martedì 5 settembre 2017

Sfida globale: la Corea del Nord detona una potente bomba a idrogeno

EOUL, Corea del Sud - Nel corso della sua ultima e potente prova nucleare fino alla data, la Corea del Nord sfidò il mondo intero domenica.
La Corea del Nord ha detto domenica mattina che aveva detonato una bomba a idrogeno che potrebbe essere attaccata ad un missile in grado di raggiungere la terraferma degli Stati Uniti.
Il test di Domenica è stato il sesto test nucleare della Corea del Nord, ma il primo dopo Trump è entrato in carica.
Il test nucleare è avvenuto alle 12 del mattino all'ora locale presso il sito di test Punggye-ri della Corea del Nord e secondo l'US Geological Survey, è stato registrato come un terremoto di 6,3 magnitudine. 
Il test è stato seguito otto minuti più tardi da un terremoto di 4.1 magnitudo.
I rapporti hanno osservato che questo sembrava essere un tunnel che crollava nel sito.
In una dichiarazione che dichiara il suo successo, i media statali nordcoreani hanno dichiarato che il test è stato condotto per determinare "l'esattezza e la credibilità" della sua "bomba a H per essere collocata al carico utile dell'ICBM". 
Nel luglio di quest'anno, completando il suo sogno di decade, la Corea del Nord ha testato per la prima volta il suo missile balistico intercontinentale.
La seconda prova è arrivata più tardi nello stesso mese e gli esperti hanno ipotizzato che il razzo potrebbe teoricamente raggiungere Denver o Chicago.
Domenica, la televisione nordcoreana ha trasmesso filmati di Kim Jong Un firmando l'ordine di esplodere.
Ore prima, l'agenzia centrale coreana di stato ha pubblicato le foto del dittatore che controlla la bomba a idrogeno che sembrava essere stata detonata solo alcune ore dopo. 
KCNA ha dichiarato che il test della domenica, parte del piano del regime per la costruzione di una "forza nucleare strategica", è stato un "successo perfetto".
Kim Jong Un è stato citato dicendo che tutti i componenti della "bomba H" erano "fatti in casa", così la Corea del Nord potrebbe produrre "potenti armi nucleari per quanto vuole".
Poco dopo la prova, il Giappone ha inviato aerei sniffer per cercare di misurare i livelli di radiazione in quanto gli analisti hanno iniziato ad esaminare le immagini ei dati disponibili dalla prova di domenica. 
Gli analisti hanno interrogato la richiesta della Corea del Nord di aver prodotto una "arma termonucleare a due stadi".
I funzionari della Corea del Sud e gli scienziati nucleari indipendenti hanno stimato la resa o che cosa è definito come la quantità di energia liberata dall'arma fino a 100 kilotoni. 
Ciò lo renderebbe quasi sette volte più forte della bomba atomica statunitense che distrusse la città giapponese di Hiroshima nel 1945.
A quel livello, il dispositivo nucleare della Corea del Nord sarebbe "molto significativo e destabilizzante", ha detto Albright. "Dimostrerebbe che il loro design, qualunque sia il design specifico, abbia raggiunto una resa in grado di distruggere parti sostanziali di grandi città moderne".
L'agenzia meteorologica della Corea del Sud ha dichiarato che l'esplosione di Domenica è stata pari a sei volte la dimensione del quinto test.
La bomba a idrogeno che la Corea del Nord ha testato nel settembre dello scorso anno, in confronto, è stato di 11 volte la dimensione della sua precedente detonazione nel gennaio 2016.
Secondo David Albright, esperto di armi nucleari e presidente dell'Istituto per la scienza e la sicurezza internazionale, le foto erano probabilmente "propaganda".
Ha sottolineato che non c'era dubbio che la Corea del Nord stava facendo progressi. 
Albright ha però dubitato che la Corea del Nord abbia potuto fare una testa di testa così piccola da adattarsi a un missile.
Nel complesso, gli analisti hanno avvertito che le affermazioni della Corea del Nord dovrebbero essere trattate con cautela, ma che la sua capacità nucleare sta avanzando chiaramente.
I governi e gli esperti sono ora in grado di continuare a valutare gli aspetti tecnici dell'ultimo test nucleare, alcuni analisti hanno affermato che il pericolo è significativo, indipendentemente dal fatto che sia stato un dispositivo di fissione più potenziato o una vera bomba a idrogeno, o se la Corea del Nord aveva ha padroneggiato la tecnologia per consegnare questo con precisione ad un obiettivo.
Tuttavia, anche se gli analisti continuano le loro prove, il test di domenica è riuscito a provocare rabbia in tutta la regione.
Secondo il consigliere nazionale di sicurezza del presidente sudcoreano Moon Jae-in ha detto che "non permetterebbe che la Corea del Nord continui a promuovere le proprie tecnologie nucleari e missili".
Ha scritto in un terzo tweet di domenica mattina: "La Corea del Sud sta trovando, come ho detto loro, che il loro parlare di applausi con la Corea del Nord non funzionerà, ma solo capiranno una cosa!"
Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha anche chiesto la risposta "più forte possibile", inclusa la nuova sanzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per "isolare completamente" il paese.
Ha detto: "Non posso fare a meno di essere deluso e oltraggiato", aggiungendo che il programma delle armi della Corea del Nord "sta minacciando la pace nel mondo" e solo "isolarli".
Più forte, i leader militari sudcoreani hanno avvertito la Corea del Nord che, insieme ai loro alleati americani, erano "completamente attrezzati" per punire la Corea del Nord.
Tuttavia, il presidente Donald Trump ha ammonito più tardi il governo della Luna. 
Trump ha scritto prima che "parole e azioni" della Corea del Nord erano "molto ostili e pericolose".
Ha descritto il Nord come una "nazione rogue" che era diventata una "grande minaccia e imbarazzo" in Cina - principale alleato di Pyongyang.
Ha anche detto che la "conversazione di applausi" della Corea del Sud non funzionava e che lo stato segreto comunista "capisce solo una cosa".
Più tardi, la Casa Bianca ha detto che il presidente americano avrebbe tenuto una riunione di sicurezza nazionale la domenica.
Nel frattempo, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha dichiarato di non "tollerare" il test nucleare. 
Abe aveva parlato con Trump tre ore prima della prova e poi ha dichiarato di aver accettato di "aumentare la pressione sulla Corea del Nord e farlo cambiare le proprie politiche".
Nella sua dichiarazione, la Casa Bianca ha detto che i due leader hanno discusso "gli sforzi in corso per massimizzare la pressione sulla Corea del Nord". 
Ha aggiunto: "I due leader hanno ribadito l'importanza della stretta collaborazione tra gli Stati Uniti, il Giappone e la Corea del Sud, di fronte alla crescente minaccia della Corea del Nord".
La Cina ha anche espresso fastidio nei lanci di missili balistici della Corea del Nord.
Il ministero degli Esteri della Cina ha affermato che la Corea del Nord aveva condotto il test nucleare "senza riguardo alle obiezioni generali della comunità internazionale".
In una dichiarazione, il ministero ha detto: "Il governo cinese si oppone risolutamente e condanna fermamente questo. La Cina collaborerà con la comunità internazionale per completare in modo completo e completo le relative risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, spingendo in modo decisivo la denuclearizzazione della penisola e mantenendo inalterata la pace e la stabilità della penisola ".
Commentando la prova, la Russia ha invitato tutte le parti coinvolte a tenere i colloqui, dicendo che questo è stato l'unico modo per risolvere i problemi della penisola coreana.
E il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha denunciato il test "sconsiderato" e ha avvertito che essere in grado di adattarsi a un missile avrebbe rappresentato un "nuovo ordine di minaccia" dal regime di Kim Jong-un.
Le tensioni erano già state correndo sulla penisola coreana, in quanto Kim Jong Un continuava a sfidare la condanna internazionale negli ultimi mesi. 
Dopo aver sparato missili sempre più a lungo raggio, compresi i due che possono raggiungere teoricamente la terraferma americana, nel mare tra la penisola coreana e il Giappone, Trump avvertì che se la Corea del Nord continuasse le sue provocazioni, avrebbe dovuto affrontare "fuoco e furia". 
Ha anche scritto twitter che l'esercito americano era "bloccato e caricato".
Ma il Nord ha risposto con un piano d'azione per lanciare un missile per raggiungere il territorio statunitense di Guam. 
La scorsa settimana, la Corea del Nord ha inviato un missile per il Giappone che sbarcò nell'Oceano Pacifico.

Centro Destra Social - http://centrodestrasocial.blogspot.it/

Ultima Ora