domenica 18 maggio 2014

Putin spera in una certa simpatia Cina

PECHINO / MOSCA - Sempre più isolato dall'Occidente l'Ucraina, il presidente russo Vladimir PUTIN sperare in un orecchio simpatico in visita la prossima settimana in Cina, che È ANCHE ESSERE PIÙ assertivo nelle sue dispute TERRITORIALI con i vicini PIÙ PICCOLI.

 Il presidente cinese Xi Jinping ha fatto una grande manifestazione pubblica di sottolineare l'importanza dei legami con la Russia, e Mosca è stata la prima capitale ha visitato dopo aver assunto la presidenza lo scorso anno. Xi ha partecipato anche alle Olimpiadi invernali di Sochi su invito di Putin.

 Ma, mentre i due vedono d'accordo su molte questioni diplomatiche internazionali, tra cui il conflitto in Siria, e in generale votare come uno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina non ha dimostrato così disposti a sostenere la Russia sull'Ucraina. Pechino ha adottato una risposta prudente a tale crisi, non volendo inimicarsi un alleato chiave, e non commentando direttamente su un referendum in cui Crimea ha votato in massa per unirsi Russia, per timore che un precedente per le proprie regioni recalcitranti, come il Tibet.

 La Cina ha anche detto, però, vorrebbe continuare a sviluppare "la cooperazione amichevole" con l'Ucraina, e rispetta l'ex-sovietico stato di indipendenza, la sovranità e l'integrità territoriale. Zhang Deguang, presidente onorario del Ministero degli Esteri-backed Fondazione cinese per gli Studi Internazionali e un ex ambasciatore cinese in Russia, ha detto che la Cina non vorrebbe Ucraina ombra visita di due giorni di Putin, che inizia a Shanghai il Martedì.

 "Lo scopo di questa visita non è quello di discutere la questione Ucraina", ha detto Zhang a Reuters. "Non si può descrivere la posizione della Cina (in Ucraina) come uno di sostegno della Russia o la mancanza di supporto per la Russia. Si tratta di una questione molto complessa e La Cina non ha preso le parti ".

Sottolineando dilemma della Cina l'Ucraina, che deve ancora dichiarare esplicitamente in pubblico se riconosce sia il nuovo governo dell'Ucraina, o il referendum in Crimea. Vasily Kashin, un esperto di relazioni Russia-Cina in Cast, una difesa think-tank con sede a Mosca, ha detto che la Russia potrebbe cercare di usare il viaggio di Putin per aumentare i legami con la Cina in un momento in cui le relazioni con l'Occidente sono tese da sanzioni sopra Ucraina.

 "Le prospettive delle nostre relazioni con l'Occidente non sono chiare a causa di tutto ciò che accade intorno Ucraina. Siamo di fronte a pressioni economiche e la pressione nelle zone di sicurezza e sanzioni", ha detto Kashin. "L'unica grande potenza economica che è indipendente dagli Stati Uniti e ha dichiarato supporto per la Russia Vis a Vis sanzioni è la Cina.

" Anche se non ottiene una manifestazione pubblica a titolo definitivo di sostegno da Xi in Ucraina, Putin potrebbe trovare un orecchio simpatico in Cina. "Penso che Putin non spera di ottenere l'appoggio della Cina sulla questione dell'Ucraina. Perché su questo argomento gli Stati Uniti, l'Occidente, si sono uniti per creare problemi in Ucraina, che si rivolge a Russia.

 Ed essi mirano non solo alla Russia" Liu Guchang, un altro ex ambasciatore in Russia e membro di un comitato consultivo per il ministero degli esteri, ha detto. "Questa è una strategia globale degli Stati Uniti e l'Occidente, a spingere per una Guerra Fredda. Volta che sono fatti con la Russia, si cercherà in Asia centrale e poi la Cina, con il Giappone." Kashin ha detto Xi e Putin sono tenuti a parlare di armi, così come Mosca possibilità che diano Pechino un 'status privilegiato' sulla vendita di armi, sollevando le restrizioni di esportazione per la Cina che si applicano alla maggior parte delle esportazioni di armi per gli altri paesi. Molti governi occidentali hanno almeno tagliare in parte la loro cooperazione militare con Mosca.

Scambi commerciali tra la Cina e la Russia ha più che raddoppiato in cinque anni, superando 89 miliardi dollari nel 2013, anche se il volume degli scambi è ancora circa cinque volte più piccolo della Russia con l'Unione europea, e di gran lunga più piccolo di commercio della Cina con gli Stati Uniti. La visita potrebbe finalmente vedere un affare per il primo produttore russo Gazprom di pompare gas alla Cina, concludendo un decennio di colloqui in cui il prezzo è stato l'ostacolo principale.

I piani europei per ridurre la sua dipendenza dall'energia russa, come la crisi L'Ucraina minaccia forniture hanno stimolato gli sforzi di Gazprom per finalizzare un accordo di questo mese. Un accordo, visto come fondamentale se la Russia è di essere un grande giocatore nei mercati del gas asiatici, poteva vedere Gazprom fare concessioni sui prezzi, persone del settore hanno detto, sperando che la Cina accetterà di pagare $ 10 a $ 11 per MMBtu (milione di unità termiche britanniche) . La Cina si crede di pagare 9 dollari per MMBtu in Turkmenistan, lo stato dell'Asia centrale che sfiora Gazprom al mercato cinese.

 "Se c'è tempo durante la visita di Putin in Cina, dovremo sforzarci di avere le aziende importanti firmare importanti accordi di cooperazione gas naturale, con le teste dei due paesi di stato come testimoni," ha detto il vice ministro degli Esteri Cheng Guoping in un briefing il Giovedi. "Attualmente, le principali differenze tra le due parti sono ancora sulla questione dei prezzi del gas naturale". I funzionari dell'industria petrolifera cinese rimangono fredde, tuttavia, come la crescente prospettiva di esportazioni nordamericane di gas verso l'Asia dalla rivoluzione scisto, e l'aumento della produzione di gas turkmeno, significa che la Cina è in grado di aspettare il suo tempo e anche cercare un maggiore accesso alle attività upstream della Russia .

 "A meno che la Russia apporta modifiche sostanziali nelle politiche come la Cina consentendo una maggiore partecipazione in upstream di petrolio e gas della Russia, o che coinvolgono cinese nella costruzione della parte russa di gasdotti, non ci sarà troppo incentivo per CNPC (statale China National Petroleum Corp.) per concludere un accordo ", ha detto Chen Weidong, responsabile della ricerca energetica a China National Offshore Co. il genitore di CNOOC Ltd.

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora