martedì 28 ottobre 2014

Le forze del Califfato Daash attualmente detengono 23 ostaggi Occidentali in condizioni di schiavitu', forse anche Italiani.


Foley è stato uno dei 23 ostaggi occidentali prigionieri dei «Daash», per lo più giornalisti e operatori umanitari, appartenenti a 12 paesi, per lo più i paesi europei. Sono stati uccisi in 5 operatori umanitari appartenenti all'organizzazione «MSF» rapiti nel mese di gennaio (gennaio) da dentro l'ospedale stavano lavorando in una zona rurale della Siria. Foley è stato trasferito e Kintela almeno 3 volte prima di essere trasferito al fondo dell'Ospedale dei Bambini di Aleppo carcere, dove ha incontrato Bontenk Foley. 

L'ex ostaggio e ha rivelato che la maggior parte dei prigionieri occidentali sono stati costrettii a convertiti all'Islam. Solo pochi dei prigionieri sono stati aggrappati alla religione originale, tra cui l'American Sutlov Stefano, che allora aveva 30 anni, giornalista, un Ebreo devoto. 

 Dopo un po ', gli ostaggi sono divisi in due gruppi, in cui sono stati separati tre americani e tre britannici da solo per il resto della multinazionale ed essi ricevono la maggior parte dei maltrattamenti, e per la rabbia dei militanti delle due politiche, perché i loro governi si rifiutano di negoziare, e che secondo molte fonti ben informate.

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora