mercoledì 7 settembre 2016

Trump potrebbe salvare i destini del mondo, se dovesse vincere la Clinton la guerra totale sarebbe certa. Novita' dal G20 di Remo Pulcini

Il G20 e' stato l'ennesimo trionfo di Putin e della Cina, nonche' l'ennesima debacle della Geopolitica di Obama.

Non voglio nuovamente ripetere quanto scritto nei precedenti articoli sulla nuova suddivisione territoriale per area d'influenza e per il possibile declino del dollaro, questo articolo analizza le novita' e le strategie emerse per i prossimi mesi dai vari contendenti in campo.

Putin a tutto campo impegnato per creare non tanto delle aree d'influenza ante Russia, ma e' impegnato assieme al suo abile staff al ridisegno del Mondo, e dell'Euro/Asia nonche' al declino del dollaro.

Al G20 ha incontrato tutti gli attori in campo e da quanto emerso si puo' capire la strategia dei prossimi mesi.

Nessun accordo sulla Siria che continua ad essere la zona di passaggio piu' importante del mondo per creare il territorio EuroAsiatico.

Impegno sui paesi ex Russia che circondano Asia e la zona del Kazakistan magari mediante qualche azione di destituzione o soft uccisioni per i resistenti al progetto

Azione sinergia per far aumentare il prezzo del petrolio (che nei prossimi mesi aumentera', conviene investire sui titoli petroliferi) tentando di convincere l'Arabia Saudita ad un accordo anche in presenza di pressioni Usa.

Venezuela e Iran sono gia' accordati per diminuire la produzione facendo aumentare il prezzo e per favorire l'accordo anche con l'Arabia Saudita, Putin tramite i leader religiosi Iraniani scatena una guerra di scomuniche sull'Arabia Saudita e quindi sul pellegrinaggio alla Mecca.

Io ti scomunico a meno che tu non ceda ad un accordo sul prezzo del petrolio ! il rischio e' grosso per l'Arabia Saudita che rischia di mettersi contro il mondo Islamico intero

Accordo con la Cina che procede a gonfie vele e supporto a tutto campo sulla contesa delle isole del Mar Cinese.

Di contro Obama perde e sbaglia strategia sostenendo il Giappone che ormai e' fuori dal gioco mondiale della Finanza che passa tra Cina- Russia ed Europa.

Perde anche in Siria ed in Europa, insomma il secondo mandato di Obama si conclude con una vera e propria debacle Geopolitica.

Putin riesce persino ad incontrare Netanyahu e a convincerlo che la politica di Obama supportata dalla Clinton e' un vero e pericolo per lo stato di Israele.

In uno scenario del genere appare evidente che la perdita d'immagine, di controllo del territorio e del mondo finanziario mette a rischio la Super Potenza degli Stati Uniti che in breve tempo sta perdendo il controllo di tutti questi scenari.

Analizzando la situazione si capisce che il popolo Americano ha due strade da scegliere per le Presidenziali.

Quelle della Clinton dura e feroce, che non sa e non puo' che continuare su questa politica fallimentare che portera' come unica soluzione, per non perdere la supremazia nel mondo, ad una guerra generalizzata con tanti figli morti degli Usa, oppure ad una seconda strada.

La seconda strada e' quella di Trump che cambierebbe totalmente staff e strategia geopolitica e con un buon rapporto con Putin che potrebbe guadagnare tempo e porre sotto controllo e senza guerra le varie sfere d'influenza.

Sta proprio al Popolo Usa decidere se scegliere la strada della distruzione e della guerra o quella della diplomazia di Trump.

Io sceglierei quella di Trump.


Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora