mercoledì 21 settembre 2016

Vi spiego la questione dei Prigionieri del Sinai, uomini "fantasma" non esistono e quindi si possono uccidere, torturare e vendere gli organi.

Una giornalista amica mi ha parlato della questione: Prigionieri del Sinai.

Pur non essendo di mio interesse geopolitico ho voluto vedere per dimostrare che l'informazione se raccolta e catalogato in meno di 1 ora consente di farsi un quadro abbastanza attendibile in questo caso dei dimenticati degli uomini che non sono mai esistiti.

Iniziamo a spiegare chi sono i Prigionieri del Sinai:

Nei campi di prigionia del Sinai vengono tenuti prigionieri circa 2000 profughi eritrei, tra cui donne incinte e bambini, sono in catene da mesi, in attesa che i parenti paghino i predoni beduini per la liberazione.

Sono sottoposti a torture indicibili, con poco cibo e poca acqua e la minaccia di espianto degli organi per chi non paga.

Da quello che si ricava allo stato attuale subito dopo il colpo di stato del 2011 di Al Sisi che ha dichiarato illegale la Fratellanza Mussulmana parte di questi islamici si sono dispersi in gruppi islamici terroristi.

Di fatto il territorio Egiziano in una parte estrema del confine e' fuori dal controllo Governativo ed in particolare il Sinai che vede la presenza di numerosi gruppi Islamici appunto di tipo terrorista.

Accanto alla presenza dei gruppi organizzati ci sono poi una serie di bande e predoni beduini che fanno milioni di dollari vendendo organi, e schiavi.
La Tratta e' Eritrea, Somali ed Eitopia, i Boss sono Sudanesi e la promessa e' quella di arrivare in Israele o Libia ma di fatto vengono ceduti a queste bande per farci quello che vogliono oltre alla richiesta di riscatto che molti non possono pagare.
La zona dove si trovano questi campi dovrebbe essere nel Nord del Sinai presso  La città è situata sulla costa mediterranea della penisola del Sinai, El Gorah, El Arish a Rafah anche se da mie informazioni ricavate sempre online la continua erosione di territorio ad opera dell'esercito regolare ha spostato questi campi verso il Sud del Sinai.

Tuttavia l'Esercito regolare sta cercando di prendere il controllo del Nord Sinai anche a prezzo di attacchi ma per la parte meridionale il discorso si fa molto complicato, li esistono zone del territorio dove non c'e' il controllo Governativo che rimane in mani islamiche.

Le forze di sicurezza hanno lanciato una campagna di sicurezza a sud di North Sinai che recentemente ha portato alla morte di  Sheikh Zuweid , l'uccisione di un membro di spicco del gruppo militante del Sinai a base di Ansar al-Bayt Maqdis che è stato descritto da fonti militari come uno dei "più takfiri pericoloso".

Di fatto molti prigionieri del Sinai sono in mano a questo gruppo pericolosissimo, tanto per intenderci e' lo stesso che opera in Nigeria sotto Boko Haram.

Questo ci fa capire come in questi campi questi "Fantasmi", vengono venduti, uccisi, torturati e stuprati se donne e bambini tanto non esistono per nessuno e neppure per la comunita' internazionale quindi o vivi o morti non sono mai esistiti.

Molto attivo anche come gruppo terroristico anche sotto forma di numerosi attacchi e quello del gruppo terroristico Ansar al-Bayt Maqdis.

Poi ci sono i Boss semplici Banditi che fanno affari con tanti troppi complici Ufficiali di nazioni confinanti.

Alcuni nomi che girano sono:

In un bunker sono torturati con elettroshock, mentre le donne sono violentate dal capo banda Abu Musa e da otto complici.

Vediamo chi e' il gruppo al-Takfir wa l-Hijra  è un movimento terroristico 'ispirazione islamica formatosi in Egitto negli anni settanta, fuoriuscito dalla Fratellanza Musulmana.

Da alcuni anni al-Takfir wa l-Hijra ha ormai membri o sostenitori in numerosi altri Paesi, alleata di fatto con al-Qāʿidaper il fatto di proporsi i medesimi obiettivi strategici del gruppo creato da Osama bin Laden

Il gruppo agisce con il sistema mordi e fuggi al-Takfir wa l-Hijra è connesso con gli attacchi "mordi-e-fuggi" perpetrati in Algeria ed attenzione potrebbe essere legato al gruppo che ha sequestrato in Libia i due Italiani.

Questi stanno continuando ad armare a finanziare ed a supportare i miliziani takfiri e wahabiti. 

Di fatto questo mostro takfiro wahabita viene alimentato alla grande, specialmente perché dall' Arabia Saudita.
Inoltre sembra che Israele e Egitto non siano molto preoccupati di chi non esiste di fatto.




Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora