giovedì 9 aprile 2015

SICILIA STUPRATA DA CROCETTA E RENZI. La Sicilia diventa una Colonia di Roma con il Proconsole Crocetta e i pretoriani dell’Ars



Iniziamo con dire che le Provincie non saranno piu’ abolite, l’unica vera riforma rivoluzionaria che Crocetta poteva portare a casa per salvare un mandato fatto da fallimenti e’ stato bocciato.
Sia chiaro che la bocciatura proviene a larga maggioranza da tutti i gruppi Ars dei vari partiti con a capo la colpevole formazione politica piu’ inutile della storia che e’ il gruppo del Movimento 5 Stelle che ha presentato l’emendamento.
Una vera sconfitta per Crocetta che in un paese normale avrebbe presentato le dimissioni e un vero stupro verso l’isola.
Oltre alla beffa il danno visto che i commissari scadranno e si rischia di lasciare le province senza un minimo dei indirizzo.

I Siciliani cosi’ come il popolo Italico devono fare  il mea culpa avendo votato e mantenuto presso Ars una classe politica e dirigente obsoleta che da anni distrugge sistematicamente l’Isola e si prona alle direttive di Roma Ladrona per essere in tema Leghista.

Per non parlare del disastro bilancio dell’Isola che presenta un deficit non solo astronomico ma incredibilmente strutturato da mutui su mutui.

Roma Ladrona con a capo il Fiorentino Renzi impone a Crocetta in cambio della poltrona l’approvazione del Bilancio ad una sola condizione quella di essere arma di Renzi per stuprare l’Isola.

Il riconoscimento, cioè, di oltre 1,1 miliardi del cosiddetto Fondo di sviluppo e coesione. Una somma che può essere utilizzata per la spesa corrente il resto del debito viene rifinanziato con mutui su mutui bancari e l’Isola sprofonda in un baratro infinito. Al momento, lo ricordiamo, la Sicilia è indebitata complessivamente per circa 8 miliardi.

Niente infrastrutture, niente nuovi servizi sociali, niente potere contrattuale insomma la Sicilia diventa una Colonia di Roma con il Proconsole Crocetta e i pretoriani dell’Ars pronti a vendere i propri figli pur di mantenere la poltrona.

Dimenticatevi sviluppo e recupero del Gap con il resto del Paese, ricordatevi nuove tasse niente lavoro e possibilita’ di stuprare Isola nelle migliori e poche risorse come il Petrolio  da parte di Roma.

Questo e’ il prezzo dell’incapacita’ e colpevole comportamento della politica.

Abbandonate l’Isola voi che potete ancora farlo per il resto sara’ solo disastro.

Personalmente ritengo che l’unica soluzione sarebbe una classe politica nuova capace di fare con Tsipras che ha sganciato o minacciato di sganciare la Grecia dall’Europa ed avvicinarsi a chi puo’ dare soldi e sviluppo come la Russia.


Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora