venerdì 18 luglio 2014

Aereo Malesia abbattuto, sembra la mano filorussa. Analogia con aereo Coreano abbattuto dai Russi nel 1983

I sovietici pensavano davvero che l' aereo di linea della Kal abbattuto il 2 settembre 1983 dopo che aveva sconfinato fosse un aereo spia. Un verbale dei membri del Politburo del Pcus, coperto fino a qualche tempo fa dal segreto di Stato e riportato dal quotidiano russo "Rossiyskaya Gazeta", dimostra che l' allora ministro della Difesa, maresciallo Dmitry Ustinov, informo' i presenti che il jumbo sudcoreano, che volava a luci spente, venne identificato per un aereo spia americano Rc 135. L' abbattimento costo' la vita a 269 persone e l' aereo venne colpito dai caccia sovietici nel cielo dell' isola di Sakhalin, sede di importanti basi militari.

Sono passati quadi 30 anni e il caso dell'aereo della Malesia abbattuto dai Filo Russi puo' essere una verita' abbastanza attendibile.

In ogni evento esiste una firma una mano precisa nel modus operandi ed in questo caso anche se l'azione per errore e' stata compiuta da Filo Russi  presenta una stretta analogia con quell'evento triste.

A bordo del Boeing della Malaysia Airlines precipitato a est dell’Ucraina c’erano 298 persone, tra cui anche un passeggero italo-olandese e suo figlio, 154 olandesi (compresi l’italo-olandese e il figlio), 43 malesi (tra cui i 15 membri dell’equipaggio e due bambini), 27 australiani, 12 indonesiani (tra cui un bambino) 9 inglesi, 4 tedeschi, 4 belgi, 3 filippini e un canadese. Le nazionalità di altri 41 passeggeri devono essere ancora accertate.

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora