martedì 19 aprile 2016

Seychelles Italia tutto quello che non vi anno detto, a mille miglia da qualsiasi luogo, è un rifugio per i riciclatori e evasori anche Italiani. Ecco tutti gli Italiani che gestivano i contatti e che gestiscono i piccioli illegali.


Seychelles, a mille miglia da qualsiasi luogo, è un magnete in mare aperto per i riciclatori e evasori. Uno sguardo a questo arcipelago corruzione infestato mostra come il sistema di segretezza offshore è cresciuto - e dove sta andando. 

Quanto possano essere cinici i legislatori delle piazze offshore, lo rivela l'esempio delle Seychelles, un'ex colonia britannica nell'oceano indiano. Per migliorare le condizioni economiche catastrofiche, il presidente Albert René presentò, all'inizio del 1996, una legge che concede assoluta immunità nei confronti di procedimenti penali internazionali agli uomini d'affari stranieri che investano per lo meno 10 milioni di dollari USA in progetti locali e non prevede l'estradizione dei rei. Punibili restano solo il narcotraffico e atti di violenza sul suolo delle Seychelles. Alle Seychelles, come descritto nel capitolo sulla bancarotta della Sasea, Florio Fiorini nel 1985 aveva fondato la Seychelles International Bank (SI Bank, con ufficio a Montecarlo).

I Clienti di questo paradiso fiscale sono tanti e tutti famosi da Mukhtar Ablyazov marito di quella donna che i servizi hanno consegnato al Kazakistan, o come Mitt Romney repubblicano che ha sfumato l'occasione delle presidenziali o come personaggi d'Istraele. Ma in questo sistema illegale esiste un tentativo di colpo di stato fatto 1981 di fatto fallito vede apparire una figura Italiana strana dal nome Giovanni Mario Ricci (Fonte Dagospia) il quale entra come uomo di fiducia e nelle grazie del governo e fonda diverse societa' offshore oltre a rapprresentare Ricci è stato inoltre accreditato presso Seychelles come diplomatico che rappresenta il Sovrano Ordine dei copti cattolici Cavalieri di Malta. 

Si è scoperto che l'ordine non aveva nulla al fai con venerabili Cavalieri di Malta ordine cavalleresco del Vaticano. Invece è stata una società commerciale con sede a New York City. Via questa manovra, Ricci intrappolò un passaporto diplomatico e l'uso di una valigia diplomatica, che gli ha permesso di spostare i documenti in tutto il mondo inosservato.

 Il padre di industria offshore Seychelles aveva, in effetti, è stato un criminale finanziario prima di trovare una casa nelle isole - e potrebbe essere stato collegato alla mafia italiana, un ambasciatore degli Stati Uniti alle Seychelles creduto. 

Ricci era stato condannato per frode in Italia nel 1958 e, successivamente, di possedere contraffazione di banconote in Svizzera, ed era venuto a Seychelles dopo essere stato espulso dalla Somalia in circostanze misteriose. René poi affermato di aver chiesto funzionari italiani se Ricci aveva precedenti penali, ma "ci hanno detto che non avevano niente su di lui. 

Domande sul ruolo di Ricci in intercettazioni leader dell'opposizione possono aver contribuito pronta Ricci a levare le tende da Seychelles, lasciando un vuoto nel settore off-shore delle isole '. (Ricci morì pochi anni dopo.) Sembra pero' che il Ricci costitui' una valida base per far pervenire nell'isola diversi capitali Italiani che sono ancor oggi gestiti tramite nuovi canali. 

Poco prima della Morte di Ricci entra in scena un altro Italiano  nell’agosto 1984 in quell’isola aveva fatto la sua comparsa tale sedicente Francesco Donati, italiano, il quale si era subito ben introdotto con le autorità locali e ciò grazie alla presentazione che a questa era stata fatta da un altro italiano, vera eminenza grigia dell'isola e legato da strettissimi rapporti di affari con le autorità politiche del luogo(principalmente France Albert Renè presidente della Repubblica , Ogilvy Berlouis ministro della Difesa, Jaques Hodoul Ministro degli Affari esteri) tramite il Ricci.

Tale Francesco Donati non era altro che un noto Latitante P. introdotto dal vescovato cattolico nell'Isola.

Di tutto questo scenario se ne occupo nel 1984 Di Pietro  e naturalemente gli Usa visto che Rene' di fatto era filo-Russo. Da qui potete capire l'evoluzione di Di Pietro anche dal punto di vista politico e i dubbi sui suoi rapporti con gli Usa,

Ecco cosa si scriveva allora "
"si provi a ricapitolare: un giovane signore ha lavorato negli ambientini dell'Aeronautica (Nato, Ufficio sicurezza, Aster, Ustaa o Uspa o Ruspa che fosse) per cinque anni; si è successivamente laureato in trentadue mesi; è divenuto poliziotto; avrebbe lavorato (il condizionale è d'obbligo) per un'intelligence antiterrorismo; è divenuto magistrato, e - con una doppia bocciatura e un imminente «processino» al Csm - è partito per i tropici stendendo poi un rapporto per Domenico Sica, per alcuni aspetti continuatore di Dalla Chiesa, e su chi?

Su uno come Francesco Pazienza, passando con disinvoltura dalla banda dei sardi a faccende di agenti sovietici e nordcoreani a tal punto convinti che egli sia un agente da volerlo ammazzare" 

La compagnia aerea nazionale, Air Seychelles, serve attualmente l'Italia due volte a settimana - un volo da Roma (Fiumicino) e uno da Milano (Malpensa) - il lunedì e il sabato. I voli non-stop consentono di lasciare l'Italia la sera e raggiungere le isole Seychelles nove ore più tardi, prima del sorgere del sole

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora