venerdì 8 gennaio 2016

LA GUERRA TRA IRAN E ARABIA SAUDITA POTREBBE ESSERE UN TOCCA SANA PER IL MONDO, ALTRIMENTI FRA 10 ANNI PAGHEREMO GLI ERRORI DI OBAMA E GLI ORRORI DI RENZI

Il processo di trasformazione del gruppo terroristico dell’Isis in uno Stato con un proprio esercito, polizia, bilancio, tasse e strutture sociali non sarebbe mai avvenuto senza l’aiuto dell’Occidente e delle monarchie del Golfo Persico”.
Gli analisti russi, ripresi dall’agenzia di stampa TASS, puntano il dito contro l’Occidente e gli Stati Uniti per quel mostro (lo Stato islamico) che secondo loro sarebbe stato partorito a tavolino.

Il problema non e' quello che gli Usa hanno creato l' ISIS ma e' interpretare la loro fallimentare politica estera di Obama e McCain.

Bisogna pensare in termini di Geopolitca di Super Potenze ed alcuni meccanismi si possono giustificare al fine di tutelare la propria supremazia mondiale, sempre che queste abbiano l'evoluzione prevista.

Lo scopo di creare dopo le rivoluzioni del Mediterraneo una Super Nazione Musulmana in mezzo al Medioriente, ha  molteplici scopi :

1) Controllare facilmente una sola LeaderShip e non tanti Leader come e' stato in passato con Assad, Gheddafi e Saddam.

2) Minacciare i confini della Russia e della Cina.

3) Minacciare Iran.

4) Mettere sotto pressione l'Europa.

E' chiaro che gli Usa sentono il fiato sul collo della supremazia ormai minacciata dalla Cina, da una Russia in ripresa e da una Corea del Nord

Supremazia che e' di tipo militare per non parlare di quella economica di una grande Germania.

I fronti sono molti e le soluzioni non sono mai esatte, succede sempre qualcosa che cambia lo scenario.

Lo scenario interno Usa dopo la botta di Bin Laden e' quasi a rischi zero, per cui si e' cercato di affrontare il problema di politica estera.

Personalmente ritengo che una soluzioni oggi e' meno dannosa di uno scenario evolutivo di 30 anni.

Fra 30 anni ci troveremo un mostro una Super Nazione che sfuggera' al controllo Usa e che minaccera' seriamente il Mondo e gli Usa stessi.

Paradossalmente una guerra fra Iran e Arabia Saudita oggi potrebbe essere un tocca sana per tutte le Grandi Potenze perche' si avrebbe successivamnte un equilibrio mondiale da guerra fredda.

Da un lato si avrebbe Russia, Cina, Iran ed Hezzeboh dall'altro si avrebbe Arabia Saudita con Usa ed Israele.

Certo una guerra significa sempre morti ma alla fine sparirebbe la nazione Isis e i territori verrebbero divisi solo fra Super Potenze (Iran Sciita e Arabia Saudita Sunnita) un giusto equilibrio.

Con uno scenario diverso si andrebbe ad un periodo come quello attuale di Statualizzazione di una Nazione come ISIS controllata dagli Usa ma delle dimensioni di un Continente che prima o poi cambierebbe comandanti e strategie diventando pericolosa anche per Usa e Israele stesso fatta da mercenari e criminali.

E' chiaro che l'Europa in tutto questo scenario paga il prezzo degli errori Usa, da un lato economicamente con la Russia, assolutamente negativo mettere le sanzioni su pressione Usa e dall'altro con un invasione d'immigrati che prima o poi si rilevera' l'errore del secolo, con atti come quelli di Colonia generalizzati e attentati verso quelle Nazioni che hanno osato scendere nello scenario internazionale Francia e Germania.

Purtroppo la colpa di questa invasione in Europa porta il nome dell'Italia e della Grecia e l'arma in mano ad Obama in Italia si chiama Renzi.

Si il PD e Renzi saranno le mani assassine dell'Europa per conto degli Usa.

Siamo ancora in tempo per una bella guerra che ristabilizzi i giusti equilibri e che potrebbe convenire anche agli Usa.

Equilibri che gli Usa anno ormai perso nell'Oceano Indiano con un Giappone ormai relegato ad un ruolo marginale ed una Cina che minaccia economicamente gli Usa e una Corea del Noird che alla prima occasione sgancera' una Bomba in Corea del Sud.

"vedete come e' semplice la Geopolitca e come una lite fra famiglie in un condominio".

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora