domenica 17 febbraio 2013

Anticristo nella Politica Italiana si e' impossessato del Paese. La Democrazia Scomparsa di Remo Pulcini

L'anticristo per i cristiani e i musulmani è il nemico del Messia, è l'avversario o antagonista di Cristo (è detto anche "falso Cristo") e dell'avvento del Regno di Dio sulla Terra, alleato di Satana, potentissimo ma destinato a soccombere.

Come abbiamo in precedenza dimostrato, secondo san Giovanni un anticristo é una persona. 

  • L'UOMO DEL PECCATO;
  • IL FIGLIO DELLA PERDIZIONE (QUESTO NOME È DATO ANCHE A GIUDA IN GIOVANNI 17:12);
  • L'AVVERSARIO;
  • COLUI CHE SI FA ADORARE COME DIO;
  • L'EMPIO.

    Questi chiamiamoli prerequisiti riportandoli nella realta' della politica hanno nomi e cognomi che lascio a voi immaginare e si manifestano secondo tali manifestazioni.

    La Politica Italiana di questi non pochi ultimi 20 anni ha espresso il peggio di se che qua ho cercato di rendere quanto più sintetiche possibile : bugiardi, piduisti, eversivi, evasori, corruttori, corrotti, filo-mafiosi.
    "Un Italia che si è turata il naso davanti alla corruzione democristiana e socialista (per i trent’anni che vanno dal centrosinistra a Tangentopoli) si è indignata in massa per .... (il “mariuolo isolato”) che durante l’arresto gettava i soldi nel water, per .... – ministro della Sanità condannato per associazione a delinquere – e per .... e consorte che nascondevano i gioielli nel puff del salotto; cioè per tipi umani visti non solo come colpevoli, ma anche come riprovevoli, particolarmente goffi e offensivi dell’immagine di sé, e del potere che li governa, che hanno i liberi cittadini di una repubblica democratica (e, non a caso, .... in Cassazione fu assolto da molte condanne, ma non riuscì a liberarsi da quella per danni d’immagine). Così l’Italia che ha sopportato a ciglio asciutto il conflitto d’interessi e le leggi ad personam si è indignata per il bunga bunga di .... e per la Protezione civile di .... ed è impazzita di furore per “er Batman”." Fonte News.it

    Oggi e' piu' lungo l'elenco delle malefatte politche-affaristiche che l'elenco delle leggi ed iniziative politiche che vanno verso il bene del Paese.

    Impossibile e inutile elencare i trucchi, le porcate e le malefatte di questa classe politica.
    La corruzione, in Italia, assume i tratti di una situazione patologica endemica, più o meno accettata o subita.
    Un Parlamento di “nominati”, con la fauna che sappiamo, senza il ritorno alle preferenze, che hanno mandato in Parlamento mozzorecchi capaci di spendere milioni in festini e voto di scambio.
    Altro che Nord e Sud, spaccature, campanilismi e unità ancora da compiersi. Mai l’Italia appare così compatta  e unita - nella protervia e nella sfacciataggine - se si analizza sotto il profilo degli scandali e delle “furbate”.
    Si tratta di un’idea – che il privato prevalga sul pubblico, che norma della vita associata sia il vantaggio del più fort.
    IL DANNO FATTO ALL'ITALIA DALL/DAGLI ANTICRISTI SONO A LUNGO TEMPO IMPENSABILI  SIA dal  punto di vista etico che morale  il peggio della cultura moderna.

     Il degrado etico e la caduta di credibilità della politica hanno raggiunto livelli che neppure negli anni di Tangentopoli erano stati toccati. 
    Eppure allora come oggi l’imbarbarimento del costume civico, la corruzione, il potere che compra il consenso per perpetuare se stesso, lo smarrimento del bene comune, non sono soltanto un problema di moralità delle persone.

     Oltre al danno che produce in sé, è una zavorra che spinge il Paese lungo il declino E IL CENTRO DELLA CRISTIANITA' MORALE A NON AVERE PIU' CREDIBILITA'.
    Nel declino aumentano le ingiustizie, le disuguaglianze, i rancori, persino l’individualismo.
    Infatti oggi l'Italiano e' assuefatto avendo perso  la capacità  “d'indignarsi”? Alla lettera, “togliere valore, dignità, a qualcuno o a qualcosa”.
    L’indignazione è un gesto morale, ma è anche profondamente politico: è delegittimazione; ovvero, non è né supina acquiescenza, né passaggio al bosco, fuga solitaria nella propria individuale libertà. È un potente atto civile, collettivo – purché, naturalmente, l’indignazione di uno o dei pochi trovi consonanza nell’indignazione di altri, dei molti (in caso contrario, l’indignazione resta confinata nella moralità privat).
    No serve dire i nomi degl'Anticristi sono tanti e Bipartizan ma uno in particolare ha piu' colpa di altri.
    Alcuni andrebbero condannati all'inferno perenne sotto le fiamme perenni dei Bordelli e dei Porcellum.
    Cosa fare e come uscirne e' impossibile dirlo, di fatto queste Elezioni non risolveranno nessun problema anzi si peggiorerà anche con la positiva novità di Grillo.
    Paradossalmente sarebbe stato eticamente piu' giusto dare a tutti pari opportunita' nell'immoralità.
    Cioe' applicare dosi libere d'immoralità a tutti gli Italiani in modo che la legge della natura (piu' giusta ed equa) facesse il suo corso, facendo vincere i piu' furbi e forti.
    PURTROPPO ANCHE IN QUESTO LA POLITICA ITALIANA HA STUPRATO GLI ITALIANI, non permettendo alla massa pari diritti nell'illegalità.

    Questa opportunità e' per pochi che tengono in mano il Paese trasversalemnte e Bipartizan.

    Non sappiamo neppure quanto questo Anticristo stia condizionando la caduta del Papa Ratzinger.

    Se da un lato l'Italia e' destinana a questo status perenne e anche vero che il Centro della Mondialità Cristiana rischia di Crollare sotto i colpi dell' anticristo Italiano con la colpevole connivenza o sottovalutazione della Chiesa Italiana.


     

Miei Social di Marketing Politico , Blogger, Influencer

Ultima Ora