domenica 31 marzo 2013

Relazione: Israele telecamere spia Siria rintracciato Marina russa

Attrezzature Spionaggio scoperto dalla Siria all'inizio di questo mese è stato utilizzato da Israele per monitorare i movimenti delle navi da guerra russe, le relazioni Sunday Times.

Israele ha usato spiare attrezzature piantato al largo della Siria costa per monitorare i movimenti navali russe nel Mediterraneo, The Times Domenica ha riferito.

 

 

Syrian “Regime Change”: Washington’s Latest “War Crime” in the Name of the “Freedom, Democracy, Human rights”

One wonders what Syrians are thinking as “rebels” vowing to “free Syria” take the country down the same road to destruction as “rebels” in Libya.
Libya, under Gaddafi a well run country whose oil revenues were shared with the Libyan people instead of monopolized by a princely class as in Saudi Arabia, now has no government and is in disarray with contending factions vying for power.
Just as no one knew who the Libyan “rebels” were, with elements of al Qaeda reportedly among them, no one knows who the Syrian “rebels” are, or indeed if they are even rebels (Antiwar.com).
Some “rebels” appear to be bandit groups who seize the opportunity to loot and to rape and set themselves up as the governments of villages and towns.
Others appear to be al Qaeda. (Antiwar.com)
The fact that the “rebels” are armed is an indication of interference from outside.
There have been reports that Washington has ordered its Saudi and Bahrain puppet governments to supply the “rebels” with military weaponry.
Some suspect that the explosion that killed the Syrian Defense Minister and the head of the government’s crisis operations was not the work of a suicide bomber but the work of a US drone or missile reminiscent of Washington’s failed attempts to murder Saddam Hussein.
Regardless, Washington regarded the terror attack as a success, declaring that it showed the rebels were gaining “real momentum” and called on the Syrian government to respond to the attack by resigning. (reuters.com)
The following is from a leaked intelligence document describing a previous Western terrorist intervention in Syria just in case any reader is so naive as to think that “our government would never do that.”
“In order to facilitate the action of liberative (sic) forces, …a special effort should be made to eliminate certain key individuals. …[to] be accomplished early in the course of the uprising and intervention, …
Once a political decision has been reached to proceed with internal disturbances in Syria, CIA is prepared, and SIS (MI6) will attempt to mount minor sabotage and coup de main (sic) incidents within Syria, working through contacts with individuals. …Incidents should not be concentrated in Damascus …

Further: a “necessary degree of fear .. frontier incidents and (staged) border clashes”, would “provide a pretext for intervention… the CIA and SIS [MI6] should use … capabilities in both psychological and action fields to augment tension.” (Joint US-UK leaked Intelligence Document, London and Washington, 1957) (globalreasearch.ca)
Obama has not said why his government is so desperate to overthrow the Syrian government.
The current president was an eye doctor in London who was brought back to Syria to replace his father, who had passed away, as president of the country.
Washington is reticent about its real motives, which it masks with high-sounding humanitarian rhetoric, but Washington’s motives are transparent.
One motive is to get rid of the Russian naval base in Syria, thus depriving Russia of its only Mediterranean base.
A second motive is to eliminate Syria as a source of arms and support to Hizbullah in order that Israel can succeed in its attempts to occupy southern Lebanon and acquire its water resources.
Hizbullah’s fighters have twice defeated the Israeli military’s attempts to invade and to occupy southern Lebanon.
A third motive is to destroy the unity of Syria with sectarian conflict, as Washington destroyed Libya and Iraq, and leave Syria to waring factions to dismember the country, thus removing another obstacle to Washington’s hegemony.
Syria, a secular Arab state, like Iraq was, is ruled by a political party composed of Alawis, more or less Shia Muslims.
The Alawis comprise about 12% of the Syrian population and are regarded as heretics by the Sunni Muslims who comprise about 74% of the Syrian population.
Thus the orchestrated “uprising” appeals to many Sunnis who see the opportunity to take over. (In Iraq it was a Sunni minority that ruled a Shia majority, and in Syria it is the opposite.)
The divisions among Arabs make Arabs vulnerable to Western interference and rule.
The Sunni-Shia split makes it impossible for an Arab country to unite against an invader or for one Arab country to come to the aid of another.
In 1990 the Shia Syrian government lined up with the US against the Sunni Iraq government in the First Iraq War.
Neither Lawrence of Arabia, Nasser, nor Gaddafi succeeded in creating an Arab consciousness.
Washington’s cover for its violent overthrow of other governments is always moralistic verbiage.
First the target is demonized, and then Washington’s naked aggression is described as “bringing freedom and democracy,” “overthrowing a brutal dictator,” “protecting women’s rights.”
Any assortment of cant words and phrases seems to work.
Hillary Clinton has been especially strident in advocating the overthrow of the Syrian government.
The silly woman even issued threats to Russia and China for daring to block Washington’s attempt to use a UN resolution as cover for invading Syria.
Washington misrepresents the Syrian government’s resistance to being overthrown as a government conducting terror against its own people.
But Washington had no condemnation for the terror attack, whether its own or that of a suicide bomber, that killed high-level Syrian government officials.
Washington’s double standard prompted the Russian Foreign Minister, Sergey Lavrov, to accuse Washington of having “a sinister position.”
Indeed, Washington does.
But what is surprising about Washington’s sinister position after Iraq, Afghanistan, Libya, Somalia, Yemen, and Pakistan?
Undoubtedly, after Syria is overthrown, Washington will move on to Iran.
Russia itself is already being surrounded by US missile bases, and the Russian government has a disloyal and traitorous political opposition financed by American money.
China is confronting a rapid buildup of US air, naval, and troop bases in the Pacific.
How long before China’s government has a disloyal opposition financed by Washington?
The hegemon is on the march, but what Syrian Sunnis see is a chance to overthrow the Alawite Shia.
The Syrian Sunnis will ally with Washington despite the fact that Washington overthrew the Iraqi Sunnis.
Few Arabs, it seems, mind being puppets of a foreign regime that hands out billions of dollars.
Washington loosely refers to Syrian President Assad as a “dictator” or “brutal dictator,” but obviously if Assad is a dictator he is not very effective in that role.
Normally, dictators don’t permit an opposition to rise, much less arm itself.
It would be more accurate to say that the ruling party is authoritarian, but the ruling party has introduced elements of democracy with the new constitution.
As Iraq has proved, Arab governments have to be authoritarian if their Sunni and Shia populations are not to be constantly engaged in civil war.
Both Bush and Obama claim that Washington brought “freedom and democracy” to Iraq.
However, the ongoing violence in Iraq is as intense or more intense than under the American occupation.
Here are the reports for the last three days:
July 23: “A wave of bomb attacks and shootings in Baghdad and north of the capital has killed at least 107 people. At least 216 were wounded.”
July 24: “A second day of intensified attacks left at least 145 Iraqis killed and 379 more wounded.”
July 25: “Attacks continue across Iraq: 17 killed, 60 wounded.”
This is what Washington did for Iraq.
Far from bringing “freedom and democracy,” Washington brought endless mayhem and death.
And this is precisely what Washington is in the process of bringing to Syria.

Rebuilding America’s Defenses: A Blueprint of PNAC Plan for U.S. Global Hegemony

Some people have compared it to Hitler’s publication of Mein Kampf, which was ignored until after the war was over.
Full text of Rebuilding America’s Defenses here
When the Bush administration started lobbying for war with Iraq, they used as rationale a definition of preemption (generally meaning anticipatory use of force in the face of an imminent attack) that was broadened to allow for the waging of a preventive war in which force may be used even without evidence of an imminent attack. 
They also were able to convince much of the American public that Saddam Hussein had something to do with the attacks of 9/11, despite the fact that no evidence of a link has been uncovered. Consequently, many people supported the war on the basis of 1) a policy that has no legal basis in international law and 2) a totally unfounded claim of Iraqi guilt.
What most people do not know, however, is that certain high ranking officials in the Bush administration have been working for regime change in Iraq for the past decade, long before terrorism became an important issue for our country. In 1997 they formed an organization called the Project for the New American Century (PNAC).
They have sought the establishment of a much stronger U.S. presence throughout the Mideast and Iraq’s Saddam Hussein has been their number one target for regime change. Members of this group drafted and successfully passed through Congress the Iraqi Liberation Act, giving legal sanctions for an invasion of the country, and funneled millions of taxpayer dollars to Hussein opposition groups called the Iraqi National Congress and The Committee for the Liberation of Iraq.
The PNAC philosophy was formed in response to the ending of Cold War hostilities with Russia and the emergence of America as the world’s only preeminent superpower. Claiming that this is a “strategic moment” that should not be squandered, members of PNAC say that America should use its position to advance its power and interests into all areas of the globe.
They believe the time is ripe for establishing democracies in regimes considered hostile to U.S. interests and are not hesitant to advise the use of military means to achieve those ends.
PNAC members on the Bush team include Vice-President Dick Cheney and his top national security assistant, I. Lewis Libby; Secretary of Defense Donald Rumsfeld; Deputy Secretary of Defense Paul Wolfowitz; National Security Council member Eliot Abrams; Undersecretary for Arms Control and International Security John Bolton; and former Chairman of the Defense Policy Board, Richard Perle.
Other PNAC members exerting influence on U.S. policy are the President of the Committee for the Liberation of Iraq Randy Scheunemann, Republican Party leader Bruce Jackson and current PNAC chairman William Kristol, conservative writer for the Weekly Standard. Jeb Bush, the president’s brother and governor of Florida, is also a member.
Their campaign to overthrow Hussein was unsuccessful during the Clinton presidency and early days of Bush’s term, but on 9/11 they found the event they needed to push for the overthrow of Hussein. Within 24 hours both Wolfowitz and Cheney were calling for an invasion of Iraq, even before anyone knew who had been responsible for the attacks.
Individuals who now belong to PNAC have been influencing White House policy since the Reagan era, calling for coups in Central America and claiming that a nuclear war with Russia could be “winnable.” Richard Perle is one of their most prominent spokesmen. He and Michael Ledeen (of the American Enterprise Institute), who is currently lobbying for war with Syria and Iran, have adopted a stance that they call “total war” — the ability to wage multiple simultaneous wars around the globe to achieve American ends.
Recently Perle commented on America’s war on terrorism: “No stages,” he said, “This is total war. We are fighting a variety of enemies. There are lots of them out there. All this talk about first we are going to do Afghanistan, then we will do Iraq . . . this is entirely the wrong way to go about it. If we just let our vision of the world go forth, and we embrace it entirely and we don’t try to piece together clever diplomacy, but just wage a total war . . . our children will sing great songs about us years from now.”
Members of PNAC are so self-assured they are advancing America’s best interests that they publish policy papers specifically outlining their plans, plans that many fear may be laying the groundwork for a third world war. Their ideas are peculiarly atavistic, considering the friendly ties that have been forged between most of the major nations during the past ten years.
Their central policy document is entitled “Rebuilding America’s Defenses (RAD),” published on their website at http://newamericancentury.org/RebuildingAmericasDefenses.pdf.

Ricostruire le difese dell'America: una proposta di piano del PNAC per l'egemonia globale degli Stati Uniti (Documento Riservato)

 Testo integrale delle Ricostruire le difese dell'America quiQuando l'amministrazione Bush ha iniziato attività di lobbying per la guerra con l'Iraq, hanno usato come motivazione una definizione di prelazione (quindi di norma l'uso della forza di anticipazione a fronte di un imminente attacco), che è stata ampliata per consentire la conduzione di una guerra preventiva in cui la forza può essere utilizzato anche senza prove di un imminente attacco.Inoltre, sono stati in grado di convincere gran parte del pubblico americano che Saddam Hussein aveva qualcosa a che fare con gli attacchi del 9/11, nonostante il fatto che non esistono prove di un collegamento è stato scoperto. Di conseguenza, molte persone sostenuto la guerra sulla base di 1) una politica che non ha alcuna base giuridica nel diritto internazionale e 2) una richiesta del tutto infondata di colpa iracheno.Ciò che molte persone non sanno, però, è che alcuni alti funzionari dell'amministrazione Bush hanno lavorato per un cambio di regime in Iraq negli ultimi dieci anni, molto prima che il terrorismo è diventata una questione importante per il nostro paese. Nel 1997 hanno formato un'organizzazione chiamata Progetto per il Nuovo Secolo Americano (PNAC).Hanno chiesto l'istituzione di una presenza molto più forte degli Stati Uniti in tutto il Medio Oriente e l'Iraq di Saddam Hussein è stato il loro obiettivo numero uno per il cambio di regime. I membri di questo gruppo redatto e superato con successo attraverso il Congresso la legge liberazione irachena, dando sanzioni legali per l'invasione del paese, e incanalato milioni di dollari dei contribuenti per i gruppi di opposizione Hussein chiamato Iraqi National Congress e il Comitato per la Liberazione dell'Iraq.La filosofia PNAC è stato formato in risposta alla fine delle ostilità della Guerra Fredda con la Russia e l'emergere di America come unica superpotenza mondiale preminente. Affermare che si tratta di un "momento strategico", che non deve essere sprecata, i membri del PNAC dire che l'America dovrebbe usare la sua posizione per far avanzare il suo potere e gli interessi in tutte le aree del globo.Essi credono che i tempi siano maturi per la creazione di democrazie in regimi considerati ostili agli interessi degli Stati Uniti e non esitano a consigliare l'uso di mezzi militari per il raggiungimento di tali fini.Membri del PNAC sulla squadra di Bush sono il vice-presidente Dick Cheney e il suo piano di sicurezza nazionale assistente, I. Lewis Libby, il Segretario della Difesa Donald Rumsfeld, il vice segretario alla Difesa Paul Wolfowitz, il membro del Consiglio di Sicurezza Nazionale Eliot Abrams, Sottosegretario per il controllo degli armamenti e internazionali Sicurezza John Bolton, ed ex presidente del Defense Policy Board, Richard Perle.Altri membri del PNAC che esercitano un'influenza sulla politica degli Stati Uniti sono il Presidente del Comitato per la Liberazione dell'Iraq Randy Scheunemann, leader del Partito Repubblicano Bruce Jackson e attuale presidente del PNAC William Kristol, scrittore conservatore per il Weekly Standard. Jeb Bush, fratello del presidente e governatore della Florida, è anche membro.La loro campagna per rovesciare Hussein non ha avuto successo durante la presidenza Clinton e primi giorni del termine di Bush, ma l'11/9 hanno trovato l'evento di cui avevano bisogno di spingere per il rovesciamento di Hussein. Entro 24 ore, sia Wolfowitz e Cheney chiedevano l'invasione dell'Iraq, prima ancora che qualcuno sapesse che era stato responsabile degli attacchi.Gli individui che ora appartengono a PNAC sono stati influenzare la politica della Casa Bianca fin dai tempi di Reagan, chiedendo colpi di stato in America centrale e sostenendo che una guerra nucleare con la Russia potrebbe essere "vincibile." Richard Perle è uno dei loro portavoce più importanti. Lui e Michael Ledeen (dell 'American Enterprise Institute), che è attualmente in attività di lobbying per la guerra con la Siria e l'Iran, hanno adottato una posizione che loro chiamano "guerra totale" - la capacità di condurre più guerre simultanee in tutto il mondo per raggiungere obiettivi americani.Perle di recente commento sulla guerra al terrorismo: "Non ci sono le fasi", ha detto, "Questa è la guerra totale. Stiamo combattendo una varietà di nemici. Ci sono un sacco di loro là fuori. Tutto questo parlare di prima ci accingiamo a fare in Afghanistan, poi faremo l'Iraq. . . questo è del tutto il modo sbagliato di procedere. Se ci limitiamo a lasciare che la nostra visione del mondo andare avanti, e lo abbraccia tutto e non cerchiamo di mettere insieme la diplomazia intelligente, ma solo una guerra totale. . . i nostri bambini canteranno grandi canzoni di anni siamo da oggi. "I membri del PNAC sono così sicuro di sé che stanno avanzando americani interessi che pubblicano documenti politici in particolare delineando i loro piani, piani che molti temono possa gettare le basi per una terza guerra mondiale. Le loro idee sono particolarmente atavico, considerando i legami di amicizia che si sono instaurati tra la maggior parte delle principali nazioni nel corso degli ultimi dieci anni.Il loro documento politico centrale è intitolato "Ricostruire le difese americane (RAD)", pubblicato sul loro sito web http://newamericancentury.org/RebuildingAmericasDefenses.pdf. Si delinea un piano per l'egemonia americana nei prossimi anni, individuando "aree problematiche" del mondo e suggerendo un cambio di regime dei governi sfavorevoli in modo che alla fine il mondo intero sarà unificato sotto la bandiera della democrazia americana.Già stiamo vedendo la prova di influenza PNAC sulla politica degli Stati Uniti. Per esempio, il concetto di "Difesa Nazionale" arriva direttamente dai "RAD". Iran, Iraq e Corea del Nord, le nazioni che George Bush chiama "asse del male", sono elencati insieme in "RAD" più volte come possibili minacce militari USAVi è un suggerimento che le spese militari sono aumentate al 3,8 per cento del Pil, esattamente la quantità (oltre le spese attuali per la campagna irachena) Bush ha proposto per il bilancio del prossimo anno. La sua dichiarazione di base della politica e auspica rivela l'essenza stessa del concetto di impegno preventivo.Strategia di Sicurezza Nazionale di Bush del 20 settembre 2002, ha adottato le idee del PNAC e ha sottolineato una definizione allargata di prelazione. Dal momento che stiamo già sentendo le accuse contro i regimi in Iran e Siria, essi saranno in programma per la prossima invasione?Il documento è scritto con tutti i file. Risolutezza, unilateralismo e la disattenzione di ramificazioni internazionali (sia con amico o nemico) che l'amministrazione Bush sono in suo attuale build-up per la guerra con l'IraqVi è anche l'affermazione della necessità di American leadership politica ignorando quella delle Nazioni Unite (p. 11), una politica che è stata tristemente gioca quando gli Stati Uniti hanno invaso l'Iraq senza l'approvazione di una delle Nazioni Unite o la comunità internazionale.

Di seguito è riportato il preambolo del documento:"Come il 20 ° secolo volge al termine, gli Stati Uniti si pone come potenza più preminente del mondo. Dopo aver portato l'Occidente alla vittoria nella Guerra Fredda, l'America affronta un'opportunità e una sfida: L'Stati Uniti hanno la visione di costruire al raggiungimento dei decenni passati? L'Stati Uniti hanno la volontà di formare un nuovo secolo favorevole ai principi e agli interessi americani?"[Quello che abbiamo bisogno è] un militare che è forte e pronta ad affrontare entrambe le sfide presenti e future, una politica estera che con coraggio e volutamente promuove i principi americani all'estero, e la leadership nazionale che accetta responsabilità globali degli Stati Uniti '."Certo, gli Stati Uniti devono essere prudenti nel modo in cui esercita il suo potere. Ma non si può tranquillamente evitare le responsabilità della leadership globale o di costi che sono associati con il suo esercizio. L'America ha un ruolo vitale nel mantenimento della pace e della sicurezza in Europa, Asia e Medio Oriente. Se sfuggire alle nostre responsabilità, invitiamo le sfide per i nostri interessi fondamentali.La storia del 20 ° secolo dovrebbe averci insegnato che è importante dare forma circostanze prima che le crisi emergono, e per affrontare le minacce prima che diventino terribili. La storia del secolo scorso dovrebbe averci insegnato ad abbracciare la causa della leadership americana "(dalla dichiarazione del Progetto dei Principi).Quattro missioni vitaliMembri del PNAC credere che ci sono quattro missioni vitali "richiesti dalla leadership globale degli Stati Uniti", ma sostengono che "attuali forze armate americane sono mal preparati ad eseguire" queste missioni."Homeland Defense. America deve difendere la propria patria. Durante la Guerra Fredda, la deterrenza nucleare è stato l'elemento chiave nella difesa del territorio nazionale, ma resta fondamentale. Ma il nuovo secolo ha portato con sé nuove sfide. Mentre riconfigurare la sua forza nucleare, gli Stati Uniti devono anche contrastare gli effetti della proliferazione dei missili balistici e delle armi di distruzione di massa che potrebbe presto consentire minori stati di scoraggiare l'azione militare degli Stati Uniti con la minaccia alleati degli Stati Uniti e la patria americana. Di tutte le nuove missioni in corso e per gli Stati Uniti forze armate, questo deve avere la priorità."Grandi Guerre. In secondo luogo, gli Stati Uniti devono mantenere forze sufficienti in grado di implementare rapidamente e vincere multiple simultanee guerre su grande scala e anche per essere in grado di rispondere alle contingenze impreviste nelle regioni in cui non si mantengono in avanti a base di forze. Questo assomiglia standard della 'due-guerra', che è stata la base della pianificazione forze USA negli ultimi dieci anni. Tuttavia questa norma deve essere aggiornato per tenere conto di nuove realtà e nuovi conflitti potenziali."Constabulary Doveri. In terzo luogo, il Pentagono deve conservare le forze per mantenere la pace in corso in modi che non soddisfano le campagne più importanti del teatro di conduzione. L'esperienza di un decennio e le politiche di due amministrazioni hanno dimostrato che tali forze deve essere ampliato per soddisfare le esigenze del nuovo, a lungo termine la missione della NATO nei Balcani, le missioni continue no-fly-zone e di altro tipo in Asia sud-occidentale, e altri missioni di presenza nelle regioni vitali del Est Asiatico. Questi compiti sono missioni più frequenti di oggi, che richiedono forze configurato per il combattimento, ma in grado di lungo termine, operazioni indipendenti di polizia."Trasforma forze armate degli Stati Uniti. Infine, il Pentagono deve cominciare ora a sfruttare la cosiddetta 'rivoluzione negli affari militari,' scatenato con l'introduzione di tecnologie avanzate nei sistemi militari, questa deve essere considerata come una missione separata e critica degna di una parte della struttura delle forze e della difesa budget "(p. 6)."In conclusione, deve essere chiaro che questi quattro compiti essenziali per il mantenimento della supremazia militare americana sono piuttosto separati e distinti l'uno dall'altro - non deve essere considerato un 'caso minore incluso' di un altro, anche se sono strettamente correlati e può, in alcuni casi, richiedono tipi simili di forze. Al contrario, la mancata prestazione di forze sufficienti per eseguire queste missioni quattro devono portare a problemi per la strategia americana. L'incapacità di costruire difese missilistiche metterà l'America ed i suoi alleati a rischio grave e compromettere l'esercizio del potere americano all'estero. Forze convenzionali che sono insufficienti per combattere guerre di teatro simultaneamente non è in grado di proteggere gli interessi globali americani e alleati. Negligenza o ritiro dalle missioni di polizia aumenterà la probabilità di grandi guerre scoppiano e incoraggiare piccoli tiranni a sfidare gli interessi americani e ideali. E la mancanza di prepararsi alle sfide di domani farà in modo che l'attuale Pax Americana tratta di una fine prematura "(p. 13).


Sul usurpando il potere delle Nazioni Unite"Inoltre, queste missioni di polizia sono molto più complessi e tali da generare violenza rispetto ai tradizionali" mantenimento della pace "missioni. Per uno, essi richiedono una leadership politica americana piuttosto che quella delle Nazioni Unite, come il fallimento della missione delle Nazioni Unite nei Balcani e il relativo successo delle operazioni della NATO ci attesta."Né gli Stati Uniti assumere un UN-simile atteggiamento di neutralità, la preponderanza del potere americano è così grande ei suoi interessi globali così ampia che non può far finta di essere indifferenti al risultato politico nei Balcani, nel Golfo Persico o anche quando dispiega le forze in Africa. Infine, queste missioni di forze di domanda sostanzialmente configurato per il combattimento. Mentre anche la domanda di personale con lingua speciale, la logistica e le abilità di supporto, il primo ordine del giorno nelle missioni, come nei Balcani, è quello di stabilire la sicurezza, la stabilità e l'ordine. Truppe americane, in particolare, deve essere considerato come parte di una forza schiacciante potente "(p. 11).Sulla conservazione predominio americano"Poiché la pace di oggi è il prodotto unico di predominio americano, l'incapacità di mantenere la preminenza che permette agli altri la possibilità di plasmare il mondo in modi antitetici agli interessi americani e principi. Il prezzo del predominio americano è che, proprio come è stato ottenuto attivamente, deve essere attivamente mantenuto "(p. 73)."Il quarto elemento nel dispositivo di forze americane - e certamente quella che contiene la chiave di tutte le speranze a lungo termine per estendere le attuali Pax Americana - è la missione di trasformare le forze militari statunitensi di affrontare nuove sfide geopolitiche e tecnologiche" (p. 11 )."America le forze armate, a quanto pareva, potrebbe o prepararsi per il futuro ritirandosi dal suo ruolo di difensore essenziale per la sicurezza globale di oggi, o potrebbe prendersi cura degli affari in corso, ma essere impreparati per le minacce di domani e campi di battaglia di domani" (p. i)."Inoltre, l'America si trova a capo di un sistema di alleanze che include il mondo altre maggiori potenze democratiche. Attualmente gli Stati Uniti senza rivali globale. Grande strategia americana dovrebbe mirare a preservare ed estendere questa posizione vantaggiosa per quanto riguarda il futuro possibile. Vi sono, tuttavia, gli Stati potenzialmente potenti insoddisfatti della situazione attuale e desiderosi di cambiare, se possono, in direzioni che mettono in pericolo la condizione relativamente pacifico, prospero e libero il mondo gode oggi. Fino ad ora, sono stati dissuasi dal farlo dalla capacità e presenza globale della potenza militare americana. Ma, come che le riduzioni di potenza, relativi e assoluti, le condizioni felici che da essa derivano sarà inevitabilmente compromessa "(p. i).


B. Protezione egemonia globale"In un senso più ampio, il nuovo presidente sarà scegliere se oggi 'momento unipolare', per usare l'espressione di Charles Krauthammer per la supremazia geopolitica degli Stati Uniti, sarà esteso insieme con la pace e la prosperità che essa fornisce" (p. 4)."RAD" prende la posizione che solo gli Stati Uniti dovrebbero manipolare le relazioni internazionali e sottolinea "punti caldi" che possono causare problemi in futuro, come l'Iraq, l'Iran, la Corea e tutto orientale. Si teme che molte nazioni potrebbero unirsi per sfidare gli interessi degli Stati Uniti. Di conseguenza, qualsiasi nazione che produce armi nucleari o si impegna nel costruire armi significativi-up sarà considerata come una potenziale minaccia."La leadership globale dell'America, e il suo ruolo di garante della corrente grandi potenze pace, si basa su la sicurezza del territorio americano, il mantenimento di un equilibrio favorevole di potere in Europa, Medio Oriente e dintorni producono energia regione e Est asiatico, e la stabilità generale del sistema internazionale degli stati-nazione rispetto ai terroristi, il crimine organizzato, e altri L'importanza relativa di questi elementi, e le minacce agli interessi degli Stati Uniti, può salire e cadere "attori non statali. ' tempo. Europa, ad esempio, è ora straordinariamente pacifico e stabile, nonostante le turbolenze nei Balcani.Al contrario, l'Asia orientale sembra di entrare in un periodo con un potenziale maggiore per l'instabilità e la concorrenza. Nel Golfo, il potere americano e la sua presenza ha raggiunto relativa sicurezza esterna per gli alleati degli Stati Uniti, ma le prospettive a lungo termine sono più torbida. In generale, la strategia americana per i prossimi decenni dovrebbero cercare di consolidare le grandi vittorie vinto nel 20 ° secolo - che hanno fatto la Germania e il Giappone in democrazie stabili, per esempio - mantenere la stabilità in Medio Oriente, mentre si impostano le condizioni di successi del 21 ° secolo, soprattutto in Asia orientale."Un rifugio da uno qualsiasi di questi requisiti avrebbe chiamato lo stato degli Stati Uniti come potenza leader mondiale in discussione. Come abbiamo visto, anche un piccolo fallimento come quello in Somalia o un trionfo lenta ed incompleta, come nei Balcani può mettere in dubbio la credibilità americana. L'incapacità di definire una sicurezza globale e coerente strategia militare durante il periodo post-Guerra Fredda, ha invitato le sfide, gli Stati cercano di stabilire l'egemonia regionale, continuano a sondare i limiti del perimetro di sicurezza americano "(p. 5).Iraq e il Golfo Persico"Dopo otto anni di no-fly-zone delle operazioni, non c'è motivo di anticipare che la presenza degli Stati Uniti d'aria nella regione dovrebbe diminuire in modo significativo fino a quando Saddam Hussein resta al potere. Anche se sauditi sensibilità della domanda interna che le forze con sede nel Regno nominalmente restano forze di rotazione, è diventato evidente che questo è un semi-permanente missione. Da un punto di vista americano, il valore di tali basi dovrebbero sopportare anche Saddam passare dalla scena.Nel lungo periodo, l'Iran potrebbe rivelarsi come grande una minaccia per gli interessi degli Stati Uniti nel Golfo, come l'Iraq possiede. E se anche le relazioni USA-Iran migliorare, mantenendo in avanti a base di forze nella regione sarebbe comunque un elemento essenziale nella strategia di sicurezza degli Stati Uniti considerati gli interessi di lunga data americani nella regione "(p. 17)."Nella regione del Golfo Persico, la presenza delle forze americane, insieme a unità britanniche e francesi, è diventato un semi-permanente dato di fatto. Anche se la missione immediata di tali forze è quello di far rispettare le no-fly zone sul nord e il sud dell'Iraq, rappresentano la impegno a lungo termine degli Stati Uniti e dei suoi alleati più importanti di una regione di vitale importanza. In effetti, gli Stati Uniti hanno per decenni cercato di svolgere un ruolo più permanente nella sicurezza regionale del Golfo. Mentre il conflitto irrisolto con l'Iraq fornisce una giustificazione immediata, la necessità di una presenza sostanziale delle forze americane nel Golfo trascende la questione del regime di Saddam Hussein "(p. 14)."Anche se i no-fly-zone le operazioni di volo sul nord e il sud dell'Iraq hanno continuato senza sosta per quasi un decennio, rimangono un elemento essenziale della strategia degli Stati Uniti e la postura vigore nella regione del Golfo Persico. Porre fine a queste operazioni avrebbe consegnato Saddam Hussein una vittoria importante, qualcosa che ogni leader americano sarebbe restio a fare. Allo stesso modo, il ritiro dai Balcani avrebbe posto la leadership americana in Europa - anzi, la vitalità della NATO - in questione. Se nessuna di queste operazioni comporta una minaccia mortale, essi si impegnano interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti direttamente, e ad impegnarsi americani interessi morali "(p. 11)."In Europa, il Golfo Persico e l'Asia orientale, duraturi interessi di sicurezza degli Stati Uniti sostengono con forza per una duratura presenza militare americana" (p. 74)."La presenza Air Force nella regione del Golfo è di vitale importanza per la strategia militare degli Stati Uniti, e gli Stati Uniti dovrebbero prendere in considerazione una presenza factopermanent de, proprio mentre cerca dei modi per ridurre l'Arabia, Kuwait e le preoccupazioni regionali circa la presenza degli Stati Uniti" (p. 35).Asse del Male"E 'ormai opinione comune che le informazioni e le altre nuove tecnologie - così come diffusa proliferazione tecnologica e le armi - stanno creando una dinamica che può minacciare la capacità americana di esercitare il suo potere militare dominante. Potenziali rivali come la Cina sono ansiosi di sfruttare queste tecnologie di trasformazione in generale, mentre gli avversari come l'Iran, l'Iraq e la Corea del Nord si stanno affrettando a sviluppare missili balistici e armi nucleari come deterrente per l'intervento americano in regioni che cercano di dominare "(p. 4) ."La pace di corrente americana sarà di breve durata, se gli Stati Uniti diventa vulnerabile ai poteri canaglia con piccoli, poco costosi arsenali di missili balistici e testate nucleari o altre armi di distruzione di massa. Non possiamo permettere che la Corea del Nord, l'Iran, l'Iraq o altri Stati simili a minare la leadership americana, intimidire gli alleati americani o minacciare la patria americana. Le benedizioni della pace americano, acquistato al costo di paura e un secolo di sforzi, non dovrebbe essere così banalmente sprecati "(p. 75).Asia orientale"Riflettendo il graduale spostamento al centro di preoccupazioni strategiche americane verso l'Asia orientale, la maggior parte della flotta degli Stati Uniti, tra cui due terzi di tutti i gruppi tattici vettore, dovrebbe essere concentrata nel Pacifico. Una nuova base avanzata permanente va istituito nel Sud-Est asiatico (p. 39)."Come sottolineato più volte in precedenza, gli Stati Uniti dovrebbero cercare di stabilire - o ristabilire - una presenza più forte navale nel sud-est asiatico, caratterizzato da una lunga durata, semi-permanente porto nella regione, forse nelle Filippine, in Australia, o entrambe "(p. 44)."Nel sud-est asiatico, le forze americane sono troppo scarsi per affrontare in modo adeguato i requisiti di sicurezza in aumento .... Tranne che per le pattuglie di routine da parte delle forze navali e marine, la sicurezza di questa regione strategicamente importante e sempre più tumultuosa ha sofferto di abbandono americano ..... Sud-Est Asia ha stato a lungo una zona di grande interesse per la Cina, che cerca chiaramente di riconquistare influenza nella regione. Negli ultimi anni, la Cina ha gradualmente aumentato la sua presenza e le operazioni nella regione."Alzare la forza militare degli Stati Uniti in Asia orientale è la chiave per far fronte alla crescita della Cina per lo status di grande potenza. Per questo procedere pacificamente, forze armate statunitensi devono mantenere la loro supremazia militare e, quindi, rassicurare i nostri alleati regionali. Nel Nord-est asiatico, gli Stati Uniti devono mantenere e rafforzare i suoi legami con la Repubblica di Corea e Giappone. Nel Sud-Est asiatico, solo gli Stati Uniti possono raggiungere potenze regionali come l'Australia, l'Indonesia e la Malaysia e altri. Questo sarà un compito difficile che richiede sensibilità a diversi sentimenti nazionali, ma è reso ancora più interessante dalla comparsa di nuovi governi democratici nella regione. Per garantire la sicurezza dei nostri alleati attuali e le nazioni di nuova democrazia in Asia orientale, gli Stati Uniti possono contribuire a garantire che l'ascesa della Cina è un tranquillo. In effetti, nel tempo, la potenza americana e alleata nella regione può fornire uno stimolo per il processo di democratizzazione in Cina stesso .... Una presenza intensa militare degli Stati Uniti nel sud-est asiatico sarebbe una forte spinta alla cooperazione di sicurezza regionale, fornendo il nucleo intorno al quale ade facto coalizione potrebbe jell "(pp. 18-19)."La prospettiva è che l'Asia orientale diventerà una regione sempre più importante, segnato dal sorgere del potere cinese .... Un analogo fondamento depone a favore del mantenimento di forze consistenti in Giappone. Negli ultimi anni, lo stazionamento di forze grandi Okinawa è diventato sempre più controverso in Giapponese politica interna, e mentre gli sforzi per accogliere sensibilità locali sono garantiti, è essenziale per mantenere le capacità delle forze Usa a Okinawa rappresentano. Se gli Stati Uniti è quello di rimanere il garante della sicurezza nel Nordest asiatico, e per tenere insieme un'alleanza de facto i cui altri pilastri principali sono la Corea e il Giappone il mantenimento in avanti a base di forze americane è essenziale "(p. 18).Europa"Come discusso in precedenza, al centro della strategia di sicurezza americana per il prossimo secolo è probabile che passare a Est asiatico. Ciò riflette il successo della strategia americana nel 20 ° secolo, e in particolare il successo della NATO durante la Guerra Fredda, che ha creato quello che sembra essere una pace generale stabile e duraturo in Europa. Il problema premendo nuova sicurezza europea - instabilità nell'Europa sud-orientale - sarà affrontato al meglio dalle operazioni continue di stabilità nei Balcani da parte degli Stati Uniti e le forze di terra della NATO sostenute da terrestri forze aeree. Allo stesso modo, la nuova opportunità per una maggiore stabilità in Europa offerto da un'ulteriore espansione della NATO che mettono a dura prima di tutto sulla terra e terrestri forze aeree. Come il perimetro di sicurezza americana in Europa è stato rimosso verso est, questo modello durerà, anche se le forze navali avranno un ruolo importante nel Mar Baltico, Mediterraneo orientale e del Mar Nero, e continuerà a supportare le operazioni degli Stati Uniti e della NATO a terra "(pp. 43 -44)."I Balcani e l'Europa sud-orientale, più in generale, presentare l'ostacolo maggiore verso la creazione di 'unita e libera' l'Europa dal Baltico al Mar Nero. Il ritardo nel portare sicurezza e stabilità per l'Europa sud-orientale non solo ha impedito il consolidamento della vittoria nella Guerra Fredda, ha creato una zona di violenza e di conflitto e ha introdotto incertezza sul ruolo degli Stati Uniti in Europa "(pp. 15-16)."Nonostante l'attenzione spostamento del conflitto in Europa, l'obbligo per la stazione forze statunitensi nel nord e centro Europa rimane. La regione è stabile, ma una presenza costante americano aiuta ad assicurare le maggiori potenze europee, in particolare la Germania, che gli Stati Uniti mantiene il suo interesse di lunga data di sicurezza nel continente. Questo è particolarmente importante alla luce dei movimenti nascenti europee verso la 'identità' una difesa indipendente e della politica, ma è importante che la NATO è sostituito dal l'Unione europea, lasciando gli Stati Uniti non hanno voce in questioni di sicurezza europea "(p. 16 )."Anche se US Navy e le forze marine operano in genere con un ciclo regolare di distribuzioni nelle acque europee, si basano su una rete di basi permanenti nella regione, in particolare nel Mediterraneo. Questi dovrebbero essere mantenute, e la considerazione l'istituzione di una presenza più forte nel Mar Nero "(p. 17).Regime ChangeDiverse dichiarazioni che sostengono l'eventuale necessità di rimozione di regimi ostili possono essere trovati nel documento."American preminenza militare continuerà a basare in qualche misura significativa sulla capacità di mantenere forze di terra sufficienti per raggiungere obiettivi politici come la rimozione di un regime pericoloso e ostile quando necessario" (p. 61)."La necessità di rispondere con la forza decisiva in caso di una guerra importante teatro in Europa, nel Golfo Persico o in Asia orientale rimane il fattore principale nel determinare la struttura dell'esercito vigore per le unità statunitensi. Tuttavia si giudica la probabilità di tali guerre che si verificano, è essenziale per mantenere le capacità sufficienti per portarli a buon fine, compresa la possibilità di una vittoria decisiva che si traduce in cambiamento a lungo termine politico o di regime "(p. 25)."America avversari continueranno a resistere alla costruzione della pace americano, quando vedono l'opportunità, come ha fatto Saddam Hussein nel 1990, essi impiegano le loro forze più potenti armate di vincere sul campo di battaglia quello che non poteva vincere in competizione pacifica; e le forze armate americane rimarrà la base delle iniziative per scoraggiare, sconfiggere o rimuovere dai aggressori regionali di elettricità "(p. 10).C. La ricostruzione del militare"Se una pace americano deve essere mantenuta, e ampliato, deve avere una solida base sulla indiscussa superiorità militare degli Stati Uniti" (p. 4).Uno ha dichiarato obiettivo di "RAD" è quello di "delineare le forze la grande 'full-spettro' che sono necessari per svolgere i vari compiti richiesti da una strategia di predominio americano per oggi e domani" (p. 5). Gran parte del documento è un chiarimento di tali missioni e comprende raccomandazioni specifiche su armi, modelli di distribuzione, il personale aumentato e spese per la difesa."In sintesi, gli anni 1990 sono stati un 'decennio di abbandono della difesa'. Questo lascia il prossimo presidente degli Stati Uniti con una grande sfida: deve aumentare la spesa militare per preservare americano la leadership geopolitica, oppure deve tirare indietro dagli impegni di sicurezza che sono la misura della posizione degli Stati Uniti come unica superpotenza mondiale e la garanzia finale di sicurezza, delle libertà democratiche e dei diritti politici individuali "(p. 4)."Preservare la situazione auspicabile strategica in cui gli Stati Uniti si trova ora necessita di una capacità globale preminente militare sia oggi che in futuro. Ma anni di tagli alla spesa per la difesa hanno eroso la prontezza al combattimento dei militari americani, e mettere a repentaglio il piani del Pentagono per mantenere la superiorità militare negli anni a venire. Sempre più spesso, l'esercito statunitense si è trovata undermanned, non adeguatamente equipaggiati e addestrati, sforzandosi di gestire le operazioni di emergenza, e mal preparati ad adattarsi alla rivoluzione negli affari militari "(p. i).
3. Controllo del cyberspazio - "Anche se molti concetti di 'cyber-guerra' disporre di elementi di fantascienza su di loro, e il ruolo del Dipartimento della Difesa per stabilire 'controllo', o anche quello che 'sicurezza' su Internet significa, richiede un corrispettivo di una serie di questioni giuridiche, morali e politici, non ci resterà comunque un imperativo per essere in grado di negare l'America e nemici suoi alleati la possibilità di interrompere o paralizzare uno dei militari o reti informatiche del settore commerciale."Al contrario, una capacità offensiva in grado di offrire americani leader militari e politici uno strumento prezioso per disabilitare un avversario in modo decisivo. Nel loro insieme, le prospettive di guerra spaziale o 'cyberspazio guerra' rappresentano il potenziale rivoluzionario insito nella nozione di trasformazione militare. Queste forme future di guerra sono tecnologicamente immaturi, per essere sicuri. Ma è anche chiaro che per le forze armate degli Stati Uniti di rimanere preminente ed evitare un tallone d'Achille per l'esercizio del suo potere devono essere sicuri che queste forme potenziali futuri di guerra dell'America favore proprio come oggi di aria, terra e mare guerra rifletta Uniti Stati dominio militare "(p. 57).

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora