giovedì 29 ottobre 2015

#emergenzaidrica #Messinasenzacqua TUTTE LE COLPE DELLE ISTITUZIONI DIMOSTRATE DAI FATTI, si sapeva tutto da tempo. di Remo Pulcini

Premesso che un caso di emergenza idrica di questa portata e di questa durata per una città che risulta essere 13 per numero di abitanti in Italia con circa 270 mila persone e con una situazione sociale tragica che Lega Ambiente e Sole 24 ore la classificano ultima per ambiente e vivibilità non e' mai esistito neppure in Burundi con tanto di rispetto per questo Paese.

Per chi non e' Messinese basta ricordare che e' la Citta di Francantonio Genovese ex Sindaco di Messina arrestato per la questione Regionale della Formazione, dell'ex Sindaco Buzzanca e adesso di questa negativa esperienza del Sindaco Free Tibet che dovrebbe oggi portare la maglietta Free Messina.

Veniamo alla questione da Sabato scorso per uno smottamento del terreno manca l'Acqua, ad oggi siamo a 6 giorni dall'emergenza e si prevede in totale e nella migliore delle ipotesi circa 15 giorni di mancanza totale di Acqua.

Per correttezza in poche zone della zona Sud di Messina l'acqua fornita da un altra fonte la Santissima arriva ma parliamo del 30% mentre il restante 80 % risulta essere fornito dalla zona di Catalabiano.

In questo articolo non voglio evidenziare o sollevare alcuna polemica,  ma porre all'attenzione di tutti che in un paese dove Renzi non e' eletto dal popolo, dove Crocetta va a Tunisi mentre 24 mila forestali stanno perdendo il lavoro, dove nessuno si dimette e dove la solita Magistratura deve porre rimedio con avvisi e arresti qualche colpa esiste e' non puo' esserre sottaciuta.

Non voglio neppure evidenziare che esistono responsabilita' penali per interruzione di attivita' economica e danno sociale con scuole chiuse da molti giorni e esercizi commerciali chiusi a cui si aggiunge una potenziale emergenza sanitaria che andrebbe valutata dalla Magistratura in termini di colpe.

La prima questione e' l'emergenza idrica ed il guasto che trova sicuramente dei precedenti sottovalutati e mai presi in considerazione per una soluzione finale affermerei per negligenza.

La seconda questione e' la cattiva gestione dell'Emergenza attuale e dei giorni passati sia da parte del Comune e del Sindaco, sia dai dirigenti Amam che anche dal Prefetto.

Analizziamo adesso la questione solo con i fatti per essere imparziale, elencando date ed avvenimenti e poi tirate le somme e decidete se non e' necessario tagliare qualche testa chiedendo Commissariamento e rimozione degli attori principali di questa squallida vicenda.

La questione danno idrogeologico era conosciuto dal vertice Amam e dal Comune sin dal 2012 con due emergenze che i Messinesi e la stampa non ricorderanno ma che io vi propongo addirittura con video e con la testimonianza del Direttore Amam di allora che mette in luce un problema che tutti conoscevano e che hanno fatto finta di non conoscere per porre rimedio.

Qui le colpe sono evidenti :

1) 2012 EMERGENZA IDRICA MESSINA VIDEO SECONDOVIDEO

2) 2014 EMERGENZA IDRICA MESSINA VIDEO

Perche' il Comune non ha preso provvedimenti per almeno pianificare un potenziale stato d'emergenza e trovare in 3 anni una valida alternativa ?

Esaminiamo invece oggi e le colpe degli attori attuali parlo del Comune, Sindaco, dirigenti Amam e Prefetto,

La frana era avvenuta ben Giovedì scorso nella zona di Catalabiano ecco le prove del filmato  della zona e del Sindaco di Catalabiano  VIDEO  MI RACCOMANDO SEGUITE LE DATE COSI' CAPIRETE PERCHE' ESISTONO DELL COLPE.

Guardate il Video di quei giorni da Rai News Video

LA COSA ERA TALMENTE IMPORTANTE CHE I CARABINIERI DI CATANIA AVEVANO IPOTIZZATO AD UN SABOTAGGIO;

"Sabotaggio o incidente a seguito del nubifragio abbattotosi nella zona ionico etnea in questi giorni? Su questo stanno indagando i carabinieri in merito alla rottura di una grossa tubazione dell’acquedotto Bufardo (condotta idrica che serve la città di Messina)verificatasi intorno alle 10 di questa mattina, che, riversando una quantità smisurata di acqua, ha letteralmente inondato con un fiume di fango e detriti il quartiere Manganelli a Calatabiano."

Mi Chiedo perche' il Comune di Messina non e' intervenuto subito attivando tutte le procedure di controllo con Amam e perche' solo Sabato i Messinesi si sono scoperti senza Acqua non avendo avuto per tempo comunicazioni tanto da consentirgli di fare qualche riserva ?

Gestione dell'emergenza assassina.

Andiamo alla gestione dell'Emergenza e del Sindaco che evidentemente non e' ben informato dall'Assessore e dai dirigenti dell'Amam visto che dopo qualche giorno con toni trionfalistici dichiarava di aver risolto la falla e che l'emergenza era stata risolta salvo poche ore dopo essere smentito dalla Dirigenza Amam. Il Sindaco e l'Assessore come mai hanno diramato una nota errata ? illudendo i cittadini ? sapevano tutto oppure ancora peggio non erano in condizione di gestire l'Emergenza ?

Il Sindaco Dichiarava un po frettolosamente o mal informato:

" L'impressionante lavoro eseguito dagli uomini dell'Amam, durato senza sosta per tutta la notte, unitamente alla tenuta delle condizioni atmosferiche, ha consentito di recuperare il tempo perduto e di realizzare a tempo record una riparazione particolarmente complessa sotto il profilo tecnico». «Oggi la riparazione potrà essere completata e potrà riavviarsi la messa in pressione del sistema e il riempimento dei serbatoi - prosegue Accorinti -, pervenendo con dodici ore di anticipo sulla tabella di marcia alla normalizzazione del servizio»."

OGGI IL BRAVO SINDACO CHE PENSA AL TIBET DICHIARA IN TV :

“Abbiamo dovuto costruire una strada per arrivare al tubo rotto dalla frana. Sono problematiche di dissesto idrogeologico"

Ma se Mercoledì e sin da Domenica eravate li a lavorare di cosa sta parlando il Sindaco e poi quali potenti mezzi se da queste foto non mi sembra che ci sia un impressionante lavoro se non personale tecnico che guarda ?




Mentre dall AMAM si dichiarava questo:


"Messina sembrava finalmente risolta: l’acqua, alle 2 di questa notte, stava già riempendo il serbatoio di Montesanto.
I tecnici, con oltre 12 ore di anticipo sulla tabella di marcia, avevano avviato, alle 23, a portata ridotta, la condotta del Fiumefreddo. E’ durato poco: delle piccole perdite nella condotta, hanno impegnato di nuovo i tecnici che, per sicurezza, erano rimasti sul posto. Il bilancio è di 4 ore perse sul vantaggio accumulato. Dall’Amam rassicurano: in tarda mattinata tutto dovrebbe essere nella norma."
SUBITO DOPO ECCO LA SMENTITA
Poco dopo si dichiarava che il danno sarebbe stato lungo circa 6 giorni , ma come e' possibile che i tecnici presenti sul territorio non si siano accorti della frana evidente e di grande portata sottovalutando il problema ? non esistono responsabilita' oggettive ?
Seguono le riunioni per affrontare l'Emergenza ma escono fuori poche note e soluzioni anche da parte della Prefettura che solo dopo il salto mediatico si attivano con soluzioni che ancora non si capisce bene quali siano,Navi Cisterna ? Autobotti ?
Si attiva anche un numero verde per l'Emergenza che risulta almeno nella mattinata irraggiungibile (lo dicono molti giornali)  335.6986510
Ma anche la PREFETTURA SI ATTIVA IN RITARDO attivando l'unita' di crisi solo giorno 29 Novembre 2015 qualche giorno dopo che a Catalabiano era successo il pandemonio.
Per non parlare dell'ente Amam che doveva essere a livello Regionale e Comunale completamente trasformato in qualcosa di piu' efficiente come tutti gli enti di questo genere 
(VEDI MIO LIBRO #SICILIASTUPRATA) 
Cosa deve accadere ancora? La città è in ginocchio.
ARTICOLO ANCORA APERTO PORTERO' ANCORA PROVE E DATI CHE STO ESAMINANDO




Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora