paese, di ammodernare la Costituzione…
Perché mai, allora, un elettore deluso di centrodestra dovrebbe riporre la propria fiducia nel Cavaliere?
“Perché solo il centrodestra ha un programma concreto che si basa su meno spesa pubblica, meno tasse e riduzione del debito pubblico attraverso le privatizzazioni. La sinistra è senza idee e contraddittoria e va avanti a passi di gambero, come sulla patrimoniale e sull’Imu, mentre il governo dei tecnici si è visto cosa ha prodotto…”.

Nel caso in cui il 26 febbraio il centrodestra si ritrovi “vincitore azzoppato” delle elezioni, ossia privo di una maggioranza assoluta dei seggi al Senato, quali prospettive si aprono? Con quali partiti avversari, ed a quali condizioni, un’alleanza sarebbe possibile? In presenza di un Parlamento “balcanizzato”, poi, un governo di larghe intese con lo scopo di cambiare legge elettorale e tornare al più presto alle urne sarebbe auspicabile?
“Noi contiamo di vincere e a quel punto potremo fare quello che ci prefiggiamo. Monti e Bersani pensano all’inciucio senza fare i conti con l’oste, ovvero Vendola, che considera l’agenda Monti come fumo negli occhi e un’alleanza col premier un suicidio. Ciò significa che se dovesse vincere la sinistra ci sarà un’Italia ingovernabile. Nessun governo di larghe intese. Berlusconi ha solo detto che ci potrà essere un accordo per riformare la Costituzione, cosa che è assolutamente necessaria, visto, tanto per fare un esempio, che un premier non può nemmeno ‘licenziare’ un suo ministro”.




Incredibile un Marketing Politico del Pdl fermo a 20 anni fà


martedì 19 febbraio 2013

lunedì 18 febbraio 2013

Vi preoccupa Crocetta?

"Ma pensiamo veramente che questo spasmodico arruolamento di “ex tutto” (pidiellini, mpa, pd, grande sud) operato da Crocetta, possa veramente far cambiare opinione ai cittadini siciliani? E’ solo un trasferimento nell’area di governo di ceto politico e non certamente di elettori a sinistra. Sul tappeto, dopo le roboanti dichiarazioni del presidente in campagna elettorale e nei primi giorni da governatore, restano aperte tutte le emergenze siciliane, dai rifiuti alla formazione, alla forestazione ai precari della Pubblica amministrazione. I siciliani non pensano di sicuro di dare il loro consenso a chi opera con queste dinamiche".

domenica 17 febbraio 2013

La Grecia Ribrucia, tutto coperto dal silenzio


Sicilia, Trenitalia cancella 105 collegamenti. A rischio mille lavoratori

Sicilia, Trenitalia cancella 105 collegamenti. A rischio mille lavoratori

Dal 10 marzo 3 milioni di chilometri di linea non verranno più utilizzati. La rete ferroviaria dell'isola, inoltre, è già ampiamente trascurata: oggi ci vogliono sette ore per arrivare da Palermo in centri della Sicilia orientale. La stessa durata di un volo Palermo-New York

 

E così, in sordina, nel silenzio quasi anche dei media siciliani, si è conclusa la parabola dell’Mpa

E così, in sordina, nel silenzio quasi anche dei media siciliani, si è conclusa la parabola dell’Mpa, quel Movimento per le Autonomie che nelle intenzioni dei fondatori avrebbe dovuto soppiantare la Lega Nord.

A riprova delle scarse capacità strategiche di Raffaele Lombardo (che, lo ripeto da anni, è un grande tattico della politica, ma manca di pensiero strategico di lungo periodo).

Insomma la porte del sogno dell'Autonomia Siciliana.

Il testimone in questo caso passa solo nel segno della continuita' come Presidente della Sicilia e non come Autonomista.

Volete Sapere perche' si e' dimesso il Papa Ratinger

Semplice bisogna leggere fra le parole e aspettare il nome del Prossimo Papa che sara' significativo...

Antichrist in Italian politics and 'possession of the country. Democracy Disappearance of Remo Chicks

The Antichrist to Christians and Muslims is the enemy of the Messiah, is the adversary or opponent of Christ (it is also called "false Christ") and the advent of the Kingdom of God on Earth, an ally of Satan, powerful but destined to succumb.As we have shown above, according to St. John the antichrist is a person.

    
THE MAN OF SIN;

    
THE SON OF PERDITION (THIS NAME IS GIVEN EVEN A JUDAS IN JOHN 17:12);

    
Opponent;

    
WHO IS LIKE GOD WORSHIP;

    
The EXAMPLE.

    
These prerequisites let's call them back in reality 'of politics have names and surnames that I leave you to imagine and manifest themselves according to these events.
    
The Italian Political quite a few of these last 20 years has delivered the worst of it here if I tried to make it as succinct as possible: liars, piduisti, subversive, tax evaders, corrupt, corrupt, pro-mafia.
         
"An Italy that has matured his nose against corruption Democrat and Socialist (for thirty years that go by the center to Tangentopoli) was indignant in mass .... (the" rogue isolated ") that during the arrest throwing money down the toilet, for .... - health minister convicted of conspiracy - and that .... and his wife hid the jewels in the puff of living, that is for human types seen not only as perpetrators, but also as reprehensible, particularly clumsy and offensive self-image, and the power that governs them, that the free citizens of a democratic republic (and, not coincidentally, was acquitted by the Supreme Court .... many convictions, but not managed to get rid of that image for damages). Thus Italy that has endured dry-eyed and the conflict of interest laws ad personam was outraged by the bunga bunga .... and for the protection of civil mad with rage .... and for "Batman er". " Source News.it
    
Today 'more' long list of misdeeds politche-affaristiche that the list of laws and policy initiatives that go towards the good of the country.
    
Impossible and useless to enumerate the tricks, the filth and the misdeeds of this political class.
         
Corruption, in Italy, takes on the traits of a pathological situation endemic, more or less accepted or subit.
         
A Parliament of "appointed" with the wildlife that we know, without a return to the preferences, which were sent to Parliament mozzorecchi able to spend millions on parties and vote trading.
         
Other than North and South, cracks, parochialism and units still to be accomplished. Never Italy is so compact and united - the arrogance and audacity - if you look in terms of scandals and "furbate."
        
This idea - that the individual prevail over the public that a rule of life is associated with both the advantage of the stronger
      
THE DAMAGE DONE TO ITALY FROM / FROM antichrists have LONG TIME IS unthinkable from the point of view of ethics and morals, the worst of modern culture.
     
The degradation of ethics and fall of policy credibility have reached levels that even in the years of Tangentopoli were untouched.
        
But then as now the barbarism of the custom house, the corruption, the buying power consent to perpetuate itself, the loss of the common good, not just a problem of the morality of the people.
          
In addition to the damage that has in itself, is a ballast that drives the country along the decline and the center of Christianity 'MORAL NOT HAVE MORE' CREDIBILITY '.
          
And in decline increase injustice, inequality, grudges, even individualism.
         
In fact, today the Italian and 'addicted to having lost the ability to "indignant"? Literally, "take the value, dignity, to someone or something."
        
The outrage is a moral act, but is also deeply political delegitimization is, or, is neither supine acquiescence, or move to the woods, solo flight in their own individual freedom. It is a powerful civil act collectively - provided, of course, the indignation of one or a few are consonance wrath of others, of many (if not, the outrage remains confined to the private morality
       
No need to say the names degl'Anticristi are many and bipartisan but one in particular has more 'blame others.
        
Some should be condemned to hell fire under the perennial perennial Brothels and porcellum.
        
What to do and how to get out and 'impossible to say, in fact, these elections will not solve any problem even worse is even with the positive news of Cricket.
        
Paradoxically, it would be ethically more 'just give everyone equal opportunities' in immorality.
        
I mean 'free of immorality doses apply to all Italians so that the law of nature (more' fair and equitable) to take its course, winning the most 'clever and strong.
        
UNFORTUNATELY EVEN IN THIS POLICY HAS BEEN raped ITALIAN THE ITALIANS, not allowing the mass equal rights illegally.
    
This opportunity 'for a few who are holding the country trasversalemnte and bipartisan.
    
Nor do we know how this is influencing the fall of the Antichrist Pope Ratzinger.
    
While Italy and 'destinana this perennial status is also true that the center of Christian Mondialità may Collapsing under the blows of the' antichrist Italian with the guilty connivance or underestimation of the Italian Church.

Anticristo nella Politica Italiana si e' impossessato del Paese. La Democrazia Scomparsa di Remo Pulcini

L'anticristo per i cristiani e i musulmani è il nemico del Messia, è l'avversario o antagonista di Cristo (è detto anche "falso Cristo") e dell'avvento del Regno di Dio sulla Terra, alleato di Satana, potentissimo ma destinato a soccombere.

Come abbiamo in precedenza dimostrato, secondo san Giovanni un anticristo é una persona. 

  • L'UOMO DEL PECCATO;
  • IL FIGLIO DELLA PERDIZIONE (QUESTO NOME È DATO ANCHE A GIUDA IN GIOVANNI 17:12);
  • L'AVVERSARIO;
  • COLUI CHE SI FA ADORARE COME DIO;
  • L'EMPIO.

    Questi chiamiamoli prerequisiti riportandoli nella realta' della politica hanno nomi e cognomi che lascio a voi immaginare e si manifestano secondo tali manifestazioni.

    La Politica Italiana di questi non pochi ultimi 20 anni ha espresso il peggio di se che qua ho cercato di rendere quanto più sintetiche possibile : bugiardi, piduisti, eversivi, evasori, corruttori, corrotti, filo-mafiosi.
    "Un Italia che si è turata il naso davanti alla corruzione democristiana e socialista (per i trent’anni che vanno dal centrosinistra a Tangentopoli) si è indignata in massa per .... (il “mariuolo isolato”) che durante l’arresto gettava i soldi nel water, per .... – ministro della Sanità condannato per associazione a delinquere – e per .... e consorte che nascondevano i gioielli nel puff del salotto; cioè per tipi umani visti non solo come colpevoli, ma anche come riprovevoli, particolarmente goffi e offensivi dell’immagine di sé, e del potere che li governa, che hanno i liberi cittadini di una repubblica democratica (e, non a caso, .... in Cassazione fu assolto da molte condanne, ma non riuscì a liberarsi da quella per danni d’immagine). Così l’Italia che ha sopportato a ciglio asciutto il conflitto d’interessi e le leggi ad personam si è indignata per il bunga bunga di .... e per la Protezione civile di .... ed è impazzita di furore per “er Batman”." Fonte News.it

    Oggi e' piu' lungo l'elenco delle malefatte politche-affaristiche che l'elenco delle leggi ed iniziative politiche che vanno verso il bene del Paese.

    Impossibile e inutile elencare i trucchi, le porcate e le malefatte di questa classe politica.
    La corruzione, in Italia, assume i tratti di una situazione patologica endemica, più o meno accettata o subita.
    Un Parlamento di “nominati”, con la fauna che sappiamo, senza il ritorno alle preferenze, che hanno mandato in Parlamento mozzorecchi capaci di spendere milioni in festini e voto di scambio.
    Altro che Nord e Sud, spaccature, campanilismi e unità ancora da compiersi. Mai l’Italia appare così compatta  e unita - nella protervia e nella sfacciataggine - se si analizza sotto il profilo degli scandali e delle “furbate”.
    Si tratta di un’idea – che il privato prevalga sul pubblico, che norma della vita associata sia il vantaggio del più fort.
    IL DANNO FATTO ALL'ITALIA DALL/DAGLI ANTICRISTI SONO A LUNGO TEMPO IMPENSABILI  SIA dal  punto di vista etico che morale  il peggio della cultura moderna.

     Il degrado etico e la caduta di credibilità della politica hanno raggiunto livelli che neppure negli anni di Tangentopoli erano stati toccati. 
    Eppure allora come oggi l’imbarbarimento del costume civico, la corruzione, il potere che compra il consenso per perpetuare se stesso, lo smarrimento del bene comune, non sono soltanto un problema di moralità delle persone.

     Oltre al danno che produce in sé, è una zavorra che spinge il Paese lungo il declino E IL CENTRO DELLA CRISTIANITA' MORALE A NON AVERE PIU' CREDIBILITA'.
    Nel declino aumentano le ingiustizie, le disuguaglianze, i rancori, persino l’individualismo.
    Infatti oggi l'Italiano e' assuefatto avendo perso  la capacità  “d'indignarsi”? Alla lettera, “togliere valore, dignità, a qualcuno o a qualcosa”.
    L’indignazione è un gesto morale, ma è anche profondamente politico: è delegittimazione; ovvero, non è né supina acquiescenza, né passaggio al bosco, fuga solitaria nella propria individuale libertà. È un potente atto civile, collettivo – purché, naturalmente, l’indignazione di uno o dei pochi trovi consonanza nell’indignazione di altri, dei molti (in caso contrario, l’indignazione resta confinata nella moralità privat).
    No serve dire i nomi degl'Anticristi sono tanti e Bipartizan ma uno in particolare ha piu' colpa di altri.
    Alcuni andrebbero condannati all'inferno perenne sotto le fiamme perenni dei Bordelli e dei Porcellum.
    Cosa fare e come uscirne e' impossibile dirlo, di fatto queste Elezioni non risolveranno nessun problema anzi si peggiorerà anche con la positiva novità di Grillo.
    Paradossalmente sarebbe stato eticamente piu' giusto dare a tutti pari opportunita' nell'immoralità.
    Cioe' applicare dosi libere d'immoralità a tutti gli Italiani in modo che la legge della natura (piu' giusta ed equa) facesse il suo corso, facendo vincere i piu' furbi e forti.
    PURTROPPO ANCHE IN QUESTO LA POLITICA ITALIANA HA STUPRATO GLI ITALIANI, non permettendo alla massa pari diritti nell'illegalità.

    Questa opportunità e' per pochi che tengono in mano il Paese trasversalemnte e Bipartizan.

    Non sappiamo neppure quanto questo Anticristo stia condizionando la caduta del Papa Ratzinger.

    Se da un lato l'Italia e' destinana a questo status perenne e anche vero che il Centro della Mondialità Cristiana rischia di Crollare sotto i colpi dell' anticristo Italiano con la colpevole connivenza o sottovalutazione della Chiesa Italiana.


     

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora