mercoledì 25 novembre 2015

INFAMIA TURCA E NATO - INFAMY TURKISH AND NATO - STOP USA FORCE PUTIN (ALL VIDEO)


VIDEO AEREO ABBATTUTO ELICOTTERO DI SOCCORSO RUSSO ABBATTUTO VIDEO CORPO PILOTO RUSSO PILOTA UCCISO MENTRE E' INERME ED IN VOLO

Dopo aver avvicinato alla costa siriana l’incrociatore lancia missili Moskva e deciso di proteggere i bombardieri con i caccia, oggi la Russia ha annunciato che dispiegherà i micidiali missili anti aerei S-400 nella base di Latakia

Putin ha ragione, la Nato e la Turchia hanno il popolo contro

La politica estera di Putin e' di alto spessore e' non cadra' nelle provocazioni Usa.

E' chiaro che gli interessi strategici Russi sono in piena ripresa ma quello che spaventa gli Usa  e' il grande consenso popolare che ha Putin.

Di sicuro abbattere un aereo Russo e un altro colpo conto-producente per la geopolitica Usa, anche perche' e' evidente che la Turchia non poteva abbattere nessun aereo senza il permesso della Nato ed inoltre non e' consentito abbattere nessun aereo se non esiste una minaccia evidente per il paese.


martedì 24 novembre 2015

First RETALIATION AGAINST TURKEY TO PUTIN Let's see. PUTIN AND RUSSIA BECOME ACTORS TO THE MIDDLE EAST FOR US AND 'TURKEY IS NOT' ACCEPTABLE crushed BETWEEN IRAN, RUSSIA AND ASSAD

The Russian plane shot down by Turkey is not 'just the tip of an iceberg that could ignite the world seriously.

Russia tightens agreements with France and China and in the Middle East makes agreements iron with Iran and Jordan saving Assad in Syria.

For Obama and the failed US foreign policy and 'an unacceptable situation that puts into serious question the US supremacy in the world and threatens Turkey.

This Turkish provocation in fact is not collected by the excellent Russian foreign policy and Putin's right to prevent it from turning against.

The US actually left alone in the quagmire of standing foreign policy and bankruptcy of the failed project Isis, so as to receive a no even from staunch ally English.

This situation on the world stage could become very dangerous seriously endangering the Western alliances and even Europe.

Established an agreement with Iran to iron, in fact Russia will provide 'legal support for Iran's nuclear and trade agreements, increasing gas production by 40% from Europe that will be diverted to Iran and Jordan.

Also during this meeting it was 'also discussed mutual support military joint exercises with a real' threat to Turkey crushed between Assad, Russia and Iran.

Just as they were in classes agreements between the King of Jordan and Putin here the Turkish attack that surely will have 'non-military, but serious consequences for Turkey, given that Putin and' a true strategist and will not fall 'into the trap naive Turca- USA.

The first sanctions against Turkey will be an economic, block import and esport products and block civilian flights to and from Turkey, the cost of this aircraft will be shot down 'for Turkey $ 6 billion.

Lock Oil export cheap and block import vegetables and fruits for a value of $ 3 billion.


PRIME RITORSIONI CONTRO LA TURCHIA DI PUTIN VEDIAMOLE. PUTIN E LA RUSSIA DIVENTANO ATTORI DEL MEDIORIENTE PER USA E' TURCHIA NON E' ACCETTABILE STRITOLATA TRA IRAN,RUSSIA E ASSAD

L'Aereo Russo abbattuto dalla Turchia non e' che la punta di un iceberg che potrebbe far infiammare seriamente il mondo.

La Russia stringe accordi con la Francia e la Cina e all'interno dell'area mediorientale fa accordi di ferro con Iran e Giordania salvando Assad in Siria.

Per Obama e la fallimentare politica estera Usa e' una situazione inaccettabile che mette in seria discussione la supremazia Usa nel mondo e minaccia la Turchia.

Questa provocazione Turca di fatto non viene raccolta dall'ottima politica estera Russa e di Putin  proprio per evitare che possa rivoltarsi contro.

Gli Usa di fatto rimangono soli nel pantano dell'ìmmobilismo della politica estera fallimentare e del fallito progetto Isis, tanto da ricevere un no anche dal fedele alleato Inglese.

Questa situazione in ambito mondiale potrebbe diventare molto pericolosa mettendo in serio pericolo le alleanze Occidentali ed anche l'Europa.

Stabilito un accordo di ferro con Iran, infatti la Russia fornira' supporto legale per il nucleare Iraniano ed accordi commerciali, aumentando la produzione del gas del 40% che dall'Europa verrà dirottato verso Iran e la Giordania.

Inoltre durante tale incontro si e' discusso anche di un supporto militare reciproco con esercitazioni comuni una vera e' propria minaccia a Turchia stritolata fra Assad, Russia e Iran.

Proprio mentre erano in corsi accordi tra il Re di Giordania e Putin ecco l'attacco Turco che sicuramente avra' conseguenze non militari ma comunque gravi per la Turchia, in considerazione che Putin e' un vero stratega e non cadra' nella trappola ingenua Turca-Usa.

Le prime sanzioni contro la Turchia saranno di tipo economico, blocco import ed esport prodotti e blocco voli civili da e verso la Turchia il costo di questo aereo abbattuto sara' per la Turchia 6 miliardi di dollari.

Blocco esportazione Petrolio a basso costo e  blocco importazione ortaggi e frutta per un valore di 3 miliardi di dollari.



giovedì 19 novembre 2015

#crocetta e' morto politicamente ormai siamo dopo una lunga agonia alla morte definitiva, la Sicilia presto al voto.

#crocetta il peggior incubo dei Siciliani 55 assessori, 4 governi, Borsellino espulsa distruggendo quel che rimane della antiomafia e' giunto al capolinea.

Accanimento terapeutico del Crocetta con il supporto del PD contro gli interessi dei Siciliani e' giunto alla fine della sua vita, adesso siamo alla morte celebrale per autodisintegrazione.

NON RIMANE UN ULTIMO ATTO DI CORAGGIO da parte di quei pochi politici responsabili che e' necessario chiudere e far sparire dai libri di storia questa brutta pagina Siciliana andando subito al Voto.

Vedremo chi ha il coraggio di terminare questo scempio indegno per l'Italia e verso i Siciliani.


Sentiment Analysis Social risk of attacks in Italy Remo: Medium Risk provenance Egypt. (considerations)

Dear readers professional commitments often lead me to neglect this blog as a reference point for policy and for my passion of geopolitics.
In reference to the terrorist attacks of France, I decided to examine an analysis Marketing sentiment risk for terrorist attacks Italy.
In fact the company around the world, especially in the Middle East nothing specific concerns Italy in terms of places of possible attacks, however Alert emerges and and 'to track terrorist from Egypt from which emerges a negative feeling in this area for Italy species within factions Isis.
At the moment there and 'we do not know of places at least analysis of sites and post through various software, let alone if there are terrorist cells activated in Italy or from Egypt.
For sure we have a negative sentoimento from these areas and possible contacts of Milan, Turin.
Just find another material update the post.
ISIS E 'a by USA AND ISRAEL INSTEAD' BRING THE WESTERN WORLD TOWARDS A META 'FIXED' THREATENS TO SPLIT THE WESTERN WORLD IN TWO PARTS VI EXPLAIN WHY ':
The groups now form the largest takfiris scourge of humanity, irrespective of religion and nationality.
If it were not for the military and financial support of some western countries and regional puppet governments, ISIS and similar groups could not survive and continue to shed blood and crimes.
In fact the idea of ​​US foreign policy against Assad by the Republican Macain was to establish an Islamic state that would fight Assad and control Iran, for this purpose they have been provided supports mercenaries and weapons by Saudi Arabia and Qatar.
The aim was also to remove the relations between Europe and Russia / China.
Unfortunately the problem and 'complicated since when France wanted to make
"Grandeur" with the result that today Russia and France with China are a block and the US are struggling to extricate themselves in a foreign policy amateur.
OTHER REVIEWS OF INTERESTING
Italy in recent years has sent to Middle Eastern countries many military systems, and especially in the two countries militarily involved in the conflict in Yemen, Saudi Arabia and the United Arab Emirates. Among the weapons sent to the armed forces of the coalition also included the Saudi aviation bombs: I reconstructed these exports in detail in a study for OPAL (see here, in pdf). It exports to over 100 million euro and particularly relevant is an export from Italy in 2013 concerning 3,650 bombs a thousand pounds of active MK83 RWM Italy worth over 62 million euro for Saudi Arabia. In addition, last May were exported from Italy to the United Arab Emirates "arms and ammunition" (including grenades) at a value of over 21 million euro. From different associations in Yemen know that unexploded ordnance such as those sent from Saudi Arabia and the United Arab Emirates, as bombs and MK84 Blu109, were found in various Saudi cities bombed by the coalition and is therefore highly likely that this coalition is also using bombs sent from our country. Despite the worsening of the conflict in Yemen it is not aware, however, that the Italian government has suspended the sending of military systems to Saudi coalition. Yet the Italian law prohibits the export of weapons and military systems "to countries in a state of armed conflict". - See more at: http://confini.blog.rainews.it/2015/09/14/nello-yemen-crimini-di-guerra-anche-con-bombe-italiane/#sthash.vBNQEK67.dpuf "Italy in recent years has sent to Middle Eastern countries many military systems, and especially in the two countries militarily involved in the conflict in Yemen, Saudi Arabia and the United Arab Emirates. Among the weapons sent to the armed forces of the coalition also included the Saudi aviation bombs: I reconstructed these exports in detail in a study for OPAL (see here, in pdf). It exports to over 100 million euro and particularly relevant is an export from Italy in 2013 concerning 3,650 bombs a thousand pounds of active MK83 RWM Italy worth over 62 million euro for Saudi Arabia. In addition, last May were exported from Italy to the United Arab Emirates "arms and ammunition" (including grenades) at a value of over 21 million euro. From different associations in Yemen know that unexploded ordnance such as those sent from Saudi Arabia and the United Arab Emirates, as bombs and MK84 Blu109, were found in various Saudi cities bombed by the coalition and is therefore highly likely that this coalition is also using bombs sent from our country. Despite the worsening of the conflict in Yemen it is not aware, however, that the Italian government has suspended the sending of military systems to Saudi coalition.Yet the Italian law prohibits the export of weapons and military systems "to countries in a state of armed conflict".- See more at: http://confini.blog.rainews.it/2015/09/14/nello-yemen-crimini-di-guerra-anche-con-bombe-italiane/#sthash.vBNQEK67.dpuf

Analisi sentiment Social rischio Attentati in Italia di Remo Pulcini: Rischio Medio provenienza Egitto. (considerazioni)

Carissimi lettori gli impegni professionali spesso mi portano a tralasciare questo Blog come punto di riferimento per la politica e per la mia passione di geopolitica.

In riferimento ai fatti terroristici di Francia ho deciso di esaminare con un analisi Marketing il sentiment rischio terroristico attentati per l'Italia.

Di fatto nei social sparsi per il mondo ed in particolare in medioriente nulla di specifico riguarda Italia in termini di luoghi di possibili attacchi, tuttavia un Alert emerge ed e' quello della pista terroristica proveniente dall'Egitto da dove emerge un sentimento negativo in tale zona per l'Italia specie in ambito fazioni Isis.

Al momento non e' dato sapere ne di luoghi almeno con analisi dei siti e dei post anche attraverso software vari, ne tanto meno se esistono attivabili cellule terroristiche in Italia o provenienti dall'Egitto.

Di sicuro abbiamo un sentoimento negativo da queste zone e contatti possibili su Milano, Torino.

Appena trovo altro materiale aggiorno il post.

ISIS E' UN SOTTOPRODOTTO USA ED ISRAELE CHE ANZICHE' PORTARE IL MONDO OCCIDENTALE VERSO UNA META' PREFISSATA' RISCHIA DI SPACCARE IL MONDO OCCIDENTALE IN DUE PARTI VI SPIEGO PERCHE':

I gruppi takfiri costituiscono oggi la più grande piaga dell’umanità, senza distinzione di religione e nazionalità.

Se non fosse stato per il sostegno militare e finanziario di alcuni paesi occidentali e i governi fantoccio regionali, l’ISIS e altri gruppi simili non avrebbero potuto sopravvivere e continuare a spargere crimini e sangue.

Di fatto l'idea di politica estera Usa contro Assad ad opera del Repubblicano Macain era quello di istituire uno stato islamico che potesse combattere Assad e tenere sotto controllo Iran, a tale scopo sono stati forniti supporti mercenari e armi tramite Arabia Saudita e Quatar.

Lo scopo era anche quello di staccare i rapporti tra Europa e Russia/Cina.

Purtroppo il problema si e' complicato dal momento in cui la Francia ha voluto fare la 

"grandeur" con il risultato che oggi la Russia e La Francia con la Cina sono un blocco e gli Usa faticano a districarsi all'interno di una politica estera dilettantesca.

ALTRE ANALISI INTERESSANTI

L’Italia negli ultimi anni ha inviato ai paesi del Medio Oriente numerosi sistemi militari e soprattutto a due paesi militarmente impegnati nel conflitto in Yemen, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Tra gli armamenti inviati alle forze armate della coalizione saudita figurano anche bombe aeronautiche: ho ricostruito queste esportazioni in dettaglio in uno studio per OPAL (si veda qui, in pdf). Si tratta di esportazioni per oltre 100 milioni di euro e particolarmente rilevante è un’autorizzazione all’esportazione dall’Italia nel 2013 relativa a 3.650 bombe da mille libbre MK83 attive della RWM Italia per un valore di oltre 62 milioni di euro per l’Arabia Saudita. Inoltre, lo scorso maggio sono state esportate dall’Italia agli Emirati Arabi Uniti “armi e munizioni” (tra cui bombe) per un valore di oltre 21 milioni di euro. Da diverse associazioni presenti in Yemen sappiano che ordigni inesplosi del tipo di quelli inviati dall’Italia all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti, come le bombe MK84 e Blu109, sono stati ritrovati in varie città bombardate dalla coalizione saudita ed è quindi altamente probabile che questa coalizione stia impiegando anche bombe inviate dal nostro paese. Nonostante l’aggravarsi del conflitto in Yemen non ci risulta però che il governo italiano abbia sospeso l’invio di sistemi militari alla coalizione saudita. Eppure la legge italiana vieterebbe l’esportazione di armi e sistemi militari “verso i Paesi in stato di conflitto armato”. - See more at: http://confini.blog.rainews.it/2015/09/14/nello-yemen-crimini-di-guerra-anche-con-bombe-italiane/#sthash.vBNQEK67.dpuf "
L’Italia negli ultimi anni ha inviato ai paesi del Medio Oriente numerosi sistemi militari e soprattutto a due paesi militarmente impegnati nel conflitto in Yemen, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Tra gli armamenti inviati alle forze armate della coalizione saudita figurano anche bombe aeronautiche: ho ricostruito queste esportazioni in dettaglio in uno studio per OPAL (si veda qui, in pdf). Si tratta di esportazioni per oltre 100 milioni di euro e particolarmente rilevante è un’autorizzazione all’esportazione dall’Italia nel 2013 relativa a 3.650 bombe da mille libbre MK83 attive della RWM Italia per un valore di oltre 62 milioni di euro per l’Arabia Saudita. Inoltre, lo scorso maggio sono state esportate dall’Italia agli Emirati Arabi Uniti “armi e munizioni” (tra cui bombe) per un valore di oltre 21 milioni di euro. Da diverse associazioni presenti in Yemen sappiano che ordigni inesplosi del tipo di quelli inviati dall’Italia all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti, come le bombe MK84 e Blu109, sono stati ritrovati in varie città bombardate dalla coalizione saudita ed è quindi altamente probabile che questa coalizione stia impiegando anche bombe inviate dal nostro paese. Nonostante l’aggravarsi del conflitto in Yemen non ci risulta però che il governo italiano abbia sospeso l’invio di sistemi militari alla coalizione saudita.
Eppure la legge italiana vieterebbe l’esportazione di armi e sistemi militari “verso i Paesi in stato di conflitto armato”.
- See more at: http://confini.blog.rainews.it/2015/09/14/nello-yemen-crimini-di-guerra-anche-con-bombe-italiane/#sthash.vBNQEK67.dpuf

sabato 7 novembre 2015

Messina la città dove manca l'acqua da 15 giorni, dove la qualita' di vita e dei servizi la fa ultima in Italia, dove il Sindaco era Genovese del PD Arrestato per la formazione regionale e dove stranamente si dimette il Vescovo. Tutto quello che ti serve per capire Messina se non sei di Messina

Messina era una citta' bellissima almeno fino agli anni 60, non solo dal punto di vista ambientale ma anche per tutto il resto tanto da farla definire il salotto buono della Sicilia.

Una citta' che dopo il triste terremoto del 1908 ha saputo risollevarsi ricostruendo tutto nel migliore dei modi ed a prova antisismica con strade grandi e  tram funzionali.

Una citta' che aveva un jet set internazionale, una Fiera Campionaria veramente Internazionale, tutti gli uffici di riferimento Istituzionali e Statali, un porto infrastrutturale efficiente e un tessuto economico privato fatto da grandi imprese dalla cantieristica Rodriguez inventore del brevetto degli Aliscafi, alla Birra Messina.

Insomma una città dove lavoro e bella qualita' di vita non mancava di certo.

Subito dopo gli anni 1960 e' stato un lento declino fatto da Sindaci e da giunte comunali che nel migliore dei casi erano incapaci pur avendo alle spalle uomini politici di levatura Nazionale e Internazionale che hanno sempre pensato ad interessi personali e di lobby.

Oggi la citta' e' stata depredata di tutto, dagli uffici statali trasferiti altrove al tessuto economico privato ormai fallito all'identità che gli stessi cittadini non sentono piu' non certo per colpa loro ma per il semplice motivo che vivendo in una giungla senza regole devono sopravvivere per non essere sopraffatti dalla legge del piu' forte.

Una citta' dove secondo l'ultima indagine di Lega Ambiente e del sole 24 ore si trova relegata sia per questioni ambientali ( il litorale piu' bello d'Italia stuprato dall'abusivismo e dalla sporcizia) che per questioni di qualita' di vita all'ultimo posto in Italia.

Una delle città piu' care d'Italia senza capire il motivo visto l'elevata disoccupazione e dove oggi non si vive ma si sopravvive.

Messina ed i messinesi sono stati privati di tutto tanto da diventare essi stessi vittima di se stessi trasformado la citta' in una giungla senza regole e senza rispetto non per colpa loro ma per sopravvivere e per non soccombere al piu' forte.

Messina la citta' senza futuro per i nostri figli dove la disoccupazione maschile e femminile supera il 70% fino a 40 anni e si cerca di campare attraverso lo sfuttamento ed il lavoro nero.

Certamente questa citta' dei primati attualmente li detiene come il maggior concentrato di Pseudomassonerie, di personaggi dai poteri forti con rapporti nazionali o come appunto la citta' dove la spazzatura sparsa in ogni dove e la mancanza d'acqua la fanno sembrare come una cosa normale.

Sicuramente questa giunta che utilizza come paravento il Sindaco Accorinti come bandiera del Free Tibet non e' capace d'amministrare un condomino figuriamoci una citta' con simili problemi e di ben 260 mila abitanti.

Aggiungiamoci la ciliegina sulla torta che proprio poco prima che il problema della mancanza dell'acqua esplodesse il Vescovo di messina sual eccellenza Calogero La Piana si dimetteva in lacrime senza convincere minimamente sul vero motivo che lo hanno indotto a dimettersi che credo sia riferibili a quello che proprio lui ad inizio mandato denunciò attirandosi molti nemici in Curia e fuori Curia.

L’arcivescovo Calogero La Piana spara a zero sulla massoneria, il Grande Oriente d’Italia si difende e contrattacca. Quanto sono le logge a Messina, cosa fanno, dove si riuniscono.

Ecco per chi non e' Messinese e' possibile farsi un idea di che tipologia di città state osservando in relazione al problema idrico e che spesso rende la città sottomessa a logiche non proprio riferibili al benessere dei Messinesi se non a quelli di potere,


venerdì 6 novembre 2015

Messina da 15 giorni senza acqua, vediamo come si riparano e installano i tubi idraulici nel resto del mondo !


ITALIA SE NE FOTTE, CROCETTA PENSA ALLA POLTRONA , ACCORINTI PENSA AL FREE TIBET ECCO NELLA CIVILTA' COME SI INSTALLANO LE NUOVE TUBAZIONI IN TEMPI RECORD DAGLI USA ALLA GERMANIA. BASTEREBBE FAR VENIRE UNA DITTA SPECIALIZZATA DALL'ESTERO DILETTANTI-

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora