venerdì 1 luglio 2016

Londra salva dal 1929 in arrivo sul mercato Europeo da crollo Banche Tedesche ed Italiane. Europa verra' sciolta.

Il grande bluff dello scudo Europeo salva banche Italiane pari a 150 miliardi di soldi dei cittadini Europei non salverà l'Europa da una imminente crisi mondiale paragonabile al 1929.

Mentre da noi economisti e politici dissertano ancra sul Brexit la Borsa di Londra vola.

La piazza di Londra come quella di Ginevra diventa un bene rifugio dal pericolo mondiale di crollo.

La realtà e' che il mercato economico e politico dei popoli Europei puo' essere distorto dai media e dal sistema ma mai oltre un certo livello proprio perche' alla fine il libero mercato prevale.

Se da un lato le Agenzie di Rating declassano la piazza di Londra togliendo la Tripla A (ma sono di parte come nel caso dei buoni muti subrime).

Avevo previsto 6/12 mesi per far emergere la verita' e cioe' che Londra e la Gran Bretagna sarebbe diventata un rifugio sicuro per i capitali mondiali ed invece i tempi sono inferiori.

Mentre Londra e Gran Bretagna ridono in Europa non ci si accorge che non basterà salvare e drogare il mercato delle Banche Europee con i soldi del popolo Europeo perche' presto come per i mutui subrime il sistema esploderà facendo crollare il mercato Europeo e Mondiale della Finanza.

La crisi partirà dalla Deutsche Bank, la banca e' impegnata in debito derivati.

A rendere vulnerabile l’istituto teutonico è la colossale esposizione a derivati, stimata dalla Banca dei Regolamenti Internazionali come superiore a 50 mila miliardi di dollari, una cifra pari a duemila volte la capitalizzazione di mercato dell’istituto.

Ecco perche' Morgan Stanley anch' ssa esposta in derivati voleva dentro la Gran Bretagna e ne ha tolto la tripla A.

Il conto alla rovescia e' iniziato subito dopo l'Europa crollerà e si ritornerà ai singoli Stati Europei dopo un periodo di grande Austerità.

Le banche Italiane saranno travolte anch'esse con un tragico destino per il Paese.



Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora