lunedì 11 novembre 2013

Messina vista da un Messinese deluso. Messina disastro Economico, Sociale e Morale

Diciamocelo in faccia Messina e' una città fuori dal mondo.

Distrutta da anni di malefatte politiche, che badate bene non sono gli illeciti accertati, ma l'assoluto menefreghismo ed il disamore per questa città e per il tuo vicino di porta che hanno portato i vari Buzzanca e Genovese per finire con la Provincia a gestione Ricevuto che ha paralizzato totalmente tutta la cittadinanza.

In questi anni si e' innestato con una continuità e perniciosità costante la convinzione che l'amico, le furberie, la maleducazione il non rispetto delle norme del vivere civile sono un atto dovuto per poter sopravvivere in questa città.

In questo caso una possibilità per salvare esisteva ed era quella di mandarla in Default controllato infatti solo con il Default si poteva ripartire da zero ed invece la politica Messinese dei grandi partiti asservita a Roma cioè quella del PDL e del PD pur essendo gli artefici di tale disastro morale, economico e sociale non hanno avuto il coraggio di farlo.

Roma non voleva grane o soldi da rimpiazzare ed hanno uscito il discorso dei fondi Nazionali che non sarebbero mai arrivati perche' una città dichiarata in Default non li può ricevere, ma perchè avete visto soldi in questo mesi provenienti dall'Europa o da Roma ?

Eppure ai bei tempi di Forza Italia il Default di Catania e Palermo fu ripianato con i soldi di tutti i siciliani relativi ai fondi fas.

Veniamo ai giorni d'oggi, alle Elezioni Comunali dove il Messinese pur essendo assuefatto a tutto a sperato fino all'ultimo nel miracolo che qualcosa potesse cambiare che un Messinese potesse cambiare la città e questo miracolo in scarsezza di candidati non legati alla vecchia nomenclatura e' stato Accorinti.

Accorinti di fatto ha rappresento per Messina la novità, la speranza di voltare pagina speranza che di fatto si e' scontrata nell'incapacità gestionale dell'intera squadra di Governo e che si e' arenata nel mare di slogan alla Crocettiana fatta da magliette free tibet e Pace.

Certo simpatico il sindaco che saluta tutti con ciao, simpatico il fatto che sia pacifista, simpatico il fatto che affronti lotte condivisibili ma non basta.

Non basta essere pacifisti per saper governare una città, non basta essere onesti per saper governare una città come Messina.

Certo molti dicono i soldi sono pochi ma di fatto lui si era assunto un ruolo ed un compito che andava oltre la questione della soluzione Economica e Sociale, lui si era assunto il ruolo del riscatto morale e dell'educazione civica che questa città ha perso.

Di fatto ha fallito e purtroppo con lui ha fallito tutta la città che a questo punto e' senza speranza.

Certo bello dire anche se irrispettoso al 4 Novembre che Italia ripudia la guerra e come dire alla manifestazione del 1 Maggio che l'Italia e' una Nazione fondata sul Lavoro tutto troppo demagogico.

Certo la colpa non e' solo dei precedenti Sindaci che noi abbiamo votato e neppure del solo Accorinti e della sua giunta incapace di risollevare il traffico, l'educazione e le mille problematiche ma di tutti noi.

Ne siamo consapevoli solamente quando mettiamo il naso fuori dalla nostra porta e neppure troppo lontano basta andare a pochi km come per esempio in città dal nome Catania o Capo D'Orlando per capire l'abisso in cui siamo caduti tutti noi.

Accorinti o Sindaco di Messina hai fallito la missione e per accorgertene non bisogna elencare la marea di problemi di Messina ma basta qualche esempio come il far rispettare le regole del vivere civile oppure la sistemazione delle strade (vedi circonvallazione ormai impraticabile su tutto il percorso e pericolosa per la sicurezza.

Saluti a tutti i miei concittadini




Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora