sabato 25 maggio 2013

Produzione smorza contrazione speranze di recupero rapido

L'attività manifatturiera in Cina contratta in maggio, il che suggerisce che la crescita economica è probabile che per mantenere immersione, le autorità hanno rafforzato le politiche sopra le preoccupazioni di crescenti rischi finanziari.
La HSBC Flash Manufacturing Purchasing Managers 'Index (PMI) per maggio è sceso a 49,6, scendendo sotto la linea di boom-bust di 50 per la prima volta da ottobre, secondo i dati diffusi da HSBC il Giovedi.
Qu Hongbin, capo economista di HSBC Cina, ha detto che la debolezza della domanda in patria e all'estero ha trascinato il PMI preliminare di lettura verso il basso, aggiungendo che il paese si trova ad affrontare l'aumento dei rischi al ribasso nel secondo trimestre.
La contrazione di produzione, a seguito di una crescita rallentata nel primo trimestre, ha deluso le speranze che l'economia cinese potrebbe raccogliere nel corso dell'anno dopo essere scivolato a un minimo di 13 anni nel 2012.
Il PIL della Cina è cresciuto 7,7 per cento nel primo trimestre del 2013, inferiore alla crescita 7,9 per cento registrato nel quarto trimestre dello scorso anno. Il consumo di energia è salito 4,9 per cento nei primi quattro mesi, 1,1 punti percentuali in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, come eccesso di capacità ha continuato a pesare sui produttori.
"La crescita economica della Cina continuerà a scendere nel resto dell'anno", ha detto Zhang Zhiwei, Cina capo economista di Nomura. Ha detto che le autorità di regolamentazione dovranno stringere le politiche, in quanto sono preoccupati per un possibile crollo finanziario.
Nonostante la crescita degli investimenti poco brillante, il volume della Cina di finanziamento sociale totale, un indicatore che misura l'espansione del credito, è salito 63,09 per cento nei primi quattro mesi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
Gli analisti hanno detto una gran parte del denaro ha continuato a circolare nel settore finanziario, piuttosto che puntellare l'economia reale, gonfiare una bolla che ha allarmato le autorità e gli investitori.
Le sofferenze registrate attraverso le banche cinesi sono aumentati per sei trimestri consecutivi nei primi tre mesi. Il patrimonio gestito in società fiduciarie saltato 64,7 per cento anno su anno a 8.730 miliardi di yuan (1.420 miliardi dollari) entro la fine di marzo.
I flussi di cassa per alcuni progetti srotolato dai governi locali, al fine di impedire alla Cina di essere trascinato in una recessione sono rimaste in territorio negativo quasi cinque anni dopo essere stato lanciato.
"L'attenzione del governo ai rischi finanziari è in aumento. Pertanto, non si prevede il rilassamento", ha detto Zhang. "Il mercato del lavoro è ancora stretto e, anche se gli indicatori di attività headline sono più deboli, non sono al collasso."
Ha aggiunto che i prezzi degli immobili e l'inquinamento hanno anche fatto le autorità riluttanti a sfornare denaro a buon mercato.
Il governo ha anche mostrato più disponibilità a tollerare una crescita economica rallentata. Li Keqiang ha detto la scorsa settimana che non ci sia molto spazio per stimolo e di investimenti pubblici, avvertendo che troppo affidamento sul governo guidato stimolazione sarebbe insostenibile e rischiosa.
"Mentre il governo centrale sembra impegnato solo allentamento cauto, continueremo a rimanere sul lato ribassista in termini di crescita economica", ha detto Yao Wei, Cina economista di Societe Generale.
I leader cinesi si sono impegnati a rilanciare l'economia attraverso approfondite riforme, tra cui l'ampliamento dell'accesso al mercato e riducendo l'intervento del governo.
La scorsa settimana, l'armadietto della Cina eliminato 71 articoli che prima erano soggetti ad approvazione amministrativa del governo centrale.
"Il possibile catalizzatore positivo a breve termine che il mercato finanziario è così disperatamente alla ricerca di può venire solo dal progresso della riforma", ha detto Yao.
Lettura preliminare di HSBC sulla produzione è basata sui dati della banca raccolti 85-90 per cento delle 420 aziende di produzione esaminati un questo mese.
Della Cina i dati ufficiali PMI si basa su un sondaggio dei responsabili degli acquisti in più di 820 aziende e 20 industrie.

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora