mercoledì 14 agosto 2013

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha chiesto di intervenire nel caso della persecuzione di Mukhtar Ablyazov e la sua famiglia.

Se l'Italia e questo Governo molle non hanno tutelato i dissidenti, se questa Europa tranne la Francia rappresentano il fianco debole dei potenti di turno e degli interessi ecco la reazione Usa.

Che lancia una Petizione Online a sostegno della famiglia Ablyazov:

 Il luogo dove i cittadini possono inviare una petizione alla Casa Bianca, ci fu un appello a Barack Obama, dal titolo "Mukhtar Ablyazov è stato riconosciuto come prigioniero politico in Kazakistan organizzazioni Amnesty International e Human Rights Watch».

l testo della petizione si legge:
"Noi, i cittadini del Kazakistan e gli Stati Uniti, preoccupati per la sorte di Mukhtar Ablyazov, Kazakistan dissidente e leader dell'opposizione democratica, arrestati 31 luglio a Cannes, in Francia.
Mukhtar Ablyazov moglie e sua figlia di sei anni di recente erano stati illegalmente deportati dall 'Italia al Kazakistan. In realtà, si trattava di un rapimento, organizzato dalla Ambasciata del Kazakhstan in Italia. Mukhtar Ablyazov lotta per il cambiamento democratico nel loro paese. Il regime dittatoriale di Nazarbayev è pronto ad andare a tutti, compreso il sequestro dei suoi parenti stretti.
Vi chiediamo di intervenire per impedire l'estradizione di Mukhtar Ablyazov in Kazakistan e in altri paesi dell'ex Unione Sovietica (Ucraina e Russia). "
Per la petizione è stata indirizzata dal presidente degli Stati Uniti, è necessario che lei ha guadagnato 100.000 firme al 4 settembre. Al momento, l'Internet ha lanciato una campagna per raccogliere il numero di firme richiesto. Firma la petizione per essere utilizzato da persone di qualsiasi paese che si sono registrati sul sito.
Firma la petizione al Presidente degli Stati Uniti a questo link.
Iscriviti al gruppo di Facebook «Libertà Mukhtar Ablyazov"   -   qui .

 

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora