mercoledì 9 marzo 2016

L' Italia entri in Libia solo ad una condizione che non ci siano i Francesi, Renzi tuteli gli interessi Italiani.

Tutti vogliono che l'Italia entri in un azione militare diretta in Libia.

Gli USA ed i Francesi non aspettano altro che far impantanare l'Italia nella palude Libica.

Premesso che gia' Berlusconi e l'allora Governo di Centro Destra hanno fatto un errore madornale consentendo alla Francia l'uso delle basi di Trapani Birgi per entrare in Libia andando ad interferire con una nostra ex colonia e con interessi energetici strategici.

Oggi la Francia e gli Usa artefici del grande bordello Libico dietro ad una mal celata coalizione internazionale d'intervento vogliono che l'Italia si faccia artefice del suo comando.

Premesso che seppur nell'errore di politica estera Usa, l'Italia debba intervenire per difendere interessi strategici, questo debba avvenire ad una sola condizione, che l'intervento sia voluto dai Libici e non comprenda nella coalizione i Francesi, per diversi motivi.

L'Italia appena prendera' il comando della coalizione subirà attentati terroristici, anzi esiste un pericolo o come si dice un sentiment dei Social verso un attacco terroristico in Hotel della Capitale Italiana.

L'Italia non puo' sbagliare un altra volta facendo il lavoro sporco assieme e per i Francesi, che non solo metteranno a rischio la neutralità Italiana (gli attentati che i Francesi stessi stanno ancora paganto per la loro politica estera errata) ma consentiranno di fare la voce grossa in un settore energetico legato non solo al petrolio ma anche a quello delle terra rare (nucleare).

Entrare in Libia solo su richiesta dei Libici e con una coalzione che veda partecipe solo Usa e Inglesi ma non i Francesi.

Biosgna essere consapevoli che senza autorizzazione dei Libici vi saranno attentati vendicativi e far partecipare i Francesi alla coalizione sarebbe un ennesimo regalo all'intromissione della Francia in interessi strategici Nazionali.

No alla Francia, si agli USA

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora